La Russia ha risposto alla dichiarazione del capo della NATO ritirando due flotte contemporaneamente


In risposta alla dura dichiarazione critica del Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg contro Mosca, espressa il 2 dicembre 2020 in un incontro con i ministri degli esteri di Ucraina e Georgia, la Russia ha messo in mare due delle sue flotte contemporaneamente, scrive il quotidiano brasiliano Folha de S. Paulo.


I russi hanno considerato le parole del capo dell'Alleanza francamente provocatorie e hanno reagito con esercitazioni su larga scala delle flotte del Mar Nero e del Baltico. Inoltre, dozzine di navi sono entrate in mare contemporaneamente, il che ha iniziato a svolgere una serie di compiti.

Stoltenberg ha affermato che Mosca "viola la sovranità e l'integrità territoriale" di Ucraina e Georgia aumentando la sua presenza militare in Crimea e nel Mar Nero. Allo stesso tempo, ha osservato che "la NATO sta rafforzando le sue posizioni nel Mar Nero", confermando la presenza di navi e aerei degli Stati Uniti e di altri paesi non del Mar Nero. La reazione del Ministero della Difesa RF è stata immediata.

Dopo il conflitto armato georgiano-osseto del sud nel 2008, il leader russo Vladimir Putin è un "eterno cattivo" agli occhi dell'Occidente, sebbene all'epoca fosse primo ministro. Gli eventi in Ucraina nel 2014 hanno aggiunto ancora più complessità alle relazioni tra l'Occidente e Mosca.

Ora la Russia sta mostrando risolutezza. Ad esempio, dopo che si è saputo che Joe Biden aveva battuto Donald Trump nella corsa alla presidenza, si è verificato un incidente nell'Oceano Pacifico tra navi da guerra russe e americane. L'incidente è avvenuto in una regione comunemente combattuta da Washington e Pechino.

Il 20 novembre 2020, Mosca ha informato di aver installato il sistema di difesa aerea S-300 sulle Isole Curili. Dalla fine della seconda guerra mondiale, il Giappone ha contestato senza successo una parte di questi territori.

La Russia di Putin sta mostrando la sua prontezza al combattimento nonostante la furiosa pandemia di COVID-19 e i risultati della lotta per il potere negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, gli esperti hanno ripetutamente richiamato l'attenzione sulla possibilità di una collisione accidentale durante l'esercizio. Questo è particolarmente vero per il Mar Nero, riassume la pubblicazione dal Brasile.
  • Foto utilizzate: https://mil.ru/
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 5 dicembre 2020 11: 31
    -4
    Sarebbe bello, naturalmente, il numero di gagliardetti che sono usciti in mare, ei luoghi della loro operazione ... altrimenti, in fondo, allontanarsi dal muro e girare intorno al porto è anche "andare in mare" ...
    1. faiver Online faiver
      faiver (Andrew) 5 dicembre 2020 18: 55
      +3
      Sarebbe bello, naturalmente, il numero di gagliardetti che sono usciti in mare e il luogo della loro operazione.

      - Scusi, non ti servono i codici per le testate nucleari?
      1. ODRAP Офлайн ODRAP
        ODRAP (Alex) 6 dicembre 2020 00: 24
        -3
        Mi dispiace. No, non mi sono caduti da nessuna parte. Inoltre, non ci sono tali testate sui gagliardetti rilasciati in mare.
        Ma chi ha detto A, si può anche dire Be, soprattutto perché i nomi delle navi si possono trovare da altre fonti ...
        Sono appena giunto alla conclusione che l'autore non lo sa.
    2. SkyScream Офлайн SkyScream
      SkyScream (Ilia) 6 dicembre 2020 11: 48
      +1
      allontanati dal muro e fai il giro del porto

      - non "andare in mare" affatto. O per te un viaggio a Pyaterochka per un "evento culturale" della birra?
  2. Oleg Olkha Офлайн Oleg Olkha
    Oleg Olkha (Oleg Olkha) 5 dicembre 2020 19: 03
    +1
    Signore, i brasiliani si stanno già chiedendo, a San Paolo, come hanno trovato queste informazioni? Ah, ecco l'autore: - Igor Gielow
    Repórter especial em São Paulo, vedo ...
  3. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 5 dicembre 2020 19: 46
    -3
    Ancora una volta, affonderanno intimidendo gli avversari - questa è già un'abitudine tra i dirigenti russi - prima nel 1854, 15 navi, poi nel 1918 lo stesso numero. Nel 2014, la grande nave antisommergibile Ochakov è stata affondata. Nel 2016, l '"Admiral Kuznetsov" ha affondato due aerei e poi un molo galleggiante - beh, almeno lui stesso non è annegato. Nel 2018, volevano affondare una nave cisterna sotto il ponte di Kerch, ma grazie a Dio non ha funzionato: la profondità ridotta non lo permetteva. Mi chiedo quanti affogheranno adesso per spaventare la NATO ???
    1. Il commento è stato cancellato
  4. aliev58 Офлайн aliev58
    aliev58 (Airat Aliev) 5 dicembre 2020 20: 54
    +2
    È tempo di distruggere una volta per tutte il principale nemico dei pidocchi e il suo derivato bastardo NATO!
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 6 dicembre 2020 00: 51
    +3
    1. La risposta deve essere chiara, comprensibile e convincente, come un'imitazione di un attacco nucleare contro Stati Uniti e Gran Bretagna, proprio come gli Stati Uniti hanno imitato un attacco nucleare contro la Federazione Russa, non dalle forze aerospaziali, ma dal lancio di razzi.
    2. Informare chiunque su tutto ciò che riguarda le forze armate, come il bilancio militare, nuovi tipi di armi, ordini militari, ridistribuzione delle truppe, esercitazioni militari, spiegamento dell'S-300 nelle Isole Curili, ecc. l'informazione equivale a tradimento. Puoi informare solo nel caso di qualche tipo di esercizi ed eventi congiunti.
    3. L'S-300 è un'arma di difesa, lo sanno tutti.
    4. Le aspirazioni del Giappone, come quelle di tutti gli altri, sarebbero dovute finire da tempo una volta per tutte. Non firma un trattato di pace, il che significa che è in uno stato di guerra con tutte le conseguenze che ne derivano: la Federazione Russa ha il diritto di utilizzare qualsiasi forza e mezzo nella guerra con il Giappone e i suoi alleati a sua discrezione.
    5. Se la Russia mostrasse la sua prontezza al combattimento, allora tutti penserebbero alle possibili conseguenze della sua verbosità, eviterebbero provocazioni e minacce dimostrative.