L'adesione della Georgia alla NATO è la risposta di Mosca al successo in Nagorno-Karabakh


Non molto tempo fa si è saputo che dopo molti anni di esitazione e di battibecchi presso la sede dell'Alleanza del Nord Atlantico, è stato raggiunto un consenso finale sulla questione dell'ammissione della Georgia ad essa. I sogni di Tbilisi di entrare a far parte di questo blocco militare potrebbero diventare realtà molto prima di quanto pensassero gli scettici.


Perché questa decisione è stata presa in questo momento e quali minacce specifiche pone la sua attuazione al nostro paese?

La risposta di Mosca al successo in Nagorno-Karabakh


Secondo fonti attendibili, i nord atlantisti sono giunti alla conclusione che "tecnicamente" la Georgia potrebbe ricevere il tanto atteso Piano d'azione per l'adesione (MAP) dall'Alleanza in un futuro molto prossimo - "quasi domani". Inoltre, secondo molti esperti della NATO, il paese ha già soddisfatto quasi tutti i punti proposti di questo documento, che, di fatto, gli apre la porta per entrare nell'organizzazione come partecipante a tutti gli effetti. L'unico ostacolo, secondo i timori dei più cauti esperti, potrebbe essere l'obiezione di uno qualsiasi degli attuali membri dell'Alleanza, fatta per ragioni puramente politiche. Un esempio è la posizione dell'Ungheria, che ostinatamente "silura" la cooperazione con la NATO dell'Ucraina a causa del conflitto tra questi due paesi.

Tuttavia, per la parte georgiana, qualcosa del genere è improbabile: in primo luogo, al momento, Tbilisi non ha seri problemi nei rapporti con nessuno dei membri delle forze armatepolitico un blocco di Stati e, in secondo luogo, il corso "Nord Atlantico" di questo paese è fortemente sostenuto sia a Washington che, di fatto, nella stessa Bruxelles. È abbastanza ovvio che il "postcombustore" in questo numero sia stato causato da nient'altro che dall'esito del conflitto in Nagorno-Karabakh, che si è rivelato una sorpresa piuttosto spiacevole per gli strateghi dell'Alleanza. Come mai la stessa Mosca, senza l'intervento della "comunità mondiale", è riuscita a fermare l'escalation delle ostilità (e al suo apice), ottenendo allo stesso tempo indubbi vantaggi geopolitici? Senza sparare un solo colpo, tra l'altro ... Inoltre, la "parte lesa", che ha infranto anche non tutti i piani, ma una parte significativa di essi, si è rivelato quindi uno stato che fa parte della NATO.

Dovrebbe essere chiaro che la Turchia nell'Alleanza è considerata, per usare un eufemismo, non il membro più disciplinato, arrendevole e negoziabile, ma è decisamente “sua”. A differenza della Russia ... Inoltre, è considerata l'esercito più efficiente della sua regione. E all'improvviso - si è arresa davanti alla Russia, permettendole di fermare l'offensiva vittoriosa di uno dei più stretti alleati di Ankara con un formidabile grido. No, quindi assolutamente non va bene! L'Alleanza del Nord Atlantico non ha assolutamente alcuna intenzione di consentire un ulteriore rafforzamento delle posizioni del nostro paese nella regione Caucaso-Mar Nero, e il suo Segretario generale Jens Stoltenberg lo dichiara direttamente e completamente apertamente. A suo avviso, il nostro Paese non ha fermato il sanguinoso conflitto in Nagorno-Karabakh, ma "ha rafforzato la sua presenza militare". E in generale, come è convinto il Segretario generale, "Mosca sta espandendo in modo sempre più aggressivo la sua attività militaristica nel mondo".

Ebbene, è inutile cercare la logica qui, quindi passiamo subito alle conseguenze di un ragionamento così peculiare del signor Stoltenberg. Letteralmente oggi, 2 dicembre, si terrà una riunione online dei ministri degli esteri della NATO, alla quale saranno presenti come "star invitate" i ministri degli esteri della Georgia e dell'Ucraina. L'agenda dell'evento è abbastanza prevedibile: "l'opposizione della Russia nella regione del Mar Nero e il rafforzamento della presenza militare dell'Alleanza in questa regione strategicamente importante per essa". È già chiaro che Bruxelles intende assegnare un ruolo speciale a Kiev e Tbilisi. Tuttavia, la "direzione georgiana" sembra all'Alleanza una priorità - e questo porta a pensieri molto specifici sui piani immediati della sua leadership.

E l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale?


La cooperazione con l'Alleanza del Nord Atlantico Georgia, come la maggior parte dei paesi dello "spazio post-sovietico", è iniziata quasi dal momento in cui ha lasciato l'URSS. "Partenariato per la Pace", assistenza al contingente internazionale di ISAF in Afghanistan - tutti hanno vissuto questo, e la Russia, a proposito, non fa eccezione. Tuttavia, le vere "aspirazioni euro-atlantiche" hanno attanagliato Tbilisi dopo l'attuazione della "rivoluzione colorata" e l'arrivo al potere di Mikhail Saakashvili. Nel 2006, il parlamento georgiano ha votato a favore dell'adesione alla NATO e, secondo un referendum tenutosi due anni dopo, questa idea è stata sostenuta da almeno il 77% della popolazione. Inoltre: nel febbraio 2008, Saakashvili ha inviato una richiesta ufficiale a Bruxelles per aderire all'Alleanza. Al vertice di aprile di questa organizzazione a Bucarest, ai rappresentanti della Georgia e dell'Ucraina è stato dato un deciso "via libera" ad aderire al blocco (nonostante tutte le precedenti promesse di una sua "non espansione a est"). E già nell'agosto dello stesso anno, Tbilisi scatenò una guerra nel Caucaso, nella quale dovette intervenire la Russia. Tutte le speranze di una "solidarietà euro-atlantica" (così come gli sforzi degli istruttori transcordiani che hanno instancabilmente addestrato guerrieri georgiani negli anni precedenti) sono andate in fumo e polvere.

L'allora segretario generale dell'Alleanza, Jaap de Hoop Scheffer, riuscì solo ad alzare le spalle e lamentarsi che l'organizzazione da lui guidata "non ha mandato" per "l'azione diretta nel Caucaso" contro le truppe russe. Comunque sia, ma le conclusioni di tutto ciò che è accaduto in Georgia sono state tratte piuttosto peculiari: hanno deciso di espandere e approfondire la cooperazione con la NATO, come si suol dire. Gli esercizi Agile Spirit e Noble Partner insieme ai suoi militari si svolgono ogni anno nel paese. Dal 2015 vi opera il Centro comune di formazione e valutazione NATO-Georgia ed è stata costituita una brigata multinazionale con lo stesso nome.

Fondamentalmente, l'unica cosa che manca a Tbilisi è l'appartenenza formale all'Alleanza. Non è un segreto per nessuno che il principale ostacolo per ottenerlo in tutti questi anni sia stata l'esistenza di "repubbliche non riconosciute" - Abkhazia e Ossezia meridionale. Questo è il principio dell'organizzazione: non ammettere categoricamente nei loro ranghi paesi con problemi territoriali irrisolti. Allo stesso tempo, la leadership dell'Alleanza e, in particolare, Jens Stoltenberg ha più volte affermato che le repubbliche "piccole ma orgogliose" di cui sopra non sono stati indipendenti, ma parte integrante della Georgia. Cosa è cambiato adesso? La posizione di Tbilisi, dove hai deciso di non essere più ostinato e "lasciare andare in pace" le regioni "ribelli"? Niente del genere - l'ennesima dichiarazione estremamente dura fatta dal Ministero degli Esteri georgiano proprio la scorsa settimana ne è la prova.

Il ministero degli Esteri di Tbilisi continua a ribadire l '"annessione russa dei territori georgiani" e va in rovina sulle decisioni prese nella riunione del 12 novembre del capo dell'Abkhazia, Aslan Bzhania, e del presidente russo Vladimir Putin. Là ancora chiedono che usciamo dal Caucaso e che restituiamo Abkhazi e osseti "alla mercé" della Georgia. Di conseguenza, rimangono due opzioni: o la NATO sceglierà la cosiddetta "opzione tedesca", quando la RFT, divenendone membro, si è ufficialmente rifiutata di applicare il famoso articolo 5 della Carta dell'Alleanza rispetto alla DDR, oppure ... o la Georgia sta ancora covando piani per un "energico" il ritorno dei "territori occupati temporaneamente", ma che ora coincidono pienamente con le intenzioni dei nordatlantisti, pronti ad affrontare ad ogni costo la Russia nel Caucaso e nella regione del Mar Nero. Questa è l'opzione peggiore, anche se non più probabile, di cui la Russia deve tenere conto.

Un momento estremamente importante che contribuisce al fatto che la Georgia potrebbe effettivamente diventare presto un membro della NATO è il suo supporto nettamente aumentato da parte del principale membro dell'Alleanza, gli Stati Uniti. Il segretario di Stato americano Mike Pompeo, che ha visitato Tbilisi il 18 novembre di quest'anno, ha affermato che il suo Paese "farà tutto il possibile per attuare le aspirazioni euro-atlantiche" della parte georgiana. A sua volta, il primo ministro della Georgia Giorgi Gakharia, che lo ha incontrato, ha sottolineato che Tbilisi ripone grandi speranze nel "rafforzamento della rappresentanza e della presenza militare degli Stati Uniti nella regione". Secondo me tutto è estremamente specifico e chiaro. A questo si aggiungono solo le parole dell'ex comandante delle forze di terra statunitensi in Europa, il tenente generale Ben Hodges, che ha recentemente annunciato un intero "programma" di espansione americana nel Caucaso. Secondo questo guerriero in pensione, ma chiaramente non in pensione, è vitale per Washington "costruire relazioni nuove e molto più forti non solo con l'Azerbaigian, ma anche con l'Armenia", oltre che, dimenticando le differenze, "per rafforzare l'alleanza di lunga data con la Turchia". Questo è così che la Russia in questa regione non respira così liberamente ...

Per quanto riguarda la Georgia stessa, il generale chiede un aumento del contingente militare statunitense lì, principalmente l'Air Force e la Marina. Per questo, secondo Hodges, vale addirittura la pena "investire" nella creazione di nuove strutture infrastrutturali per ospitare gruppi aeronautici e navali rinforzati. Cosa puoi dire qui? È uno scenario del tutto intelligibile per la creazione di un altro trampolino di lancio ai confini del nostro Paese per colpirlo. Con molta competenza ...

A proposito, il signor Hodges conclude le sue stesse conclusioni con le parole che Tbilisi dovrebbe "inviare un invito alla NATO" nemmeno nel prossimo futuro, ma decisamente "immediatamente". Se consideriamo che i rappresentanti chiave della nuova amministrazione, che riceveranno pieni poteri a Washington all'inizio del prossimo anno, hanno già dichiarato il loro desiderio di "restituire il ruolo chiave degli Stati Uniti nell'Alleanza del Nord Atlantico", allora le rivelazioni di Jens Stoltenberg diventano molto più comprensibili. E anche più sinistro. In effetti, di fatto, l'ammissione della Georgia alla NATO segnerà senza ambiguità l'inizio di una nuova fase nel confronto di questo blocco politico-militare con la Russia.

Inoltre, il confronto è molto più aperto, duro e aggressivo di prima. Nonostante tutti gli sforzi compiuti da Mosca per risolvere la situazione nel Caucaso, in questo caso, oltre alle minacce in direzione europea e ucraina, sorgeranno inevitabilmente nuovi problemi anche in questa regione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
29 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 2 dicembre 2020 11: 10
    +2
    L'Alleanza del Nord Atlantico ha raggiunto un consenso finale sulla questione dell'ammissione della Georgia ad essa.

    Ma che dire della regola principale della NATO di non ammettere paesi che hanno controversie territoriali? O la Georgia ha abbandonato l'Ossezia del Sud e l'Abkhazia?
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 2 dicembre 2020 12: 16
      0
      Un gentiluomo segue sempre le regole. Se un gentiluomo non è più soddisfatto delle regole, cambia le regole.
      Oppure "se non puoi, ma lo vuoi veramente, allora puoi".
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 2 dicembre 2020 11: 19
    +3
    L'ingresso di Ucraina, Moldova, Georgia, Armenia, Azerbaigian non ha nulla a che fare con la missione russa di mantenimento della pace in Nagorno-Karabakh. Il loro ingresso nella NATO è stato predeterminato sin dall'inizio, e l'ingresso nell'UE - dal piano di partenariato orientale, e l'UE e la NATO sono indissolubilmente legate, e l'ingresso in un'organizzazione predetermina l'appartenenza a un'altra.
  3. 123 Online 123
    123 (123) 2 dicembre 2020 12: 29
    +1
    Alcune ipotesi e ipotesi basate su fonti "affidabili". Perché la NATO ne ha bisogno? Le truppe americane possono comunque essere di stanza lì, e non solo. Perché trasmettere questa zavorra intorno al collo? Churchkhela manca a Bruxelles?
  4. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 2 dicembre 2020 12: 52
    0
    Secondo da fonti attendibili, I signori nordatlantici sono giunti alla conclusione che "tecnicamente" la Georgia può ricevere dall'Alleanza il tanto atteso Piano d'azione per l'adesione (MAP) in un futuro molto prossimo - "quasi domani".

    Questa "fonte credibile" non è casuale

    Lo ha affermato l'ex comandante delle truppe americane in Europa, il generale Ben Hodges, durante una conversazione online con analisti georgiani dell'organizzazione Geocase. Una registrazione della conversazione è stata pubblicata sul sito web di questo think tank.

    Un generale in pensione, in una conversazione con l'opposizione perdente, non può dire niente del genere.
  5. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 2 dicembre 2020 12: 58
    0
    Citazione: Jacques Sekavar
    l'adesione a un'organizzazione predetermina l'appartenenza a un'altra

    Non mi sono accorto che gli USA sono entrati nell'UE ... non vedo lì il secondo esercito dell'alleanza: la Turchia.
    Cipro, Malta, Svezia, Finlandia, Irlanda, Austria sembrano non essere membri della NATO ...
    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 2 dicembre 2020 18: 27
      +3
      Non mi sono accorto che gli USA sono entrati nell'UE ... non vedo lì il secondo esercito dell'alleanza: la Turchia.
      Cipro, Malta, Svezia, Finlandia, Irlanda, Austria sembrano non essere membri della NATO ...

      Cipro è motivo di contesa tra i membri della NATO, la Turchia e la Grecia
      Malta - è interessante solo per la geografia e lo zero assoluto nell'aumentare il potenziale militare.
      Svezia e Finlandia fanno parte del cosiddetto. L '"Unione scandinava", insieme alla Norvegia, è un membro della NATO, e di fatto ne sono affiliati, aumentando il potenziale industriale e le capacità di mobilitazione di 1 milione di combattenti, il che è molto.
      L'Austria ha un trattato con l'UE, che è inestricabilmente legata politicamente ed economicamente alla NATO, e non è un membro formale della NATO solo perché è una formalità, lo status neutrale prevale.
      Il ruolo guida degli Stati Uniti nell'UE non è notato solo dai ciechi, perché l'UE è infatti un protettorato degli Stati Uniti, e la Gran Bretagna è infatti il ​​51 ° stato degli Stati Uniti e "sorvegliante" nell'UE.
      Il desiderio delle multinazionali europee di uscire dalla dipendenza dagli Stati Uniti e la prontezza a lottare per la redistribuzione delle sfere di influenza mondiali è indicato dal potenziale economico superiore a quello degli Stati Uniti, dalla presenza dell'intera infrastruttura economica - la BCE, le borse, le agenzie di rating, i legami storici con le ex colonie, i discorsi sulla creazione di un esercito europeo e il complesso militare-industriale, molti altri progetti e piani in vari ambiti, sfidando in un modo o nell'altro il dominio mondiale degli Stati Uniti, il che fa sì che gli Stati Uniti vogliano “premere” e “costruire” i propri alleati nel confronto con la Repubblica Popolare Cinese. Oggi, questo è il nucleo della politica mondiale, all'ombra del quale rimane Israele - all'incrocio di tre continenti e tre religioni, determina il futuro di tutta l'umanità, e alla Federazione Russa viene assegnato il ruolo di un premio, la cui dimensione predetermina la necessità del suo smembramento con la successiva colonizzazione.
      1. Il commento è stato cancellato
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 dicembre 2020 16: 56
    +1
    Allo stesso tempo, i vertici dell'Alleanza e, in particolare, Jens Stoltenberg hanno dichiarato più volte che le suddette repubbliche "piccole ma orgogliose" non sono stati indipendenti, ma parte integrante della Georgia.

    - Dovrebbe essere chiaro che Croazia e Montenegro, Kosovo e altri non sono Stati indipendenti, ma parte integrante della Jugoslavia?
  7. Il commento è stato cancellato
  8. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 2 dicembre 2020 17: 18
    0
    Non c'è altra via d'uscita per la Georgia se non un ingresso urgente nella NATO. Quindi la NATO dovrebbe sostituire l'ex Russia come garante. L'unica domanda rimane, perché oggi la Russia non sarà più il garante - questo è già per l'élite al potere della Russia, perché non si fidano della Federazione Russa, perché un tale ostacolo in tutto il mondo della Federazione Russa. La risposta è inequivocabile: questo è il risultato della regola dei ladri di comprador, le cui tasche sono la cosa principale, e la Federazione Russa è solo un posto per fare miliardi e partire con il bottino (Nella Federazione Russa, leggi e condizioni così favorevoli sono create per la rapina: una scala piatta di tasse, nessun divieto di esportazione di fondi, doppia cittadinanza, ecc.))
  9. Lechi B. Офлайн Lechi B.
    Lechi B. (Tratta Bashirov) 2 dicembre 2020 19: 09
    0
    È ora di difendersi in modo aggressivo, senza aspettare un attacco insidioso!
  10. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 2 dicembre 2020 19: 16
    0
    Citazione: Jacques Sekavar
    Non mi sono accorto che gli USA sono entrati nell'UE ... non vedo lì il secondo esercito dell'alleanza: la Turchia.
    Cipro, Malta, Svezia, Finlandia, Irlanda, Austria sembrano non essere membri della NATO ...

    Cipro è motivo di contesa tra i membri della NATO, la Turchia e la Grecia
    Malta - è interessante solo per la geografia e lo zero assoluto nell'aumentare il potenziale militare.
    Svezia e Finlandia fanno parte del cosiddetto. L '"Unione scandinava", insieme alla Norvegia, è un membro della NATO, e di fatto ne sono affiliati, aumentando il potenziale industriale e le capacità di mobilitazione di 1 milione di combattenti, il che è molto.
    L'Austria ha un trattato con l'UE, che è inestricabilmente legata politicamente ed economicamente alla NATO, e non è un membro formale della NATO solo perché è una formalità, lo status neutrale prevale.
    Il ruolo guida degli Stati Uniti nell'UE non è notato solo dai ciechi, perché l'UE è infatti un protettorato degli Stati Uniti, e la Gran Bretagna è infatti il ​​51 ° stato degli Stati Uniti e "sorvegliante" nell'UE.
    Il desiderio delle multinazionali europee di uscire dalla dipendenza dagli Stati Uniti e la prontezza a lottare per la redistribuzione delle sfere di influenza mondiali è indicato dal potenziale economico superiore a quello degli Stati Uniti, dalla presenza dell'intera infrastruttura economica - la BCE, le borse, le agenzie di rating, i legami storici con le ex colonie, i discorsi sulla creazione di un esercito europeo e il complesso militare-industriale, molti altri progetti e piani in vari ambiti, sfidando in un modo o nell'altro il dominio mondiale degli Stati Uniti, il che fa sì che gli Stati Uniti vogliano “premere” e “costruire” i propri alleati nel confronto con la Repubblica Popolare Cinese. Oggi, questo è il nucleo della politica mondiale, all'ombra del quale rimane Israele - all'incrocio di tre continenti e tre religioni, determina il futuro di tutta l'umanità, e alla Federazione Russa viene assegnato il ruolo di un premio, la cui dimensione predetermina la necessità del suo smembramento con la successiva colonizzazione.

    Quanto è stato scritto per confermare l'inesattezza della tua dichiarazione -

    L'UE e la NATO sono inestricabilmente legate e l'adesione a un'organizzazione determina l'adesione a un'altra.
  11. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 2 dicembre 2020 19: 20
    0
    Citazione: Bulanov
    "Allo stesso tempo, la leadership dell'Alleanza e, in particolare, Jens Stoltenberg, hanno dichiarato più volte che le suddette repubbliche" piccole ma orgogliose "non sono stati indipendenti, ma parte integrante della Georgia".
    - Dovrebbe essere chiaro che Croazia e Montenegro, Kosovo e altri non sono Stati indipendenti, ma parte integrante della Jugoslavia?

    Scusate, ma la Jugoslavia era una FEDERAZIONE con diritto all'indipendenza delle repubbliche membri, la Georgia non è mai stata una federazione.
  12. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 2 dicembre 2020 19: 49
    0
    L'adesione della Georgia alla NATO è la risposta di Mosca al successo in Nagorno-Karabakh

    - Ha., Ma è improbabile che accada ...
    - Almeno la Turchia non ha bisogno della Georgia e della NATO ...
    - La NATO vuole ottenere un nuovo conflitto al suo interno ... tra Georgia e Turchia ??? - La NATO non è abbastanza di questi conflitti ... - tra Grecia e Turchia ??? - Oppure un conflitto completamente nuovo tra Armenia e Turchia (cioè con l'Azerbaigian) le è sembrato insufficiente ???
    - Se la NATO si sforza così "con questo" di tenere a freno l'impudente Turchia, è improbabile che la Georgia lo aiuti in questo ... - aggiungerà solo nuovi problemi ...
    - Ora, se la NATO avesse inventato un conflitto tra Turchia e Georgia (il che è abbastanza assurdo) e la Turchia avrebbe fatto a pezzi la Georgia (la Georgia, che è già obbediente alla NATO e ossequiosa a lui in tutto) ... - Allora questi "brandelli" di americani sarebbero stati sarebbero nella NATO ... e rapidamente (sfuggendo alla fuga, ignorando e spremendo la Turchia) avrebbero sbarcato le loro truppe (non turche) in Georgia e avrebbero creato basi militari ... -Quindi è una questione completamente diversa ...
    - La verità sulla Georgia stessa e sugli stessi georgiani sarebbe solo ricordata ... - Ma non importa ... - Questo è l'unico modo in cui la Georgia può essere accettata nella NATO ... - o piuttosto i resti oi resti della Georgia ...
  13. KYYC Офлайн KYYC
    KYYC (OXOTHUK) 2 dicembre 2020 21: 35
    +1
    autore la Federazione Russa non ha avuto alcun successo, ma c'è stata una concessione forzata alla coalizione turca. Anche i turchi sono entrati nel Karabakh. Inoltre, il loro numero è elevato.
  14. tenente Офлайн tenente
    tenente (vladimr) 2 dicembre 2020 23: 13
    -1
    invano questi grandi georgiani non sono stati eliminati nel 2008
  15. Dormidon Tabletkin Офлайн Dormidon Tabletkin
    Dormidon Tabletkin (Dormidon Tabletkin) 3 dicembre 2020 16: 34
    0
    Che lunga e insensata imbottitura di articoli ... Conta su anziani "pensatori" da divano che sono accettati di buon grado per commentare ogni tipo di sporcizia ..... La Georgia non andrà mai alla NATO - non ci sono sciocchi lì ....
  16. sd000016 Офлайн sd000016
    sd000016 (Alexander) 3 dicembre 2020 16: 36
    -1
    L'adesione della Georgia alla NATO pone minacce inaccettabili alla sicurezza della Russia.
    La Georgia ha attualmente circa 100 km. la costa del Mar Nero. Al fine di garantire la sicurezza nazionale della Russia, è consigliabile occupare la costa georgiana e la linea del confine georgiano con la Turchia verso l'Armenia, che è di circa 300 km, questo creerà un ostacolo insormontabile all'espansione della NATO nel territorio della Georgia. La sovranità economica della Georgia, tuttavia, non dovrebbe risentirne. Lasciateli commerciare con chi vogliono, l'importante è che dovrebbe essere un commercio pacifico senza droga e terroristi. Quasi nessuno nella NATO (Spagna, Portogallo, o anche Francia con l'Italia, per non parlare della Germania) vorrà combattere con la Russia dopo questa azione forzata, beh, forse la Turchia, e anche allora difficilmente, e gli Stati Uniti sono ora in nel prossimo futuro saranno molto impegnati con i loro problemi interni. La Russia non può e non deve permettere alla Georgia di aderire alla NATO, e se può essere raggiunto diplomaticamente, allora è molto buono, anche se è meglio essere al sicuro, perché non puoi fidarti di nessuno, né della Georgia né della NATO. Come agiscono i nostri partner occidentali se i loro interessi sono in conflitto con il diritto internazionale? Esatto, scelgono i loro interessi.
    Per vivere con i lupi, ulula come un lupo.
    1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
      Igor Berg (Igor Berg) 3 dicembre 2020 19: 52
      +1
      I tuoi partner occidentali sono il Venezuela?
  17. sat3691 Офлайн sat3691
    sat3691 (Alexander Tezikov) 3 dicembre 2020 20: 22
    0
    qui devi decidere. O la Georgia è un paese amico o no. Senza voci su fratelli e ospitalità georgiana. Se vanno alla NATO, allora hanno deciso di avere un nemico. E se è così, perché compatirli? Se fosse un paese neutrale, allora puoi e rimpianto. E poiché i nemici, così i nemici. Non abbiamo scelto questo. Agire preventivamente. Per creare una provocazione, per inondare la Georgia di militanti siriani e libici, per creare lì, sull'esempio degli Stati Uniti, il caos controllato e, con il pretesto di combattere i terroristi, introdurre questo contingente. E la guerra sarà lì , e non ү noi, E nessuna NATA andrà lì. Devi giocare con l'Occidente secondo le loro regole. "Allora, lasciateli gridare, rispetteranno il potere. Sì, il popolo georgiano soffrirà. Questo non è ambiguo. Ma perché perché se si uniscono , o saranno attirati nella NATO, dovremmo soffrire ??? Lasciamo che valutino i rischi.
    1. NARGAN Офлайн NARGAN
      NARGAN (Nargania) 4 dicembre 2020 14: 00
      -1
      La Russia è dispiaciuta per la Georgia? E come si esprime? Forse è perché la Russia ha combattuto la Georgia tre volte negli ultimi 30 anni? Bombardare i missili Tochka-U e Iskander è un'espressione d'amore per il popolo georgiano (tipo - razbet significa che ama)? È amore organizzare attacchi terroristici da parte degli agenti del GRU nelle città georgiane e lasciare le persone? O il rifiuto del suo territorio?
  18. Garri Hakobyan_2 Офлайн Garri Hakobyan_2
    Garri Hakobyan_2 (Garri Hakobyan) 3 dicembre 2020 20: 59
    0
    Se la NATO ha rinunciato alla Turchia nel conflitto con la Russia, allora la Georgia che, da non sottovalutare e da proteggere!
  19. Giorgio)))))) Офлайн Giorgio))))))
    Giorgio)))))) (Giorgio))))))) 3 dicembre 2020 21: 07
    0
    La NATO e quando si accetta la Moldova nelle proprie file È tempo che la Russia si dimentichi della Moldova
  20. Il commento è stato cancellato
  21. KGB Офлайн KGB
    KGB (Yura Nick) 4 dicembre 2020 07: 41
    0
    I russi hanno un solo amico: l'esercito, l'aviazione e la marina.
  22. sverdicono Офлайн sverdicono
    sverdicono 4 dicembre 2020 08: 18
    -2
    La povera Georgia diventerà la stessa parte inferiore dell'Ucraina
  23. NARGAN Офлайн NARGAN
    NARGAN (Nargania) 4 dicembre 2020 13: 47
    0
    ... nell'agosto dello stesso anno, Tbilisi scatenò una guerra nel Caucaso, ...

    L'autore sta mentendo! La stessa Russia, senza dichiarare guerra, ha attaccato la Georgia la sera del 07.08.2008. Il fatto che la Russia stesse preparando una guerra con la Georgia è stato ammesso dallo stesso Putin, che nel 2006 ha firmato un piano d'azione militare contro la Georgia



    Nel suo discorso, prez. D. Medvedev ha ammesso che - la Russia aveva bisogno di questa guerra e se non fosse stato per questa guerra la Georgia sarebbe entrata nella NATO e nel Caucaso si sarebbe sviluppata una situazione geopolitica completamente diversa. Tuttavia, sia Putin che Medvedev e il 99% degli analisti russi nascondono il fatto che la Russia, avendo scelto direttamente una politica estera anti-georgiana e intraprendendo una guerra a fianco dei separatisti contro la Georgia, minacciando così l'integrità territoriale del paese, ha spinto la stessa Tbilisi a cercare aiuto e salvezza da Mosca nell'ovest. I russi hanno una logica strana: vuoi che ci picchi e ci tormenti, ma dobbiamo amarti per questo ?! Qualche idiozia.
    1. lavoratore dell'acciaio 6 dicembre 2020 11: 03
      0
      Se la Russia avesse un piano, questo sarebbe previsto. O vuoi dire che è stata la Russia a sparare ai suoi soldati di pace dai carri armati? E poi dalle "città" passando per la città! In secondo luogo, la demolizione dei monumenti sovietici da parte di Saakashvili, lo consideri amore per la Russia? Sei per caso uno studente di Navalny? Distorci i fatti come insegnato al Dipartimento di Stato!
  24. NARGAN Офлайн NARGAN
    NARGAN (Nargania) 4 dicembre 2020 19: 29
    0
    Citazione: sat3691
    qui devi decidere se la Grecia è un paese amico o meno.

    E la stessa Russia è un paese amico della Georgia, e come si esprime?
  25. amart Офлайн amart
    amart (A M) 8 dicembre 2020 23: 26
    -1
    Questo è un "successo", la Turchia è entrata in Azerbaigian e ha avuto accesso al Mar Caspio, il paese della NATO si è trovato sotto il ventre dell'impero, e propagandisti di tutti i loro ferri stanno trasmettendo la vittoria della Russia nel conflitto in Karabakh, e questo nonostante il fatto che la Russia non si sia schierata dalla parte del suo alleato nella CSTO , e se parliamo la lingua fanciullesca del presidente della Russia, allora questo presidente deve semplicemente contattare la Turchia.
    1. amart Офлайн amart
      amart (A M) 8 dicembre 2020 23: 30
      0
      questo presidente aveva "paura" di mettersi in gioco con la Turchia (la censura locale non ha mancato la parola giusta, ma credo sia già chiaro)