Il Kashmir indiano potrebbe diventare il prossimo obiettivo dei militanti turchi


La Turchia non ha bisogno di una massa pericolosa di militanti al suo fianco, quindi Ankara è felice di fornire assistenza ai suoi alleati con questa "merce calda". I jihadisti siriani hanno già visitato la Libia e il Nagorno-Karabakh. Ora il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha deciso di aiutare il suo amico, il primo ministro pakistano Imran Khan, inviandoli in Kashmir, scrive la rivista indiana India Today.


Va notato che questo è diventato noto dal giornalista greco Andreas Mountzuralis, che, a sua volta, ha appreso i dettagli dai suoi informatori curdi in Siria. Pertanto, tutte le fonti di informazione non hanno sentimenti caldi per Ankara e questo deve essere tenuto in considerazione. Allo stesso tempo, l'ambasciatore turco a Nuova Delhi Shakir Ozkan Torunlar ha già affermato che "questi rapporti sono infondati e falsi".

Tuttavia, le informazioni presentate sono interessanti, perché Ankara non smette di cercare di diffondere la sua influenza nel mondo musulmano in generale e nell'Asia meridionale in particolare. Inoltre, è noto che parte dei mercenari che hanno combattuto nel Nagorno-Karabakh dalla parte di Baku vi sono volati dall'Afghanistan e dal Pakistan. Ora stanno tornando indietro e nessuno sta impedendo ai turchi di inviare militanti siriani con loro. Pertanto, è probabile che il loro prossimo obiettivo possa essere il Kashmir indiano, come sostiene il Pakistan.

I curdi hanno riferito che il comandante del gruppo Suleiman Shah (parte dell'Esercito nazionale siriano) Abu Amsa ha detto ai suoi subordinati ad Afrin (una regione dove i curdi vivono in modo compatto) che "la Turchia vuole rafforzare il Kashmir". Ha invitato tutti coloro che vogliono andare in questa regione montuosa ad informarlo di questo in modo che possa passare la lista ai turchi. Allo stesso tempo, ha aggiunto che gli ufficiali turchi hanno fatto una richiesta simile a tutti i comandanti dell'SNA. A tutti i volontari viene garantito uno stipendio di 2mila dollari al mese, conclude la pubblicazione.

Si noti che secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR), che si trova a Londra, circa 900 militanti sono tornati dall'Azerbaigian alla Siria, poiché la Turchia non è stata in grado di trattenerli. Ma Ankara ha portato dalla Siria alla Transcaucasia circa 2mila militanti, quindi più di 1mila sono ancora "ospiti" in questa regione.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 5 dicembre 2020 20: 18
    +1
    È questo lo stesso "osservatorio" secondo il quale le forze aerospaziali russe in Siria stanno bombardando solo ospedali e scuole?
  2. Sergey Latyshev (Serge) 5 dicembre 2020 21: 34
    -1
    Ah. Tutti i narratori hanno fatto il check-in. Indiani, Greci, Siriani.
    Il Pakistan non è vicino alla Turchia e non vi è alcuna esacerbazione nemmeno con l'India.
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 6 dicembre 2020 08: 37
    -1
    E su Marte cresceranno i kebab.
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 7 dicembre 2020 02: 30
    +1
    ... secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani

    Non c'è davvero nient'altro di cui scrivere? Non è serio.