Il segretario di Stato americano sarà il "grande amico" della Russia. Cosa aspettarsi da Blinken?


La vittoria del candidato democratico Joseph Biden alle elezioni presidenziali statunitensi è, infatti, una questione completamente decisa. C'è ancora l'inaugurazione, il trasferimento ufficiale degli affari e molte altre procedure di routine. Tuttavia, non si può più parlare del nuovo governo di Washington senza usare punti interrogativi. Inoltre, il neo-costituito "leader della nazione" non ha rimandato indefinitamente i lavori della sua formazione e ha già annunciato i nomi di coloro che presto determineranno e attueranno politica di STATI UNITI D'AMERICA. Compreso - e per quanto riguarda il nostro paese.


Cosa può aspettarsi da chiunque possa assumere il ruolo di capo di una delle organizzazioni più potenti del paese, il Dipartimento di Stato?

"L'America è tornata!" Per che cosa?


Prima di passare direttamente alla conversazione su quest'uomo, forse bisognerebbe ancora soffermarsi su quei principi di politica estera che erano stati annunciati il ​​giorno prima dallo stesso Biden durante il suo discorso a Wilmington. Parlava lì in modo piuttosto parsimonioso e vago, tuttavia ciò che suonava era abbastanza per coglierne l'essenza generale. Secondo il presidente eletto, gli Stati Uniti "intendono sostenere i propri alleati" e "sfidare gli avversari". Biden ha concluso il suo discorso con un pathos: "L'America è tornata!" Forse è tornata ... La domanda è: a cosa esattamente e con quali intenzioni? In questo contesto non si può non ricordare che tra gli "oppositori" del suo Paese, il futuro capo della Casa Bianca, anche durante la corsa alle elezioni, ha chiamato con sicurezza e senza esitazione la Russia. Di conseguenza, uno degli ipotetici "guanti" verrà lanciato proprio contro di noi. Tuttavia, non valeva la pena contare su nient'altro.

Alcuni dei nostri concittadini sono di tanto in tanto terribilmente preoccupati per i risultati delle battaglie politiche all'estero, non rendendosi pienamente conto che i leader specifici del paese, o una qualsiasi delle sue principali istituzioni di potere, non esercitano un'influenza così potente e globale negli Stati Uniti sul fatto che è proprio questo stato che rappresenta se stesso. Gli Stati Uniti sono stati l'antagonista della Russia sin dal suo inizio: "una delle prime democrazie del mondo, uno degli imperi più potenti". Sono rimasti tali per l'URSS nel XX secolo, ma già nel paradigma: "il principale stato capitalista è il leader del campo socialista". Ora, a questo proposito, se qualcosa è cambiato, sono solo i dettagli. La conclusione è che i nostri due stati hanno sempre personificato modi di sviluppo diametralmente opposti, visioni del mondo e atteggiamenti differenti. Non mi piacciono le parole ad alta voce, ma dobbiamo ammettere che le differenze tra loro sono di natura di civiltà globale e non vengono eliminate dal cambio di leader.

Il "Ritorno dell'America" ​​dei democratici globalisti non significa solo la fine della politica estera di Trump "da elefante in porcellana", rompendo le solite alleanze e ritirandosi da quasi tutti i trattati internazionali. Si tratta, prima di tutto, di nuovi sforzi per "instaurare la democrazia nel mondo", o meglio, per rimodellarla secondo le idee e i "valori" degli Stati Uniti. Non va dimenticato che la stragrande maggioranza delle guerre aggressive scatenate da questo paese negli ultimi cento anni e mezzo sono state iniziate non sotto i repubblicani "brutali", ma sotto i democratici "bianchi e soffici". E anche delle "rivoluzioni colorate", che sono la loro attività preferita, non è nemmeno necessario parlare.

Tony Blinken, che Biden considera il Segretario di Stato americano, ha svolto il ruolo di "seconda persona" in questo dipartimento durante il periodo di Barack Obama abbastanza a lungo da giudicare il suo atteggiamento verso queste cose. Permettetemi di ricordarvi che era un ardente sostenitore dell'invasione militare della Siria dopo che nel 2013 sono state mosse contro Bashar al-Assad un'altra accusa inventata di "uso di" armi chimiche ". Blinken ha appoggiato con tutto il cuore la sconfitta della Libia e simili, poiché, secondo le persone che lo conoscono, è un fervente sostenitore "dell'uso del potere militare statunitense per proteggere la libertà ei diritti umani". Una specie di idealista con una Colt armata? Non saltiamo alle conclusioni. Passiamo meglio ad esempi specifici che caratterizzano la posizione del futuro capo del Dipartimento di Stato direttamente nei confronti della Russia. E la cosa migliore da fare è, forse, ricordare le sue attività nella "direzione ucraina", dove si è mostrato abbastanza brillantemente.

Non batteranno ... soffoceranno


Innanzitutto, lo stesso progetto estremamente russofobo "nuova Ucraina" è stato, secondo alcune fonti, sviluppato da Blinken con un gruppo dei suoi più stretti collaboratori. È successo all'inizio degli anni 2000, quando era a capo della Commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti. In realtà è stato allora, a partire dal primo "Maidan" nel 2004, ed è iniziata la realizzazione di questo progetto, che si è concluso con pieno successo solo nel 2014, quando Obama è diventato presidente americano, e Blinken ha assunto la carica di vice segretario di Stato. In generale, questo politico ha sempre sostenuto "azioni statunitensi più attive nello" spazio post-sovietico ". Va notato che Tony Blinken, a quanto pare, è un oppositore categorico dello scontro con la Russia nella sfera militare. In tutte le sue dichiarazioni sul nostro Paese, si sente chiaro e inequivocabile "economico motivi ". Per la Crimea, secondo Blinken, Mosca ha dovuto "pagare un prezzo alto" o anche una "multa pesante".

Inoltre, ha più volte ribadito che la penisola diventerà sicuramente un “peso insopportabile” e “un fattore di destabilizzazione interna” per l'economia domestica, valutando molto positivamente questi momenti e definendo la riunificazione del 2014 “una perdita strategica per il Cremlino”. Blinken era e rimane anche un sostenitore del più profondo isolamento internazionale possibile della Russia. Accogliendo e sostenendo la sua esclusione dallo stesso G8, ha affermato che "Putin valuta la posizione della Russia in termini di influenza geopolitica che ha". Blinken è profondamente convinto che "minare la posizione della Russia nella comunità internazionale possa indebolire seriamente l'attuale governo". Quindi non c'è dubbio che sosterrà qualsiasi iniziativa per introdurre restrizioni anti-russe e nuove iniziative ostruttive nel suo nuovo incarico, come si suol dire, con entrambe le mani.

Ma contro l'escalation militare nel Donbass, in particolare contro la fornitura a Kiev di qualsiasi modello di armi letali, anche in quantità minime, Tony Blinken è sempre stato coerente e duro. Anche qui non si tratta affatto di filantropia, ma di puro pragmatismo: a suo avviso, questo “giocherebbe nelle mani della Russia, che non costa nulla per fornire un'assistenza simile alle forze che sostiene, ma solo in un volume doppio o addirittura triplo ". In generale, Blinken ha sottolineato in modo inequivocabile che il conflitto nell'est dell'Ucraina "non può avere una soluzione militare, ma solo diplomatica". In qualche modo questa figura ha anche convenuto che "soprattutto vorrebbe restituire la Russia alla comunità mondiale". E questo è del tutto possibile dopo che il nostro paese e i "separatisti" finalmente "adempiono i loro obblighi ai sensi degli accordi di Minsk".

Questo è già - retorica populista al pubblico, ipocrisia dell'acqua più pura. Le conclusioni pratiche che si suggeriscono dopo la nomina di Blinken a capo del Dipartimento di Stato si riducono, per la maggior parte, alla convinzione che il conflitto nel Donbas non sarà gonfiato troppo apertamente dagli Stati Uniti. Tuttavia, gli "amici" d'oltremare non lasceranno che gli "amici" d'oltremare lo finiscano in alcun modo accettabile per il nostro paese e, prima di tutto, per gli abitanti di questa regione dilaniata dalla guerra. Questo sicuramente non è nel loro migliore interesse. Molto probabilmente, la stessa bottega vuota di Minsk e altre "piattaforme di negoziazione" continueranno, intervallate da provocazioni e guai più o meno gravi a Kiev. Insomma, non si prevede nulla di nuovo.

E il resto delle aree? Per quanto riguarda le opzioni "Nord Stream-2" sono possibili. Da un lato, Washington ripone le sue speranze su Blinken, una persona cresciuta in Europa e famosa nei circoli del potere, per ripristinare le relazioni con gli alleati d'oltremare che sono stati gravemente danneggiati da Trump e dalla sua squadra. Quindi, c'è la possibilità che gli Stati Uniti non introducano un ulteriore "fattore fastidioso" in un momento così delicato e difficile, "spingendo" l'argomento che è in difficoltà per Germania e Austria. Almeno per un po. D'altra parte, vale la pena sapere che Tony Blinken era un ardente oppositore dei gasdotti russi (allora sovietici) diretti in Europa agli albori della sua carriera, negli anni '80. Presumibilmente, la sua posizione non è cambiata da quel momento. Per il meglio - di sicuro. Ancora una volta, sulla base delle opinioni di questo politico sullo "spazio post-sovietico", è del tutto possibile aspettarsi una forte intensificazione delle azioni degli americani per sostenere l'ancora imperturbabile "Maidan" in Bielorussia. Quindi Alexander Grigorievich starebbe meglio con questa disgrazia il prima possibile, fino a quando i nuovi partecipanti non si fermeranno. E poi non si sa mai ... Il Dipartimento di Stato americano non è polacchi con i lituani. C'è sicuramente più esperienza e opportunità. Ebbene, la Russia dovrebbe essere pronta per un nuovo aggravamento della situazione a Minsk.

L'unica prospettiva più o meno positiva sembra essere forse la volontà dichiarata da Biden di "riportare gli Stati Uniti a tutte le più importanti strutture e trattati internazionali", da cui Trump "è saltato fuori" come scottato durante la sua presidenza. Da qui la speranza che l'accordo START-3 "appeso a un filo" venga comunque prorogato, e senza ulteriori condizioni assolutamente impossibili per il nostro Paese, che sono state avanzate in precedenza. In generale, la configurazione della nuova squadra di Washington che sta già cominciando a delinearsi indica che il confronto tra Stati Uniti e Russia inevitabilmente continuerà e addirittura si aggraverà. Forse - senza "picchi" taglienti e momenti di tensione assolutamente estrema, ma anche senza "riavvii" e simili sciocchezze. Lo ripeto ancora una volta: non si tratta di presidenti o segretari di Stato. La Russia è profondamente aliena e ostile all'ordine mondiale globalista con il centro dell'universo situato a Washington. Tutto il resto è solo derivati.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 November 2020 09: 56
    +3
    Per la Crimea, secondo Blinken, Mosca ha dovuto "pagare un prezzo alto" o anche una "multa pesante".

    - E quale prezzo dovrebbe pagare Washington per il crollo dell'URSS, quando Eltsin è corso con Kravchuk al telefono per essere il primo a riferire al presidente americano Bush che l'URSS non c'è più?
    1. Tamara Smirnova Офлайн Tamara Smirnova
      Tamara Smirnova (Tamara Smirnova) 25 November 2020 11: 09
      +4
      Solo il crollo totale del materasso fascista e la sua scomparsa dalla mappa del mondo può essere un adeguato compenso per l'omicidio del mio paese.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 25 November 2020 14: 37
    +3
    1. Il corso politico è determinato non da un impostore della strada, ma dai grandi affari, il suo raggruppamento più forte dietro il concorrente presidenziale vincente.
    2. Entrambi i gruppi di grandi imprese dietro a entrambi i candidati sono unanimi su una cosa: l'egemonia mondiale degli Stati Uniti, la differenza è solo nei modi e nei metodi. Trump attraverso la politica di rimpatrio del settore manifatturiero e il sonno Joe attraverso l'espansione e la globalizzazione.
    3. Sulla base di ciò, la politica statunitense continuerà ad essere volta a rafforzare la propria influenza in alcuni stati, subordinarne altri e combattere coloro che non vogliono obbedire.
    4. A differenza di tutti i precedenti presidenti, Donald Trump è un uomo d'affari e non faceva parte della cerchia dell'élite politica, e quindi ha agito utilizzando metodi economici accettati negli affari - sanzioni, ricatti, provocazioni, minacce, ecc., Ma diversamente i predecessori non hanno scatenato una sola nuova guerra.
    5. "Sleepy Joe" deriva dalla nomenclatura politica delle grandi imprese e, con un alto grado di probabilità, perseguirà una politica con i metodi dei suoi predecessori, pur non disdegnando i metodi di D. Trump, e quindi non dovrebbero essere attesi cambiamenti fondamentali rispetto alla Federazione Russa, anzi, la pressione sulla Federazione Russa aumenterà, soprattutto alla vigilia delle elezioni del 2024 nella Federazione Russa.
    6. Al primo posto nella gerarchia del "Joe assonnato" non metterei il segretario Blinken, ma il vicepresidente -
    7. La posizione della Federazione Russa sulla questione Donbass è stata espressa molto tempo fa e si riduce a una cosa: il DPR-LPR è parte integrante dell'Ucraina. La migliore prova di ciò è il completo disprezzo da parte della Duma della Federazione Russa dei risultati del referendum, gli appelli a riconoscere la loro indipendenza e il rifiuto di accettarli nella RF. Ciò implica la definizione del conflitto nel Donbass come affare interno dell'Ucraina. L'unica differenza è nei metodi: la Federazione Russa per i negoziati e la concessione dell'autonomia e l'Ucraina per una soluzione efficace e "ucrainizzazione".
    8. La questione del Nord Stream si riduce a sostenere la direzione dello scisto della produzione di gas negli Stati Uniti, che è possibile solo riducendo la fornitura di gas naturale all'UE dalla Federazione Russa, che occupa circa il 30% del mercato europeo e ha tutte le possibilità di aumentare la sua quota a causa dell'esaurimento dei giacimenti nel Mare del Nord, nei Paesi Bassi e Norvegia.
    9. La corrente turca priva l'Ucraina dei soldi per il transito, che l'UE non è ansiosa di rimborsare e quindi sta cercando di mettere i bastoni tra le ruote delle relazioni tra Turchia e Federazione russa.
    10. Interferire con l'approvvigionamento di risorse energetiche dalla Federazione Russa uccide diversi "piccioni con una fava":
    un). mina l'economia della Federazione Russa e la rende "più accomodante"
    b) aumenta la dipendenza dell'UE e in particolare di Nemetchin
    in). Stimola la stessa economia statunitense
    Poiché gli Stati Uniti hanno qualcosa da combattere con la Federazione Russa, ci sono molti soldi in gioco e vengono utilizzati tutti i metodi.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 26 November 2020 09: 38
      0
      Ostacolando l'approvvigionamento di risorse energetiche dalla Federazione Russa, molti "piccioni con una fava" vengono uccisi:
      un). mina l'economia della Federazione Russa e la rende “più accomodante

      - E se si scopre, come con l'agricoltura? Se l'UE assetata di energia comincia a collocare i suoi impianti di produzione nella Federazione Russa, ripetendo così il percorso della Cina-2?