La finestra di opportunità per il completamento di Nord Stream 2 si è chiusa


La nave posatubi Akademik Chersky ha lasciato il porto tedesco di Mukran e, senza entrare nell'area di completamento del gasdotto Nord Stream-2, si è diretta verso Kaliningrad. Attualmente si trova vicino alla Penisola dei Curi, non lontano dal confine tra Russia e Lituania. Nelle vicinanze si trovano le navi ausiliarie "Baltic Researcher" e "Balkan".


Allo stesso tempo, un paio di navi ausiliarie hanno lasciato il porto di Mukran: la nave di rifornimento Umka e la multiuso Finval. Ciò è evidenziato dai dati delle risorse di navigazione marina.


La finestra di opportunità per completare la pipeline si è chiusa. La stagione delle tempeste è iniziata nel Baltico. Ora dobbiamo aspettare la primavera. Ci sarà tempo per risolvere i problemi legali

- ha detto al giornale "Sight" l'economista Konstantin Simonov, spiegando la situazione attuale.

Secondo l'esperto, è difficile per lui immaginare che Akademik Chersky avrebbe posato i tubi in inverno. Crede che dicembre non sia il momento migliore per queste attività per KMTUS. Soprattutto considerando che nuove apparecchiature sono state installate sulla nave e non hanno ancora funzionato con tali tubi.

L'esperto ha anche spiegato che le sanzioni americane non vietano direttamente il completamento del gasdotto. Tuttavia, interferiscono con la certificazione e altri elementi critici che accompagnano la messa in servizio del gasdotto.

Si noti che prima di questo, il norvegese Det Norske Veritas - Germanischer Lloyd (DNV GL), segnalati terminare la fornitura dei propri servizi al progetto di trasporto del gas Nord Stream 2. I norvegesi che hanno monitorato lo stato di avanzamento della costruzione hanno dovuto rilasciare un certificato di conformità per il gasdotto dopo il completamento dei lavori. Hanno collegato le loro azioni alla paura di cadere sotto le restrizioni statunitensi, enunciato nell'American European Energy Security Act (PEESA).
  • Foto utilizzate: gazprom.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 November 2020 23: 35
    +4
    Si fanno beffe.

    I media si limitano a deridere i lettori, riversando nei flussi notizie stupide anonime contrastanti.
    1. Ivan Borka Офлайн Ivan Borka
      Ivan Borka (Ivan Borka) 29 November 2020 01: 19
      0
      reagite ai media?) - leggete SOLO OF.INFORM e sarete calmi e sorridenti)
    2. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 30 November 2020 11: 14
      0
      E il professor Preobrazenskij aveva ragione
  2. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 29 November 2020 00: 32
    +2
    Questa costruzione a lungo termine è stata fornita dalla conclusione di un accordo di transito con l'Ucraina. Spero che non lo rinnoveranno. Fino ad allora, l'Europa se la caverà con il GNL.
    Questo gasdotto è necessario. Ma per questo è necessario abbandonare qualsiasi accordo di transito. Con la Polonia (non più valida), con l'Ucraina (si spera non prorogata). Allora si potrà parlare se l'Europa ha bisogno del Nord Stream?
  3. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 29 November 2020 08: 39
    -1
    Il prossimo mese di quest'anno potrebbe diventare storico sia per la Federazione Russa che per l'Unione Europea, in particolare la Germania. La stazione radio NDR, citando Nord Stream 2, ha riferito che la costruzione del gasdotto Nord Stream 2 potrebbe riprendere a dicembre dopo una pausa di un anno.

    Il rappresentante di Nord Stream 2 AG in un'intervista con NDR ha sottolineato che "l'autorità per le vie navigabili e la navigazione a Stralsund ha esortato i capitani delle navi a prestare particolare attenzione quando si spostano vicino ad Adlergrund nel Mar Baltico a causa dell'inizio dei lavori di costruzione lì il 5 dicembre".

    Il tanto atteso processo, secondo l'emittente radiofonica, inizierà sabato prossimo a sud dell'area di Adlergrund, dove si trova l'estremità del tubo che dalla stazione di distribuzione del gas conduce verso il Mar Baltico.

    https://rueconomics.ru/480989-severnyi-potok-2-stremitelno-obkhodit-riski-sankcii-ssha
  4. Il commento è stato cancellato
  5. nikolai.shupenin Офлайн nikolai.shupenin
    nikolai.shupenin 29 November 2020 17: 06
    +1
    per questo esperto per sistemare le patate
  6. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 30 November 2020 01: 36
    +2
    L'azienda norvegese non certificherà l'attrezzatura. Ma è stato installato prima delle nuove sanzioni e, molto probabilmente, già certificato. All'inizio dell'anno, Gazprom ha dichiarato che non avrebbe annunciato e coperto la costruzione della JV 2. Proprio per non facilitare l'introduzione di nuove sanzioni. Ma i norvegesi hanno detto che avrebbero certificato il gasdotto. Questo lavoro non è soggetto a sanzioni.

    L'esperto ha anche spiegato che le sanzioni americane non vietano direttamente il completamento del gasdotto. Tuttavia, interferiscono con la certificazione e altri elementi critici che accompagnano la messa in servizio del gasdotto.

    Ma questi sono i problemi personali della Repubblica federale di Germania. Nord Stream 2 AG arriverà con un pacchetto completo di documenti al dipartimento competente del governo tedesco e chiederà di accettare JV 2.
    Se il governo rifiuta di accettarlo, ENGIE, OMV, Shell, Uniper e Wintershall Dea, e con loro, al mucchio, e Nord Stream 2 AG (cioè Gazprom) sabbieranno lo stato della Germania attraverso i tribunali in modo tale che il governo non trovi poco. Se il governo della RFT accetta la pipa, si occuperà lui stesso delle sanzioni statunitensi.
    Ma, in ogni caso, il tubo sarà già a terra.
    E la Germania deve affrontare una scelta difficile.