Esperto: la Russia mina l'autorità degli Stati Uniti in Medio Oriente


Il politologo John Raine scrive sul nuovo ruolo degli Stati Uniti in Medio Oriente nel contesto del confronto tra le grandi potenze sul sito web dell'International Institute for Strategic Studies (Londra).


L'autore osserva che, nonostante la sua schiacciante forza militare e economico potere, gli Stati Uniti non sono più una forza decisiva in questa regione. Ciò è diventato possibile perché molti attori regionali (Iran, Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti) hanno anche adottato gli strumenti di intervento attivo negli affari di altri paesi nel loro interesse.

All'improvviso, l'opzione su cui gli Stati Uniti avevano in precedenza un monopolio quasi completo era aperta a tutti.

Un'ulteriore complicazione è la crescente influenza di un altro attore esterno, la Russia. Il suo intervento in Siria ha prodotto un risultato evidente, lasciando la base aerea russa a Khmeimim, così come le infrastrutture navali a Tartus, che sono state affittate. […] La Siria è stata anche un banco di prova per la Russia. [...] Tutto ciò ha anche minato la credibilità degli Stati Uniti come principale attore esterno

- dice l'analisi.

In precedenza, gli Stati Uniti erano gli attori principali in Medio Oriente, il che ha influenzato ciò che stava accadendo lì attraverso la sua rete di basi militari situate in paesi amici; e anche attraverso l'intervento armato e le capacità in continua espansione del meccanismo delle sanzioni.

In Medio Oriente, come notato nel testo, c'è una concentrazione sorprendentemente alta di soggetti soggetti alle sanzioni statunitensi, inclusi due regimi: iraniano e siriano. La regione ospita circa 50 soldati statunitensi sparsi in una dozzina di siti importanti, tra cui l'hub aereo CENTCOM presso l'aeroporto di Al Udeid in Qatar e la base della quinta flotta in Bahrain. Gli Stati Uniti hanno una presenza e una portata in questa regione che nessun altro può vantare.

Il compito, secondo l'esperto, è anche quello di ideare una struttura multilaterale affidabile che limiti le attività di altri attori non controllati dall'America, e allo stesso tempo permetta agli Stati Uniti o ad altre "parti responsabili" di intervenire quando necessario.

E questo, secondo l'autore dell'analista, dovrebbe essere fatto senza creare l'apparenza dell'appropriazione americana di privilegi speciali, che indurrà solo i suoi critici, principalmente Russia, Iran e Turchia, a far deragliare un tale sistema.

Solo la presenza militare degli Stati Uniti, così come di Gran Bretagna e Francia, nella regione può fungere da forza stabilizzatrice, riassume l'autore dell'articolo.
  • Foto utilizzate: US Army
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 7 dicembre 2020 10: 33
    0
    Solo la presenza militare degli Stati Uniti, nonché della Gran Bretagna e della Francia nella regione può fungere da forza stabilizzatrice

    - Si può solo augurare a questi paesi la stabilizzazione libica creata da questi paesi.
  2. Galina Pigareva Офлайн Galina Pigareva
    Galina Pigareva (Galina Pigareva) 9 dicembre 2020 12: 11
    0
    Sì, senza l'America, come senza un bidone della spazzatura.