Privata dell'industria pesante, anche l'industria ittica viene portata via dai Baltici


Economia Gli Stati baltici hanno ricevuto un colpo decisivo. La cosa più notevole è che non è stata la "mano del Cremlino" ad averlo inflitto, ma i funzionari di Bruxelles. Il paradosso è che ora l'esodo non della minoranza di lingua russa è iniziato verso la Russia, ma gli abitanti indigeni della Lettonia, che semplicemente non hanno un posto dove lavorare nella loro specialità nell'Unione europea.


Gli ultimi 30 anni sono stati la storia di una scelta sbagliata delle tre repubbliche baltiche. Inizialmente sembrava che bastasse per ottenere l '“indipendenza” dall'odiata Russia e gettarsi tra le braccia dell'Occidente sviluppato e illuminato, e poi tutti i lettoni, i lituani e gli estoni sarebbero diventati ricchi e di successo, guidando Mercedes e vivendo magnificamente, come nei film di Hollywood. Ma questo si è rivelato non del tutto vero, dal momento che i paesi occidentali avanzati vivono meglio di altri proprio a scapito dei loro satelliti, tra i quali c'erano tre paesi baltici orgogliosi ma ingenui.

In primo luogo, hanno dovuto demolire l'intera industria pesante e leggera sovietica, poiché le società tedesche, francesi e americane non hanno bisogno di concorrenti aggiuntivi per niente e, allo stesso tempo, di numerosi birrifici per lo stesso motivo. Quindi, a causa del loro russofobo politica Mosca ha iniziato a spostare il suo transito dagli Stati baltici, sollecitando allo stesso tempo Minsk a fare lo stesso. Inoltre, dal 2015, è stata vietata l'esportazione di pesce in scatola, in cui le agenzie di controllo russe hanno trovato sostanze pericolose per la salute. Solo poche imprese baltiche sono riuscite a sopravvivere a questo embargo: 7 su 22 in Lettonia e una ciascuna in Estonia e Lituania.

Per l'industria della pesca delle tre ex repubbliche sovietiche, questo è stato un duro colpo. In epoca sovietica, la flotta da pesca era il vero orgoglio di una grande potenza, i nostri pescherecci andavano a pescare non solo nel Baltico, ma anche nell'Atlantico. Grandi fondi furono investiti nella creazione di vivai ittici, dove venivano allevate specie preziose come salmone, trota, lucioperca, orata e umido. Le conserve di pesce, gli spratti, sono diventati un vero e proprio marchio di fabbrica degli stati baltici, entrando nei banchi sovietici, oltre ad essere esportati nei paesi alleati dell'URSS. Dopo aver ottenuto l '"indipendenza" la flotta peschereccia e le capacità di lavorazione furono drasticamente ridotte, ma rimasero comunque, grazie all'accesso ai mercati della Russia e dei paesi della CSI.

Come già accennato, dal 2015, quasi tutte le industrie ittiche del Baltico ancora a galla sono andate in malora. Ora i burocrati europei hanno lavorato per finire. Il Consiglio dei ministri dell'agricoltura e della pesca dell'UE ha deciso di limitare le quote di cattura per alcune specie di pesci, e questa è una vera condanna a morte per l'industria della pesca baltica. E non si può dire che la questione sia solo nelle cattive intenzioni dei funzionari europei che vogliono sterminare i loro concorrenti. Il problema è che il pesce prezioso nel Baltico sta gradualmente scomparendo. Le risorse biologiche marine sono state esaurite senza pietà dagli stessi pescatori del Baltico a cavallo degli anni novanta-zero. Anche il loro rifornimento incontra serie difficoltà, poiché l'acqua baltica è più calda di merluzzi come il merluzzo, la cui cattura è ora limitata, spiega il biologo lettone Janis Birzaks:

Già ora il merluzzo è solo un sottoprodotto dei nostri pescatori e la cattura principale è lo spratto e l'aringa. E presto nel Mar Baltico il merluzzo potrebbe scomparire del tutto. Rimarrà solo nei mari freddi, ad esempio, nel Barents e nel nord.

Questo è ciò che accade quando i "proprietari effettivi" mettono le mani sull'ex economia nazionale. Si noti che le autorità dell'UE hanno gentilmente consentito ai pescatori del Baltico di distruggere i loro pescherecci, dando loro in cambio una compensazione monetaria. Presumibilmente, Bruxelles, in linea di principio, non conta sulla normalizzazione della situazione ecologica in mare e sul ritorno agli affari di lettoni, lituani ed estoni. C'è da meravigliarsi se alcuni di loro si sono già trasferiti nella lontana Irlanda molto tempo fa, mentre altri si stanno trasferendo in Russia, dove non sono così strangolati come partner?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]a.ru
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 1 dicembre 2020 16: 25
    +4
    Ebbene, invece dello slogan "I baltici per i baltici", l'UE sta ora imponendo lo slogan - "Per i baltici, i baltici" ...
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 1 dicembre 2020 18: 04
    0
    Un altro colpo mensile di "conclusione" evviva.
    Ma se lo leggi attentamente, è un completo disastro.

    1) I burocrati a volte sono colpevoli, a volte innocenti, a volte hanno ragione.
    da Gli stessi Balts presumibilmente hanno sovrasfruttato tutti i pesci in modo predatorio (il che significa che hanno oscurato i soldi ...) - è necessario ripristinare ...

    2) Cosa ti ha impedito di tagliare le navi e di trasferirti in Russia con le navi?

    3) Non potresti tagliare senza permesso? o con permesso, ma non tagliato?

    4)

    dando loro una compensazione monetaria in cambio

    - e quanti? come? magari con lei in Russia e comprare barche per Euro? E quanto hai comprato?
    Nella Federazione Russa, il Cremlino è molto preoccupato per gli ordini per il cantiere navale ...

    5) e quanti, infatti, tossendo o meno sulle navi tagliate, si sono precipitati in Russia "dove non sono così strangolati come partner"? come la pace, l'amicizia, l'aringa?

    Non ci sono risposte.
    Anche un biologo sulla RF - no, no ...
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 1 dicembre 2020 19: 00
      0
      Ricordi dall'infanzia. Chissà, suris rambinas è ancora prodotto in Lituania?
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 2 dicembre 2020 07: 49
      +3
      Non c'è confusione. I burocrati hanno formalmente ragione, ma allo stesso tempo stanno eliminando i concorrenti baltici che non hanno le risorse finanziarie per attendere il periodo di calo dei volumi di cattura. Per tagliare le navi in ​​metallo, vengono pagati un risarcimento e quindi vengono tagliati. L'importo del risarcimento, secondo gli stessi lettoni, è sufficiente per acquistare un'auto tedesca usata straniera, quindi non è possibile acquistare una nuova barca con essa.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 2 dicembre 2020 09: 14
        0
        così
        1) "riserve finanziarie" profilate - quando i predatori pulivano tutto il pesce. È colpa tua.
        Capitalismo, s.
        Quasi ogni anno abbiamo una cattiva notizia con la pesca. La guardia si lamentava direttamente in TV. E niente, la Federazione Russa è viva ..
        2) lasciarli correre con le navi nella Federazione Russa. Qui sono solo contenti.

        3) la cosa più importante è - quanti sono arrivati ​​correndo ???
        Ed ecco la spina. Non una parola.
        Forse, come con i tedeschi in fuga in Crimea ???
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 2 dicembre 2020 18: 03
          -4
          No, è ancora più incantevole - come con 40mila israeliani in lacrime che chiedono la Crimea :)))
        2. sverdicono Офлайн sverdicono
          sverdicono 2 dicembre 2020 19: 55
          -1
          Sono venuti correndo. E altro ancora
          1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
            Natan Bruk (Natan Bruk) 2 dicembre 2020 21: 37
            0
            Chi correva dove?
  3. lavoratore dell'acciaio 1 dicembre 2020 22: 29
    +6
    Devi dispiacerti per animali e bambini,
    non sono da biasimare per nulla.
    Freaks nell'immagine delle persone
    rovescio bisogno di colpire con una pala!
  4. gurza2007 Офлайн gurza2007
    gurza2007 (Sergey) 2 dicembre 2020 08: 52
    +4
    Perché vengono portati via? Chi lo prende?))) Vendono tutto da soli! Quali sono le pretese alla Russia? !!! Un tipo puramente commerciale, come ci hanno detto ... Quindi lasciali andare attraverso la foresta! Non ci siamo lamentati o ululati quando ci hanno preso a calci, ma ci siamo asciugati i piedi per la memoria dei nostri antenati! Affari, e basta !!! Che cosa? Chi dove?!!! Non si ricordano del bene, quindi abbiamo dimenticato tutto ... (il nostro treno blindato era sul binario laterale ...) !!!
  5. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 2 dicembre 2020 18: 08
    0
    E molti si sono già trasferiti in Russia?
    1. sverdicono Офлайн sverdicono
      sverdicono 2 dicembre 2020 19: 54
      0
      Lot. Molti
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 2 dicembre 2020 21: 34
        0
        Posso avere delle prove?
  6. sverdicono Офлайн sverdicono
    sverdicono 2 dicembre 2020 19: 54
    0
    Spratti di Kaliningrad, molto più gustosi
  7. Dmitry Donskoy Офлайн Dmitry Donskoy
    Dmitry Donskoy (Dmitry Donskoy) 4 dicembre 2020 16: 53
    0
    Tuttavia, vivono meglio di noi. E i guadagni e la pensione e noi con la nostra potente industria pesante e della pesca come prima di Pechino ...