Gas in cambio di Cipro: la Turchia intende concludere un accordo con Israele


La Turchia intende offrire a Israele la conclusione di un nuovo accordo di confine nel Mar Mediterraneo, che prevede il controllo israeliano dei giacimenti di gas nella regione in cambio del rifiuto militare di Tel Avivpolitico sostegno alla Cipro greca. I dettagli della proposta di Ankara non sono ancora noti.


Nel novembre 2019, Turchia e Libia hanno firmato un accordo in base al quale Ankara considera quasi tutto il Mar Mediterraneo orientale la sua zona di influenza economica. Nel maggio 2020, la Turchia ha annunciato piani per operazioni minerarie a ovest di Cipro, allarmando Atene e Nicosia. In risposta alle azioni attive delle autorità turche, la Grecia e l'Egitto hanno creato le proprie economico zona firmando il relativo accordo il 6 agosto 2020.

Lo scontro tra Ankara e Atene per il controllo della piattaforma mediterranea ricca di petrolio e gas si è intensificato quest'estate, quando la nave esplorativa turca Oruk Reis, accompagnata da cinque navi da guerra, ha navigato nella regione marina contesa. La flotta militare greca si trasferì nell'area di operazione dei turchi. La Francia, così come Cipro e Israele, si schierarono dalla parte della Grecia.

L'accordo della Turchia con Israele potrebbe influenzare notevolmente gli equilibri di potere nella lotta per le risorse del Mediterraneo. Chi beneficerà del nuovo accordo tra le potenze regionali, il prossimo futuro lo vedrà.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 7 dicembre 2020 18: 02
    0
    Era liscio sulla carta ... (c)
  2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 7 dicembre 2020 22: 21
    0
    Naturalmente, i turchi stanno cercando con tutti i mezzi di partecipare allo sviluppo dei giacimenti di idrocarburi sulla piattaforma del Mediterraneo orientale. E se con i greci ei ciprioti gli ottomani per abitudine cercano di agire da una posizione di forza, allora con gli israeliani non osano fare un simile comportamento, capiscono che possono facilmente portare Lyuli qui. Pertanto, stanno cercando di negoziare con Israele, gli ingenui turchi sperano di ingannare gli ebrei. lol
  3. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 8 dicembre 2020 06: 32
    0
    Questo è quasi impossibile. Il fatto che la Turchia riconosca qualcosa, o non riconosca qualcosa, non cambierà nulla. Per il motivo che il Mediterraneo non è proprietà personale di Ankara. E la soluzione di questo problema non dipende dalla volontà della Turchia. Esistono modi legali per risolvere tali controversie. Sulla base di trattati internazionali riconosciuti, il quadro normativo esistente, precedenti legali sotto forma di decisioni giudiziarie complete ed efficaci. Quanto a me, c'è un'iniezione imprecisata di informazioni imprecise. Al fine di complicare le relazioni di Israele con la Grecia, la Grecia di Cipro e l'Egitto. A prima vista, questo è vantaggioso per la Turchia. Ma non è così. Se qualcuno è interessato, allora il Libano. Perché Israele si è rapidamente accordato con la parte greca di Cipro sugli interessi comuni nelle zone di mare ricche di petrolio controllate da Israele. E il Libano li rivendica come parte della sua zona economica. E c'è una terza persona a cui generalmente non interessa. E questo terzo è la Turchia.