Il rifiuto dell'Occidente dagli idrocarburi costerà all'industria


L'estrazione di "oro nero" sta iniziando a riprendersi. Dopo lunghe consultazioni e trattative estremamente difficili, i paesi OPEC + sono comunque giunti a un accordo su un graduale aumento della produzione di petrolio dall'inizio del prossimo anno. Allo stesso tempo, in Occidente si fanno affermazioni perentorie che "il tempo delle risorse energetiche degli idrocarburi è finito" e il mondo sta entrando in una "nuova era".


In che misura tali massime corrispondono alla verità e perché sono così ostinatamente difese, prima di tutto, negli Stati Uniti? Proviamo a capirlo.

Meglio di quanto fosse, ma meno di quanto vorremmo


Per cominciare, però, torniamo al fatidico vertice OPEC +, organizzato nelle migliori tradizioni dell'attuale “realtà del coronavirus”, cioè in modalità videoconferenza. Inizialmente, era previsto che si tenesse il 1 ° dicembre, ma è stato rinviato di due giorni a causa del fatto che le discussioni più accese si sono svolte intorno all'accordo imminente. Come sapete, riunioni di questo tipo, che si tengono a livello dei ministri competenti dei Paesi contraenti, sono precedute da consultazioni preliminari, durante le quali, di fatto, vengono “sistemati” tutti i dettagli. Questa volta, il problema era che nello spazio negoziale, tre punti di vista completamente diversi si sono scontrati su come i paesi esportatori di energia dovrebbero agire nel 2021.

Permettetemi di ricordarvi che dopo una lunga "guerra del petrolio", che ha causato perdite considerevoli a tutti i suoi partecipanti e fatto precipitare i prezzi dell'energia a valori negativi, l'OPEC + ha raggiunto un compromesso reciprocamente accettabile. In accordo con esso, i paesi che sostengono questo "patto degli idrocarburi" estraggono dal loro sottosuolo un totale di 7.7 miliardi di barili di petrolio al giorno in meno rispetto a prima della pandemia, prima della crisi economica ed energetica che ha causato. Di questo volume, la Russia rappresenta 1.2 miliardi.

È chiaro che i petrolieri di tutti i paesi e continenti si pruriscono disperatamente le mani dal desiderio di "chiudere il rubinetto", ma più forte. Tuttavia, nessuno vuole nemmeno un nuovo crollo dei prezzi. Questo scenario è più temuto in Arabia Saudita, i cui rappresentanti hanno insistito per estendere le attuali restrizioni almeno fino a marzo 2021. Gli Emirati Arabi Uniti hanno cercato di ridurre la discussione al fallimento di alcune parti della transazione nel rispettare le loro quote di riduzione della produzione - dicono, qual è lo scopo di estendere la moratoria se non viene rispettata? La Russia era favorevole alla ripresa della produzione.

Tale possibilità era prevista anche durante la conclusione dei precedenti accordi e si prevedeva di aumentare i volumi di "oro nero" fornito ai mercati in modo abbastanza significativo - di quasi 2 milioni di barili al giorno. Tuttavia, la vita ha fatto il suo ben lungi dall'essere aggiustamenti ottimistici: la pandemia di coronavirus non solo non è stata completata, ma è divampata anche in alcuni luoghi con rinnovato vigore. Da qui la decisione - da gennaio i paesi OPEC + cominceranno a permettersi di aumentare la produzione quattro volte meno del previsto - mezzo milione di barili al giorno. Si prevede di monitorare i risultati, consultare e adeguare ulteriori quote su base mensile. Ciò su cui i rappresentanti delle alte parti contraenti concordarono inequivocabilmente e all'unanimità fu che si trattava di un sostanziale rilancio economia, l'industria e l'industria dei trasporti e, di conseguenza, la domanda di risorse energetiche, si potrà parlare solo dopo la vaccinazione davvero di massa della popolazione della maggior parte dei paesi del mondo.

Tuttavia, c'è chi crede che l'industria petrolifera e, di conseguenza, quei paesi in cui costituisce la base dell'economia, non ci si possa aspettare nulla di buono dal futuro anche dopo la sconfitta del COVID-19. Come esempio, forse, possiamo citare una recente pubblicazione in una pubblicazione americana così rispettata come Bloomberg. I suoi autori si sono concessi un'affermazione tanto audace quanto controversa: sono sicuri al 100% che "il declino dell'era del petrolio è diventato un fatto compiuto", e l'ultimo, ultimo anno "pre-coronavirus" può essere considerato il picco storico del consumo di "oro nero" in tutta la storia umanità. Su cosa si basano queste "scoperte epocali" e quanto ci si può fidare?

Gli USA non sono il mondo intero


Prima di tutto, Bloomberg fa riferimento ad alcune "previsioni a lungo termine" che sarebbero state fatte anche prima dell'inizio della pandemia e alla consapevolezza degli esperti del suo impatto distruttivo sull'economia globale da giganti della produzione di petrolio come la British BP, le società norvegesi Equinor e Rystad Energy o la famosissima French Total SA ... Gli esperti di tutte queste società hanno previsto il punto più alto di domanda per le materie prime da loro fornite approssimativamente nel "fork" del 2027-2030. Inoltre - solo un declino. E questo, intendiamoci, senza alcun COVID-19. L'articolo dice anche che "la fine dell'era degli idrocarburi" è attesa anche in OPEC. È vero, hanno misurato di più prima di lui - "un paio di decenni". Allo stesso tempo, va notato che non vengono forniti riferimenti a documenti specifici, si tratta solo di "valutazioni negative delle prospettive di domanda di risorse energetiche fossili, che si sentono ovunque". Inoltre, tuttavia, gli autori passano a più pesanti, a loro avviso, "argomenti". Si scopre che forse la prova più inconfutabile che il petrolio si trasformerà presto in una sorta di reliquia del passato, quasi un cimelio storico, è la "tendenza all'aumento della popolarità dei veicoli elettrici".

Guarda, brava gente - Daimler e Volkswagen si lamentano di un vero e proprio "calo record delle vendite", mentre la Tesla di Elon Musk, al contrario, sta prosperando e le sue azioni stanno crescendo a passi da gigante a un ritmo senza precedenti. Qui, come mi sembra, avviene la manipolazione più tipica: in qualche modo non è del tutto corretto confrontare le prestazioni di alcune aziende durante la crisi del coronavirus. Inoltre, c'è un dettaglio molto caratteristico riguardante Tesla: una delle principali fabbriche della società si trova a Shanghai e, a causa della pandemia COVID-19, è rimasta inattiva per un paio di settimane, a differenza delle imprese europee e americane dell'industria automobilistica. Bene, per quanto riguarda le quotazioni di borsa ... Ricordo che Musk aveva già grossi problemi in questa faccenda - e solo su Tesla. Le accuse di frode e frode erano così forti che dovette persino lasciare la presidenza del presidente del consiglio di amministrazione della società. Quindi non saltare alle conclusioni ...

Nello stesso articolo, ovviamente, ci sono anche riferimenti al corso sulla "energia verde" dichiarato da molti paesi del mondo, e primo fra tutti, l'Europa. Dicono che anche la Cina "eliminerà le emissioni di anidride carbonica". Ma da questo punto vale la pena approfondire la questione in modo più dettagliato. Non so da quali fonti gli autori della pubblicazione da me citata abbiano appreso che il Celeste Impero intende abbandonare il consumo di idrocarburi o almeno ridurne notevolmente il volume. Tuttavia, negli stessi media americani non molto tempo fa, una scoperta molto inaspettata per i loro lettori è stata fatta dagli specialisti dell'Agenzia internazionale per l'energia. Secondo loro, la Cina diventerà il leader mondiale nella raffinazione del petrolio nel futuro, il 2021, "spostando" decisamente da questo luogo gli Stati Uniti, che hanno mantenuto la posizione di leadership nel settore sin dal momento in cui sono state erette le prime piattaforme petrolifere. Verso la metà della fine degli anni '60 del secolo scorso, le capacità americane di raffinazione dell '"oro nero" hanno superato quelle cinesi di 35 volte! In linea di principio, sembrava che questo divario non potesse essere colmato.

E, tuttavia, quest'anno un'altra raffineria di petrolio (Convent), di proprietà di un gigante come Shell, verrà chiusa negli Stati Uniti, e quattro gigantesche imprese di questo particolare profilo vengono costruite a un ritmo rapido in Cina. Gli esperti hanno calcolato che la capacità delle imprese del settore in questione, lanciate solo di recente da compagni cinesi, supera 1.2 milioni di barili al giorno. E questo nonostante il fatto che il mondo intero abbia ormai ridotto il volume della raffinazione del petrolio al limite minimo. In Cina, secondo le stime del Research Institute of Economics e tecnologia Chinese National Petroleum Corporation (CNPC), entro il 2025, il loro aumento è previsto di 2.5 milioni di barili al giorno - e questo è in confronto agli attuali, lontani dai piccoli "appetiti" dell'industria e dei trasporti locali.

Negli stessi Stati Uniti, la produzione di "oro nero" nel contesto della pandemia ha subito enormi perdite: a maggio è "affondata" del 20% o 2.3 milioni di barili al giorno, e da allora gli indicatori non sono decisamente migliorati. Tenendo conto delle specificità locali del settore, vale a dire prevalentemente l'estrazione di "scisti", questa perdita di posizioni (al livello più basso dalla fine della seconda guerra mondiale) può diventare insostituibile. No, l'industria petrolifera americana, ovviamente, riconquisterà interesse e barili - dopotutto, le persone hanno investito nel business e denaro considerevole. Tuttavia, con l'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, che ha trasmesso incessantemente di "energia verde" e simili durante la corsa elettorale, si può dire inequivocabilmente che i "giorni d'oro" per questa industria negli Stati Uniti sono finiti.

A proposito, secondo gli ultimi dati, le riserve di petrolio nel Paese stanno rapidamente diminuendo, mentre le importazioni stanno crescendo. Questa è forse la ragione di tutti i discorsi americani sulla "fine dell'era del petrolio", che presumibilmente attende l'umanità. Nelle attuali condizioni di più grave crisi economica e sociale, il mondo, anche con tutto il suo desiderio, non potrà abbandonare i buoni vecchi idrocarburi, collaudati e sperimentati, per i quali il suo sistema di trasporto e la sua industria sono "affilati". Certo, verranno intrapresi alcuni esperimenti all'insegna della "lotta per l'ambiente", ma difficilmente su scala globale: sono troppo costosi.

Ma la svolta dell'economia mondiale, compresi i flussi di petrolio e gas verso est, non solo è abbastanza probabile, ma, di fatto, sta già avvenendo sotto i nostri occhi. L'UE punta alla "decarbonizzazione"? E alla tua salute. Ciò significherà solo accelerare il trasferimento di tutta l'industria dai paesi occidentali all'Asia. E perché non in Russia? Si può solo simpatizzare con gli esperti che insistentemente continuano, parlando di tendenze e prospettive, ad equiparare i concetti di "americano" e "universale". Il mondo intero non sono gli USA, ma gli USA, fortunatamente, non il mondo intero. Presto dovranno rendersene conto pienamente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 dicembre 2020 10: 52
    +1
    Ancora una volta, tutto è capovolto.
    Il fatto che Asia e America Latina stiano recuperando terreno sta recuperando terreno da molto tempo, e non perché "gli Stati Uniti ..."
    E la limitazione è associata al riscaldamento reale. Se non esistesse, non ci sarebbe transizione al diavolo.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 4 dicembre 2020 12: 27
    +3
    Il bilancio di tutti i paesi produttori di petrolio si forma a scapito della produzione, e quindi ciascuno di loro è interessato ad aumentare e cerca di imbrogliare fornendo informazioni "imprecise". Ciò porta a litigi, sovrapproduzione e prezzi in calo.
    Inoltre, alcuni stati produttori di petrolio non fanno parte del cartello petrolifero, come gli Stati Uniti, e perseguono le proprie politiche.

    Gli esperti di tutte queste società hanno previsto il punto più alto di domanda per le materie prime da loro fornite approssimativamente nel "fork" del 2027-2030.

    I successi nel campo della fusione termonucleare controllata e la costruzione di una centrale termonucleare alimentata a idrogeno a Sarov danno motivo di tali previsioni, perché la maggior parte delle risorse energetiche estratte sono utilizzate per generare elettricità e calore.
    Il bisogno di risorse energetiche naturali diminuirà e diminuirà in modo significativo, e di quanto - la vita mostrerà, il consumo di materie prime tende a crescere, e questo richiede materie prime, lo stesso petrolio, per esempio.
    In un recente congresso nella RPC, è stato adottato un programma di "doppia circolazione" - un orientamento verso il più grande mercato interno del mondo e l'espansione esterna attraverso la promozione di programmi come VPTPP, RCEP, SCO, NSHP, che richiederanno inevitabilmente un aumento della produzione, e quindi "la Cina diventerà un leader mondiale nel campo della raffinazione del petrolio già nel futuro, 2021 ”. Forse non in futuro, 2021, ma almeno nel prossimo futuro.

    Daimler e Volkswagen lamentano un "calo record delle vendite", mentre la Tesla di Elon Musk è fiorente.

    Elon Musk non è andato in quelle aree in cui non poteva competere, ma con il sostegno dello stato ha investito in spazio libero, promettente e high-tech - spazio, auto elettriche, aerei elettrici e è diventato un leader mondiale in essi, a cui tutti sono uguali. Il suo più grande stabilimento di auto elettriche non è solo ovunque, ma in Cina, dove si è deciso di bandire i motori tradizionali e passare a quelli “verdi”, con il suo vasto mercato e una rete di rifornimento di auto elettriche di circa 500mila unità. Guardandolo, tutte le principali aziende automobilistiche stanno pianificando, se non completamente, di passare alla produzione di veicoli elettrici, quindi stanno cercando di delimitare i mercati di quei paesi dove ci sono i prerequisiti per questo e il mercato PRC in primo luogo.
  3. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 4 dicembre 2020 13: 06
    -1
    Dicono che anche la Cina "eliminerà le emissioni di anidride carbonica". Ma da questo punto vale la pena approfondire la questione in modo più dettagliato. Non so da quali fonti gli autori della pubblicazione che ho citato abbiano tratto l'idea che il Celeste Impero intende abbandonare il consumo di idrocarburi o almeno ridurne sensibilmente il volume.

    Probabilmente l'hanno ottenuto dalle autorità cinesi.

    https://www.kommersant.ru/doc/3407787
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 dicembre 2020 13: 10
    0
    E cosa stanno progettando di volare nel mondo i veicoli civili e militari, dirigibili a vela?
  5. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 4 dicembre 2020 14: 23
    -1
    Dicono che anche la Cina "eliminerà le emissioni di anidride carbonica". Ma da questo punto vale la pena approfondire la questione in modo più dettagliato.

    Capire:

    https://tass.ru/press-relizy/9553383

    "La pandemia COVID-19 ci ricorda che l'umanità deve iniziare una rivoluzione ecologica e muoversi più velocemente verso un modello e uno stile di vita di sviluppo sostenibile", ha affermato il presidente cinese Xi Jinping

    La Cina intende "raggiungere il picco delle emissioni di CO2 entro il 2030 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060", ha affermato Xi Jinping.

    Di nuovo un coltello nella schiena.