MW: "Orlan" rimarrà una delle navi più pericolose al mondo con una sola condizione


Oggi, le grandi navi di superficie costituiscono la spina dorsale di qualsiasi grande flotta del mondo. Sono ben armati e svolgono una varietà di compiti, dalla difesa aerea / difesa missilistica al contrastare potenziali sottomarini nemici, scrive l'edizione americana di Military Watch.


Le navi più grandi sono di proprietà della Marina russa e della Marina degli Stati Uniti. Ma solo la presenza del più nuovo tecnologia indica l'entrata di questa o quell'unità combattente nella lista delle più pronte al combattimento del mondo. Dovrebbero essere equipaggiati con nuovi radar, lanciatori verticali, una varietà di sistemi d'arma e una varietà di attrezzature. Di seguito viene presentata la valutazione delle navi da guerra più pericolose del pianeta.

Al primo posto ci sono i cacciatorpediniere missilistici PLA tipo 055, che hanno 112 lanciatori ciascuno e un dislocamento di 12mila tonnellate. Nel gennaio 2020 è stato commissionato il primo cacciatorpediniere, Nanchang. Nel prossimo futuro, la flotta cinese sarà rifornita con altre sette navi di questo tipo. Questi cacciatorpediniere fungeranno da scorta per le portaerei cinesi. In modalità invisibile, il Tipo 055 è secondo solo ai cacciatorpediniere americani Zumwalt. Allo stesso tempo, sono armati con missili da crociera YJ-18 con una gittata di 540 km, che possono distruggere navi di superficie e oggetti a terra, il sistema di difesa aerea HQ-9B (nel futuro HQ-26) e un supporto per cannoni da 130 mm. L'apparizione a bordo del cannone è prevista.

Il secondo posto è occupato dalle più grandi navi da guerra di superficie del mondo, con un dislocamento di 26mila tonnellate. Questi sono incrociatori missilistici nucleari pesanti sovietici del progetto 1144 "Orlan", che sono in servizio con la Marina russa. Queste navi sono ancora alcune delle più letali, soprattutto nel contesto dei duelli navali. Ma il tempo è inesorabile anche per loro.

Sono armati con enormi missili da crociera P-700 con caratteristiche uniche. A una velocità di Mach 2, una testata da 750 kg che vola a una distanza massima di 625 km non lascerà alcuna possibilità alla nave. Inoltre, c'è il sistema di difesa aerea S-300F e il complesso anti-sottomarino RPK-2 Vyuga.

I russi hanno ancora un solo Pietro il Grande in servizio, ma vogliono anche ripristinare l'ammiraglio Nakhimov per avere un paio di incrociatori del genere. Solo un aggiornamento significativo consentirà alle Aquile di rimanere una delle navi più pericolose del pianeta.

Durante la modernizzazione, è prevista l'installazione della versione navale S-400 con un'autonomia fino a 400 km. Saranno 80 i lanciatori per il P-800 "Onyx", "Calibre" e ipersonici "Zircons" con una gittata fino a 1000 km. I costi operativi diminuiranno e l'automazione aumenterà.

Al terzo posto i cacciatorpediniere cinesi del tipo 052D, con un dislocamento di 8,5mila tonnellate. Hanno iniziato a entrare in servizio con la Marina dell'EPL nel 2014, segnalando il progresso tecnologico della Cina. Sono diventate le prime navi cinesi con un sistema di lancio verticale modulare. Questi cacciatorpediniere sono equipaggiati con un'ampia gamma di equipaggiamenti e una varietà di armi, inclusi i missili da crociera YJ-100 con una portata fino a 1000 km, sistemi di difesa aerea e diversi nuovi sistemi d'arma chiusi.

Il quarto posto è occupato dai cacciatorpediniere del tipo "King Sejong the Great" della Marina sudcoreana, con un dislocamento totale di 11mila tonnellate con 128 lanciatori. La prima nave è entrata in servizio nella flotta nel 2008. Le navi sono equipaggiate con il sistema AEGIS, supporti di artiglieria, missili anti-nave, armi anti-sottomarino e mine-siluro.

I primi cinque vengono chiusi dai cacciatorpediniere giapponesi di classe Maya con un dislocamento di oltre 10mila tonnellate con 96 lanciatori. La prima nave è stata commissionata a marzo 2020. Questi cacciatorpediniere sono dotati del sistema AEGIS e sono in grado di trasportare missili antisommergibili di tipo 07, nonché fino a otto missili anti-nave di tipo 17. Tuttavia, non dispongono di missili in grado di colpire bersagli terrestri, il che riduce significativamente il loro potenziale di combattimento.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michael I Офлайн Michael I
    Michael I (Michele I) 6 dicembre 2020 09: 46
    +1
    E non una parola sull '"Arlie Burke" di cui esistono già più di 70 pezzi e sull'incrociatore "Ticonderoga" di cui sono più di 20
    1. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 7 dicembre 2020 01: 02
      -2
      Probabilmente perché non hanno la tecnologia più recente come gli Eagles.
      1. Michael I Офлайн Michael I
        Michael I (Michele I) 7 dicembre 2020 09: 00
        0
        E quali sono queste tecnologie? E cosa può offrire 1 running Orlan contro un AUG con una portaerei, un incrociatore e 5 cacciatorpediniere?
        1. Tagil Офлайн Tagil
          Tagil (Sergei) 7 dicembre 2020 18: 29
          0
          Spetsboepripas.
          1. Michael I Офлайн Michael I
            Michael I (Michele I) 7 dicembre 2020 20: 08
            +1
            Invece di una battaglia navale, un mondo in polvere?
            1. Tagil Офлайн Tagil
              Tagil (Sergei) 7 dicembre 2020 22: 14
              -1
              E cosa può offrire 1 running Orlan contro un AUG con una portaerei, un incrociatore e 5 cacciatorpediniere?

              La tua domanda, la mia risposta. Dimmi l'unica nave al mondo che può far fronte all'ASU senza munizioni speciali? Dirò subito che non ce ne sono. Non è corretto confrontare un Orlan e un intero squadrone.
              1. Michael I Офлайн Michael I
                Michael I (Michele I) 8 dicembre 2020 08: 30
                +1
                Quindi questo confronto non è niente. Non c'è forza in mare che possa far fronte alla flotta americana. Forse la Cina proverà a recuperare il ritardo, ma non è ancora nei prossimi 5 anni. Pertanto, questo confronto è per i poveri, dicono che abbiamo la nave più potente, la migliore
                1. Tagil Офлайн Tagil
                  Tagil (Sergei) 8 dicembre 2020 14: 56
                  +1
                  Non c'è forza in mare che possa far fronte alla flotta americana.

                  Dici anche che non esiste una forza del genere in grado di far fronte al potere dell'esercito americano. Per ogni astuzia ..... c'è una vite. E Orlan è davvero l'incrociatore più potente del mondo al momento. Già ASU in qualche modo si dimezzerà.
        2. Il commento è stato cancellato