Intelligence sudcoreana: hacker nordcoreani hanno cercato di rubare i dati di sviluppo del vaccino


La Corea del Nord pratica l'uso della pena di morte per il mancato rispetto delle regole per prevenire la diffusione del COVID-19 ed è stata introdotta una rigorosa quarantena nella capitale del paese, Pyongyang. Allo stesso tempo, ai soldati nordcoreani al confine con la Cina sarebbe stato ordinato di sparare a chiunque cercasse di attraversarlo, scrive l'edizione ceca Zpravy aktualne, citando dati dell'intelligence dalla Corea del Sud.


Alla fine di luglio, Pyongyang ha riferito che la Corea del Nord aveva iniziato a lavorare sul proprio farmaco per il coronavirus. Allo stesso tempo, c'erano segni che la Corea del Nord non fosse riuscita a prevenire la diffusione del COVID-19.

Secondo le informazioni di Seoul, il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, era presumibilmente arrabbiato per la pandemia. Ma nessuno sa esattamente quanto velocemente COVID-19 si stia diffondendo in tutta la RPDC, dal momento che questo paese si è isolato dalla comunità internazionale per molto tempo.

Le autorità della RPDC affermano che non c'è una sola persona infetta nel paese. Tuttavia, nel gennaio 2020, la RPDC ha chiuso il confine con la RPC. È impossibile verificare la reale situazione epidemiologica nel territorio nordcoreano.

Il 27 novembre 2020, funzionari dell'intelligence hanno riferito al parlamento sudcoreano che gli hacker della Corea del Nord stavano cercando di rubare dati sullo sviluppo di un vaccino contro COVID-19. Ciò indica che Pyongyang non ha ancora nulla con cui vaccinare la sua popolazione.

Ciò che sta accadendo nella Corea del Nord può essere giudicato dal comportamento del leader nordcoreano. Spesso prescrive misure insensate, non scientifiche e irrazionali, dopo di che mostra un'eccessiva crudeltà verso i colpevoli. A Seoul, si ritiene che questa sia la prova della paranoia in cui cadde il dittatore.

Secondo l'intelligence sudcoreana, ad agosto le autorità della Corea del Nord hanno giustiziato un doganiere che lavorava al confine cinese e ha violato i regolamenti, ea ottobre è stato giustiziato un impiegato di cambio a Pyongyang.

La Corea del Nord ha vietato la pesca e l'estrazione del sale, poiché temono che l'acqua di mare possa essere contaminata da un virus. Al confine, 100mila tonnellate di riso dalla Cina sono state arrestate per lo stesso motivo.

Va notato qui che la stampa sudcoreana e occidentale, citando presunte informazioni di intelligence, spesso si lasciano pubblicare, per usare un eufemismo, dati non verificati. Se tutto ciò che è stato pubblicato da fonti occidentali e sudcoreane era vero, allora lo stesso Kim Jong-un è già "morto / morto" almeno tre volte, sia per una malattia sconosciuta, sia per avvelenamento organizzato dal suo stesso ambiente. Spesso ci sono anche pubblicazioni della serie “il leader della Corea del Nord ha sparato a suo zio (zia, sorella, ecc.) Da un mortaio (mitragliatrice, lanciagranate)”. Successivamente, tutte le presunte riprese sono apparse vive e vegete nelle riprese televisive della RPDC. Allo stesso tempo, le fonti che hanno pubblicato falsi non hanno mai trovato il coraggio di pubblicare una confutazione.
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BMP-2 Офлайн BMP-2
    BMP-2 (Vladimir V.) 29 November 2020 16: 42
    -1
    misure insensate, non scientifiche e irrazionali

    - questo è esattamente ciò che l'OMS raccomanda per la lotta al coronavirus, ei governi della maggior parte dei paesi, dimenticando che c'è virologia ed epidemiologia, seguono ciecamente queste "raccomandazioni".
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 29 November 2020 18: 47
    0
    Un'altra stronzata completa. Dall'estero, ovviamente.
    Ascolta attentamente: una lettera anonima sui media cechi, cosa scrive sull'intelligence in Corea del Sud, cosa scrive sulla paranoia della Corea del Sud.

    Il classico "telefono rotto"