Cosa c'è dietro il desiderio della Russia di abbandonare la ISS


Le intenzioni annunciate da Roscosmos e dai rappresentanti del missile Energia e della società spaziale di abbandonare l'operazione della Stazione Spaziale Internazionale sono discusse oggi principalmente con economico e un punto di vista scientifico. Coloro che sollevano la questione se la prospettiva di creare da soli un certo analogo della ISS, senza coinvolgere alcun partner straniero, sia reale per il nostro paese, senza dubbio, ha ragione.


Tuttavia, parlando della fattibilità di programmi così complessi e costosi, non bisogna dimenticare che la loro attuazione potrebbe benissimo trasformarsi in una questione di sopravvivenza della Russia, nel senso più letterale della parola. Per capirlo, vale la pena toccare un aspetto leggermente diverso del nostro futuro spaziale: i militari.

Non si tratta solo di soldi


Come motivo principale del presunto ritiro del nostro Paese da questo progetto spaziale, lo stesso direttore generale dell'Energia, Vladimir Soloviev, esprime i costi "eccessivi" per esso. Allo stesso tempo, cita una cifra specifica di 10-15 miliardi di rubli, il che, ovviamente, è impressionante. In generale, la ISS è considerata un affare internazionale, tuttavia, gli Stati Uniti e la Russia sostengono sia la parte del leone dei costi che gli oneri principali del suo supporto tecnico. Allo stesso tempo, c'è, diciamo, un certo squilibrio: il numero di moduli ISS appartenenti al segmento americano è esattamente il doppio di quelli domestici (10 contro 5). In questo caso, la "giurisdizione" degli Stati Uniti include, ad esempio, il giapponese "Kibo" o "Columbus" - un modulo dell'Agenzia spaziale europea. Tuttavia, per capire quanta economia è effettivamente nella ISS, e quanto politica, dovresti assolutamente tornare al momento in cui è stato creato. In effetti, l'URSS aveva allora Mir in orbita - già molto "fuori servizio" dalla sua vita di servizio originale, ma ancora abbastanza efficiente.

Gli Stati Uniti non avevano nulla di paragonabile, solo ambizioni spaziali. Là, ricordo, avrebbero costruito una stazione orbitale "puramente americana" con un nome pretenzioso Freedom. Beh, non è del tutto "pulito" - volevano coinvolgere canadesi, europei e persino giapponesi nel progetto. Tuttavia, avendo calcolato i costi imminenti, Washington era inorridita. Inoltre, la mancanza di una reale esperienza degli americani in tali questioni ha reso possibile che anche somme completamente inimmaginabili sarebbero state sprecate. Fu allora che si ricordarono della Russia. Erano i primi anni '90, l'Unione Sovietica non esisteva più e il nostro Paese era "governato" dai più sinceri amici degli Stati Uniti. Perchè no?

Un ruolo enorme qui è stato svolto dal fatto che il modulo Zarya, costruito nel nostro paese, ma con denaro americano, è costato alla NASA quasi la metà di quanto se fosse stato creato negli stessi Stati Uniti ($ 250 milioni contro i 450 previsti). La stessa storia è successa con il "lancio" dei componenti della ISS nello spazio. Nel 1998, il nostro Proton-K ha lanciato in orbita Zarya al costo di $ 65 milioni. Il trasporto lungo la stessa rotta dell'Unità americana sulla navetta Endeavour era quasi dieci volte più costoso: l'evento è costato 570 milioni di dollari. Tuttavia, nel 1993, quando la questione della futura cooperazione spaziale con i russi fu discussa al Senato degli Stati Uniti, furono condotte le discussioni più accese al riguardo: il disegno di legge corrispondente fu approvato con un solo voto! Da allora, è chiaro che l'atteggiamento nei confronti del nostro paese, sia a Capitol Hill che alla Casa Bianca, è cambiato in modo abbastanza significativo - e tutt'altro che in meglio. È per questo che le prime conversazioni su un "divorzio spaziale" con gli americani risuonano da Dmitry Rogozin, che era allora vice primo ministro nel 2014, dopo che le sanzioni sono piovute sulla Russia per la riunificazione della Crimea con essa e "l'interferenza negli affari dell'Ucraina. ".

Se qualcuno si è dimenticato, il signor Rogozin ha anche minacciato di lasciare i "partner" senza componenti per motori a razzo e costringerli a utilizzare il famigerato trampolino ... Il trampolino non ha raggiunto - grazie a Elon Musk, sebbene, per quanto ne sappiamo, la NASA fino a poco tempo fa intendeva utilizzare i servizi "Roscosmos", come più economico, ma le relazioni tra i paesi per tutto questo tempo hanno continuato a deteriorarsi rapidamente. E ora, sembra che l'ISS, che è servito come uno dei simboli più importanti della cooperazione russo-americana iniziata dopo il crollo dell'URSS e la fine della Guerra Fredda, diventerà una delle vittime di questo deterioramento e dell'era imminente di un nuovo confronto tra le superpotenze. Adesso - e nello spazio.

Spazio: invece della cooperazione, il campo di battaglia


Vale la pena continuare a fare una "faccia buona" di fronte non solo a un "gioco" cattivo, ma molto brutto, continuando a collaborare con il paese facendo sempre più sforzi per "strangolare" l'industria spaziale nazionale in quanto tale? Non molto tempo fa si è saputo che nelle profondità dell'apparato statale statunitense era già maturata una bozza di un nuovo pacchetto di restrizioni, diretto sia contro la Cina che contro il nostro Paese. Nell'ambito delle prossime sanzioni, in particolare, dovrebbero rientrare circa 30 enti governativi nazionali, dipartimenti e aziende. Il colpo viene sferrato, prima di tutto, all'industria aeronautica e ad almeno due filiali di Roskosmos. Anche Rosatom non viene ignorato. Ebbene, dopo di che, che senso ha la "cooperazione" con tali "partner"?

Tuttavia, anche se la decisione di cui sopra (non è stata ancora adottata ufficialmente, ma, per quanto ne sappiamo, ha altissime possibilità di essere attuata), la questione di un'ulteriore "esplorazione dello spazio pacifico" congiunta con coloro che ci vedono oggi come un obiettivo # 1 sembra più che controverso. Soprattutto se si considera che lo spazio esterno sta cessando rapidamente di essere pacifico, e proprio su suggerimento degli americani. Permettetemi di ricordarvi che sono stati gli Stati Uniti durante la presidenza di Donald Trump a stimolare nettamente il processo di militarizzazione. La creazione nella struttura delle forze armate degli Stati Uniti non solo dello Space Command, ma di un nuovo (sesto consecutivo) ramo delle forze spaziali alla fine del 2019 non è stata affatto una dichiarazione vuota. Già il 21 ottobre di quest'anno è stato annunciato che il primo dei loro tre organi direttivi, lo Space Operations Command (SpOC), era entrato in servizio. Il suo quartier generale, guidato dal tenente generale Stephen Whiting, si trova a Peterson AFB in Colorado.

Questo quartier generale, come suggerisce il nome, è responsabile della pianificazione e del supporto delle operazioni di combattimento nello spazio vicino alla Terra. Successivamente in linea ci sono altri due comandi di campo. Uno sarà responsabile dello sviluppo, della produzione e della manutenzione in condizioni adeguate delle armi per le guerre spaziali, e l'altro - della formazione di specialisti appropriati per loro. Tutto è più che serio, come si vede. Inoltre, gli alleati degli Stati Uniti non staranno affatto lontani dalla corsa allo spazio militare, unendosi uno dopo l'altro. Gran Bretagna e Francia hanno già annunciato la creazione delle proprie forze spaziali. Allo stesso tempo, gli inglesi, con la loro caratteristica "modestia", dichiarano la loro intenzione di "diventare un leader globale nello spazio", specificando allo stesso tempo che vedono il loro compito principale "affrontare la Russia" anche al di fuori del nostro pianeta. I francesi non sono ancora desiderosi di diventare leader e parlano solo di una "strategia di difesa spaziale", ma allo stesso tempo non nascondono lo sviluppo accelerato di cose come i sistemi di armi orbitali e i laser da combattimento.

Inoltre, in una riunione online dei ministri della difesa della NATO il 22 ottobre di quest'anno, è stato deciso che l'Alleanza del Nord Atlantico avrebbe creato il proprio centro spaziale militare. Sarà situato presso la base aerea di Ramstein, dove oggi si trova il comando dell'Alliance Air Force. Ciò è coerente con la logica della strategia spaziale militare della NATO adottata lo scorso anno, in cui lo spazio near-earth è direttamente dichiarato la sua "sfera di attività operativa". La Russia, volente o nolente, dovrà agire nelle nuove realtà che ci vengono imposte. Altrimenti verremo semplicemente cacciati dallo spazio, scusa l'espressione. E nel senso letterale della parola.

Il Capo di Stato Maggiore della RAF, Air Chief Marshal Sir Mike Wigston, durante una conferenza sulla difesa spaziale tenutasi proprio la scorsa settimana, ha dichiarato senza mezzi termini che il futuro conflitto armato globale probabilmente "avrà origine sulla Terra", ma allo stesso tempo " molto rapidamente sarà trasferito nello spazio vicino alla Terra ". È lì, secondo il maresciallo, infatti, che "si deciderà il suo esito finale". Con cosa finiamo?

Purtroppo, la Russia semplicemente non ha i mezzi per continuare a impegnarsi nella ricerca pacifica, e nemmeno in un'azienda con il potenziale avversario più probabile, mentre allo stesso tempo costruisce il proprio potenziale di difesa nell'industria spaziale. L'ISS, ovviamente, è un peccato: dopotutto, non solo vi è stato investito del lavoro, ma si può dire, l'anima di diverse generazioni di scienziati, sviluppatori, tester e maestri di industrie high-tech. Tuttavia, la creazione di una propria stazione, di cui si sta già discutendo apertamente in Energia il "duplice scopo", sta diventando allo stato attuale uno dei temi prioritari della sicurezza nazionale, oltre a "ricordare" e attuare altri promettenti sviluppi. ... Tale, ad esempio, come dichiarato da "Roscosmos", creazione di un "rimorchiatore spaziale" sul nucleare.

È chiaro che né gli americani né gli europei dovrebbero essere autorizzati ad avvicinarsi a tali progetti in nessuna circostanza e per qualsiasi denaro. Compagni cinesi? Bene, questi non sono molto desiderosi di condividere i loro segreti con noi, sia i militari che tecnico... Tuttavia, è possibile almeno una cooperazione ad hoc tra Mosca e Pechino nell'industria spaziale. Almeno per il fatto che entrambi i nostri paesi vedono sia gli Stati Uniti che la NATO come i loro principali nemici in orbita. Con nostro grande rammarico, nonostante tutte le dichiarazioni proclamate per decenni e anni che non c'è posto per le armi e il confronto nello spazio vicino alla Terra, non sarà più pacifico. Non è colpa del nostro Paese, tuttavia, non possiamo nemmeno permetterci di ignorare questo fatto in base al principio "forse ce la farà". Se lo spazio è destinato a diventare una nuova arena di confronto tra Russia e Occidente, dobbiamo essere pienamente preparati.
29 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 1 dicembre 2020 11: 13
    +2
    Se nell'URSS il denaro veniva stanziato per lo spazio nella quantità richiesta, ora questo denaro viene stupidamente ritirato dal paese oltre il cordone. E lì la NASA e altri "astronauti" sono sponsorizzati con questi soldi. Se invece di portare soldi all'estero, andassero nello spazio russo, allora ci sarebbero meno problemi e migliori risultati! E la scienza russa non vuole più lavorare per un centesimo. Lo stipendio medio di un ricercatore in Russia è di 14 mila rubli - 200 dollari USA. Quanto guadagna un ricercatore negli Stati Uniti o in Cina?
    1. Dan Офлайн Dan
      Dan (Daniele) 1 dicembre 2020 12: 16
      +2
      Citazione: Bulanov
      Se invece di portare soldi all'estero, andassero nello spazio russo

      Sai cos'è il "ritiro di denaro dal paese"? Chi mostra? Su quali basi? Già abbastanza per portare sciocchezze e affrettarsi con frasi incomprensibili ...
      1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 1 dicembre 2020 12: 47
        -1
        cos'è il "ritiro di denaro dal paese".

        Quindi ascolta gli accademici S. Glazyev, Katasonov, M. Delyagin, lo proveranno sia con cifre che con fatti ... Puoi anche vederlo su Yu-tube ...
        1. Viktor_4 Офлайн Viktor_4
          Viktor_4 (Victor Alekseev) 1 dicembre 2020 16: 38
          -5
          Puoi ascoltare le nonne all'ingresso!
          1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
            Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 1 dicembre 2020 18: 08
            +2
            Se sono accademici, allora sì ...
        2. Dan Офлайн Dan
          Dan (Daniele) 2 dicembre 2020 06: 59
          +6
          Citazione: Vladimir Tuzakov
          Quindi ascolta gli accademici S. Glazyev, Katasonov, M. Delyagin

          Ascolta i teorici del parlatore? Non c'è più un'occupazione stupida. Se fosse stato illegale prelevare denaro all'estero, avrebbero aperto un caso. In effetti, una parte significativa di questa scoperta è rappresentata dal denaro ricevuto dagli investitori stranieri come ritorno sui propri investimenti. Tutte le economie del mondo si stanno sforzando di migliorare il clima per gli investimenti. Anche noi. Il ritiro di una parte del profitto da parte degli investitori è una conseguenza inevitabile di questa politica. Questo è del tutto normale.

          Citazione: Vladimir Tuzakov
          lo proveranno sia con i numeri che con i fatti ...

          Sarebbe meglio se lo dimostrassero ritirando in profitto le regioni sovvenzionate. E scuotere la lingua non è governare una casa. Lascia che dimostrino con fatti reali che le loro cifre e fatti valgono qualcosa.
          1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
            Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 2 dicembre 2020 15: 33
            -1
            Quando la politica dei regolatori finanziari statali (Banca centrale, Ministero delle finanze) si basa sul profitto del capitale straniero, principalmente speculativo, una tale politica è chiamata tradimento degli interessi nazionali. E i noodles ti scivoleranno via dalle orecchie se ascolti questi economisti con lauree scientifiche. Ma tu non ascolterai, sei un difensore del saccheggio della Russia ...
    2. shonsu Офлайн shonsu
      shonsu (Shonsu) 2 dicembre 2020 12: 21
      +5
      Smetti di chattare già. In particolare scrivi, chi, quando, dove e quanto ha portato.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 1 dicembre 2020 12: 21
    -2
    Cosa c'è dietro il desiderio della Russia di abbandonare la ISS

    - Fallimento completo e fallimento completo del "Cosmo russo" di oggi ...
    - E ... per dirla in modo più coerente e oggettivo ... poi il completo fallimento del governo oligarchico politico-economico in Russia ...
  3. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 1 dicembre 2020 13: 10
    -2
    Cari colleghi! Qualcuno può, responsabilmente, senza emozioni e mescolando "tudy-syudy", spiegare perché A TUTTI (non solo la Federazione Russa, ecc.) Una stazione orbitale permanente? Cosa viene studiato e / o prodotto su di esso che non può essere fatto da veicoli disabitati? Potrebbe essere meglio inviare denaro a nuovi programmi lunari e / o marziani, piuttosto che eseguire la scansione della stessa cosa dal 1971 (Salyut-1). Dal punto di vista dell'ottenimento di nuove conoscenze scientifiche, questo può essere molto più efficace.
    ps I cinesi hanno bisogno di una stazione del genere per il "prestigio" e l'affermazione di sé come "grande potenza spaziale". E il resto?
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 1 dicembre 2020 13: 53
      +4
      Le stazioni orbitali sono necessarie non solo per la Terra, ma anche per la Luna. E ci sono tantissime attività! Almeno il controllo remoto dei robot dall'orbita della Luna per costruire gli oggetti necessari a terra. E il lavoro di sopravvivenza nello spazio durante i lunghi voli verso Marte, per esempio?
    2. cmonman Офлайн cmonman
      cmonman (Garik Mokin) 2 dicembre 2020 00: 00
      -7
      Qualcuno può, responsabilmente, senza emozioni e mescolando "tudy-syudy", spiegare perché A TUTTI (non solo la Federazione Russa, ecc.) Una stazione orbitale permanente?

      Victor, le stazioni orbitali sono necessarie per il semplice motivo che l'assenza di gravità fornisce risultati sperimentali completamente diversi che sono impossibili sulla terra. Ma la tua domanda è il carro davanti ai buoi. Perché un cavallo è l'importo che un paese assegna per lo spazio pacifico. In Russia, lo spazio è ora finanziato alla maniera sovietica - un principio residuo. Ovunque, ma nello spazio - allora. La Russia ha iniziato a vivere entro i suoi mezzi, ad es. niente soldi per lo spazio. E devi abituarti.
      La Russia stessa non solleverà lo spazio - la Russia si è rifiutata “con orgoglio” di cooperare con gli Stati Uniti (sebbene potrebbe risparmiare denaro e ottenere accesso alle tecnologie), e la Russia non ha nulla da offrire alla Cina (la Cina è già avanti).
      Quindi non resta che convivere con i ricordi ...
      1. dilettante Офлайн dilettante
        dilettante (Victor) 2 dicembre 2020 06: 18
        0
        Le stazioni orbitali sono necessarie per il semplice motivo che l'assenza di gravità fornisce risultati sperimentali completamente diversi che sono impossibili sulla Terra.

        Quali esperimenti e quali risultati? NON CI SONO. Non lo sai neanche tu. Il tuo commento ancora una volta ti convince che allo stadio attuale della cosmonautica, le DOS (stazioni orbitali a lungo termine) nell'orbita terrestre non sono più necessarie. Non è per questo che hanno iniziato a trasportare turisti.
        1. Dan Офлайн Dan
          Dan (Daniele) 2 dicembre 2020 07: 09
          +1
          Citazione: laico
          Quali esperimenti e quali risultati? NON CI SONO.

          È sciocco cercare di raccontare a una talpa del cielo. Una persona nata per tradurre il cibo è incapace di pensare su larga scala. Lo spazio non è una bancarella di scarpe; una stazione spaziale è un laboratorio per la scienza fondamentale. Il fatto che il paese riceva da esso, dalla stazione, può essere sostenuto da una persona un po 'iniziata alla ricerca scientifica.
          1. dilettante Офлайн dilettante
            dilettante (Victor) 2 dicembre 2020 08: 30
            -1
            Dan (Daniel) Oggi, 07:09
            È sciocco cercare di raccontare a una talpa del cielo. Una persona nata per tradurre il cibo è incapace di pensare su larga scala. Lo spazio non è una bancarella di scarpe

            A volte, guardando dal portico al cortile e al laghetto, parlava di quanto sarebbe stato bello se improvvisamente si facesse un passaggio sotterraneo dalla casa o si costruisse un ponte di pietra sul laghetto, sul quale ci sarebbero stati negozi su entrambi i lati, e che mercanti e vendevano vari piccoli beni necessari ai contadini.
            (N.V. Gogol. Dead Souls)

            Quali esperimenti scientifici specifici sono stati condotti sulla ISS negli ultimi 3 anni?
            1. Il commento è stato cancellato
      2. 123 Офлайн 123
        123 (123) 3 dicembre 2020 01: 40
        +1
        La Russia ha iniziato a vivere entro i suoi mezzi, ad es. niente soldi per lo spazio. E devi abituarti.

        Sarebbe bello che imparassi anche questo. La prima volta sarà difficile, ma abituati, sarà utile sì

        Quindi non resta che convivere con i ricordi ...

        Vediamo quale dei tuoi candidati sopravviverà fino al nuovo mandato e cosa accadrà al programma lunare. Allora saremo intelligenti strizzò l'occhio
  4. Yuri Kharitonov Офлайн Yuri Kharitonov
    Yuri Kharitonov (Yuri Kharitonov) 1 dicembre 2020 17: 39
    -4
    La ISS è necessaria per supportare l'esterno dei produttori di razzi. Altrimenti kirdyk. Svanirà.
  5. Michael I Офлайн Michael I
    Michael I (Michele I) 2 dicembre 2020 22: 27
    -2
    Non capivo le affermazioni degli Stati Uniti sulle forze spaziali. Non è la Russia la prima a rinominare con orgoglio l'Air Force in Aerospace Forces?
  6. Ibuprofene Офлайн Ibuprofene
    Ibuprofene (Romano) 2 dicembre 2020 23: 51
    -1
    Oh, che peccato che tu non possa usare un linguaggio volgare! Quindi voglio parlare!
    Rogozin può essere lanciato nello spazio? Subito su Marte? O a Venere, ci voleva anche lui.
  7. Dmitry Donskoy Офлайн Dmitry Donskoy
    Dmitry Donskoy (Dmitry Donskoy) 3 dicembre 2020 08: 45
    0
    È fantastico ...
  8. Victor Abdyshev Офлайн Victor Abdyshev
    Victor Abdyshev (Victor Abdyshev) 4 dicembre 2020 00: 45
    +3
    La Russia ha bisogno di una propria stazione, non importa quanto difficile sia finanziariamente. Smetti di lanciare cosmonauti statunitensi nella stazione a buon mercato, aumenta il prezzo 3-5 volte, smetti di vendere motori a razzo e smetti di produrre parti in titanio per lo spazio e gli aerei per loro, inizia a caricare queste imprese con i loro ordini russi. Abbastanza per chiamare gli Stati Uniti e l'Occidente partner e amici, questi sono evidenti NEMICI, che non lo nascondono, perché la Russia ammorbidisce sempre le sue parole nella loro direzione. Dato che la Russia è POTENTE, lascia che siano i primi a porgere la mano per l'amicizia, e penseremo ancora se abbiamo bisogno della loro "AMICIZIA".
  9. Alexey Tekutov Офлайн Alexey Tekutov
    Alexey Tekutov (Alexey Tekutov) 4 dicembre 2020 01: 45
    0
    Hai rimosso il ladro dalla faccia rossa? Cosa dovrebbe fare ora la Russia con questa misera ISS? Affonda il tuo isolato nell'oceano pacifico. Il nuovo Rosnanovite dovrebbe essere incaricato di sviluppare e lanciare un nuovo modulo russo entro 2 anni. La Cina lo farà facilmente. Semplicemente, al costruttore verrà assegnata una condizione o un modulo o una vita. E AK spruzza cervelli molto brutti ...
  10. Anchonsha Офлайн Anchonsha
    Anchonsha (Anchonsha) 4 dicembre 2020 19: 58
    0
    È tutto chiaro che lo spazio è un affare costoso, ma è necessario per non restare senza occhi e pronte a mantenere la sicurezza per la Russia.
  11. Vassiliy Офлайн Vassiliy
    Vassiliy (vasily mantulenko) 4 dicembre 2020 21: 59
    +1
    Governatori e colonnelli rubano di più, dobbiamo prendere in prestito da loro una piccola percentuale e il nostro spazio prospererà.
  12. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 5 dicembre 2020 02: 27
    -3
    Ebbene, non ci sono ancora soldi, se si propone di sequestrare il budget militare ...
  13. Yurets Офлайн Yurets
    Yurets (Yury) 5 dicembre 2020 17: 07
    +1
    È ora di risolvere la questione delle tasse sul lusso e sui super profitti, altrimenti i nostri "partner" ci faranno a pezzi senza fondi per la scienza, per gli armamenti, per garantire una vita dignitosa ai russi, a volte con la forza, a volte con la corruzione dell'élite politica, gli scienziati! Ma tutto ciò che serve è la volontà politica ...
  14. misantropo Офлайн misantropo
    misantropo (misantropo) 6 dicembre 2020 08: 14
    0
    A causa di questa ISS, la Cina non cerca di cooperare con noi nello spazio. Annegato a tempo debito, per accontentare gli "amerikos" "Mir". Sarebbe meglio se lo dessero alla Cina.
  15. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 6 dicembre 2020 11: 08
    0
    Sì, è meglio smettere con questi partner noi stessi e non aspettare che venga chiesto loro di andarsene. Lascia che cerchino un altro taxi. Hanno la loro maschera da cocchiere.
  16. Andrey Savichev Офлайн Andrey Savichev
    Andrey Savichev (Andrey Savichev) 6 dicembre 2020 13: 45
    0
    Sostengo pienamente coloro che sono a favore della fine di qualsiasi cooperazione con gli americani e gli europei che sostengono le sanzioni americane contro la Russia nello spazio. La Russia ha la possibilità di avere successo nello spazio e trarne profitto!