Guerra USA-Cina: la probabilità diventa inevitabile


Uno dei temi principali, se non il più importante, la cui soluzione il neoeletto presidente Usa Joe Biden dovrà affrontare letteralmente subito dopo l'entrata al potere ufficiale, è la determinazione del futuro corso del Paese nei rapporti con Pechino. È la "direzione cinese", oltre a superare le conseguenze della pandemia di coronavirus e far uscire lo Stato dalla crisi economica, quella americana politico Gli analisti considerano le "sfide principali" che deve affrontare il nuovo capo della Casa Bianca.


Ci sono tutte le ragioni per questo: la precedente amministrazione non solo ha lasciato la nuova "eredità" con un numero enorme di problemi con il Celeste Impero, ma, in effetti, ha portato la situazione a una fase in cui ci sono sempre più timori che l'attuale politica USA-Cina possa essere continuata. "Con altri mezzi". Cioè, usando la forza armata. Un conflitto militare tra potenze di questo livello è un pericolo che l'intera popolazione della Terra è costretta a fare i conti. E la Russia in particolare. Quindi vale la pena sperare che non accada, o bisogna prepararsi a una guerra tra Stati Uniti e Cina, come per qualcosa di inevitabile?

Pechino non è desiderosa di combattere, ma è pronta per la battaglia


Presentato di recente al Congresso degli Stati Uniti, il rapporto annuale della Commissione USA-Cina l'economia e la sicurezza, essendo stata ampiamente pubblicizzata grazie ai media, ha fatto molto rumore a Washington. Tuttavia, questo documento indica direttamente e inequivocabilmente che dopo circa quindici anni l'Esercito popolare di liberazione della Cina sarà in grado di competere con le truppe degli Stati Uniti nella regione dell'Asia-Pacifico. E poi andrà solo peggio ... Per gli interessi geopolitici americani, ovviamente. Gli analisti che hanno compilato il rapporto indicano una trasformazione "rapida" del PLA. Secondo loro, letteralmente davanti ai nostri occhi, si è recentemente trasformato da "un esercito grande, ma tecnicamente arretrato, sviluppato al livello della Guerra Fredda e capace di condurre solo operazioni di terra per difendere il proprio territorio", in una delle forze armate più avanzate in pianeta.

Il documento afferma: tra 5 anni i compagni cinesi controlleranno quasi completamente le acque della loro regione. In 10-15 anni saranno in grado, almeno, di condurre efficacemente ostilità per proteggere i propri interessi nei paesi che fanno parte del progetto One Belt - One Road. Entro la metà di questo secolo, i membri della commissione sono fiduciosi che Pechino diventerà una superpotenza in grado di dare battaglia ai suoi nemici letteralmente ovunque sulla Terra. Il PLA si trasformerà in un "potere globale" e questo è molto spaventoso per Washington, che vede in tale prospettiva una minaccia all '"espansione planetaria del Partito Comunista Cinese", che "considera i valori liberaldemocratici dell'Occidente una minaccia esistenziale" e un ostacolo nell'attuazione delle proprie ambizioni nella lotta contro gli stessi USA per la geopolitica influenza.

Va notato che lo stesso Celeste Impero ha reagito molto negativamente al rapporto che ho citato sopra. Hua Chunying, portavoce del dipartimento diplomatico locale, ha accusato i membri della commissione di "parzialità", per cui possono solo "fabbricare documenti che non sono supportati da alcuna prova". Insomma, tutto ciò che suonava tra le mura del Congresso non era altro che "retorica anti-cinese volta a sabotare le relazioni bilaterali tra i paesi". Con tutto il rispetto per i compagni cinesi, non posso fare a meno di notare che in questo caso si stanno già spingendo troppo oltre nel desiderio di sembrare “colombe della pace”. Il budget militare del Celeste Impero di quasi 180 miliardi di dollari non è, ovviamente, i 720 miliardi americani per spese simili ... Ma dopotutto, il secondo più grande budget per la difesa del mondo. Inoltre, l'indignazione del ministero degli Esteri locale e le sue rassicurazioni sulla tranquillità di Pechino, diciamo, sono alquanto discordanti con le spiacevoli frequenti dichiarazioni bellicose del capo dello stato, Xi Jinping, che recentemente sono diventate più frequenti.

Le note militaristiche nella sua retorica si sono intensificate in modo più che evidente, il che può essere visto in esempi molto specifici. Così, il 14 ottobre di quest'anno, il leader cinese, durante la sua ispezione del Corpo dei Marines a Chaozhou, ha invitato i militari a "prepararsi alla guerra", ricordando che uno dei compiti principali del prossimo piano quinquennale sarà "rafforzare in modo significativo l'esercito". Un rafforzamento ancora maggiore ... Parole simili sono venute dal presidente Xi durante un evento molto più serio: la riunione del 25 novembre della Commissione militare centrale del PCC sull'addestramento militare. Avendo diretto la leadership dell'esercito a condurre l'addestramento del personale in condizioni "il più vicino possibile al combattimento", Xi Jinping ha infine esortato i suoi rappresentanti "a non temere le difficoltà e nemmeno la morte stessa per prepararsi a future guerre vittoriose". Pacifista, decisamente ...

"Guerra commerciale" persa dagli Stati Uniti, la prossima a sua volta - un conflitto militare?


Con tutto questo, le dichiarazioni sul desiderio dei "comunisti cinesi di conquistare il mondo" al fine di costringere la popolazione del nostro pianeta a camminare con una tessera di partito in una tasca e il libro delle citazioni di Mao in un'altra è la totale follia del livello dei romanzi tascabili americani e di Hollywood a basso budget. La Cina di oggi non è solo il Partito Comunista, ma anche le corporazioni più potenti, come ogni società simile in tutto il mondo, che si sforzano di sviluppare sempre più nuovi mercati. Nel Celeste Impero, preferiscono davvero produrre e commerciare, e non combattere. Dobbiamo rendere omaggio ai suoi abitanti: più di una volta sono diventati oggetto di aggressione e colonizzazione, mentre loro stessi non hanno mostrato particolari aspirazioni espansionistiche. Hong Kong e Taiwan? Bene, qui, scusa, la situazione è estremamente simile alla nostra Crimea. Ammettiamo che a Pechino abbiano buone ragioni per considerare questi territori come appartenenti di diritto alla RPC. E i tentativi degli Stati Uniti di "pompare" la stessa Taiwan con le sue armi del valore di miliardi di dollari, sono considerati una rozza e sfacciata interferenza nei loro affari.

Anche in questo caso, la "guerra commerciale" tra i due stati è stata scatenata, qualunque cosa si possa dire, non da Xi Jinping, ma da Donald Trump, che sognava di "fare di nuovo grande l'America", e certamente a spese della Cina. Puoi anche ricordare la retorica letteralmente frenetica anti-cinese che è stata ascoltata dalla Casa Bianca e dal Dipartimento di Stato durante lo scorso anno in relazione alla pandemia di coronavirus. In definitiva, questa comune disgrazia per tutta l'umanità ha apportato i propri aggiustamenti al confronto tra le due potenze mondiali, spostando ulteriormente l'equilibrio verso il Celeste Impero, che ha affrontato la malattia molto meglio e più efficacemente dei suoi stessi avversari. A proposito, molti negli Stati Uniti hanno visto questo fatto come un "sabotaggio ideologico" - dicono, in questo modo i comunisti "stanno cercando di dimostrare al mondo intero il vantaggio del loro sistema". Perché stanno "provando"? Dimostrano ...

Inoltre, mentre gli Stati Uniti dapprima "hanno combattuto con entusiasmo contro il razzismo e la violenza della polizia", ​​quasi distruggendo il paese, e poi hanno messo in scena uno spettacolo incantevole delle prossime elezioni presidenziali, la Cina, ancora una volta, era impegnata negli affari. La creazione di un'organizzazione come il Comprehensive Regional Economic Partnership (RCEP), su suggerimento di Pechino, non è solo una sensazione globale. Questa è una straordinaria vittoria geopolitica per il Celeste Impero, che pone fine a tutte le ambizioni, praticamente, americane nella regione Asia-Pacifico, e non solo in essa. I 15 paesi che vi sono entrati, con un PIL complessivo superiore a 25 trilioni di dollari e una popolazione di 2.2 miliardi, rappresentano, infatti, un terzo dell'economia mondiale. La terza parte del commercio del pianeta è inequivocabile.

Per fare un confronto, il PIL, che vuole posizionarsi come "arbitro dei destini mondiali" dell'Unione europea, non raggiunge nemmeno i 2 miliardi di dollari, e la popolazione dell'UE di mezzo miliardo non sembra affatto seria rispetto alle risorse umane del RCEP. Allo stesso tempo, va ricordato che la stragrande maggioranza degli stati che compongono questo nuovo "club asiatico per gli stati selezionati" ha già superato il COVID-19, pur subendo perdite umane e materiali molto meno di Europa e Stati Uniti. Il segretario al commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross può chiamare l'accordo un "accordo di qualità molto bassa" quanto vuole, ma si può solo immaginare quanti capelli sono stati strappati dalle loro teste dai dipendenti del suo dipartimento disperati per quello che è successo. In particolare, perché è stato Washington a contribuire in modo più attivo alla creazione di RCEP. Come esattamente? Prima di tutto - il ritiro (di nuovo, su iniziativa di Trump) dal cosiddetto Trans-Pacific Partnership, "guerre commerciali" con la Cina e altri paesi della regione ... Gli Stati Uniti hanno seminato il vento e hanno raccolto la tempesta.

Più che un segnale allarmante per loro è l'adesione al RCEP da parte dei tradizionali alleati e degli agenti più coerenti della politica americana nella regione - Giappone e Corea del Sud. Gli Stati Uniti, parlando nel gergo moderno di Internet, si sono "tagliati da soli" dalla regione Asia-Pacifico, lasciando ai paesi lì altra scelta che seguire la Cina. Cosa possono fare Joe Biden e il suo team globalista democratico al riguardo? Quasi niente. Come si suol dire, le scommesse vengono accettate e il gioco è fatto. Uno dei momenti più allarmanti nella situazione con la creazione di RCEP per Washington è la prospettiva più che reale di estromettere dall'enorme volume di relazioni commerciali ed economiche, di cui si è discusso sopra, il dollaro americano come valuta principale. Questa è una minaccia davvero terribile. Oggi, la Cina è l'unico paese che è veramente in grado di "annullare" l'egemonia del dollaro USA e, di conseguenza, far collassare completamente la loro economia, che è stata a lungo basata non sul settore reale, ma sul funzionamento ininterrotto della stampa della Fed.

La nuova amministrazione americana probabilmente tenterà di fare alcuni tentativi per normalizzare i rapporti con Pechino. D'altra parte, anche durante la sua campagna elettorale, Biden ha definito la Cina "il principale rivale degli Stati Uniti", e per i rabbiosi globalisti che molto probabilmente determineranno la politica estera degli Stati Uniti nei prossimi quattro anni, l'attuale corso del Celeste Impero è completamente inaccettabile. Nuove azioni aggressive da parte americana volte a "frenare l'espansione cinese" possono spingere l'altra parte a misure veramente estreme, inclusa una vera "de-dollarizzazione", almeno, dell'economia asiatica. Questo è il pericolo principale, perché con un tale sviluppo di eventi, un conflitto militare tra i due paesi diventerà quasi inevitabile e probabile.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente 8 dicembre 2020 10: 16
    +3
    Non è chiaro di che tipo di conflitto stiamo parlando? Sul nucleare? Non dirlo ai miei calzini! Lui e la Corea avevano paura di essere coinvolti in un conflitto. A parte gli "ultimi avvertimenti cinesi" e la guerra commerciale, non succederà nulla! La guerra è un suicidio per entrambi gli stati. Anche una dozzina di violente esplosioni in megalopoli come Shanghai e New York si dimostreranno fatali per i paesi e le metteranno fuori combattimento dai paesi sviluppati con un'economia forte. L'altro giorno stavo guardando un vecchio (1984), ma vero film inglese "Threads". È molto ben mostrato cosa succederà in caso di bombardamento nucleare, con le città, poi con il paese nel suo insieme, poi con le persone e le radiazioni, il degrado climatico e il degrado dell'intera popolazione.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 8 dicembre 2020 10: 48
    +2
    L'insegnamento di Marx è onnipotente perché è vero?
    L'URSS potrebbe anche sconfiggere l'Occidente, ma fallì. Ora questo diritto è stato trasferito alla Cina. E non c'è bisogno di spaventare la Russia per il fatto che la Cina la conquisterà. Per Cina - Russia, è come per Stati Uniti - Canada. E non c'è bisogno di rimuovere Lenin dal mausoleo. In Cina Lenin è rispettato, e qualunque cosa accada, come con gli attacchi di Krusciov a Stalin, quando Mao perse interesse per l'URSS.
  3. argo44 Офлайн argo44
    argo44 (Mac) 8 dicembre 2020 10: 58
    0
    senza paura delle difficoltà e persino della morte stessa, preparati per future guerre vittoriose.

    Posso scoprire la fonte di queste informazioni?
  4. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 8 dicembre 2020 11: 00
    +1
    L'ultimo paragrafo mi ha strappato il cervello: nessuna logica, ma un finale epico!
  5. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 8 dicembre 2020 12: 00
    -1
    Non solo, mentre gli Stati Uniti in un primo momento "hanno combattuto con entusiasmo il razzismo e la violenza della polizia", ​​hanno quasi rovesciato il paese

    Prima del "collasso del paese" c'era come prima Pechino nella posa del famoso artropode marino.

    Oggi, la Cina è l'unico paese che è realmente in grado di "annullare" l'egemonia del dollaro USA e, di conseguenza, far crollare completamente la loro economia

    Solo la Cina non è interessata a questo :) Ed è ancora lontana da un tale stato: lo yuan non è ancora un'alternativa al dollaro.

    E così, bisogna ammettere che la qualità degli articoli dell'autore è diventata più alta, ma il pathos nello stile dei giornali di propaganda sovietica degli anni '70 - meno. È diventato più piacevole da leggere.
  6. Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 8 dicembre 2020 13: 51
    +2
    ... allo stadio in cui ci sono sempre più timori che l'attuale politica USA-Cina possa essere portata avanti "con altri mezzi". Cioè, l'uso della forza armata

    1. Il livello di potenziale militare e potere economico - poiché due navi comunicanti, corrispondono sempre l'una all'altra.
    2. Il programma della RPC per l'eliminazione della povertà e la costruzione di una società di media prosperità mira a raggiungere il livello dei principali paesi capitalisti in termini di reddito pro capite.
    3. L'economia della RPC è al primo posto nel mondo e il programma di "doppia circolazione" adottato e iniziative esterne come VPTPP, RCEP, SCO e NSP predeterminano l'ulteriore crescita dell'economia e l'influenza politica della RPC nel mondo.
    4. La potenza militare degli Stati Uniti è incomparabile con la RPC. Pertanto, la proposta degli Stati Uniti di aderire alla RPC al trattato START-3 è stata seguita da una risposta logica: non appena gli Stati Uniti hanno ridotto il numero di missili al livello della RPC, la PRC si unirà immediatamente. Altrimenti, la Cina accumulerà e migliorerà il suo potenziale nucleare al livello degli Stati Uniti.
    5. La guerra con la RPC non è una guerra con Afghanistan, Iraq, Somalia, Libia, Siria, Yemen o Iran.

    Una guerra su vasta scala tra le due maggiori potenze economiche del mondo porta a perdite inaccettabili per Entrambi, e quindi è esclusa, limitandosi a minacce ricattatorie e possibili scontri locali. Ecco perché l'aggressione degli Stati Uniti è limitata alle minacce contro la Federazione Russa e la Corea del Nord, se non avessero armi nucleari, sarebbe una storia completamente diversa.
    Come ha detto l'ex capo della società per azioni degli Stati Uniti FRS Bernank Ben, la guerra (locale) non è l'ultimo strumento per stimolare l'economia, e aiuta anche a scaricare le scorte militari da armi obsolete.
  7. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 8 dicembre 2020 14: 25
    -2
    I 15 paesi che vi sono entrati, con il loro PIL complessivo che supera i 25 miliardi di dollari e una popolazione di 2.2 miliardi di persone, sono, infatti, un terzo dell'economia mondiale. La terza parte del commercio del pianeta è inequivocabile.

    Per fare un confronto, il PIL, che vuole posizionarsi come "arbitro dei destini mondiali" dell'Unione europea, non raggiunge nemmeno i 2 miliardi di dollari, e la popolazione dell'UE di mezzo miliardo non sembra affatto seria rispetto alle risorse umane del RCEP.

    L'autore non capisce la differenza tra TRILIONI e un miliardo ... Inoltre, il PIL dell'UE è di 16 trilioni di dollari. con una popolazione di 0,5 miliardi, che è più che impressionante contro 25 RCEP con una popolazione di 2,2 miliardi.
    Ma in generale, un articolo al livello di classe 5 "B" con analisi divertenti e conclusioni ridicole. Ma come sempre.
  8. Ren_2 Офлайн Ren_2
    Ren_2 (rinat isyanguzhin) 8 dicembre 2020 19: 07
    -2
    L'America piegherà i cinesi con i suoi alleati, e se vengono introdotte sanzioni con gli alleati, allora i cinesi stessi ...
  9. barba bianca Офлайн barba bianca
    barba bianca 8 dicembre 2020 20: 28
    0
    Articolo sciatto e tendenzioso. Prendi uno dei primi punti sulla "somiglianza" delle questioni di Hong Kong e Taiwan con la Crimea - non è vero, non sono simili: Hong Kong e Taiwan sono stati a lungo sistemicamente diversi, Stati democratici - Hong Kong vive secondo la legge inglese ei suoi abitanti sono quasi europei per mentalità, e sebbene La Cina sta cercando di "riformattare" Hong Kong in silenzio, non ci riesce, Hong Kong sta resistendo attivamente, e ulteriori tentativi da parte della Cina di "cinesi" saranno una completa analogia delle azioni delle autorità ucraine contro il Donbass, e non viceversa, come l'autore filo-cinese sta cercando di farci entrare. Con Taiwan - la stessa storia: gli oppositori politici del PCC vivono lì, il sequestro della Cina non sarà la sua "liberazione", ma la pulizia dei dissidenti (di nuovo, gli ucraini hanno anche provato a fare con il Donbass) che osano criticare l'imperatore SI dalla faccia di luna e il suo fedele PCC tenuto in mano e non accetto di navigare nel forvater della Cina. E il fatto che questi territori una volta fossero cinesi - beh, lo erano ed erano, ora la loro realtà politica e sociale chiaramente non è cinese, e la Cina può cambiarla solo con la coercizione di un tipo o dell'altro. Quindi, se sarà l'aggressore, sarà la Cina.
  10. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 8 dicembre 2020 20: 47
    0
    superiore a 25 miliardi di dollari - l'autore, aggiungi tre zeri ...)))
  11. Lechi B. Офлайн Lechi B.
    Lechi B. (Tratta Bashirov) 9 dicembre 2020 17: 23
    0
    La guerra tra le due Super Potenze è inevitabile: questa è la richiesta della storia.
  12. Ryzzard ewiak Офлайн Ryzzard ewiak
    Ryzzard ewiak (Ryszard Ewiak) 9 dicembre 2020 17: 51
    0
    Dal 1945 (operazione impensabile) il paradiso trattiene il vento della terza guerra mondiale. E questo continuerà fino all'ora stabilita.