Le continue proteste a Minsk fanno riflettere il Cremlino sulle dimissioni di Lukashenka


Per il quarto mese in Bielorussia durano le proteste di massa contro la presidenza del Paese Alexander Lukashenko. Ma il 27 novembre 2020, in una riunione con il personale del 6 ° ospedale clinico della città di Minsk, il capo dello stato ha assicurato, tuttavia, senza specificare che presto avrebbe lasciato il suo posto, scrive World Socialist Web Site.


Non faccio nessuna Costituzione per me stesso. Nella nuova Costituzione, non lavorerò con lei come presidente

- ha detto Lukashenka.

Successivamente, il presidente ha criticato la democrazia, che ha distrutto l'Unione Sovietica e potrebbe distruggere la Bielorussia.


Lukashenko ha iniziato a parlare della sua partenza dopo la visita del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Alla riunione, il ministro russo lui parlò sull'interesse di Mosca per una Bielorussia stabile e tranquilla, che dovrebbe essere facilitata dalla riforma costituzionale avviata da Minsk. Ha anche smentito le voci di colloqui con l'opposizione bielorussa.

Va notato che le relazioni tra Bielorussia e Russia erano tese anche prima dell'inizio delle proteste. Per molto tempo Lukashenka ha cercato di trovare un equilibrio tra l'Occidente e Mosca, il che ha causato una schietta irritazione in entrambi. Minsk ha sostenuto la chiusura economico legami con Kiev, che ha offeso ancora di più i russi. Pertanto, le azioni di piazza in corso in Bielorussia indubbiamente fanno riflettere il Cremlino sulle dimissioni di Lukashenka.

La Bielorussia è l'ultimo paese al confine occidentale della Russia, che non è ancora integrato nelle strutture dell'Occidente (UE e NATO) in un modo o nell'altro. Pertanto, il Cremlino ha aumentato la sua pressione su Lukashenko per i propri interessi geostrategici. Mosca è davvero allarmata dalla continua instabilità al suo fianco, poiché le proteste dalla Bielorussia potrebbero estendersi alla Russia, dove sono presenti molti oligarchi. Allo stesso tempo, la pandemia COVID-19 sta esacerbando la situazione economica e contribuendo allo sviluppo di uno scenario negativo, ha concluso il sito web del socialismo mondiale.
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 3 dicembre 2020 18: 30
    0
    Pertanto, le azioni di piazza in corso in Bielorussia indubbiamente fanno riflettere il Cremlino sulle dimissioni di Lukashenko.

    Proteste a Minsk e perché il Cremlino dovrebbe pensare alle dimissioni? Il presidente non ha nulla a che fare con la Russia, non è elencato come governatore.

    La Bielorussia è l'ultimo paese al confine occidentale della Russia, che non è ancora integrato nelle strutture dell'Occidente (UE e NATO) in un modo o nell'altro.

    Mi ricordi quando la Moldova e l'Ucraina sono entrate a far parte della NATO e dell'UE?

    Mosca è davvero allarmata dalla continua instabilità al suo fianco, poiché le proteste dalla Bielorussia potrebbero estendersi alla Russia, dove ci sono molti oligarchi.

    Perché non in Brasile, dove ci sono molte scimmie selvatiche? richiesta In Bielorussia, significa che le proteste e gli oligarchi non vengono osservati, ma perché le proteste dovrebbero diffondersi in Russia? Beh, certo, perché ci sono molti oligarchi triste
    Non leggere il sito Web socialista mondiale prima di pranzo. È difficile leggere un articolo con tali costruzioni logiche, gli occhi sanguinano.
  2. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 3 dicembre 2020 18: 55
    0
    Scollega Internet e proibisci i trasferimenti di denaro da / verso la Bielorussia: rimarranno in silenzio entro una settimana.
  3. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 3 dicembre 2020 19: 38
    -5
    Citazione: Dmitry S.
    Scollega Internet e proibisci i trasferimenti di denaro da / verso la Bielorussia: rimarranno in silenzio entro una settimana.

    allo stesso modo, al posto della Bielorussia, inserire la Federazione Russa, disconnettersi da SWIFT e congelare (arrestare) tutti i conti dei funzionari in valuta estera nelle banche occidentali: sarà ancora più divertente
    1. GENNADI 1959 Офлайн GENNADI 1959
      GENNADI 1959 (Gennady) 4 dicembre 2020 16: 27
      +1
      Come ai patrioti di Internet non piaceva l'idea di congelare i conti dei funzionari russi. Calcio dritto nelle palle.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 dicembre 2020 20: 38
    +1
    E OVUNQUE in precedenza ha scritto che le proteste sono svanite.
    Mai, e ora di nuovo?

    Autori anonimi implicano che Mosca dovrebbe far roteare la Bielorussia e Lukashenka come vuole? Rimuovere e nominare il tuo dittatore?
    Probabilmente andrà solo peggio.
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 3 dicembre 2020 20: 41
    -4
    Le continue proteste a Minsk fanno riflettere il Cremlino sulle dimissioni di Lukashenka

    - Personalmente, sono solo stanco di ripetermi:
    - Fino a quando Mosca non rimuove (rimuove) Lo (Lukashenko) dal potere e introduce le sue truppe in Bielorussia, la situazione peggiorerà sempre di più ...
    - Oggi la situazione è diventata molto più complicata per l'attuazione di quelle misure di cui Personalmente dico, ripeto ...
    - Presto, la politica timida e indecisa di Mosca porterà al fatto che ... che ... che Lo può semplicemente andare in Occidente e chiedere aiuto alla NATO ... - E Lo lo farà facilmente ... quando finalmente -allora il nuovo presidente entrerà in diritti legali ...
    - Cosa sta aspettando Mosca, come uno struzzo ... - affondando la testa nella sabbia ... - Io personalmente non capisco assolutamente ... - Già oggi "il tempo si è perso molto" e sono necessarie misure radicali molto decise ...
    - È tutto molto, molto serio ... - e la politica indecisa del Cremlino può complicare tutto così tanto che la Russia avrà al suo fianco un membro della NATO appena costituito ...
    - E per ora ... - Il Cremlino sta trascinando il tempo con il suo ultimo pezzo e distrae il pubblico russo da questo imminente disastro in Bielorussia ... - Così sono passati al Karabakh - una nuova distrazione. (La Siria ha semplicemente smesso di interessare tutti) ...
    - E quando scoppia un colpo di stato in Bielorussia ... - poi al Cremlino alzeranno solo le mani ... - Bene, chi avrebbe mai pensato che Law fosse capace di una cosa del genere ...
    1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
      Dmitry S. (Dmitry Sanin) 4 dicembre 2020 04: 53
      +3
      - Fino a quando Mosca rimuove (elimina) Lo

      Law è Jennifer Lopez, ma non Lukashenko. Non si assomigliano nemmeno.
    2. GENNADI 1959 Офлайн GENNADI 1959
      GENNADI 1959 (Gennady) 4 dicembre 2020 16: 34
      +1
      Qualsiasi gesto può senza il permesso di Washington e ..... il PIL fa paura per i conti e la proprietà degli amici oligarchi. Probabilmente da qualche parte lì e dai suoi conti e palazzi. I partner occidentali possono anche imporre sanzioni (conti immobiliari, visti).
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 dicembre 2020 09: 36
    -2
    Se la Bielorussia è uno Stato dell'Unione, perché la Russia non può inviare lì le sue truppe? La Germania e la Polonia non sono mai uno Stato dell'Unione negli Stati Uniti, ma hanno tranquillamente portato lì le loro truppe e la popolazione locale è solo felice. Quindi i bielorussi saranno felici della loro messa. Quindi è ora di introdurre le truppe russe in Bielorussia, seguendo l'esempio dello Stato più democratico!
  7. GENNADI 1959 Офлайн GENNADI 1959
    GENNADI 1959 (Gennady) 4 dicembre 2020 16: 42
    +1
    Citazione: 123
    Proteste a Minsk e perché il Cremlino dovrebbe pensare alle dimissioni?

    Perché il "grande" Putin e il "saggio" Laurel hanno schioccato il becco negli ultimi 20 anni e non si sono preoccupati della creazione di partiti, movimenti, politici filo-russi nella Repubblica di Bielorussia.
    Le proteste sono sorte in mezzo a palesi frodi elettorali. senza rispetto alla Russia. Putin, con il suo sostegno a Lu, ha fatto di tutto per garantire che le emozioni negative della popolazione riversate su Lu fossero trasferite in Russia.
    Attualmente, movimenti e politici filo-occidentali stanno cercando di cavalcare queste proteste e di dirigerle non solo contro Lu ma anche contro la Russia. Fortunatamente, non esiste una base (mentalità russofobica) in Bielorussia per l'attuazione di successo di tali piani. Ma questo problema viene rapidamente risolto con l'aiuto di ONG e mass media dell'orientamento appropriato.
    Pertanto, il Cremlino dovrebbe pensare non solo a quanto e dove rubare e come riciclare il bottino agli oligarchi di corte, ma anche agli interessi geopolitici della Russia.
    Con questa leadership della Russia, i missili NATO saranno presto di stanza al confine tra le regioni di Smolensk e Bryansk.