Ricatto del gas di Kiev: coraggiosi ucraini non hanno tenuto conto di un punto

Il 19 giugno 2018, il London Commercial Court (si scopre che ce n'è uno!) Ha congelato i beni di Gazprom in Inghilterra e Galles. La decisione è stata presa su richiesta di NJSC Naftogaz dell'Ucraina come misura provvisoria ai sensi della decisione dell'Arbitrato di Stoccolma. Il tribunale ha sequestrato tutti i beni di PJSC "Gazprom" più costosi di 50mila dollari, ha riferito il servizio stampa di "Naftogaz".




In precedenza, questo era accaduto con le attività di Gazprom nelle giurisdizioni olandese e svizzera. Mentre la Russia vinceva sui campi di calcio della Coppa del Mondo 2018, l'Ucraina ha ottenuto abbastanza prevedibilmente la vittoria nei tribunali europei, sequestrando silenziosamente la proprietà del monopolista del gas russo, e presto, se le cose andranno in questo modo, potrà rivendicare una certa quota dell'ammiraglia della Russia. economia... Sciocchezze, diciamo? Non può essere! In nessun modo, potrebbe non essere così. Cosa c'è di spaventoso? Tuttavia, non avere fretta di aver paura. A Gazprom, sai, non sono stupidi (a differenza di Kiev).

Un po 'alla storia della questione per chi se ne è dimenticato. Queste due entità commerciali, Gazprom e Naftogaz, sono legate da un contratto di 10 anni per la fornitura di gas russo all'Ucraina e il suo transito nell'UE attraverso il GTS ucraino. Il contratto è stato firmato nel dicembre 2009 e scade il 20 gennaio 2020. E tutto andrebbe bene se, dopo la rivoluzione dei perdenti nel giugno 2014, l'Ucraina non rifiutasse di acquistare il gas russo e chiedesse una revisione dei prezzi al ribasso e il costo del transito verso aumento, passando al contrario del gas europeo e senza pagare Gazprom per il gas già fornito nel 4 ° trimestre 2013 e nel 2 ° trimestre 2014. E si potrebbe torcere un dito al tempio, perché Gazprom non è né freddo né caldo per questo - se vuoi contestare il contratto, vai in tribunale e prima della sua decisione, se lo desideri, adempia ai tuoi obblighi. Ma non sono state scritte leggi per l'Ucraina, quindi, di fatto, senza attendere una decisione del tribunale, si è ritirata unilateralmente dal contratto, iniziando ad acquistare lo stesso gas russo, ma questa volta in un hub europeo. Gazprom non ha perso affatto da questo, dal momento che il volume delle forniture all'UE del suo gas è aumentato più volte solo nel delta ucraino, beh, se vuoi pagare più delta per la logistica - per favore compra il nostro gas dagli europei - come ti pare, ci vediamo in tribunale (la differenza di prezzo è stata messa sulla popolazione ucraina, spiegando che il gas dell '"aggressore" non può essere loro dolce e piacevole).

Poi le parti si sono incontrate in tribunale. Più precisamente, nell'arbitrato di Stoccolma, poiché il contratto è stato concluso secondo la legge svedese. Il procedimento si trascinò per tre lunghi anni. Di conseguenza, secondo la prima decisione, Gazprom ha vinto, il tribunale, con il verdetto del 22 dicembre 2017, ha ordinato a Naftogaz di restituire 2 miliardi di dollari a Gazprom. per il gas russo ricevuto e non pagato, comprese sanzioni per un importo pari allo 0,03% dell'importo per ogni giorno di pagamento in ritardo (e questo, per un secondo, $ 600 mila al giorno!).

Il tribunale, avendo negato le affermazioni di Gazprom di pagare per il gas fornito al Donbass, e soddisfatto la richiesta dell'Ucraina di rivedere il prezzo del gas da qualche parte nel mezzo (invece dei 268,5 USD / migliaia di metri cubi richiesti dall'Ucraina, il tribunale ha fissato il prezzo di 352 USD, mentre in base al contratto era quotata 485 dollari / migliaia di metri cubi), ha preso una decisione di Solomon, poiché non l'ha prorogata per il periodo fino al 2014, obbligando l'Ucraina a pagare per intero il gas non pagato nel 2013.

Tuttavia, il reclamo principale di Gazprom all'Ucraina per quanto riguarda l'acquisto di gas russo per un importo di 52 miliardi di metri cubi all'anno su base take-or-pay non è stato soddisfatto. Il tribunale ha fatto riferimento alla difficile situazione dell'Ucraina e le ha consentito di non adempiere agli obblighi previsti dal contratto, riducendoli di 10 volte (a 5 miliardi di metri cubi / anno), estendendo solo questi 5 yard al principio "prendi o paga". E questo era un precedente (ma ne parleremo più avanti). Gazprom ha accettato con calma la decisione del tribunale arbitrale nella prima parte e ha iniziato ad attendere la decisione nella seconda - sul transito. La decisione doveva essere annunciata il 1 febbraio 2. Anche Naftogaz era in attesa della decisione, aumentando l'importo del suo debito di 28mila dollari per ogni giorno di ritardo, a partire dal 2018 dicembre 600.

E ha aspettato! La decisione, devo dire, non è stata affatto trasparente. Questo non era previsto, per non parlare di Gazprom, anche Naftogaz non contava su questo nei loro sogni erotici più sfrenati. Gazprom, non avendo ricevuto soddisfazione nelle sue richieste per l'adempimento da parte dell'Ucraina dei suoi obblighi take-or-pay, aveva il diritto di contare su una decisione giudiziaria simmetrica relativa al transito, dove, in base al contratto, Gazprom era obbligata a pompare attraverso il GTS ucraino fino a 110 miliardi di metri cubi all'anno il principio "scarica o paga". Tuttavia, il tribunale ha deciso in modo diverso e ha ordinato di rimborsare alla parte ucraina una sanzione di 4,63 iarde di verde per il pompaggio insufficiente di gas da parte russa in conformità con l'accordo di transito. Allo stesso tempo, il tribunale non ha tenuto conto degli argomenti della parte russa secondo cui la diminuzione del transito era associata a una diminuzione della domanda di gas da parte dei consumatori europei. Di conseguenza, tenendo conto della prima decisione del tribunale, l'importo del mutuo rimborso è sceso a $ 1 miliardi, ma questo non ha reso le cose più facili per Gazprom, poiché era ancora un fallimento!

Questo, devo dire, nessuno si aspettava. Fino ad ora, infatti, tutti i contratti erano stati considerati a favore del Fornitore. Ebbene, la parte fornitrice non può assumersi rischi e investire in esplorazione e perforazione di nuovi pozzi se non dispone di chiari volumi di acquisto. È stato così fino ad ora. Con l'Ucraina, l'arbitrato ha stabilito un precedente: hanno fatto un'eccezione per esso, consentendole di non adempiere ai propri obblighi, allo stesso tempo, la parte avversaria, obbligandola a soddisfare pienamente tutti i suoi obblighi. Gazprom non è riuscita a venire a patti con questo, avendo riservato un importo di 2018 miliardi di dollari nel suo budget 4,63. per l'esecuzione della decisione del tribunale, ha iniziato a cercare una scappatoia per aggirare questa decisione. E qui non era tanto una questione di ambizione quanto di buon senso - era impossibile dare alla parte ucraina un motivo per andare in tribunale con richieste simili per insufficiente pompaggio del gas anche nel 2018 e nel 2019, fino alla fine dell'accordo, di cui la parte ucraina ha già non era troppo pigro per avvisare Gazprom.

Devo dire che la direzione di Naftogaz, non avendo ancora ricevuto denaro russo, si è già affrettata a spenderlo, avendo stanziato un intero $ 46 milioni per i bonus (1% dell'importo vinto). I destinatari dei limoni si sono rivelati i signori Kobolev e Vitrenko (il capo e direttore commerciale di questa organizzazione di beneficenza) - nemmeno i proprietari (il proprietario qui è lo stato, poiché il negozio non è privato), ma hanno assunto top manager. I salariati non vivono bene in un paese povero con le mani tese - persino Gazprom non può sognare tali stipendi! Ad un giusto commento che i soldi avrebbero dovuto essere restituiti prima di ricevere i soldi da Gazprom, il signor Kobolev ha detto di averli già spesi (ha dato 800mila dollari a sua madre - un bravo ragazzo, del resto non ricorda nemmeno dove). È corretto: cosa aspettarsi quando arriverà la nuova leadership di Naftogaz? Quindi riceverà questi soldi.

Ma torniamo ai problemi di Gazprom. Il suo problema era che l'Istituto di arbitrato della Camera di commercio di Stoccolma (il cosiddetto Arbitrato di Stoccolma) è il tribunale supremo per la risoluzione delle controversie commerciali tra entità economiche, le cui decisioni sono definitive e non soggette ad appello. Non c'è nessun posto dove lamentarsi di lei, anche se ha torto: non hai altra scelta che cancellarti e accettare. O sparati (ma quest'ultimo, capisci, non riguarda Gazprom!). Pertanto, la sconfitta che il gigante russo subì non fu solo una sconfitta, fu un fallimento completo e definitivo. Anche le nostre controparti non si aspettavano una cosa del genere, rendendosi conto che una decisione positiva su di loro apre il vaso di Pandora e dà a tutti i loro follower il diritto di non adempiere ai contratti, facendo riferimento al precedente ucraino. Ecco perché hanno stappato rumorosamente lo champagne e diviso la pelle di un orso russo che non era ancora stato ucciso, rendendosi conto che se il Boss ha dato il via libera, allora è possibile, e senza aspettare la morte del piede torto, iniziare la manifestazione. E l'hanno iniziato ... Ma poi è successo l'imprevisto. L'orso già morto si alzò improvvisamente sulle zampe posteriori e vi cadde sopra. Come non farlo? E sebbene stiano ancora cercando di mantenere una bella faccia in un brutto gioco, l'odore rivela già che il cliente, per usare un eufemismo, è andato sotto di lui.

Inoltre, cito la fonte originale: "Il 13 giugno, la Corte d'appello del distretto di Svea (Svezia) ha accolto la petizione di Gazprom e ha sospeso l'esecuzione della decisione dell'Istituto di arbitrato della Camera di commercio di Stoccolma del 28 febbraio 2018 sulla controversia con NJSC Naftogaz ai sensi del contratto di transito del gas" (fine citazione ).

Come mai, chiedi. Quello che è successo? Ed è successo un miracolo! La decisione del Tribunale Arbitrale di pagare a Naftogaz 4,63 miliardi di verde è stata sospesa, il che non impedisce a Gazprom di chiedere a Naftogaz di rimborsare 2,018 metri di verde con la prima decisione del tribunale, più quelle stesse multe di 1mila dollari al giorno che gocciolano dal 600 dicembre 22. Gazprom non ha contestato la decisione del tribunale, è definitiva e questo è un dato di fatto: ha impugnato la procedura, ha presentato ricorso presso il luogo di registrazione della Camera di commercio di Stoccolma nel distretto di Svea e ha vinto la causa. Come ha fatto - nessuno lo sa. Ma sicuramente non corrompendo i giudici svedesi incorruttibili.

La bara si apre semplicemente, ma solo un genio potrebbe pensarci. E un tale genio è stato trovato! E il suo nome è il dottor Thomas Sebastian - è un famoso avvocato inglese. Su suo consiglio, Gazprom ha reclutato un linguista di fama mondiale per studiare il testo del lodo arbitrale. Di conseguenza, si è scoperto che una parte significativa del testo è stata scritta non dagli arbitri, ma da un'altra persona. La holding russa insiste sul fatto che nessuno ha il diritto di sostituire gli arbitri. Su questo ha costruito la sua difesa.

È interessante notare che a maggio, quando riferiva sulla questione del recupero crediti da Gazprom al presidente Petro Poroshenko, il capo di Naftogaz Andrey Kobolev non vedeva una grande minaccia negli esperimenti linguistici del monopolio russo del gas. “L'unico motivo che Gazprom ha trovato per contestare la decisione del tribunale è un qualche tipo di competenza linguistica. Ricordiamo tutti molto bene l'esperienza nei casi Almaz-Antey - che l'aereo non è stato abbattuto e altre cose. Mi sembra che qui i russi stiano più giocando a qualche tipo di gioco di pubbliche relazioni ", ha detto Kobolev.

Ma, come si può vedere, la Corte d'Appello svedese ha ritenuto diversamente. Inoltre, ha adottato misure senza precedenti, poiché il coinvolgimento di un estraneo che non è un membro dichiarato del collegium per prendere una decisione è vietato dalla Carta dell'Arbitrato di Stoccolma. Un esperto linguistico assunto da Gazprom ha dimostrato che il lodo arbitrale non appartiene linguisticamente a nessuno dei membri del collegio che si è pronunciato su questo caso, ergo - il verdetto non è solo incompetente, ma anche incompetente in questo caso, in generale, l'intero arbitrato di Stoccolma, che in Se la decisione della Corte d'Appello è positiva, potrebbe essere accusata di perdita di fiducia e decisione parziale.

È raro che una corte d'appello sospenda un lodo arbitrale. L'appello consente a Gazprom di ritardare almeno i tempi e ritardare il pagamento di 2,6 miliardi di dollari all'Ucraina. Il procedimento, durante il quale è stata sospesa la decisione dell'Arbitrato di Stoccolma, può protrarsi per almeno diversi mesi. Molto probabilmente, verranno svolte ulteriori competenze linguistiche indipendenti. E se si scopre che la decisione non è stata davvero scritta dai giudici arbitrali, potrebbe essere dichiarata non valida e annullata.

È troppo presto per essere felici, ma non c'è motivo di arrabbiarsi. Teoricamente, Naftogaz potrebbe provare a continuare il processo di sequestro delle attività estere di Gazprom (lo abbiamo osservato il 19 giugno nel Regno Unito), ma dopo la sospensione della decisione, il monopolio del gas russo aveva ulteriori argomenti per scoraggiare questi tentativi. E li userà, puoi starne certo!

La cosa più divertente qui sono i capi di Naftogaz, che sono indignati per non essere stati convocati in tribunale, dove spiegherebbero a tutti che sono tutte sciocchezze e che l'intera faccenda non vale un accidenti. La gente non capiva nemmeno di cosa stessero parlando - dopotutto, l'Ucraina non ha nulla a che fare con questo e non ha nulla a che fare con questo processo. Le parti in causa qui sono Gazprom, da un lato, che fa appello alla legislazione svedese, e l'oggetto del diritto processuale svedese - l'Istituto di arbitrato della Camera di commercio di Stoccolma con il nome di "Arbitrato internazionale di Stoccolma".

Consiglierei personalmente alla direzione di Naftogaz di rinfrescare la memoria del caso Yukos, di come si è concluso nell'arbitrato di Stoccolma e di come Mosca è stata in grado di rinnegare tale decisione appellandosi alla procedura. La storia si ripete, solo i testoni del territorio che si sono circondati di una recinzione zhovto-blakita non insegnano nulla. Bene, allora prendi ... Non parliamo di cose tristi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. bratchanin3 Офлайн bratchanin3
    bratchanin3 (Gennady) 26 June 2018 12: 46
    +2
    La storia non insegna Dubolomov, ma non è la Russia quella testarda, che conclude i trattati di giustizia svedese? Forse ha senso organizzare la giurisdizione e l'arbitrato eurasiatico. Se desideri il gas russo, concludiamo contratti per la fornitura di questo gas nella giurisdizione russa o eurasiatica.
    1. Vkd dvk Офлайн Vkd dvk
      Vkd dvk (Victor) 29 June 2018 10: 25
      +2
      L'organizzazione di una struttura parallela, in cui la Russia avrebbe diritto a un voto consultivo, se possibile in linea di principio, ma possibile tra un paio di secoli. Per fare questo, è necessario che i sostenitori siano offesi dalle regole attuali e dal desiderio ardente di rompere quelle esistenti. Organizza un maidan e .....
      La domanda per te è cosa fare PRIMA?
  2. zoilla Офлайн zoilla
    zoilla (Alexander Oleshkevich) 11 gennaio 2019 13: 52
    0
    È presto per gioire! L'intera "comunità progressista" è dalla parte del kaklov!