Il Turkish Stream si è trasformato in un'altra sconfitta per Gazprom


Mentre l'attenzione di tutti è puntata sull'ennesima pausa forzata nella costruzione del gasdotto Nord Stream 2, i problemi con un altro progetto energetico domestico, Turkish Stream, sono temporaneamente passati in secondo piano nel flusso di informazioni. Tuttavia, la situazione in questa direzione, purtroppo, non è molto diversa dalla "grande costruzione" interrotta definitivamente nel Mar Baltico.


A una considerazione più attenta si può giungere alla conclusione che qui le cose vanno anche peggio. Perché? Proviamo a capirlo.

E il gas è ancora lì ...


Sono certo che tutti ricordino abbastanza bene i numerosi attriti sorti di recente tra Mosca e Sofia a causa dell'interruzione di quest'ultima di tutti i termini immaginabili e inconcepibili della posa del tratto bulgaro del gasdotto che collega la Turchia ai paesi dell'Europa meridionale e sud-orientale, dove la Russia "Carburante blu". Chiarirò: tutti i lavori sul territorio di questo paese avrebbero dovuto essere completati il ​​31 maggio di quest'anno. Tuttavia, molte cose, cioè, scusatemi, il gas c'è ancora ... Il primo ministro bulgaro Boyko Borisov, forse, ha fatto vergognare sia i fratelli Grimm che tutti gli altri famosi narratori della letteratura mondiale, inventando sempre più ragioni per le trincee incompiute che non sono state posate in tempo per i tubi e le fosse nel sito delle stazioni di compressione, che avrebbero dovuto pompare allegramente gas ai consumatori per lungo tempo. Il colpevole di tutto questo, secondo lui, sarebbero stati o la pandemia di coronavirus, a causa della quale non era possibile reclutare lavoratori all'estero (gli stessi bulgari, a quanto pare, si erano dimenticati di come si costruisce qualcosa), o gli archeologi, che vietavano la posa di condotte nelle zone in cui in la terra era presumibilmente un ricordo nascosto dell'antichità, quindi qualcos'altro ...

In effetti, era perfettamente chiaro a tutti che la vera ragione sta altrove. Borisov, che ha visitato Washington circa un anno fa, ha ricevuto lì "istruzioni" assolutamente chiare, inclusa la partecipazione a progetti energetici congiunti con la Russia. Alla Casa Bianca, ha promesso di "diversificare" e "ridurre la dipendenza del paese dalle forniture di Gazprom". Quindi, a quanto pare, sta rispettando queste promesse coscienziosamente, nonostante siano state effettivamente date all'ex presidente degli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, la stessa Bulgaria, nonostante il fatto che il suo ministro dell'Energia Temenzhuka Petkova, anche durante il viaggio americano, abbia minacciato di "dimezzare gli acquisti di gas russo", ha ricevuto abbastanza regolarmente "carburante blu" dall'inizio del 2020. Inoltre, è riuscita a "spremere" letteralmente uno sconto molto dignitoso su questo vettore energetico fuori Mosca, ricorrendo a ricatti elementari: "Non abbassare il prezzo, ci rivolgeremo alla Commissione europea con la richiesta di un'indagine antimonopolio". Insomma, difficilmente si può caratterizzare la cooperazione tra Mosca e Sofia nel campo degli approvvigionamenti energetici se non con la parola “fallimento”. Per il nostro paese, ovviamente ... Tuttavia, Gazprom aveva sincere speranze che prima o poi la parte bulgara avrebbe comunque adempiuto ai suoi obblighi: avrebbe completato la costruzione, lanciata e messa in funzione. Hanno pensato: "Dovremmo solo raggiungere la Serbia, ma lì sarà più facile - il gas andrà in Ungheria, Slovacchia, Balcani"! Abbiamo capito ...

Come si è saputo il giorno prima, i problemi riguardanti la continuazione del Turkish Stream sono iniziati con Gazprom ei suoi partner serbi. Per Dio, c'è la sensazione che ci sia una sorta di campionato tradito tra quei paesi che, diciamo, devono qualcosa alla Russia e sono forse i più "amici" con lei. (Lo stesso Borisov, nessuno tirava la lingua sul "fratello maggiore" che "perdona sempre".) Nello specifico, stiamo parlando del fatto che il presidente dell'Associazione serba del gas naturale Vojislav Vuletic ha detto: a proposito del lancio di gas lungo il percorso sopra indicato, previsto , prima della metà del prossimo anno e non ci possono essere dubbi! La Bulgaria, a quanto pare, è finalmente diventata una "tappa finale" per i vettori energetici russi. E per quanto tempo è già estremamente difficile da dire.

O forse abbiamo abbastanza "stream"?


E questo nonostante il fatto che l'inizio del transito del gas verso la Serbia e oltre fosse originariamente previsto per la prima metà di quest'anno. I bulgari hanno fallito. Tuttavia, il capo della società statale serba Serbiyagas, Dusan Bayatovic, ha sostenuto a novembre che il lavoro già eccessivamente prolungato sarebbe stato completato entro la fine del 2020. Non lo farò. Il motivo è semplice: la parte serba prevede di mettere in servizio la stazione di compressione necessaria per il pompaggio del "carburante blu" non prima di maggio 2021. Come mai? Dopotutto, lo stesso Bayatovic ha allegramente riferito che la joint venture di Serbiyagaz e Gazprom Gastrans aveva completato la posa di tutti i 403 chilometri di tubazioni necessari per garantire il funzionamento della sezione serba, già a dicembre dello scorso anno! In generale, questo segmento del "flusso turco" non tira in alcun modo la "costruzione del secolo" - "entrare" nel paese dalla Bulgaria nella città di Zajecar e spostarsi nel territorio ungherese a Khorgosh, secondo il progetto, doveva includere, oltre ai tubi, il nome sopra la lunghezza, una stazione di compressione e 4 unità di misurazione. Era davvero impossibile da gestire in un anno? Dimostrando una lentezza più che strana, Belgrado blocca il trasporto di oltre 3 miliardi di metri cubi di gas all'anno.

Tuttavia, il punto è che questi sono, in generale, i problemi della Russia. I serbi non rimarranno senza "carburante blu" - solo Gazprom dovrà rifornirlo utilizzando il GTS ucraino. Molti, ricordo, dissero che l'accordo di transito concluso tra Mosca e Kiev non era solo una schiavitù, ma anche una trappola per il futuro. Sembra che le loro cupe previsioni stiano iniziando a diventare realtà. Permettetemi di ricordarvi che, secondo i termini dell'accordo, nel 2020 la Russia paga "non in contanti" per pompare 65 miliardi di metri cubi di gas. A partire dal prossimo anno, il volume sarebbe dovuto scendere a 40 miliardi - e proprio grazie al lancio dei nostri "flussi", ma non ha funzionato ...

Ora, per qualsiasi volume aggiuntivo che passa attraverso i tubi ucraini, il nostro paese dovrà pagare un extra. Non c'è dubbio che Kiev, sfruttando questa opportunità, spingerà il prezzo oltre tutti i limiti possibili. Gazprom si troverà di fronte a una scelta non molto piacevole: interrompere le forniture e pagare multe, o soddisfare le condizioni predatorie della parte ucraina. Ed è bene che si limitino esclusivamente ai requisiti monetari. La situazione, di per sé abbastanza spiacevole, appare ancora più spiacevole alla luce delle recenti azioni della parte serba. Tale, ad esempio, come il rifiuto di partecipare agli esercizi "Slavic Brotherhood", che seguirono dopo il primo grido di Bruxelles, un forte aumento della cooperazione con gli Stati Uniti e simili. È del tutto possibile presumere che anche in questo caso la questione non sia affatto in alcuni problemi effettivamente sorti con la costruzione (soprattutto perché c'era tempo più che sufficiente per il suo completamento), ma nelle squadre ricevute da Belgrado - dall'UE, o dagli Usa. Non importa quanto sia amaro ammetterlo, la parte serba potrebbe benissimo dimostrare la sua lealtà ai "nuovi amici" in questo modo. Sì, infatti, tenendo conto di tutti i dettagli, è difficile trovare un'altra spiegazione. E se è così, allora il progetto Turkish Stream, in generale, può essere abbandonato.

Cosa ha guadagnato in realtà la Russia dalla sua attuazione? Consegne in Turchia? È una cosa strana: il volume del "carburante blu" russo acquistato da Ankara è sceso da 29 miliardi di metri cubi nel 2017 a 15.5 miliardi nel 2019. La situazione con la Bulgaria è descritta in dettaglio sopra: intende anche ridurre i consumi e allo stesso tempo estorcere sconti esorbitanti. Valeva la pena costruire un giardino? E i momenti sopra descritti sono lontani da tutto e nemmeno i problemi principali di Gazprom in direzione sud. Ce ne sono altri - e molto più seri.

Mentre bulgari e serbi descrivevano "attività burrascosa", infatti, un concorrente è entrato nelle fila del Turkish Stream, seppellendolo silenziosamente e screditandolo come tale. Il servizio stampa del consorzio TAP AG ha annunciato il mese scorso che il gasdotto Trans-Adriatico (TAP) non solo è tecnicamente completamente pronto per il lancio, ma già riempito di gas nel tratto dal confine greco-turco al terminal di ricezione situato nel sud Italia. C'era poco da fare: "il completamento dei preparativi per il lancio delle operazioni commerciali". Questo gasdotto, che ha una lunghezza di circa 880 chilometri, dovrebbe garantire la fornitura di inizialmente 10 miliardi di metri cubi di gas dall'Azerbaigian all'Europa con la prospettiva di raddoppiare questo volume.

C'è da dire che la realizzazione di questo progetto, i cui azionisti sono British BP, Azerbaijani Socar, Italian Snam, Belgian Fluxys, Spanish Enagás e Swiss Axpo, si è svolta senza quelle fastidiose esitazioni e ritardi che ostinatamente perseguono Turkish Stream, divenendo, inoltre, con ogni volta tutto è più irresistibile. Sembra che siamo stati ancora una volta battuti nella "corsa" del gas e sarà estremamente difficile fare qualcosa adesso. E cosa si può fare qui, a parte calcolare le inevitabili perdite?

Ma anche questo non è tutto. Saremo affollati non solo in Europa. Non molto tempo fa, il direttore generale di una società così seria come Saudi Aramco, Amin Nasser, ha detto della sua intenzione di "fornire" carburante blu "a uno dei suoi maggiori consumatori - la Cina. Questa è una prospettiva molto reale, che può avere conseguenze molto, molto spiacevoli per la Russia. Oggi, nonostante tutti gli sforzi fatti per questo, il nostro paese non si è trasformato nel suo principale fornitore per il Celeste Impero con il suo colossale livello di consumo di gas (più di 300 miliardi di metri cubi all'anno). Nel campo dell'approvvigionamento energetico tramite gasdotti nel mercato cinese, il Turkmenistan è davanti a noi. In termini di GNL, i primi sono gli australiani. Se anche l'Arabia Saudita è coinvolta con le sue riserve provate di 7 trilioni di metri cubi di "carburante blu" e una pessima abitudine di scaricare ...

Tenendo conto di tutto quanto sopra, nonché della volontà della stessa Unione Europea di massimizzare la propria "decarbonizzazione" economia e l'habitat, che inoltre non promette prospettive positive per le esportazioni nazionali di energia, varrebbe probabilmente la pena pensare nemmeno a dopodomani, ma letteralmente a quello che sta per accadere. Anche la sconfitta potrebbe non essere un fallimento, ma solo se ne trai le giuste conclusioni in tempo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 30 November 2020 12: 18
    +1
    Chiarirò: tutti i lavori sul territorio di questo paese avrebbero dovuto essere completati il ​​31 maggio di quest'anno. Tuttavia, un carico, cioè, mi scusi, il gas è ancora lì ...

    La costruzione del gasdotto Balkan Stream è effettivamente completata, la sezione bulgara del gasdotto è collegata a un gasdotto in Serbia. Lo ha riferito domenica alla TASS una fonte informata coinvolta nella costruzione del gasdotto.
    Il Balkan Stream è completato, è collegato a un gasdotto in Serbia, non ci sono eventi ufficiali in relazione al completamento del gasdotto a causa della pandemia di coronavirus, la cerimonia si svolgerà probabilmente più tardi ".

    https://tass.ru/ekonomika/9944053

    Come si è saputo il giorno prima, i problemi relativi alla continuazione del Turkish Stream sono iniziati con Gazprom ei suoi partner serbi.

    La Serbia ha negato le informazioni apparse sui media secondo cui l'inizio delle operazioni della sezione serba del gasdotto Turkish Stream è stato rinviato alla primavera del 2021. La costruzione di centrali di compressione lungo il percorso del gasdotto attraverso la Serbia non ritarda in alcun modo l'avvio del trasporto del gas, secondo alcune pubblicazioni. L'amministratore delegato di Srbijagas Dusan Bayatovic e il russo Gazprom lo hanno confermato al quotidiano Politics. “Il completamento della stazione di compressione è previsto per la primavera del 2021 - secondo il piano per la costruzione della parte serba del gasdotto. Ciò non può in alcun modo minacciare il lancio del Turkish Stream. Chiunque abbia pubblicato questa notizia dovrebbe sapere che la stazione di compressione non è correlata alla messa in servizio del gasdotto. Le stazioni di compressione dovrebbero essere completate quando la tubazione è completamente pronta. Pertanto, questa stazione, secondo il piano, in Serbia sarà completata entro il 2021, in Bulgaria - entro il 2022. Il completamento della sua costruzione non può in alcun modo compromettere i piani per il lancio di un gasdotto attraverso il quale il gas dalla Turchia attraverso la Bulgaria andrà in Serbia e successivamente in Ungheria. Inoltre, tutte le attrezzature per completare la costruzione della stazione di compressione si trovano in Serbia, quindi non ci sono ostacoli per completare i lavori entro la primavera, come previsto ", ha affermato Dusan Bayatovic.

    https://balkanist.ru/vse-idyot-po-planu-v-serbii-oprovergli-sluhi-o-zaderzhke-zapuska-turetskogo-potoka/

    Secondo me qualcuno si è "sbagliato" strizzò l'occhio Chi pensi? sorriso
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 30 November 2020 12: 20
    0
    E prima è stato scritto - che tutti questi flussi sono le grandi scoperte della Russia. Anche la Cina rappresenta una svolta.
    Abbiamo battuto tutti ...
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 30 November 2020 13: 22
    +4
    Ora, per qualsiasi volume aggiuntivo che passa attraverso i tubi ucraini, il nostro paese dovrà pagare un extra.

    - E non c'è bisogno di pompare volumi aggiuntivi! È ora di effettuare la gassificazione completa del nostro paese, dove con i tubi e dove con il GNL. È necessario assicurarsi che i prodotti di alta qualità fabbricati nella Federazione Russa diventino molto più economici di quelli fabbricati nell'UE. È meglio usare il gas russo nelle serre che pagare multe ai polacchi, ecc ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 1 dicembre 2020 08: 08
      -1
      Citazione: Bulanov
      - E non c'è bisogno di pompare volumi aggiuntivi! È ora di effettuare la gassificazione completa del nostro paese, dove con i tubi e dove con il GNL. È necessario assicurarsi che i prodotti di alta qualità fabbricati nella Federazione Russa diventino molto più economici di quelli fabbricati nell'UE. È meglio mettere il gas russo nelle serre che pagare multe ai polacchi, ecc.

      Parole d'oro
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 1 dicembre 2020 12: 15
      0
      È l'unico problema con il gas, ovunque lo lanci, c'è un cuneo ovunque nella Federazione Russa. Quindi non c'è nulla da sperare, per i vertici del potere, hanno i loro problemi e la ricchezza per quelli principali, solo promesse agli schiavi. e sempre insoddisfatto ...
  4. lavoratore dell'acciaio 30 November 2020 14: 04
    0
    Penso che il risultato dovrebbe essere giudicato dal risultato. Anche Nord Stream -2 e Power of Siberia erano felicissimi e, quando sono stati avvertiti, hanno detto che qualcuno non stava parlando di qualcosa. In questi casi, non puoi capirlo senza 0,5. Quindi ho sostenuto con un fan a marzo che SP-2 non sarà costruito entro la fine dell'anno. Quindi, penso che non discuterà più con me. Questo voglio dire che se il nostro governo pensasse di più alla sua gente, allora questi "flussi" sarebbero "al bulbo" per noi. E quindi so che più il governo vende, più alti sono i prezzi e più basso è lo stipendio!
  5. Forrest Gump Офлайн Forrest Gump
    Forrest Gump (Forrest Gump) 30 November 2020 15: 01
    +1
    Nella stessa Russia, anche nella regione di Mosca, un numero enorme di villaggi è ancora riscaldato con legna da ardere, il prezzo per l'approvvigionamento di gas è beffardamente inaccessibile, sebbene fosse più logico per Gazprom sovvenzionare la gassificazione dei residenti russi e delle piccole industrie, invece di svendere le sue risorse minerali per una miseria a nemici stranieri come una repubblica delle banane. In generale, un'immagine triste, vado a tagliare la legna
  6. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 30 November 2020 17: 13
    -1
    Il Turkish Stream si è trasformato in un'altra sconfitta per Gazprom

    - Cosa intendi ??????????????????????????
    - No ... beh, non voglio solo ricordare, esporre tutti i miei commenti su errori mostruosi, trappole mostruose in cui Gazprom (incoraggiato dalla nostra leadership) si è arrampicato volontariamente a causa della sua politica economica analfabeta, incompetente e poco professionale ... - Solo personalmente, lo sono Ne scrivo da due anni ormai ...
    - Tutto questo non riguarda solo il Turkish Stream; ma anche SP-2; così come tutti i "flussi" verso la Cina, che già esistono e che devono ancora essere costruiti con fondi russi (fondi di lavoratori e pensionati russi) ...
    - Molti "cambiati scarpe" ... - quelli che mi hanno dato svantaggi e hanno elogiato tutti questi flussi ... - ora hanno già cominciato a criticare tutti questi flussi ... - ecco cosa significa tenere il naso al vento ... - Hahah .. ...