Rivolta in Azerbaigian per i restanti militanti turchi


Nel contesto dello scontro militare in Nagorno-Karabakh, gli esperti non smettono di fare domande sulla sorte dei mercenari siriani che combattono per gli interessi di Baku e Ankara dopo la fine della guerra. Secondo alcune fonti, l'Azerbaigian potrebbe lasciare gruppi jihadisti sulla sua terra, così come nei territori bonificati nell'Artsakh, che sta affrontando un estremo malcontento tra i residenti locali.


Secondo l'organizzazione non governativa "Syrian Observatory for Human Rights" (SOHR), si sono cominciate a creare le basi per la presenza dei mercenari siriani in Karabakh. Su questa base, nasce un malinteso tra Baku e Ankara - quest'ultima insiste sul fatto che nelle file di questi combattenti ci sono molte persone dal Caucaso. Ci sono effettivamente ceceni e daghestani tra loro, ma, secondo SOHR, la maggior parte dei mercenari sono turcomanni delle unità militari islamiste filo-turche.

Secondo l'Osservatorio, poco più di duemila e mezzo di questi combattenti sono al servizio dell'Azerbaigian, 342 dei quali sono tornati in Siria e quasi trecento sono morti nell'NKR.

Il malcontento di Baku è causato da diversi fattori. Una di queste sono le sfumature della religione dei mercenari. La maggior parte degli islamisti sono devoti aderenti alla legge della Sharia, che non piace agli azeri laici. Se i jihadisti rimangono sul territorio azero, i conflitti tra loro e i normali residenti del paese non sono esclusi. Gli "ospiti" stanno già iniziando a insegnare agli azeri "l'Islam corretto".

Inoltre, Ankara vede gli estranei armati sulle terre azere come uno strumento di pressione su Ilham Aliyev, dal momento che il presidente azero non ha tenuto conto degli interessi della Turchia quando ha firmato un accordo sulla fine delle ostilità in Karabakh. Se necessario, i jihadisti possono essere utilizzati per organizzare provocazioni contro le truppe dell'Azerbaigian, della Russia e persino dell'Iran.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 23 November 2020 14: 19
    -3
    Ah, tagliatelle bollite da anonimo.
    Dov'è almeno una parola "rivolta" nell'articolo ???

    Volontari, possono rimanere a lungo in molti posti ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 23 November 2020 15: 16
      +6
      Il Moro ha fatto il suo lavoro, il Moro può andarsene.

      ... Le contraddizioni dell'Azerbaigian post-sovietico e più laico con i suoi vicini regionali verranno sicuramente alla luce ... Ma il problema sta altrove, la politica estera dei funzionari russi è così goffa e distruttiva che le domande sorgono ragionevolmente. Sì, perché non è formato da russi - ebrei, armeni e altri nelle posizioni principali, con i propri interessi. Quando la Russia è rappresentata dai russi, i fallimenti della politica estera sostituiranno i successi ... Per quanto riguarda l'Azerbaigian e altri, non ci saranno manifestazioni intorno alla Russia perché la Russia stessa è stagnante e non è un esempio di amicizia e cooperazione per le stesse ragioni ...
      1. Tatiana Офлайн Tatiana
        Tatiana 23 November 2020 20: 39
        0
        Sono assolutamente sicuro che i piani di Erdogan fossero precisamente che i jihadisti - le braccia PROXY di Erdogan personalmente - avevano pianificato loro di rimanere in Nagorno-Karabakh, sostituendo la popolazione locale. Le loro famiglie e i loro parenti verranno da loro. Si stabiliranno nelle case abbandonate degli stessi azeri. Prova a sfrattarli più tardi!

        La domanda è sorta anche involontariamente. Valeva la pena che Aliyev si facesse coinvolgere con gli Erdogan per distruggere l'Artsakh? Dopo tutto, come risultato di tale reinsediamento dei jihadisti, sia il Nagorno-Karabakh che l'Azerbaigian possono alla fine essere persi?

        Erdogan non ritirerà mai i suoi jihadisti dall'Azerbaigian! E Aliev non può farci niente!
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 23 November 2020 20: 46
          +2
          Il contingente di jihadisti portati è troppo piccolo per creare problemi demografici, quindi i problemi temporanei per gli azeri possono essere creati dalla loro pressione per introdurre la legge della Sharia in Azerbaigian, ma questi sono problemi risolvibili, gli assistenti hanno pagato finché non ci incontreremo di nuovo ...
        2. Peter rybak Офлайн Peter rybak
          Peter rybak (Pattuglia) 24 November 2020 19: 29
          -1
          Citazione: Tatiana
          Sono assolutamente sicuro che i piani di Erdogan fossero precisamente che i jihadisti - le braccia PROXY di Erdogan personalmente - avevano pianificato loro di rimanere in Nagorno-Karabakh, sostituendo la popolazione locale. Le loro famiglie e i loro parenti verranno da loro. Si stabiliranno nelle case abbandonate degli stessi azeri. Prova a sfrattarli più tardi!

          La domanda è sorta anche involontariamente. Valeva la pena che Aliyev si facesse coinvolgere con gli Erdogan per distruggere l'Artsakh? Dopo tutto, come risultato di tale reinsediamento dei jihadisti, sia il Nagorno-Karabakh che l'Azerbaigian possono alla fine essere persi?

          Erdogan non ritirerà mai i suoi jihadisti dall'Azerbaigian! E Aliev non può farci niente!

          Deciderai tu: Artsakh o Nagorno-Karabakh. Entrambi questi nomi non esistono legalmente. La prima è la pulsione, la seconda è l'effettiva designazione del territorio.
      2. Peter rybak Офлайн Peter rybak
        Peter rybak (Pattuglia) 24 November 2020 19: 30
        0
        Citazione: Vladimir Tuzakov
        Il Moro ha fatto il suo lavoro, il Moro può andarsene.

        ... Le contraddizioni dell'Azerbaigian post-sovietico e più laico con i suoi vicini regionali verranno sicuramente alla luce ... Ma il problema sta altrove, la politica estera dei funzionari russi è così goffa e distruttiva che le domande sorgono ragionevolmente. Sì, perché non è formato da russi - ebrei, armeni e altri nelle posizioni principali, con i propri interessi. Quando la Russia è rappresentata dai russi, i fallimenti della politica estera sostituiranno i successi ... Per quanto riguarda l'Azerbaigian e altri, non ci saranno manifestazioni intorno alla Russia perché la Russia stessa è stagnante e non è un esempio di amicizia e cooperazione per le stesse ragioni ...

        Sostengo dalla prima all'ultima parola. Anche un punto fissato nel tempo.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 23 November 2020 14: 39
    +2
    Questo stesso "osservatorio" ha riferito che le forze aerospaziali russe stavano bombardando ospedali e scuole in Siria, che Assad stava usando armi chimiche, che la Boeing era stata abbattuta dalla Russia.
  3. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 23 November 2020 19: 21
    0
    L'Azerbaigian può lasciare gruppi jihadisti nella propria terra, così come nei territori bonificati nell'Artsakh, ..

    Forse era una specie di "carta verde" per gli ospiti, venivano, per così dire, aiutati a liberarli e rimanevano lì a vivere a pagamento. Senza di loro, questa operazione avrebbe richiesto un po 'più di tempo. Sì, in generale, puoi considerare l'opzione che alcuni che, senza il sostegno della Turchia, con il tacito consenso di Mosca, riceverebbero moccio dal popolo del Karabakh. Quindi i residenti locali devono rispettare le leggi del loro paese e i veterani dei liberatori, perché avranno sicuramente un certo ruolo in futuro per integrare queste regioni nei loro confini nativi dell'Azerbaigian.
  4. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 24 November 2020 06: 00
    +2
    Secondo l'organizzazione non governativa "Syrian Observatory for Human Rights" (SOHR), in Karabakh

    Trovato una fonte di informazioni "veritiera". Solo i "caschi bianchi" sono ancora più veri
  5. Kuznetsov Офлайн Kuznetsov
    Kuznetsov (Kuznetsov Alexander) 24 November 2020 15: 02
    +2
    Il Moro ha fatto il suo lavoro, il Moro deve andarsene.
    Aliyev scaccerà i militanti il ​​prima possibile e gradualmente spremerà i turchi. Non ha più bisogno di loro in senso militare, e l'Azerbaigian non ha bisogno di quelli extra, il rosicchiare delle risorse limitate. Si inchinerà ritualmente a loro e addio.
    E la Russia lo aiuterà in questo in vari modi e lo catturerà in modi diversi per muoversi nella giusta direzione.
    Dal momento che anche questi compagni non ci servono, inoltre, sono così vicini.
  6. Peter rybak Офлайн Peter rybak
    Peter rybak (Pattuglia) 24 November 2020 19: 26
    0
    Osservatorio siriano per i diritti umani

    risata risata risata risata risata risata risata risata risata