Domanda sullo spratto: i pescatori del Baltico si trasferiscono in Russia


I ministri dell'agricoltura dell'UE hanno firmato un accordo in ottobre per ridurre la pesca di alcune specie ittiche nel Mar Baltico, una misura che incide notevolmente sul settore della pesca baltico. I pescatori della Lettonia in relazione ai divieti di cattura di diverse specie di pesci baltici sono stati autorizzati a distruggere alcune navi da pesca, per le quali è stato loro promesso un risarcimento.


Insoddisfatti di questo stato di cose, alcuni pescatori baltici stanno pensando di trasferirsi nelle regioni dell'estremo oriente della Russia, approfittando dei relativi programmi del governo russo.

Valdis Avotinsh è diventato uno di quelli che, in cerca di una vita migliore, ha deciso di trasferirsi in Russia. All'inizio voleva andare in Scozia o in Irlanda, ma dopo aver parlato con coloro che si erano trasferiti in questi paesi, ha cambiato i suoi piani e si è trasferito in Russia.

La Russia ha accolto molto bene sia me che i miei compagni, che una volta pescavano il merluzzo nel Baltico, ma a causa del crudele politica L'Unione Europea è stata costretta a tagliare le loro navi per rottame

- ha affermato il pescatore lettone in un'intervista all'agenzia "Sputnik Lettonia".

Secondo Avotins, lui ei suoi compagni hanno ricevuto un risarcimento dalle autorità dell'UE, ma questo non risolve il problema della mancanza di lavoro in Lettonia. Ritiene inoltre che parte della colpa di ciò che sta accadendo sia dei pescatori locali, che hanno distrutto selvaggiamente gli stock di merluzzo negli anni '90 e XNUMX.

Ora le autorità dell'UE stanno adottando misure per ripristinare le risorse ittiche: in ottobre i ministri competenti dei paesi baltici hanno firmato un accordo sui contingenti di cattura per alcuni tipi di pesce, principalmente merluzzo e aringhe. I pescatori dei paesi baltici soffrono delle misure adottate a Bruxelles: la "questione dello spratto" costringe molti di loro a trasferirsi nella vicina Russia.

La "guerra di sanzioni" con la Russia, che ha vietato l'importazione di cibo in scatola, principalmente spratto, dalla Lettonia e dall'Estonia nel maggio 2015, ha un effetto negativo anche sull'industria della pesca baltica. La decisione di vietare è stata presa in relazione a una serie di violazioni sistemiche - in particolare, in alcuni lotti di prodotti è stato trovato un pericoloso benzopirene cancerogeno.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 30 November 2020 12: 27
    -1
    Puoi digitalmente? quanti si sono mossi, quanti si muoveranno?

    Autorizzato a distruggere le navi? e prima in qualche modo, senza permesso poi?
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 30 November 2020 19: 35
    -2
    Ciao vicino, come stai? Sai tutto, sei stato ovunque ... Mi piacciono gli spratti affumicati, non guardo il produttore ...)))
    PS: qualcuno meno te, ti ha corretto ...
    1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
      Pete Mitchell (Pete Mitchell) 30 November 2020 22: 31
      0
      In realtà, l'articolo era in ritardo: molti iniziarono a trascinare la produzione indietro di un quarto di secolo. Chi non ha avuto tempo, non è stato fortunato ... dovrà andare in Estremo Oriente.