Il più grande deposito di piombo e zinco in Russia sarà sviluppato da una nave unica


La Russia costruirà il primo impianto di estrazione e lavorazione galleggiante per lo sviluppo di uno dei più grandi giacimenti di minerali di piombo e zinco del paese. Prima di tutto, la posizione del campo Pavlovskoye nell'arcipelago di Novaya Zemlya nell'Oceano Artico ha influenzato la scelta non standard del metodo di estrazione. Ma c'è di più.


Il giorno prima è stata completata una bozza di progetto per un impianto di estrazione e lavorazione galleggiante. La sua capacità prevista è di 50mila tonnellate di piombo e 220mila tonnellate di concentrati di zinco all'anno. Allo stesso tempo, le imprese galleggianti non sono nuove in Russia. Abbiamo già la centrale nucleare galleggiante Akademik Lomonosov, due impianti galleggianti a base di pesce e l'impianto Arctic LNG-2 è in costruzione.

Inoltre, anche la creazione di un impianto minerario e di lavorazione galleggiante in Russia non deve essere eseguita da zero. Una struttura simile chiamata "Sevmorolovo" era già utilizzata in URSS negli anni '70. Tuttavia, a differenza del suo predecessore, il nuovo impianto sarà molto più grande e l'estrazione dei minerali non sarà condotta dal fondo del mare, ma dalla riva.

La domanda sorge spontanea: perché non costruire un'impresa direttamente sull'arcipelago? Ci sono diverse ragioni per questo. In primo luogo, dopo il completamento della produzione nel campo Pavlovskoye, l'impianto mobile può essere utilizzato altrove. In secondo luogo, la società galleggiante sarà costruita più velocemente e con costi finanziari inferiori. In terzo luogo, con questo approccio, l'ecosistema artico è esposto a rischi minimi.

In generale, il progetto ha grandi possibilità di successo; può essere ampliato in futuro e persino andare oltre i confini del nostro stato.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Online pischak
    pischak 28 November 2020 13: 45
    -1
    Una notizia interessante, ancora più interessante è il concetto stesso proposto - un "punto di crescita fluttuante" della regione sub-polare russa! buono Mi è piaciuto il breve video per la sua chiarezza e brevità della trama, "colonna sonora" energica vigorosa e contenuto informativo, che è abbastanza sufficiente per il grande pubblico!
    Sebbene, nella "serie di informazioni" generali, il termine professionale "divertente" "discarica di scorie" (cioè immagazzinamento di "roccia di scarto", "sterili" - rifiuti di lavorazione dei minerali strizzò l'occhio ) non è chiaro a tutti ?!
    A proposito, sono le vaste "discariche di coda" dei GOK, così come le discariche di "roccia di scarto" dalla cava (in questo caso, con l'estrazione a cielo aperto) che sono molto costose (per l'economia delle imprese minerarie nel suo complesso) e un grosso problema per l'ambiente al loro posto Posizione! richiesta
    È chiaro che, dopo un po 'di tempo, il governo coreano galleggiante "farà il suo lavoro" e salperà via (svilupperà ulteriormente il nord), lasciandosi dietro cave, cumuli di rifiuti, discariche e molto altro (porto attrezzato, edifici e strutture costiere, ha sviluppato infrastrutture industriali e civili, una città militare, rifugi sotterranei, posizioni di RV e EW, KP e ZKP, una stazione meteorologica e un aeroporto, ...) ...
    Ma, ad essere sincero (come qualcuno che è in parte guidato dalle specificità dell'argomento, che ha visto più di una volta tali "paesaggi di cava-miniera", e non è male nel presentare questo, speculativo, futuro "grandioso dipinto a olio" sul terreno polare, la tundra artica dell'arcipelago settentrionale), ho una scarsa idea di ciò che è stato promesso "bonifica (ripristino)" di questa parte del territorio di Novaya Zemlya, coinvolta nell'estrazione di PI, con il riempimento (o allagamento) della cava (cave) e l'eliminazione di enormi "discariche" costiere, riempite fino all'orlo con liquami d'acqua di "code" finemente disperse, che vengono congelate a basse temperature e con la superficie di questo "serbatoio" aperta a tutti i venti degli uragani che vengono portati via (per molti anni ricoprendo neve e piante, siti di nidificazione degli uccelli Novaya Zemlya con polvere multistrato), per molti chilometri intorno ?!
    È incomprensibile anche la stabilità funzionale del complesso galleggiante di estrazione e lavorazione dagli effetti della famosa "Novaya Zemlya bora" e dai forti venti dominanti ?!
    Spero che tutte queste questioni tecniche e ambientali vengano risolte con successo e che materie prime strategicamente importanti estratte in un modo così prezioso vengano trasformate industrialmente in "prodotti" all'interno della stessa Federazione Russa e, in ultima analisi, saranno utilizzate per rafforzare l'economia e la difesa russa, per creare nuovi posti di lavoro. , per il bene e la crescita del tenore di vita dell'intera popolazione russa, e non mediocramente trasformato in un altro "tributo di materie prime" comprador a buon mercato per l'industria e rafforzando il benessere dei "partner" maligni ?! strizzò l'occhio