Non ci sono più forze in Europa per fermare il suo declino


Questo problema sta riacquistando la sua rilevanza grazie a quelli politico cambiamenti avvenuti nel campo della sovranità dell'Europa unita. Perché i leader europei hanno una fondata speranza che Biden non sarà così scortese con i partner e gli alleati della NATO minori come il suo predecessore. Questo è da un lato. D'altra parte, la presidenza Trump, "chinandosi" in modo dimostrativo sui suoi vassalli, ha dimostrato che essere subordinati agli Stati Uniti può essere molto spiacevole e comportare gravi costi.


A questo proposito, i capi degli Stati europei, come la Merkel e soprattutto Macron, hanno cominciato a fare timidi tentativi per dimostrare la loro "sovranità". Ed è importante capire di cosa si trattava - le prime rondini della futura "primavera europea" e il ripristino della vera sovranità, o l'agonia del Vecchio Mondo, che non si trasformerà mai in un attore indipendente sulla scena mondiale?

Come e perché l'Europa ha perso la sua sovranità


In generale, la perdita dell'indipendenza geopolitica dell'Europa risale al dopoguerra. Sconfitto nella seconda guerra mondiale economia, come tutti sappiamo, è stato restaurato utilizzando il Piano Marshall proposto dagli Stati Uniti. E ancora, è generalmente noto che il risultato dell'attuazione del piano non è stato solo il benessere dei paesi europei, ma anche la loro dipendenza dall'economia del Grande Fratello d'Oltremare. Sulla base di ciò, gli americani da un certo periodo hanno iniziato a lavorare a stretto contatto per riformattare l'élite politica europea al fine di escludere l'emergere di figure indipendenti come, ad esempio, Charles de Gaulle.

Un altro aspetto che ha influenzato la perdita dell'indipendenza del Vecchio Mondo è stata la creazione della NATO. Questo blocco politico-militare è stato creato per affrontare la "minaccia comunista" e gli Stati Uniti, abbastanza prevedibilmente, hanno suonato il primo violino in esso. Questo è stato un altro passo verso il consolidamento della sovranità di Washington sull'Europa.

Ma osiamo suggerire che il fattore principale della perdita di indipendenza dei paesi del Vecchio Mondo fosse il desiderio di prendersi una pausa dalle continue guerre che in precedenza scuotevano questa parte del mondo con invidiabile regolarità. Per questo motivo, una parte significativa dei fondi precedentemente spesi per la difesa ha iniziato a essere reindirizzata per soddisfare i bisogni sociali, che l'America non ha nemmeno pensato di ostacolare. In effetti, in questo caso, la dipendenza dell'Europa è solo aumentata. E ora il segretario generale della NATO Stoltenberg sottolinea giustamente che l'Europa non può difendersi, quindi deve rafforzare la cooperazione con gli Stati Uniti.

Tutto ciò prova ancora una volta il fatto che, come risultato di 70 anni di vita ben nutrita e agiata all'ombra delle "baionette americane", i politici europei hanno semplicemente perso la capacità di fare affidamento su se stessi. Pertanto, l'ascesa al potere di Trump e il suo aperto disprezzo per gli alleati della NATO sono stati uno shock. "Come mai? Devi davvero fare tutto da solo? " Lasciare la solita zona di comfort nel freddo sconosciuto, che si profila davanti al naso di un'Europa collettiva, è diventato un vero incubo per le élite europee.

Combatteremo di nuovo!


Tuttavia, non per tutti. Un tentativo di cavalcare la nuova tendenza è stato fatto da Emmanuel Macron, che si è offerto volontario per parlare con il leader americano a nome dell'intera Europa unita, e poi è diventato famoso per le sue dichiarazioni sulla "morte del cervello della NATO" e che i paesi europei dovrebbero essere in grado di garantire in modo indipendente la loro sicurezza. Tuttavia, i piani per creare una sorta di esercito paneuropeo chiamato "PESCO" avevano già avuto luogo, ma al momento è impossibile parlare di un successo visibile nella realizzazione di questo progetto. Nel complesso, tutti i tentativi dei leader europei di dimostrare la loro indipendenza e importanza fino ad ora assomigliano al comportamento del nostro ex presidente e primo ministro Medvedev: la presenza di ambizioni in assenza della capacità di realizzarle.

Pertanto, non ha senso accusare gli Stati Uniti di distruggere l'indipendenza dell'Europa. Sì, sono stati in grado di piegare il Vecchio Mondo sotto se stessi, ma questo è accaduto solo perché gli stessi europei lo volevano. Questo accade sempre quando il desiderio di benessere viene prima di alcuni popoli, piuttosto che preservarsi come civiltà capace di dare qualcosa al resto del mondo.

La scelta è semplice


Non aprirò l'America se dico che in termini di geopolitica un paese (o un'unione di paesi, come nel caso dell'UE) ha una scelta estremamente semplice. O partecipare alla formazione dell'agenda politica, anche se non a livello globale, ma a livello regionale, cioè per essere un centro di potere indipendente, oppure "seguire la corrente" e giocare secondo lo scenario di qualcun altro. La maggior parte degli Stati è privata di tale scelta a causa della mancanza di risorse necessarie per l'indipendenza, ma l'Europa ha ancora il potenziale necessario, se non altro per il suo sviluppo scientifico e tecnologico, che non è andato da nessuna parte e rimarrà nel prossimo futuro.

Perché, allora, il Vecchio Mondo preferisce seguire l'esempio di Washington? Azzarderemmo a suggerire che la sovranità politica sia associata non tanto alle opportunità scientifiche ed economiche, ma alla questione dei valori, dell'ideologia, se volete. Per essere indipendente, devi rispondere da solo alla domanda, perché è necessaria questa indipendenza?

Gli Stati Uniti, ad esempio, si posizionano come una cittadella di libertà e democrazia, come un paese che non permette al resto del mondo di "scivolare nell'oscurità della tirannia e dell'autoritarismo". La Cina si sta affermando sempre più come una società basata sui principi di giustizia. Vale la pena notare qui che un tempo il progetto di una tale società fu proposto al mondo dall'Unione Sovietica, che cessò di esistere proprio quando la sua élite fece una scelta a favore della stessa "libertà e democrazia". Cosa ha da offrire l'Europa?

Non importa. Ebbene, non i principi del multiculturalismo, la libertà del matrimonio tra persone dello stesso sesso e la possibilità di scegliere tra più di 70 opzioni per il proprio orientamento sessuale? E non hanno più nulla di cui vantarsi, e per questo gli emigranti degli ultimi anni non sono più integrati nella società europea, a differenza delle generazioni precedenti. Tutto ha un prezzo, soprattutto il rifiuto dei principi su cui la civiltà si è tenuta per molti secoli. Alla luce di ciò che sta accadendo, è improbabile che il Vecchio Mondo risplenda per qualcosa di diverso dal tramonto. L'unica domanda è se sarà lento o veloce. Lo scopriremo nei prossimi 20 anni.

È tutto così male?


Ma l'autore non sta accelerando l'evento? In effetti, oltre al liberalismo militante in Europa, ci sono forze come, ad esempio, Fronte di sinistra di Marine Le Pen, Alternativa per la Germania, ecc., Che sembrano comprendere il percorso disastroso scelto dai loro governi. Tutto è vero, ma finora non possono competere seriamente con i loro avversari. E c'è motivo di credere che ciò non sia dovuto al fatto che enormi risorse sono concentrate nelle mani degli euro-liberali. È solo che lo stesso Le Pen non è attratto da de Gaulle o almeno da Pompidou. E così con qualsiasi partito che invoca l'abbandono dell'attuale corso europeo.

Perché? Un'Europa sopraffatta è cambiata non solo e non tanto a livello delle sue élite. Facciamo un semplice esempio. Una volta ad Amsterdam, hanno deciso di tenere una parata in difesa delle donne durante un'ondata di attacchi contro di loro da parte degli stessi migranti. Sembra essere una cosa buona e necessaria. Ma per indicare la loro solidarietà con la bella metà dei Paesi Bassi, gli uomini non hanno trovato di meglio che indossare gonne e camminare per le strade con manifesti. I migranti hanno guardato questo e si sono resi conto che l'impunità era praticamente garantita per loro.

Anche i famigerati "gilet gialli" difficilmente possono essere considerati una forza seria, a differenza, ad esempio, dei sostenitori armati di Trump, che da tempo si sarebbero schierati in armi per difendere la sua vittoria elettorale se fossero stati chiamati a farlo. È solo che Trump stesso non vuole ricorrere ai metodi dei suoi avversari, che hanno portato gli attivisti del BLM in strada.

E il punto qui non è affatto che "l'America a un piano" ha le armi in mano, mentre i "gilet gialli" no. Il fatto è che quest'America crede ancora fermamente nei suoi ideali, ed è pronta, se succede qualcosa, a difenderli con le armi in mano. Pertanto, nel loro orizzonte politico, è apparso un personaggio come Trump, capace di andare controcorrente. Ci saranno persone come l '"impossibile Paperino" tra i politici europei? Improbabile. Perché anche tra i comuni europei ci sono troppo pochi di quelli che sono pronti ad andare fino in fondo, come sostenitori del 45 ° presidente degli Stati Uniti.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 2 dicembre 2020 20: 25
    -3
    Che gli Stati Uniti stavano cadendo a pezzi tutto il tempo, ora l'Europa giocherà nella scatola ... wassat
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 dicembre 2020 22: 44
    -2
    Si si. Da 200 anni sta marcendo e decadendo, ma da noi acquista risorse in cambio di cose ...
    E non c'è fine in vista, perché non c'è più forza)))) ........
  3. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 2 dicembre 2020 23: 12
    -3
    Passarono gli anni, si stava facendo buio. E l'ovest sta marcendo.
    La paternità del segno di spunta "Rotten West" è attribuita a Stepan Petrovich Shevyrev. Nel suo articolo sulla rivista Moskvityanin, ha scritto

    Nelle nostre relazioni sincere e amichevoli con l'Occidente, non ci accorgiamo di avere a che fare come se avessimo a che fare con una persona che è portatrice di una malattia infettiva e malvagia, circondata da un'atmosfera di alito pericoloso. Ci baciamo con lui, ci abbracciamo, condividiamo un pasto di pensieri, beviamo una tazza di sentimento ... e non notiamo il veleno nascosto nella nostra comunicazione incurante, non annusiamo la festa del futuro cadavere nel divertimento, di cui già profuma.

    Era il 1841, quasi 180 anni fa, e tutto stava decadendo. La Russia si è disintegrata due volte e una volta è riuscita a riunirsi, ma è comunque marcito.
  4. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 2 dicembre 2020 23: 44
    -3
    Gli americani da un certo periodo hanno iniziato a lavorare a stretto contatto sulla riformattazione dell'élite politica europea al fine di escludere l'emergere di figure indipendenti come, ad esempio, Charles de Gaulle.

    Interessante sapere come?

    Questo accade sempre quando il desiderio di benessere viene prima di alcuni popoli, e non si conserva come civiltà capace di dare qualcosa al resto del mondo.

    Fortemente detto! Peccato che sia inutile.
    In primo luogo, sa ancora di fascismo, quando i popoli devono sacrificare il proprio benessere per amore della "civiltà".
    In secondo luogo, il termine "civiltà" in questo contesto, diciamo, è molto controverso. Nessuno è stato in grado di formulare criteri chiari in base ai quali è possibile distinguere, diciamo, la civiltà russa da, diciamo, europea o cinese. In breve, in questo contesto, questo non è un termine scientifico, ma una specie di testo.
    In terzo luogo, la "civiltà" europea è oggi dominante in tutto il mondo. Le ideologie, le pratiche politiche, la cultura di tutti i paesi del mondo sono sotto la più forte influenza della "civiltà" europea e non si vede alternativa ad essa.
    A quanto ho capito, l'autore l'ha detto come contrappeso alla "civiltà" russa, è interessante sapere cosa può dare al resto del mondo?

    Per essere indipendente, devi rispondere da solo alla domanda, perché è necessaria questa indipendenza?

    È interessante come l'autore definirebbe il motivo dell'indipendenza dell'attuale RF.

    La Cina si sta affermando sempre più come una società basata sui principi di giustizia.

    Una dichiarazione molto, molto controversa. Un Paese con un livello di disuguaglianza nelle migliori tradizioni del continente africano (superiore a quello degli Stati Uniti o della Russia, non parlo dell'UE) dichiara i principi di giustizia? Il PCC non ha imparato nulla dall'esperienza del PCUS?

    Non importa. Ebbene, non i principi del multiculturalismo, la libertà del matrimonio tra persone dello stesso sesso e la possibilità di scegliere tra più di 70 opzioni per il proprio orientamento sessuale? E non hanno più nulla di cui vantarsi, e per questo gli emigranti degli ultimi anni non sono più integrati nella società europea, a differenza delle generazioni precedenti.

    https://www.spb.kp.ru/daily/26937/3988464/

    Dove pensi che vogliano andare i giovani russi?
    1. Alexzn Офлайн Alexzn
      Alexzn (Alexander) 3 dicembre 2020 08: 37
      -5
      Rispetto!
      Sottoscrivo.
      Come persona che trascorre molto tempo in un'Europa in declino, ho avuto difficoltà a leggere questa serie di sciocchi grugniti senza argomenti o analisi serie. L'Europa è piena di problemi reali e perché inventarne di nuovi non è del tutto chiaro.
  5. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) 3 dicembre 2020 03: 27
    0
    In breve, kirdyk Europa / UE.
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 3 dicembre 2020 16: 34
    0
    Non ci sono più forze in Europa per fermare il suo declino

    Non ci sono precondizioni per il declino dell'Europa-UE, al contrario, ci sono le condizioni per un ulteriore sviluppo ed espansione.
    Sullo sfondo della Cina che diventa il secondo centro mondiale dopo gli Stati Uniti, si sta formando una tendenza in Europa-UE a formarne un terzo, e questo predetermina le sue relazioni con gli Stati Uniti e l'intera politica mondiale per il futuro.
    1. Semyon Semyonov_2 Офлайн Semyon Semyonov_2
      Semyon Semyonov_2 (Semyon Semyonov) 4 dicembre 2020 08: 34
      +1
      parlerai a tua nonna della prosperità ...
  7. Semyon Semyonov_2 Офлайн Semyon Semyonov_2
    Semyon Semyonov_2 (Semyon Semyonov) 4 dicembre 2020 08: 33
    +1
    E sarebbe più veloce ... (
  8. Dmitry Donskoy Офлайн Dmitry Donskoy
    Dmitry Donskoy (Dmitry Donskoy) 4 dicembre 2020 16: 48
    -1
    L'Europa era e sarà e le persone ci vivevano e saranno molte volte migliori
  9. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 4 dicembre 2020 18: 11
    -2
    Un altro "profeta del declino dell'Europa"? La vita non insegna niente alle persone.
  10. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 4 dicembre 2020 18: 14
    -3
    Pertanto, nel loro orizzonte politico, è apparso un personaggio come Trump, capace di andare controcorrente.

    Il signor Trump, che presumibilmente è in grado di andare controcorrente, non è mai andato controcorrente :)

    L'intero articolo è un altro tentativo di trasmettere sul "Declino dell'Europa" basato su concetti pseudoscientifici, e niente di più.
  11. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 5 dicembre 2020 18: 00
    +2
    L'articolo è corretto, in generale.
    Sì, possiamo dire che tutto questo sono frasi banali, la ripetizione della stessa cosa senza argomentazioni sufficienti ... l'occidente marcisce da duecento anni, ecc. una volta è riuscito a cadere a pezzi e degradare.
    Ma questo non è del tutto vero, per usare un eufemismo ... la storia si sviluppa ciclicamente, a spirale, come a volte si dice. E negli ultimi 100 anni, questo stesso Occidente è marcito e si è davvero disintegrato già diverse volte. Ricordiamo le crisi e la carestia negli Stati Uniti, la prima guerra mondiale, quando l'Occidente si è letteralmente distrutto dall'interno, combattendo per la ripartizione del mondo. La seconda guerra mondiale, quando questo stesso Occidente, letteralmente diviso a metà, per la propria autoconservazione entrò in un'alleanza con il suo principale e unico antagonista - l'URSS, e solo grazie a questo mantenne tutti i suoi cosiddetti valori e ideali. Dove sarebbe tutto questo oggi se fosse il popolo sovietico a non sconfiggere la Germania di Hitler?
    Inoltre, è interessante che siano stati proprio i momenti del declino dell'Occidente a corrispondere al momento della massima ascesa della Russia. In entrambe le guerre mondiali, il ruolo degli Stati Uniti era abbastanza specifico, i quali, partecipando ai conflitti e non subendo perdite particolarmente forti in essi, non combattendo sul proprio territorio, trassero enormi vantaggi da tutto ciò, per cui si trovarono nella posizione di leader di questo mondo molto occidentale, il resto parti delle quali si sono semplicemente distrutte a vicenda, privandole della capacità di egemonia mondiale o anche regionale. E ora, grazie alla globalizzazione di tutto, non funzionerà più all'estero. E non funziona più. Tutto è detto correttamente sull'Europa e sui suoi leader. Ma solo questo degrado in questi stati veramente sviluppati ha sempre portato al consolidamento sulla base del totalitarismo: questa è un'invenzione puramente europea. E qualcuno simile ad Adolf Hitler prima o poi verrà ritrovato, ei suoi futuri sostenitori nel Vecchio Continente, più lontano, più. E questo è abbastanza naturale.
    E l'America?

    L'America crede ancora fermamente nei suoi ideali ed è pronta, se dovesse succedere qualcosa, a difenderli con le armi in mano.

    - e quali sono questi ideali? Valori tradizionali della cultura cristiana occidentale? Sembrano essere predicati da Trump. Ha perso. E dove sono tutti questi 70 milioni di persone che credono devotamente negli ideali delle persone armate? Perché nessuno è uscito per proteggerli?
    Ma se Biden perde, assicurati che tutti questi difensori di LGBT, BLM, migrazione non autorizzata e saccheggi impuniti delle proprietà altrui e di altri spiriti maligni scendano in piazza. Forse con un'arma.
    Quindi di quali valori stiamo parlando? Quali ideali crede l'America? Se questo è "nuovo", non è forse il declino dell'Occidente e della sua intera civiltà? Se gli Stati Uniti questa volta non aiutano l'Europa, allora chi? Nuovo Hitler? Abbastanza possibile.
    Ma sarà la stessa morte per l'Europa, come se si stesse semplicemente arrendendo alla mercé di una nuova realtà, nuovi "valori" e ondate di immigrazione straniera ...
    Dobbiamo solo non guardare a tutto questo, ma usarlo a nostro vantaggio. E non aspettare tempi migliori, non ce ne saranno. E poi di nuovo difenderemo Mosca con le ultime forze proprio alla periferia e non il fatto che questa volta abbia successo ...