Occidente contro Russia - il primo colpo sarà alle "repubbliche non riconosciute"


L'attuale inasprimento delle relazioni tra Russia e paesi occidentali ha recentemente iniziato ad assumere contorni più concreti. Sulla base delle iniziative nettamente intensificate dei nostri "amici", si può presumere con un alto grado di fiducia su cosa si concentreranno i loro sforzi nel prossimo futuro. Calcola, per così dire, la "direzione", se non quella principale, allora lo sciopero più probabile, il cui scopo sarà quello di indebolire il più possibile le posizioni geopolitiche della Russia. E non in una regione in particolare, ma, almeno, nell'intero "spazio post-sovietico".


È molto probabile che l'Occidente abbia preso una rotta chiara e inequivocabile per ritirarsi dalla protezione delle entità statali del nostro paese che hanno lo status di "repubbliche non riconosciute" con la loro successiva completa eliminazione. In linea di principio, questa è più di una mossa naturale e prevedibile. Proviamo a capire a quali conseguenze specifiche può portare lo sviluppo della situazione in questo filone.

"Avamposti del mondo russo" o fonte di problemi?


Siamo sinceri: ogni singola regione di questo tipo esiste esclusivamente per il fatto che gode del patrocinio diretto di Mosca. Repubbliche popolari dell'Abkhazia, dell'Ossezia del Sud, di Pridnestrovian, di Donetsk e di Luhansk - nessuna di loro sarebbe esistita per molto tempo, se il famigerato "mondo russo", così tanto odiato e temuto in Occidente, non si profilasse abbastanza chiaramente dietro di loro ... Fino a poco tempo, la Repubblica del Nagorno-Karabakh era un "articolo speciale", ma dal 10 novembre di quest'anno è anche apparsa nella stessa lista di "stati non riconosciuti" che vivono all'ombra del potere e del potere russo. Bisogna ammettere che tutto è andato come è accaduto unicamente per il fatto che i territori sui quali sono sorte successivamente le autoproclamate enclave facevano parte delle repubbliche dell'Unione Sovietica, dove, qualunque cosa si possa dire, la Russia occupava la posizione dominante.

In definitiva, la nascita di tutti loro (con l'eccezione, ancora, forse, forse, del Karabakh), gli "stati indipendenti" formatisi dopo il crollo dell'URSS è dovuta al fatto che politica il nazionalismo più oltraggioso. Sono state le azioni nel suo quadro, ea livello statale, che hanno letteralmente "spinto" da questi paesi la Transnistria, l'Abkhazia con l'Ossezia meridionale, il Donbass. Prova di questa affermazione è il fatto che fino al 2014, prima che i "teppisti" neo-Bandera salissero al potere a Kiev a seguito di un colpo di stato, sia la Crimea che l'attuale DPR e LPR per lo meno andavano d'accordo con il resto dell'Ucraina e non intendevano separarsene. Quindi, quando l'Occidente cerca di affermare che le "repubbliche non riconosciute" sono "un prodotto della politica imperiale di Mosca", cercano, come si dice, di capovolgere tutto. È vero il contrario.

Queste sono solo strutture e organizzazioni occidentali abbastanza definite, ben sapendo che l'istituzione del loro controllo completo sugli "stati post-sovietici" è impossibile esattamente finché mantengono forti legami con la Russia, organizzano rivoluzioni colorate lì ", mentre promuovono il nazionalista più aggressivo ( se non naziste). Inoltre, inizia il processo naturale di rifiuto di ciò che sta accadendo da una certa parte della popolazione, spesso concentrata in modo compatto in una particolare regione. Segue un sanguinoso tentativo di "pacificare i separatisti" con il fuoco e la spada. E poi - compaiono le forze di pace russe ... La questione non è ancora arrivata all'ultimo punto solo in Donbass. Ahimè, non ce l'ha fatta ... Ecco come nascono le "repubbliche non riconosciute", che oggi sono così preoccupate per il Dipartimento di Stato USA, la Commissione Europea, la NATO e molti altri seri "uffici", che, in linea di principio, non hanno assolutamente motivo di ficcare il naso negli affari, che si verificano ai confini della Russia. Cosa sono queste enclave per il nostro Paese?

Prima di tutto, a mio avviso, una delle poche prove reali della legittimità delle sue rivendicazioni al ruolo di potenza mondiale. Sta nella capacità di salvare e proteggere chi lo chiede, e questa è la differenza rispetto a Paesi che da tempo non sono soggetti, ma oggetto di geopolitica. Beneficio militare? È abbastanza controverso. Dopo tutto, i "piani aggressivi di Mosca" esistono esclusivamente nell'infiammata immaginazione dei signori Pompeo, Stoltenberg e simili. Prova? È elementare che le truppe russe non abbiano preso né Tbilisi nel 2008 né Kiev nel 2014. Quanto fossero corrette queste decisioni è una questione a parte, ma il fatto che la Russia avesse tutte le possibilità per la "soluzione finale del problema" con i propri "vicini" in entrambi i casi sopra è indiscutibile. economico interesse? Non c'è nemmeno nulla da discutere qui: gli aiuti alle "repubbliche non riconosciute" stanno costando al nostro paese quel "bel penny". E, tuttavia, non possiamo rifiutarli in alcun modo. Se non altro per il fatto che questo è ciò di cui l'Occidente ha così sete oggi.

Riconosci l'indipendenza di qualcun altro o perdi la tua?


In effetti, non si dovrebbe nemmeno tentare di negare l'unico indubbio vantaggio per la Russia derivante dall'esistenza di "repubbliche non riconosciute" sui territori ad essa adiacenti. Consiste nel fatto che la loro stessa presenza è un ostacolo insormontabile all'ingresso dei nostri paesi vicini nella NATO. Né l'Alleanza né l'Unione Europea hanno bisogno di nuovi membri con problemi territoriali irrisolti e un conflitto militare, anche se è “congelato”, come si suol dire, nessuno ha bisogno di nuovi membri. Tuttavia, dobbiamo ammettere che recentemente questo momento ha perso la sua rilevanza. Sul territorio della Georgia e dell'Ucraina, i combattenti dell'Alleanza del Nord Atlantico si sentono abbastanza a loro agio e si stanno preparando oggetti che chiaramente non sono per scopi pacifici completamente sotto il loro controllo. Recentemente, in Occidente, le voci sono state ascoltate sempre più forti, chiedendo quanto prima e più ampia apertura per aprire le porte della NATO sia a Tbilisi che a Kiev. Ma intendono fermamente escludere la Russia dal decidere il destino delle "repubbliche non riconosciute" e, ancora una volta, il prima possibile.

L'esempio del Nagorno-Karabakh ha chiaramente "messo a dura prova" i nostri "amici" e ci ha spinto alle azioni più decisive. Come si svilupperanno gli eventi nello stesso Caucaso non è ancora molto chiaro. "Spremere" da lì la nostra missione di mantenimento della pace giocherà automaticamente nelle mani della Turchia e porterà a un forte rafforzamento delle sue posizioni nella regione. Questo ora non è vantaggioso per la "comunità mondiale" - alla riunione dei ministri degli esteri della NATO tenutasi il giorno prima, il capo del Dipartimento di Stato americano Mike Pompeo, che era presente lì, ha dato ad Ankara un naturale "rimprovero", definendo le sue azioni (anche nel Caucaso) "provocatorie" e "distruttive". unità dell'Alleanza ”. No, nessuno giocherà con Erdogan, almeno non ora. A quanto pare, il neoeletto presidente della Moldova Maya Sandu diventerà la "locomotiva" delle iniziative anti-russe nell'area di cui stiamo discutendo. Un ruolo del genere le è stato assegnato da coloro che hanno contribuito alla sua ascesa al potere.

Non avendo nemmeno il tempo di passare attraverso la procedura di inaugurazione, questa signora, invece di preoccuparsi dei problemi urgenti, che Chisinau ha più che abbastanza, ha iniziato con perseveranza e costanza degne di una migliore applicazione, per ripetere l'urgente necessità di ritirare le forze di pace russe dalla Transnistria. Mosca ha percepito abbastanza naturalmente queste conversazioni come "irresponsabili" e "inaccettabili", secondo il capo del dipartimento di politica estera russo, Sergei Lavrov. Non meno freddamente ha reagito alle dichiarazioni di Sandu e allo stesso capo della PMR, Vadim Krasnoselsky, che ha consigliato ai politici di Chisinau di “riflettere meglio sulla loro posizione” e generalmente di non cercare di “creare problemi artificiali” dove non ce ne sono. Secondo l'opinione del capo della "repubblica non riconosciuta", non ci sono nemmeno i minimi prerequisiti per il ritiro delle forze di pace russe dal suo territorio. È interessante notare che, parallelamente alle iniziative riguardanti il ​​nostro contingente militare, Sandu ha fatto molte altre dichiarazioni piuttosto ambigue (soprattutto se le consideriamo in un contesto generale). Ad esempio, che in Bielorussia "la volontà del popolo non è rispettata" e si sta verificando "violenza", che deve essere fermata "...

Le sue parole rivolte a Kiev suonano ancora più interessanti: Sandu afferma che “i tentativi di“ risolvere il problema della Transnistria con un “approccio soft” si sono rivelati “infruttuosi”, e Kiev dovrebbe certamente “tenere conto di questa esperienza nella questione della reintegrazione del Donbass”. Questo sa già di una vera provocazione. Tuttavia, non c'è nulla di cui stupirsi: dopotutto, tutte le dichiarazioni della signora Sandu e l'attacco da lei lanciato alla missione russa di mantenimento della pace in Transnistria, in realtà, sono solo una sottomessa ripetizione di tesi avanzate a livelli molto più gravi. Questo è ciò che mi preoccupa.

Recentemente, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è diventato estremamente preoccupato per il problema delle "repubbliche non riconosciute". Si potrebbe dire che l'ha affrontato nel modo più fondamentale. Parlando a una conferenza regolare dell'Alleanza, questa figura ha affermato che "l'annessione illegale della Crimea da parte della Russia, le sue azioni per destabilizzare l'Ucraina orientale, nonché la sua presenza illegale in alcune regioni della Georgia e della Moldova" non è altro che "una grave violazione del diritto internazionale" e " un'invasione dell'integrità territoriale di questi paesi ". Cosa c'è davanti a noi? Sì, infatti, un elenco esaustivo di quei luoghi da cui la Russia sarà "invitata a partire" in brevissimo tempo. E questo sarà fatto, molto probabilmente, in una forma estremamente dura e ultimatum, che implica le conseguenze più spiacevoli per il nostro paese in caso di rifiuto. È del tutto possibile che in alternativa venga dichiarata l'ammissione accelerata delle stesse Georgia e Ucraina (ea lungo termine - e Moldova) all'Alleanza Nord Atlantica con tutte le conseguenze che ne derivano. Tuttavia, esiste un'opzione peggiore. Lo ha recentemente espresso in onda uno dei principali "portavoce" dell'Occidente "Radio Liberty", l'ex ministro della Difesa della Moldova Anatol Salaru, che ha proposto di creare un "tribunale internazionale speciale", che dovrebbe "riconoscere la Russia come Paese aggressore" e "costringerla a ritirare l'occupazione". truppe". È persino difficile immaginare esattamente quali metodi dovrebbero eseguire tale "coercizione".

Sarebbe possibile cancellare tali richieste per la debole adeguatezza di certi politici attuali o "circolati", se esattamente le stesse idee non venissero ascoltate dalle labbra del capo del più grande blocco politico-militare del mondo. E 'previsto in modo assolutamente inequivocabile di iniziare la distruzione dell'influenza del nostro Paese al di fuori dei suoi confini con l'espulsione dei contingenti militari russi dalle "repubbliche non riconosciute", che saranno immediatamente assorbite dai paesi che seguiranno obbedientemente la rotta verso l'Occidente. Il nostro stato si troverà in un ambiente ancora più ostile e le prossime minacce alla sua sovranità e indipendenza sorgeranno direttamente sul territorio russo, che si trasformerà automaticamente in "l'ultima linea di difesa" per noi. La conclusione suggerisce che nella situazione attuale, Mosca semplicemente non ha altra scelta che fare ciò che non ha avuto il coraggio di fare negli ultimi decenni.

C'è solo un'opzione: riconoscere ufficialmente tutte le "repubbliche non riconosciute" nello stesso modo in cui è stato fatto in relazione all'Abkhazia e all'Ossezia meridionale. Riconoscere e accettare sotto la loro protezione con la conclusione di opportuni accordi. Andrà peggio? Non lo sarà più ... O meglio, forse, se la Russia non prenderà l'iniziativa nel nuovo ciclo di conflitto che si sta aprendo con l'Occidente e gli permetterà di svilupparsi secondo i piani e le regole dei nostri oppositori.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero delle comunicazioni della Repubblica popolare di Donetsk
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ustal51 Офлайн ustal51
    ustal51 (Alexander) 3 dicembre 2020 12: 32
    +4
    Riconoscere LPR e DPR insieme al ripristino dei loro confini storici.
  2. kartalovkolya Офлайн kartalovkolya
    kartalovkolya 3 dicembre 2020 13: 24
    +3
    Riconoscere e richiedere immediatamente la restituzione dei "doni dall'URSS" dei territori primordialmente russi, annullando queste decisioni come illegali!
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 dicembre 2020 13: 34
    +6
    Per prima cosa devi eliminare la Quinta Colonna nella stessa Russia. E anche di arresti particolarmente pericolosi per il Paese in cambio di "detenuti" americani.
    1. irregolare Офлайн irregolare
      irregolare (VADIM STOLBOV) 3 dicembre 2020 23: 11
      0
      La "quinta colonna" nella Federazione Russa è identica alla "verticale del potere", a cominciare dalla custodia cautelare del Cremlino ...
  4. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex (Informazioni segrete) 3 dicembre 2020 18: 37
    +1
    Alexander (che è l'autore), esiste un metodo ancora più radicale per risolvere i problemi in Russia. Questo è il riconoscimento della "collusione Belovezhskaya" ILLEGALE e la liquidazione dell'URSS - un crimine, che diamo una valutazione giuridica inequivocabile. La cancellazione comporterà la restituzione dei territori precedentemente controllati dall'URSS. Bene, lì - per scelta, per accordo e per vantaggio!
  5. Lechi B. Офлайн Lechi B.
    Lechi B. (Tratta Bashirov) 3 dicembre 2020 19: 53
    0
    Devi colpirlo dolorosamente, ma con attenzione.
  6. Yuri Zubashkov Офлайн Yuri Zubashkov
    Yuri Zubashkov (Yuri Zubashkov) 4 dicembre 2020 07: 02
    +1
    Ritardare il riconoscimento delle repubbliche non riconosciute significa mostrare che la Russia è ancora debole. È necessario organizzare un referendum nel paese sul riconoscimento o meno, e sono sicuro che diremo di sì e su questa base prenderemo una decisione.
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 4 dicembre 2020 09: 18
      0
      Recentemente ho letto da qualche parte sullo stato delle cose in una "repubblica riconosciuta" dell'Abkhazia (sebbene solo la Russia lo abbia riconosciuto finora). Tutto ciò che restava dell'URSS è andato in pezzi o è stato saccheggiato dalla gente del posto. Disoccupazione, povertà. Gli stessi abkhazi non fanno nulla per migliorare in qualche modo la loro situazione. Si siedono e aspettano che la Russia li annetti, seguendo l'esempio della Crimea. Nessun argomento di ragione ha alcun effetto sull'Abkhazia. Credono seriamente che i russi verranno, ricostruiranno tutto per loro, avendo aggiunto trilioni lì, e gli stessi abkhazi saranno orgogliosi della loro "indipendenza e sovranità".
      Se questa stupidità accade davvero, allora nella stessa Russia l'età pensionabile dovrà essere portata a 80 anni. Personalmente non sono pronto per questo.
  7. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 4 dicembre 2020 08: 07
    +1
    Quarant'anni fa, quando "l'ex attore cinematografico Reagan" fu eletto presidente degli Stati Uniti, i media sovietici sostenevano seriamente che presto ci sarebbe stata una guerra, forse anche una "stella".
    E ora i moldavi hanno scelto un sandulet annusato per una posizione poco attraente, poiché qui alcune persone perdono conoscenza per la forza delle loro stesse urla :(
  8. nikola bb Офлайн nikola bb
    nikola bb (nikolaj wasiljew) 5 dicembre 2020 08: 43
    -3
    Articolo personalizzato pieno di cliché russofobi e cattiveria anti-russa. La posizione filo-occidentale dell'autore è evidente e nessuno cerca nemmeno di nasconderla. L'odio per la Russia è fuori classifica.