L'Artico sta diventando un'arena di confronto non solo tra Stati Uniti e Russia


Il passo spudorato del cacciatorpediniere della Marina statunitense USS John S. McCain, che ha violato il confine di stato del nostro paese nelle acque del Golfo di Pietro il Grande, è stato percepito in Russia con una preoccupazione e un'indignazione del tutto appropriate in questo caso. Questo trucco dei "lupi marini" americani è dolorosamente simile a un tentativo aperto di testare la forza dei nostri confini e, prima di tutto, l'affidabilità della guardia sulla rotta del Mare del Nord. Nel frattempo, negli stessi Stati Uniti, i rappresentanti di certi circoli esprimono preoccupazione per una questione completamente diversa, si potrebbe dire, diametralmente opposta.


Sono preoccupati per la prospettiva molto possibile di limitare l'attività militarista degli Stati Uniti nella regione artica, che presumibilmente potrebbe verificarsi a causa dell'arrivo al potere di Joe Biden. Quale dei due scenari che si escludono a vicenda sembra più probabile, e perché la Russia, se vuole mantenere una posizione dominante in queste regioni estremamente promettenti, non dovrebbe "rilassarsi" in ogni caso? Proviamo a capirlo.

Trump: rottura polare o erosione della sicurezza?


Piuttosto indicativo al riguardo è il discorso di Nick Solheim, considerato un bravo specialista nell'estremo nord, pubblicato dall'edizione americana del National Interest. In ogni caso, è il fondatore di un'organizzazione come l '"Institute of Arctic Security che prende il nome. Henry Wallace ”, e difficilmente può essere considerato un laico in questioni che si impegna a giudicare. Quindi, il signor Solheim è molto preoccupato che la serie di "azioni brillanti" di Donald Trump nell'Artico possa essere interrotta dopo la sua partenza dalla Casa Bianca. E in relazione alla collocazione di un rappresentante del Partito Democratico lì, tutti i risultati del predecessore, come teme l'esperto, potrebbero essere annullati. Quali sono, infatti, i successi in questione in questo contesto? Solheim assicura che "in soli quattro anni, Trump ha fatto di più per rafforzare la posizione degli Stati Uniti nell'Artico di qualsiasi altro presidente dalla fine della seconda guerra mondiale".

Intendo, come si può intuire, prima di tutto l'aspetto militare, e in nessun caso questioni di ricerca scientifica o anche di sviluppo economico della regione. In effetti, l'ormai rieletto capo di Stato ha fatto alcuni passi in questa direzione e ha cercato di attuare qualcos'altro. Quindi, è stato Trump ad annunciare la costruzione di almeno sei nuove navi rompighiaccio per la Guardia Costiera degli Stati Uniti nel prossimo decennio. Lui, ricordo, parlava anche di un rinnovamento su larga scala della flotta rompighiaccio americana, che, bisogna ammetterlo, è arrivata a uno stato piuttosto miserabile negli ultimi decenni. Significativa è stata anche la presenza delle forze armate statunitensi durante le numerose manovre effettuate, principalmente nella "corsa all'Artico", insieme agli alleati NATO - Canada, Norvegia, Danimarca e Svezia, che "si sono uniti a loro".

Le attività di Washington in direzione della Groenlandia non sono state meno vivaci sotto Trump. Le voci persistenti secondo cui il presidente-uomo d'affari, abituato a risolvere tutte le questioni importanti scrivendo un assegno con un gran numero di zeri, ha suggerito che la Danimarca, nella cui giurisdizione si trova l'isola, semplicemente la compra, non sono dichiarazioni univoche. L'accordo non è avvenuto, ma gli americani hanno ripreso le attività del proprio consolato a Nuuk, in Groenlandia, e hanno fatto investimenti significativi nella locale l'economia - chiaramente non per scopi di beneficenza. Si è intensificata anche l '"amicizia" degli Stati Uniti con l'Islanda, che è membro dell'Alleanza del Nord Atlantico, ma non ha un proprio esercito. Ma si trova a latitudini molto attraenti per Washington ...

Tuttavia, sarebbe del tutto errato affermare che tutto quanto sopra ha permesso agli Stati Uniti di "invertire la situazione" nella regione artica e ai suoi confini, o almeno di cambiare in modo significativo l'equilibrio di potere a suo favore. Gli analisti del Pentagono (in particolare, il generale dell'Air Force Terrence J. O'Shaughnessy) hanno affermato nella primavera di quest'anno che l'Artico non può più essere considerato un "muro fortezza" che protegge l'Occidente dalle "invasioni di insidiosi russi". Hanno parlato dell'urgente necessità di un aumento accelerato del potenziale americano, sia militare che logistico, per "prevenire l'espansione che Mosca e Pechino stanno perseguendo con successo in questa regione". Approssimativamente lo stesso punto di vista è condiviso dai loro colleghi di altri paesi dell'Alleanza del Nord Atlantico, che considerano dominante la posizione della Russia nell'Artico.

L'arena del confronto non solo tra Stati Uniti e Russia


Gli specialisti della difesa norvegese sono meno pretenziosi nelle loro valutazioni, ma più accurati e specifici. Ad esempio, durante una recente videoconferenza su questioni di sicurezza, il Segretario di Stato del Ministero della Difesa, Tune Skugen, ha dichiarato senza mezzi termini che "le azioni della Russia nell'Artico stanno sfidando direttamente la NATO nel suo insieme". Secondo l'esercito norvegese, le capacità militari del nostro Paese nella regione sono tali che, se lo si desidera, può facilmente "terminare il collegamento transatlantico", e anche, cosa ancora più spiacevole, "bloccare la capacità degli Stati Uniti di inviare rinforzi militari in Europa". Inoltre, come ha ammesso Skugen, durante la stessa recente esercitazione Ocean Shield, "i russi hanno dimostrato in modo convincente la propria capacità, se necessario, di isolare l'intera penisola scandinava".

In generale, secondo la Norvegia, "un contenimento affidabile e una forte difesa dei paesi membri della NATO", ovviamente, "sono garanzie di pace nell'Artico", ma in tal caso l'Alleanza non ha alcuna possibilità contro i russi. Va detto che non solo americani, canadesi o, diciamo, scandinavi hanno recentemente mostrato una maggiore attività in questo settore. Questi possono ancora essere compresi in una certa misura. Ma cosa c'entrano i tedeschi? Comunque sia, ma si scopre che nel 2019, un documento ufficiale preparato dal governo tedesco e recante il nome "Directions of German politica nell'Artico ". E nessuno si lasci ingannare dal fatto che in molte pagine di questo programma molto voluminoso si parla di "protezione ambientale", "conservazione della natura" e ricerca scientifica ... Tutto questo è seguito da un'ammissione estremamente schietta da Berlino che intende "prendere assumersi la responsabilità dello spazio artico ”. Questo non era abbastanza!

Quando tali dichiarazioni vengono fatte dai politici tedeschi, i generali della Bundeswehr sono già visibili da qualche parte nelle vicinanze. E abbastanza sicuro, il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer ha recentemente mostrato "preoccupazione per l'Artico" troppo vividamente per essere considerata una sua iniziativa personale. Il capo del dipartimento della difesa tedesco, secondo le informazioni disponibili, un tempo iniziò un intero tour dei paesi scandinavi per formare una più stretta "alleanza polare" anti-russa con la partecipazione di Danimarca, Svezia, Norvegia e altri paesi "interessati", ma il tutto fu rovinato dalla pandemia di coronavirus. La signora militante ha dovuto limitarsi a conferenze e pubblicazioni online sulla stampa scandinava. In tutti i casi (in particolare, durante le videoconferenze con il NATO Joint War Center a Stavanger, Norvegia), Kramp-Karrenbauer ha "promosso" la stessa idea: "Restiamo amici contro i russi!" A proposito, per circa un anno, il suddetto centro è stato guidato dal contrammiraglio della marina tedesca, Jan Christian Kaak, e ci sono molti altri suoi compatrioti lì. La Bundeswehr è anche molto attiva in tutti gli esercizi condotti alle latitudini polari o nelle loro immediate vicinanze. Che si tratti di Cold Response 2020 nella Norvegia settentrionale o Dynamic Mongoose 2020 al largo delle coste islandesi, i tedeschi sono ovunque. Ma, naturalmente, è la Russia la colpa della "militarizzazione dell'Artico" e dell '"escalation della situazione" intorno a questa regione. E presto lo coglierà completamente - non esitare!

In ogni caso, Nick Solheim, che ho citato proprio all'inizio della nostra conversazione, spaventa i lettori del National Interest proprio con tali prospettive. È fiducioso che in tutti i tempi in cui i rappresentanti del Partito Democratico erano al potere negli Stati Uniti, il tema dell'Artico fosse, come si suol dire, "nel recinto". I nativi di questa forza politica "hanno preferito risolvere all'infinito gli affari del Medio Oriente", invece di occuparsi del rafforzamento dei "bastioni del Nord". Gli Stati Uniti non sono stati nemmeno in grado di sfruttare la presidenza del 2014 del Consiglio artico, secondo Solheim, "trovandosi finalmente senza lavoro" in questa regione. In definitiva, come prevede l'esperto, "L'Artico sarà ricevuto da chi si muove per primo". E, naturalmente, saranno russi. La cosa più notevole di questo ragionamento è proprio la massima che il nostro paese “impadronirà” o “si approprerà” dell'estremo nord. Il fatto che questa regione sia, senza dubbio, le primordiali terre russe, non è riconosciuto in linea di principio né dagli americani né dai loro alleati della NATO. Da qui tutti i discorsi sostanzialmente inutili su "spedizione gratuita", "pari diritti allo sviluppo" e simili.

Tuttavia, l'Occidente ha un'ultima speranza. Un tempo, ancora una volta, sotto Donald Trump, Washington ha reagito in modo estremamente brusco, come hanno detto, "alle affermazioni infondate della Cina sullo status di potenza sub-artica". Ora, molti leader occidentali sperano che proprio queste "affermazioni" costringano Mosca a cercare un riavvicinamento con loro - "per bloccare le aspirazioni di una Pechino eccessivamente assertiva". Secondo alcuni analisti locali, i cinesi potranno competere con noi nel Circolo Polare Artico nel 2030-2040. I rappresentanti della "comunità mondiale" credono fermamente che Mosca "non tollererà un aumento significativo della presenza del Medio Regno nella regione" e resisterà ai tentativi di "trasformare la rotta del Mare del Nord nella Via della Seta Polare". Sperano vivamente che l'Artico diventi finalmente un "oggetto di contesa", il che metterà fine alla cooperazione delle due potenze, la cui unione in Occidente è più temuta che altro. Paradossalmente, sono pronti a vedere l'Artico come un territorio russo piuttosto che un'arena per la cooperazione tra Mosca e Pechino. Ovviamente, per il fatto che proprio in questo scenario i nostri "amici" occidentali non avranno sicuramente nulla da "beccare" lì.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 26 November 2020 12: 23
    +3
    Ahimè, gli Stati Uniti erano sempre in ritardo con il lavoro nell'Artico. Non hanno creato le risorse per questo, e ora non c'è né tempo né denaro. Non sono in grado di mantenere le loro portaerei in contanti pronte per il combattimento.
    E senza gli Stati Uniti, il resto degli stati artici si siederà in silenzio, come un topo sotto una scopa.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 November 2020 10: 42
    +1
    La Cina non svilupperà l'Artico senza la Russia. Anche la Germania avrebbe potuto unirsi a loro, ma ha scelto una strada diversa. Hanno deciso di creare il 4 ° Reich e stanno cercando alleati. Hanno teste sobrie, ma i membri della NATO non permettono loro di parlare.