La questione della Transnistria e del gas può coinvolgere per sempre Mosca e Chisinau


Il successo dell'Azerbaijan nel Karabakh ha fatto girare la testa non solo a Kiev, dove guardavano le repubbliche non riconosciute del Donbass con un nuovo look, ma anche a Chisinau. Anche senza entrare in carica, la presidente eletta della Moldova, Maia Sandu, è tornata innanzitutto sul problema della Transnistria (PMR), che è il “tallone d'Achille” della Russia. A quanto pare, è stata intrapresa una rotta per rompere finalmente i legami storici tra i nostri paesi secondo lo “scenario ucraino” e spingere Chisinau nel forte abbraccio dell'Occidente. Sfortunatamente, non ci sono opzioni speciali per impedirlo.


La Sandu ha messo all'ordine del giorno la questione delle truppe russe e delle forze di pace nel suo paese, nonché il debito di Tiraspol per le forniture di gas, collegandoli chiaramente tra loro. Allo stesso tempo, ha sottilmente accennato a come potrebbero svilupparsi gli eventi se Chisinau non riceve ciò che vuole dal Cremlino.

In primo luogo, tutte le autorità moldave chiedono costantemente il ritiro delle truppe russe. Ricordiamo che lì sono presenti in due qualità: sono peacekeepers che garantiscono la sicurezza della Transnistria, nonché un gruppo operativo di truppe assegnate a guardia dei depositi militari pieni di armi dal crollo del Patto di Varsavia. Inizialmente c'erano 60mila tonnellate di munizioni, ormai la quantità totale è scesa a 20mila tonnellate per via del progressivo allontanamento e smaltimento. Queste sono cartucce, mine, granate, proiettili, bombe aeree. Si ritiene che la metà di questo bene sia scaduta e non possa essere trasportata. Il numero totale del contingente russo in Moldova è stimato a XNUMX persone, che si trovano lì con il consenso dell'OSCE. Gli Stati Uniti hanno persino offerto assistenza a Chisinau per lo smaltimento delle munizioni al fine di accelerare il processo di ritiro dei russi. Il neoeletto presidente Sandu ha proposto di sostituirli con alcuni osservatori civili sotto gli auspici dell'OSCE. Mosca ha risposto alla sua iniziativa senza entusiasmo, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto in questa occasione:

Difficilmente saremo in grado di accettare una richiesta così irresponsabile ... Risolvono principalmente il problema del mantenimento della stabilità in questa regione, che è di fondamentale importanza affinché non si verifichi una nuova esplosione di conflitto sanguinoso.

In effetti, nelle attuali realtà geopolitiche, è del tutto possibile una ricaduta del conflitto in Transnistria. Le nuove autorità moldave hanno chiaramente scelto una rotta verso l'integrazione con la Romania all'interno dell'Unione europea. La Transnistria filo-russa sarà come un osso nella loro gola e quando le forze di pace se ne andranno, nulla impedirà a Chisinau di prendere il controllo della repubblica non riconosciuta. Lo scenario più sanguinoso è possibile se i magazzini con le armi cadono nelle mani dei nazionalisti locali, i quali, secondo lo "scenario ucraino", si riuniranno in volontari e andranno a stabilire il proprio ordine lì.

In secondo luogo, c'è un problema di debito per il gas fornito dalla Russia. Un'industria abbastanza potente è rimasta in Transnistria sin dall'epoca sovietica, che consuma gas russo, ei suoi prodotti vanno nel nostro paese. Bisogna pagare il carburante, ma Chisinau ha preso una posizione interessante: considera la repubblica non riconosciuta il suo territorio, chiede il ritiro delle forze di pace da essa, ma rifiuta di pagare i suoi debiti per principio.

Il fatto che il presidente Sandu abbia collegato questi problemi parla della sua disponibilità a contrattare sia con il Cremlino che con l'Occidente. Con ogni probabilità, alla Russia verrà data una scelta: cancellare il debito del gas in cambio del fatto che i nostri militari rimarranno per ora, o Chisinau pagherà ancora il debito per Tiraspol, ma i russi dovranno uscire. In quest'ultimo caso, i costi della Moldova possono essere compensati dall'Occidente, rappresentato dall'Unione Europea, per aver rimosso dai suoi confini un'enclave armata filo-russa completamente inutile. La cancellazione dei debiti da parte di Gazprom sarà percepita come una grande vittoria per il presidente Sandu, ma 7,5 miliardi di dollari sono una grossa somma anche per il nostro “tesoro nazionale”, che ha esaurito i soldi negli ultimi anni. Non c'è dubbio che il prossimo passo sarà riportare all'ordine del giorno la questione del contingente militare russo. E uscirne sarà estremamente problematico.

Il punto è che Chisinau ha un arsenale abbastanza ampio di mezzi di pressione. Insieme all'Ucraina, può portare dentro la repubblica non riconosciuta economico bloccare e iniziare a strangolarlo. Quando gli UAV di attacco turco e israeliano appariranno improvvisamente in Moldova, sarà un'allusione trasparente alla possibilità di uno "scenario del Karabakh". Se il presidente Sandu chiude con la forza il problema del PMR, come Baku, non ci sarà modo di tornare indietro. Esiste anche una variante in cui avviene lo scambio territoriale della Transnistria con la Bucovina settentrionale ucraina e la Bessarabia meridionale. Allora le forze armate ucraine risolveranno il problema della repubblica non riconosciuta.

E il Cremlino non potrà resistere così tanto, poiché, a differenza di DPR e LPR, non ha un confine comune con il PMR. Il nostro piccolo contingente militare semplicemente non sarà in grado di resistere all'esercito ucraino, che è superiore in numero e armi, e sarà necessario trasferire rinforzi o attraverso la stessa Ucraina o attraverso un paese della NATO, il che non è possibile. E qui dobbiamo rimpiangere l'estrema miopia del Cremlino, che nel 2014 ha messo da parte lo stesso Novorossia, che stava letteralmente entrando nelle sue mani, con la sua regione di Odessa.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 2 dicembre 2020 15: 45
    +2
    Con ogni probabilità, alla Russia verrà data una scelta: cancellare il debito del gas in cambio del fatto che i nostri militari rimarranno per ora, o Chisinau pagherà ancora il debito per Tiraspol, ma i russi dovranno uscire. In quest'ultimo caso, i costi della Moldova possono essere compensati dall'Occidente, rappresentato dall'Unione Europea, per aver rimosso dai suoi confini un'enclave armata filo-russa completamente inutile.

    Eco hai una fantasia che si è svolta risata Gli europei stanno dando a questo cittadino 7,5 miliardi per saldare il debito con Gazprom? È andato in lacrime pianto E se Mosca dicesse di no? E anche il gas smetterà di fornire fino a quando il debito non sarà estinto?

    Non c'è dubbio che il prossimo passo sarà riportare all'ordine del giorno la questione del contingente militare russo. E uscirne sarà estremamente problematico.

    Cosa fumi lì? assicurare La tua "logica" non rientra affatto nella mia testa. richiesta I tedeschi danno i soldi a Sandu, lei paga i debiti, poi si rivolge a Putin e dichiara con orgoglio, e ora non ti devo niente, ritira le truppe ... E lui non semina nulla per discutere ... il debito è stato pagato ... Le truppe russe sono lì per garantire il rimborso del debito? sorriso Direttamente dalla loro storia di fantasia risata E se Putin dicesse di no? triste

    Il punto è che Chisinau ha un arsenale abbastanza ampio di mezzi di pressione. Insieme all'Ucraina, può portare la repubblica non riconosciuta in un blocco economico e iniziare a strangolarla.

    Semmai, dicono il 1 gennaio, il termine dell'accordo sul commercio esente da dazi con la Moldova finisce ... Voglio dire, come se lo "soffocamento" non fosse stato strappato per loro ...

    E qui dobbiamo rimpiangere l'estrema miopia del Cremlino, che nel 2014 ha messo da parte lo stesso Novorossia, che stava letteralmente entrando nelle sue mani, con la sua regione di Odessa.

    Quando smetterai di mentire? triste Chi ha respinto chi e quando? Puoi dire?
    1. Shelest2000 Офлайн Shelest2000
      Shelest2000 2 dicembre 2020 18: 25
      0
      E se Mosca dicesse di no? E anche il gas smetterà di fornire fino a quando il debito non sarà estinto?

      Questa risposta è semplicemente stupida anche solo da supporre. Dimmi quando Mosca ha detto "NO" nella storia moderna. La storia moderna della Russia suggerisce che l'attuale "Mosca" vende sempre tutti per soldi. E tali "supposizioni" ricordano una frase ben nota - più ricca di un pensiero.
      1. Il commento è stato cancellato
      2. 123 Офлайн 123
        123 (123) 2 dicembre 2020 20: 00
        +1
        I fatti o Svidomo limiteranno gli slogan?
        Suppongo che tu stesso sia corrotto e affidabile e giudichi le persone da solo. Lo sanno tutti. Ecco un argomento del genere .... per abbinare il tuo. risata Prova a confutare.
        E impari la lingua, impari a scrivere correttamente il nome della Russia o la padella si intromette? sorriso Diventa ricco ulteriormente hi
        1. Shelest2000 Офлайн Shelest2000
          Shelest2000 23 dicembre 2020 18: 16
          0
          Bambino. La Russia in cui sono nato e cresciuto non c'è. È stata venduta e tradita. E ancora vendono e tradiscono. Chi! Bene, vediamo queste museruole ogni giorno su tutti i media. E da ogni ferro. Incl. Non c'è la Russia. Ci sono russi con una popolazione povera uccisa da assistenza sanitaria, istruzione, fabbriche distrutte, fabbriche e spazi quasi distrutti. Ma ci sono più di cento miliardari e, sorprendentemente, sono molto vicini allo zero.
          Ma puoi continuare a gonfiare gli occhi con i tuoi occhiali rosa e contare gli elefanti rosa.
          1. 123 Офлайн 123
            123 (123) 23 dicembre 2020 19: 04
            -1
            Bambino.

            Wolf Tambovsky per te piccola triste

            La Russia in cui sono nato e cresciuto non c'è.

            L'ultimo imperatore è stato trovato vivo? sorriso

            È stata venduta e tradita. E ancora vendono e tradiscono.

            Questo slogan non ha meno di 300 anni. Non c'è niente di più fresco?

            Chi! Bene, vediamo queste museruole ogni giorno su tutti i media. E da ogni ferro.

            Non guardo la TV, tra l'altro non ascolto nemmeno il ferro da stiro, che ti consiglio.

            Ci sono russi con una popolazione povera uccisa da assistenza sanitaria, istruzione, fabbriche distrutte, fabbriche e spazi quasi distrutti.

            Punto per punto
            1) In quale anno nella "Russia della tua giovinezza" la popolazione non era indigente e in che modo si esprimeva.
            2) In che anno ti è piaciuta l'assistenza sanitaria?
            3) Se possibile in cifre, chi, dove, quanto.
            E infine, cosa vuoi nello spazio.
  2. lavoratore dell'acciaio 2 dicembre 2020 15: 59
    +2
    Ho già detto che qualsiasi domanda e problema possono essere risolti quando vengono posti senza mezzi termini. Dobbiamo rinunciare al ruolo di benefattori e salvatori Tutti dovrebbero sapere dove si trova il soldato russo: questa è la Russia! E non ci saranno più guerre di liberazione. Se tentano di attaccare, non ci sarà pietà! E i carri armati sono a 20 km di distanza. fermati, non più!
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 2 dicembre 2020 16: 57
      0
      Non c'è bisogno di appoggiare le tue corna contro il muro. per agire in modo più lungimirante ... Ad esempio, per dichiarare la rimozione dei magazzini dalla PMR, e per tirare fuori un cucchiaino al giorno, quindi ci sarà il passaggio gratuito in Transnistria per un anno, durante questo periodo non ci sarà motivo di premere il ritiro delle Forze armate RF, perché il ritiro è in corso ... E, naturalmente, decidere la questione dell'adesione alla Federazione Russa, perché c'era un voto a livello nazionale, quindi per legalizzare e accettare la repubblica Pridnestroviana nella Federazione Russa. C'è un'enclave di Kaliningrad a nord, ci sarà un'enclave della Transnistria a sud - territori strategici molto importanti ...
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 dicembre 2020 16: 42
    +2
    Il neoeletto presidente Sandu ha proposto di sostituirli con alcuni osservatori civili sotto gli auspici dell'OSCE.

    - Questo deposito di munizioni militari sarà sorvegliato da una specie di "Mitrich" dell'OSCE, seduto sulle macerie?

    Il nostro piccolo contingente militare semplicemente non sarà in grado di resistere all'esercito ucraino, che è superiore in numero e armi, e sarà necessario trasferire i rinforzi o attraverso la stessa Ucraina o attraverso il paese della NATO, il che non è possibile.

    - Se ci sarà un attacco delle forze armate ucraine contro le forze di pace russe, la questione del trasferimento di truppe in Ucraina scomparirà a causa della perdita della sovranità dell'Ucraina, come ha promesso Putin ...
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 2 dicembre 2020 17: 22
    0
    E qui dobbiamo rimpiangere l'estrema miopia del Cremlino, che nel 2014 ha messo da parte lo stesso Novorossia, che stava letteralmente entrando nelle sue mani, con la sua regione di Odessa.

    - Sì, il Cremlino ha respinto Odessa ... proprio come l'industriale Kharkov ha messo da parte ... -L'indistinzione della politica russa allora, le sue azioni e l'indecisione del nostro garante ... tutto questo è stato trasmesso a Odessa e Kharkov e molti altri territori, cosa che potevano davvero ritorno sotto gli auspici della Russia ... - E non ci sarebbe la guerra in Novorossia e tutto questo confronto ... con l'Ucraina, ecc.
    - Ovviamente ... il nostro garante era un cattivo cekista e non poteva approfittare di una situazione molto favorevole per la Russia ... - Anche se sembrerebbe ... - tutto da solo va nelle mani della Russia ... - Il legittimo presidente ucraino è fuggito in Russia ... - Spingerlo in modo che almeno una volta riferisca pubblicamente all'intera comunità mondiale in una conferenza stampa con i giornalisti mondiali; con tutta la stampa; con tutti i canali TV del mondo ... - Dichiarerei al mondo intero ... al mondo intero ... al mondo intero ... - che per evitare spargimenti di sangue in Ucraina; che è diventato possibile dopo il colpo di stato dei banditi in Ucraina ... - lui ... il presidente legalmente eletto dell'Ucraina "questo e quello" ... - fa appello alla leadership russa con la richiesta di fornire urgentemente assistenza militare ... - e così via e così via. ..
    - Come sarebbe andata a finire dopo ... è una cosa ... - E il fatto che questa affermazione doveva essere fatta ... è solo un fatto indiscutibile ...
    - Quindi Odessa e Kharkov e Mariupol e l'intera costa dell'Ucraina del Mar Nero e una buona metà del territorio dell'Ucraina stessa sarebbero semplicemente tornati in Russia ... - dopotutto, l'intera polizia ucraina e Berkut e l'esercito ucraino erano dalla parte della Russia (o neutrale in almeno) ... - Questo è tutto ... - non ci sarebbe la guerra ...
    - Ma i "Chekisti americani" hanno avuto la volontà, la tenacia e il coraggio di non perdere questo momento fuori dal loro controllo e girare tutto a loro favore ... - Anche se per questo avevano molte meno possibilità e opportunità; della Russia ... - Sono riusciti a invertire questa situazione favorevole alla Russia e ad effettuare un colpo di stato in Ucraina; mentre Mosca sbatteva le orecchie nell'indecisione ...
    - E i "cekisti americani" organizzarono con urgenza una guerra con la Novorossiya ... - una tale distrazione; per legare i loro nuovi reparti ucraini con il sangue ... e creare urgentemente una scissione tra il popolo ucraino ... - e ci sono riusciti ... - E la stessa Novorossia ... poiché nessuno aveva bisogno ... - rimase. .. - inutile a nessuno ...
    - Oggi tutta la Novorossia ... è come un lancio con il paracadute ... - solo un mezzo di manovra ... - E così ... - La Novorossia semplicemente non è necessaria a nessuno ... - né la Russia ... - né l'Ucraina ...
  5. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 2 dicembre 2020 21: 53
    -2
    Odessa ha chiesto del "mondo russo" ed è finita nelle mani di Putin stesso? Quando è successo? O è solo una fantasia?
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 2 dicembre 2020 21: 58
      -3
      A proposito, sui ben noti eventi di Odessa, quando i sostenitori anti-Maidan hanno iniziato a provocare accesi tifosi di calcio - chi era responsabile di tutto ciò che è accaduto, chi ha permesso tutto questo sviluppo di eventi? La polizia di Odessa, no? “E nessuno lo sta cercando lì, non gli stanno mostrando niente, perché è così?
  6. art573 Офлайн art573
    art573 (Artyom Vladimirovich Yarovikov) 3 dicembre 2020 01: 49
    0
    può ritirarsi. Soprattutto quando si paga un debito.
  7. max wespe Офлайн max wespe
    max wespe (velocità massima) 3 dicembre 2020 03: 04
    0
    I russi ti hanno, ma stai diventando più forte. La cosa divertente è che ti stai già gettando di riflesso e schizzando la saliva in tutte le direzioni senza capire chi è la colpa. Diamo uno sguardo alla struttura del debito utilizzando l'esempio del 2014 (la struttura è pressoché la stessa negli anni)
    Nel 2014, il PMR ha consumato circa 1,9 miliardi di metri cubi di gas russo.
    Di questi, MGRES (di proprietà del Gruppo Inter RAO) ha consumato 1,3 miliardi di metri cubi.

    Di questi 1,3 miliardi - 0,2 miliardi ha consumato per generare circa 600 milioni di kWh di energia per la Transnistria e 1,1 miliardi ha consumato per generare 3300 milioni di kWh di elettricità da esportare in Moldova.
    Allo stesso tempo, il prezzo del gas per MGPS da Tiraspoltransgaz (una controllata di Gazprom) era in media di $ 150 per 1000 m3. E il prezzo di Gazprom per Tiraspoltransgaz era di $ 378,75 per 1000 m3 (ora $ 75 per MGPS e $ 177 per Tiraspoltransgaz)
    Su 600 milioni di kWh di energia per la Transnistria, 370 milioni. kWh di energia sono stati consumati da MMZ (di proprietà di Usmanov).
    Cioè, si scopre che la Moldavia ha pagato la parte del leone del gas consumato indirettamente per l'elettricità all '"Inter RAO" russo, e il resto è andato ai proprietari russi. L'intero debito è con Tiraspoltransgaz LLC, che appartiene a Gazprom e Moldovagaz JSC, circa il 70%.
    Puoi fare domande dove sono $ 7 miliardi - a Gazprom, Inter RAO, Usmanov e altri non menzionati qui?
  8. Semyon Semyonov_2 Офлайн Semyon Semyonov_2
    Semyon Semyonov_2 (Semyon Semyonov) 3 dicembre 2020 08: 28
    0
    Qualcuno deve qualcosa a qualcuno?
  9. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 8 dicembre 2020 10: 22
    +1
    La Russia, eternamente impoverita, la Moldova non è dolorosamente necessaria. non puoi scrollartela di dosso. Pertanto, è possibile riconoscere Pridnestrovie ... I russi devono essere protetti, e non traditi da accordi capitolatori, come quelli di Minsk.