"Non è ancora finito": l'Armenia è trascinata in una nuova guerra


Il parlamento armeno ha categoricamente rifiutato di annullare la legge marziale introdotta nel paese. E questo nonostante il fatto che le ostilità nel Nagorno-Karabakh siano completamente cessate e il contingente russo di peacekeeping si sia messo tra le parti in guerra. Qual è la ragione? Molto probabilmente, sta nel fatto che troppe persone pensano: "niente è ancora finito".


Allo stesso tempo, stiamo parlando non solo degli stati d'animo di un gran numero di armeni stessi, ma anche di forze esterne, a cui non piaceva affatto l'attuale versione di risoluzione della crisi. Per quanto possa sembrare paradossale, tuttavia, è proprio abbandonando le restrizioni e i rigori della legge marziale introdotta nel paese il 7 settembre che Yerevan rischia di affrontare tali problemi e instabilità che possono facilmente sfociare in una crisi molto più grande e profonda del Nagorno. Karabakh.

Salvare Pashinyan? No, per mantenere l'Armenia sull'abisso ...


Ovviamente, partendo dal principio: "qualunque cosa accada", 56 deputati del parlamento armeno durante la sua sessione straordinaria, il cui tema principale all'ordine del giorno era la transizione del Paese a un "regime pacifico", hanno votato contro un simile passo. 36 erano favorevoli e 33 rappresentanti eletti generalmente preferivano non comparire alla fatidica sessione. Il partito al governo Our Step, che sostiene l'attuale Primo Ministro Nikol Pashinyan, giustifica la propria posizione in modo molto semplice: il nuovo confine con l'Azerbaigian, formato a seguito degli accordi di pace firmati a Mosca, con una lunghezza di oltre mezzo migliaio di chilometri. , è ora "coperto" in modo affidabile da nessuno e niente. Sulla base del primo punto, il pericolo di una ripresa delle ostilità esiste ancora, quindi è troppo presto per rilassarsi e parlare della fine della guerra. Sembra abbastanza logico, ma allo stesso tempo tutti capiscono perfettamente che l'ostacolo alla nuova offensiva azero-turca non è lo status "militare" assegnatogli da Yerevan, ma la posizione di Mosca. Piuttosto, la presenza specifica delle sue forze di pace nella regione.

In effetti, il vero motivo della decisione dei parlamentari sta in un piano completamente diverso, puramente interno. L'abolizione della legge marziale comporterà automaticamente la revoca dei divieti di tenere eventi di massa, comprese le manifestazioni di protesta, che sono già state pacificate con grande difficoltà. Indubbiamente, consolidata dopo la conclusione, per usare un eufemismo, sfavorevole per la parte armena del mondo, l'opposizione locale usa questa libertà per intensificare nettamente la propria attività, finalizzata oggi a un obiettivo: la rimozione dalla carica di primo ministro Nikol Pashinyan .

Ad esempio, il leader del partito "Prosperous Armenia" Shake Isakian, che ha definito la legge marziale "puramente dichiarativa", ha dichiarato la sua ferma intenzione di ottenere la sua rimozione dal potere. Sostienila e politica del partito "Armenia illuminata", anch'esso appartenente al campo dell'opposizione, oltre a tanti altri personaggi pubblici, oltre che semplici cittadini. Il capo di stato in carica difficilmente riuscirà a lavare via lo stigma di un "capitolatore" e quasi un "traditore degli interessi nazionali", nonostante la vigorosa attività che ha sviluppato oggi e le "road map" presentate al pubblico, in cui si tratta di intenti per risolvere molte questioni nel prossimo futuro: dall'assistenza alle famiglie delle vittime prima di rafforzare la capacità di difesa del Paese.

Allo stesso tempo, la stessa “Prosperous Armenia”, e molti altri ardenti oppositori di Pashinyan, alcuni media (principalmente in Occidente) definiscono a priori “politici filo-russi”. Non si può essere d'accordo con un approccio così estremamente semplificato e irragionevole. Non è senza ragione che Vladimir Putin recentemente ha definito abbastanza chiaramente qualsiasi tentativo di cambiare il governo in Armenia (soprattutto di natura rivoluzionaria) come "suicidio", che il paese, che è in pericolo di una nuova guerra, semplicemente "non può permettersi. " La posizione è espressa in modo molto concreto: certo, Pashinyan non è assolutamente la persona che Mosca vorrebbe vedere a capo dell'Armenia, ma il problema è che qualsiasi altra opzione è carica di un rischio troppo grande. Secondo le leggi della grande politica, coloro che lo rovesceranno, giocando sui sentimenti degli armeni, che stanno sperimentando profondamente una "resa vergognosa", dovrebbero chiedere azioni alternative - cioè, seguendo una logica elementare, per una "guerra al vittorioso end ", che inevitabilmente finirà in un disastro non solo per il Karabakh, ma per l'intera Armenia. E anche - grossi problemi per la Russia ...

"Great French Resolution" - "peacekeepers" che non sono stati chiamati


Non per niente i rappresentanti del partito Our Step, in immersione con i loro oppositori, hanno affermato che, mettendo in dubbio le azioni dell'attuale primo ministro, l'opposizione dovrebbe, prima di tutto, dichiarare di rifiutare la mediazione di Mosca in risolvere la crisi, rifiutare l'aiuto dei suoi peacekeepers e, allo stesso tempo, presentare un piano chiaro e realistico per la continuazione delle ostilità ... È chiaro che nessuno vuole assumersi responsabilità politiche di questo livello. Molto più reale (e più pericoloso) può essere un altro scenario in cui i "rivoluzionari" decidono di riprendere le ostilità senza alcun piano o reale possibilità, sperando in un momento critico di "nascondersi dietro le spalle" della Russia. Pensi che nessuno abbia piani del genere? Lasciatemi dissentire: purtroppo ci sono precedenti storici. La stessa Serbia nel 1914 non si sarebbe comportata in modo così provocatorio con l'Austria-Ungheria se non fosse stata fermamente convinta dell'entrata in guerra dalla parte dell'Impero russo. È finita molto male per tutti ...

C'è un'altra opzione - non meno, tuttavia, suicida. Oggi, per "sbloccare" il conflitto nel Caucaso, risolto con tanta difficoltà dal nostro Paese, alcune forze armene hanno cominciato a spingere forte l'Occidente. Qual è l'unica risoluzione del Senato francese con un titolo ad alta voce "Sulla necessità di riconoscere la Repubblica del Nagorno-Karabakh"! Per tutto il tempo, quando gli spari risuonavano sulle montagne e il sangue degli azeri e degli stessi armeni, che ora erano ricordati a Parigi, scorreva come un fiume, se ne stavano seduti in silenzio e non interferivano. Tuttavia, ora, quando la pace, anche se fragile, è stata stabilita, "sono tornati in sé". In effetti, il documento, che, tra l'altro, è già stato chiamato a Baku (e giustamente) "un pezzo di carta vuoto" non è altro che un incitamento e un tentativo di "rivedere" gli accordi raggiunti senza alcuna partecipazione del Lato francese.

Va bene, "fornire aiuti umanitari" - nessuno discute con questo. Dimostra il tuo diritto. Vorresti "indagare sul coinvolgimento della Turchia nel conflitto militare", inoltre, non è una questione. Se qualcuno, ovviamente, ti darà di farlo. Ma con quale gioia parlare di "proteggere l'Armenia con l'aiuto di un contingente internazionale"? Il contingente è già lì, se voi, Monsieur e Madame, non ve ne siete accorti. Stai per espellere? In effetti, l'azione dei senatori francesi è diretta contro la Russia più o meno nella stessa misura che contro la Turchia, con la quale Parigi si trova attualmente nel confronto forse più duro degli ultimi decenni. Al Parlamento europeo, i francesi hanno già raggiunto il loro obiettivo: questo organismo ha ufficialmente invitato la Commissione europea a imporre "le sanzioni più severe" contro Ankara, ma perché cercare di trascinare l'Armenia in queste "prove di forza"?

La situazione è in qualche modo attenuata dalla dichiarazione del ministero degli Esteri francese secondo cui non seguirà alcun riconoscimento del Nagorno-Karabakh a livello governativo. Tuttavia, in questo caso, come si suol dire, “è iniziata una reazione a catena” - il parlamento tedesco si è improvvisamente “preoccupato” del destino di questa regione. La maggior parte dei deputati del Bundestag, membri della cosiddetta "grande coalizione", proprio ieri ha sostenuto il comunicato ufficiale, secondo il quale "la Germania dovrebbe prendere parte attiva alla soluzione della crisi del Karabakh". Realizzato in tempo ... Inoltre, il documento contiene rimproveri contro la Turchia e, naturalmente, la Russia, che, si scopre, "con l'aiuto di accordi separati, promuove gli interessi delle singole parti nella regione", e persino "persegue i propri obiettivi politici ". Il cinismo e l'ipocrisia dei "doppi standard" dell'Occidente, come al solito, non hanno limiti.

Qual è il reale pericolo di questo tipo di "segnali", che vengono inviati sempre più animatamente in Armenia dalla "comunità mondiale", che non ha messo un dito sulle dita per la sua salvezza e il suo sostegno durante i momenti più difficili? tappe della fase "calda" del confronto con l'Azerbaigian? Prima di tutto, giocano nelle mani di quelle forze nel paese che assumono una posizione anti-russa non inverosimile, ma molto reale, e sognano di utilizzare l'attuale sconfitta militare di Yerevan per una "separazione" completa e definitiva. da Mosca. Il ragionamento in questo caso è molto semplice: "Vede, i russi hanno accettato la nostra sconfitta, in modo che le" terre ancestrali dell'Artsakh "sarebbero di nuovo sotto il potere di Baku. E i "veri amici" dell'Armenia da Parigi (Berlino, Bruxelles e così via) sono pronti a difenderci come una montagna, e non solo contro l'Azerbaigian, ma anche contro la Turchia! Dissolviamo gli accordi vergognosi che ci sono stati imposti dalla Russia e chiediamo aiuto all'Occidente! " Ebbene sì, tutto secondo i classici: "l'estero ci aiuterà" ...

Allo stesso tempo, la parte evita il momento estremamente importante in cui la Turchia, come tutti i paesi sopra elencati, è membro della NATO e, quindi, nessun paese europeo resisterà davvero alle sue inclinazioni bellicose nel Caucaso. Massimo - esprimeranno "profonda preoccupazione", "sincera indignazione" e invieranno uno o due aerei di "aiuti umanitari". O forse non lo faranno - loro stessi hanno una crisi.

Non importa quanto siano difficili gli attuali accordi per l'Armenia e il Nagorno-Karabakh, qualsiasi tentativo di rivederli, qualsiasi deviazione dalla loro rigorosa attuazione significherà solo una cosa: la guerra. Yerevan non può vincerla in nessuna circostanza. E questo, tra l'altro, è abbastanza chiaro dal ministero della Difesa locale, che ha sostenuto il rifiuto di revocare la legge marziale proprio a causa della "minaccia di destabilizzazione interna del paese", che molto probabilmente porterà a nuovi combattimenti.

Peggio ancora, è improbabile che questa volta il nostro paese abbia la possibilità di evitare di essere coinvolto nelle ostilità. E questo deve essere prevenuto ad ogni costo, anche preservando per qualche tempo il potere politico nel paese che non è il più accettabile per la Russia. L'attuale premier dovrà ancora partire prima o poi, ma sarà estremamente difficile fermare una nuova guerra nel Caucaso.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 27 November 2020 10: 49
    +9
    Qui la situazione assomiglia a un caftano di trishkin. Pashinyan, questa è una scimmia russofoba con una granata e cosa lancerà, dove e quando lancerà la granata, è imprevedibile. Quindi, per quanto mi riguarda, la Federazione Russa non dovrebbe aver paura di un cambio di potere in Armenia, ma di questo tipo di paziente con russofobia, che può gettare qualsiasi cosa alle spalle della Federazione Russa, e questo non gioverà neanche alla Russia Federazione o Armenia. Per quanto riguarda la continuazione della guerra con l'Azerbaigian, dopo le perdite subite in Karabakh e la schietta incompetenza mostrata nelle battaglie dal comando armeno, qualsiasi persona sana di mente, prima di continuare la guerra, inizierà a rafforzare l'esercito dell'esercito e, prima tra tutti, nominerà ufficiali normali ai posti chiave nell'esercito, invece dei lacchè Pashinyan.
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex (Informazioni segrete) 27 November 2020 13: 43
      +4
      Sapsan, se prendiamo le forze politiche dell'Armenia, solo Pashinyan può essere chiamato "o / s / g?" E il resto delle forze politiche? O gli altri là fuori sono tutti così bianchi e soffici? Sì, c'è solo un focolaio di aquiloni russofobi, che si mordono anche l'un l'altro. Perché mordono? E proprio tutto - gli yankees (come provocatori e bastardi piuttosto esperti) non "mettono tutte le loro uova nello stesso paniere", aggiungiamo qui e l'Europa (che ci è entrata non solo con i piedi, ma anche lì non appena potrebbe) - ed eccoti qui "cocktail" dell'allineamento politico dell'Armenia. In generale, ho il sospetto che non ci siano forze politiche in Armenia, dalla parola ALL, che vedrebbe il loro paese in un'alleanza con la Russia.
      Se consideriamo l'Armenia come uno stato indipendente, allora non ha futuro. No, perché è il PUNTO di applicazione delle forze nel Caucaso, verso il quale sono diretti gli sforzi di TUTTI gli oppositori della Federazione Russa per destabilizzare il mondo alla periferia della Russia. L'Armenia stessa (come nazione, non come stato) potrebbe essere SOLO una parte della Russia (come lo era fin dall'inizio della storia moderna, a partire dall'impero russo). Sono finiti i tempi in cui "piccoli ma orgogliosi" potevano esistere e avere una politica interna ed esterna INDIPENDENTE (o forse questi tempi non esistevano affatto).
      1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
        Sapsan136 (Sapsan136) 28 November 2020 11: 27
        +4
        Non so come si comporteranno gli altri, ma non ha senso sostenere Pashinyan, che ha già ammucchiato un mucchio di altri cavalli dalla Federazione Russa.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 November 2020 11: 12
    +6
    ha chiesto ufficialmente alla Commissione Europea di imporre "le sanzioni più dure possibili" contro Ankara

    Sì, Ankara ha sputato dall'alto minareto su questa Commissione europea! Semmai, verranno lanciati più rifugiati per rafforzare l'Euro-Califfato ...
    L'UE non può proteggere i suoi greci dai turchi, dove possono andare in Armenia?
  3. Eroi di Shipka Офлайн Eroi di Shipka
    Eroi di Shipka (Sergey) 27 November 2020 12: 41
    +5
    Sì, non finito. Se gli armeni scuotono la barca, tra un mese gli azeri ei turchi entreranno a Yerevan.
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex (Informazioni segrete) 27 November 2020 13: 46
      +4
      E questo, molto probabilmente, è il vero obiettivo per coloro che stanno organizzando la destabilizzazione intorno alla Federazione Russa.
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 27 November 2020 14: 58
    +3
    È solo che il parlamento di Pashinyan sta salvando. Annulla e non sarà un giorno. E non c'è nessuno con cui combattere lì. Non erano mai entrati in guerra prima. Molto spaventoso.
  5. Romulus Astrakhantsev Офлайн Romulus Astrakhantsev
    Romulus Astrakhantsev (Romul Astrakhantsev) 28 November 2020 07: 33
    -1
    Lascia stare la Turchia. Loro, oltre al sostegno morale, in forma politica e alla presenza di sei velivoli a terra, alla fornitura di ottime armi e al massimo consiglieri, non hanno preso altra parte. Ho combattuto e liberato il mio paese, la multinazionale azera
  6. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 28 November 2020 09: 11
    +1
    L'autore, in modo abbastanza logico e convincente, ha analizzato la motivazione del parlamento armeno al momento di decidere l'estensione della legge marziale. L'Armenia non solo ha perso una guerra totale, ma si è rivelata impreparata alla guerra. Pertanto, la continuazione delle ostilità, con un trionfante, per di più, nemico caucasico ("Ebbene, che dire di Pashinyan, dov'è il tuo status?" - I. Aliyev.) È come la morte per l'Armenia.
    Ma ci sono punti fondamentali non toccati nella pubblicazione. Una decisione legislativa sull'estensione della legge marziale aiuterà a stabilizzare la situazione? Conterrà rivolte? L'autore menziona di sfuggita che le autorità sono riuscite a sopprimerli con difficoltà. E la ricaduta. Dopotutto, a capo del paese c'è la persona che lo ha portato al disastro. E ci sono diverse opzioni qui. Le rivolte inizieranno comunque. Con gravi conseguenze per l'Armenia indicata dall'autore. Ma potrebbero esserci altre opzioni. In particolare, l'eliminazione di Pashinyan, attraverso un "colpo di stato silenzioso", o semplicemente la liquidazione. Pur mantenendo l'attuale status quo. Ma se tali scenari siano realizzati è una domanda. E la risposta dipende dalla conoscenza di informazioni oggettive sulle forze in grado di rimuovere puntualmente Pashinyan dalla scena politica.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 28 November 2020 16: 48
      -1
      Finché ci sarà circa la duemilionesima ambasciata Usa a Yerevan, lì si svolgeranno azioni anti-russe ... Niente cambierà con il cambio di N. Pashinyan, un altro lungo lo stesso percorso continuerà il lavoro pianificato dagli Stati Uniti , e la base Gyumri presto non rimarrà più inequivocabilmente, e altre inclinazioni anti-russe ... (Ricordiamoci Georgia, Ucraina ...). Se la Federazione Russa non può più trascinare l'Armenia nei suoi amici (nessuno può più sotto questo controllo della Federazione Russa), resta una cosa, non interferire con l'Azerbaigian e imporre rapporti con esso, soprattutto perché sono più redditizi .. .