I sostenitori di Sandu si sono riuniti presso l'antigovernativo "Maidan" a Chisinau




Il 6 dicembre 2020, il neoeletto presidente della Moldova, Maia Sandu, ha organizzato nel centro di Chisinau una parvenza di un "Maidan" antigovernativo tra i suoi sostenitori e attivisti politico partner. Si è rivolta al pubblico e ha chiesto le dimissioni immediate del governo, nonché lo svolgimento di elezioni parlamentari anticipate. All'azione ha preso parte anche il capo del Nostro Partito, Renato Usatii, venuto dalla Germania apposta per questo.

Prima di allora, Sandu si è rivolto ai cittadini del paese con un messaggio di "emergenza" e ha esortato i residenti a "fermare il tentativo di usurpare il potere". Ha accusato di cospirazione i socialisti Igor Dodon e il partito Shor di Ilan Shor, uniti in una coalizione parlamentare. Poi ha annunciato che sarebbe stato organizzato un "Consiglio con i cittadini" e ha invitato tutti a venire in Piazza della Grande Assemblea Nazionale.

Di conseguenza, circa 3mila persone hanno partecipato all'azione menzionata. Inoltre, più di 650mila persone vivono nella sola Chisinau. Oltre a Usatii, Sandu è stato sostenuto da molti altri politici: il presidente del partito pro-Moldova, Andrian Candu (ex presidente ad interim e presidente del parlamento) e il capo del Partito Democratico della Moldova, Pavel Filip (ex presidente ad interim e primo ministro ).

Dodon vuole dare fuoco al paese e ravvivare il caos. Si vendica delle persone per non aver votato per lui.

- dice Sandu, che ha invitato le persone a un evento di massa nel bel mezzo della pandemia COVID-19.

L'ex primo ministro, e ora capo di stato, ha promesso che avrebbe lottato fino alla fine per il bene del cambiamento in Moldova. Si è lamentata del fatto che il presidente non avesse l'autorità di licenziare il governo e sciogliere il parlamento. A quanto pare, ha dimenticato che erano proprio tali norme a essere prescritte nella legislazione moldava dagli integratori europei insieme alla stessa Sandu.

A sua volta, il deputato del PSRM Bogdan Tsyrdya ha detto ai media che le immagini dalla piazza sono pietose. Ha attirato l'attenzione sul numero esiguo di coloro che sono venuti a sostenere politici e funzionari coinvolti nell'appropriazione indebita di 1 miliardo di dollari da cittadini moldavi. A quanto pare, la maggior parte dei sostenitori di Sandu sono fuori dal paese.
  • Foto utilizzate: VargaA / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 6 dicembre 2020 20: 37
    0
    Maidan solo per i figli illegittimi degli ottomani ... per il resto della rivoluzione, rivolte, colpi di stato ...
  2. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 6 dicembre 2020 22: 58
    +1
    Questo non è un Maidan. Ufficialmente, questo è stato chiamato un incontro con gli elettori. A parte il rumore e il fetore di tali eventi, non ha senso. Se vuole davvero licenziare il governo, lascia che sollevi la questione in parlamento, sebbene sia ben consapevole che non otterrà il numero di voti richiesto nella situazione attuale.
    Dietro a tutti questi partiti filo-rumeni ci sono piccoli gruppi di idioti rurali che si immaginano "intellettuali" e gridano "Abbasso la mafia!" In piazza da 30 anni.
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 7 dicembre 2020 01: 30
    +3
    Maidan sotto la guida del presidente è una parola nuova nelle tecnologie politiche risata