Ombra della precedente grandezza: quali basi militari la Russia ha perso in Africa


Come probabilmente già saprai, la Federazione Russa sta riprendendo la sua presenza nel Continente Nero, aprendo il proprio PMTO (centro logistico) della Marina russa sulla costa del Mar Rosso vicino al porto in acque profonde di Port Sudan in accordo con il governo di questo Paese.


Questa struttura, secondo i piani della Marina russa, sarà utilizzata per riparazioni, rifornimenti e riposo dei membri dell'equipaggio delle navi da guerra russe. Inoltre, il nuovo PMTO, oltre al tradizionale compito di esporre la bandiera e mantenere le navi della zona di mare lontano, sarà chiamato anche a risolvere il problema della presenza militare in una regione pericolosa per i terroristi e i pirati per mantenere una navigazione commerciale sicura.

Tra gli altri compiti, le navi della Marina russa che vi sono apparse dovranno garantire i nostri interessi non solo nell'Oceano Indiano e nei mari vicini, ma anche in tutto il Continente Nero, poiché questo PTMO, puramente geograficamente, dovrebbe diventare la chiave di tutta l'Africa Centrale, dove anche la Russia ha il suo interessi (anche nella Repubblica Centrafricana, nella Repubblica del Congo e nella Repubblica Democratica del Congo).

Ma questo PMTO, il secondo nel continente nero (il primo è stato il 720 ° PMTO della Marina di Tartus, SAR), è solo un'ombra della nostra antica grandezza dell'era sovietica. Le basi navali sovietiche (basi navali) e il PMTO erano già in questa regione.

Berbera (Somalia)


La prima base navale è apparsa lì 56 anni fa. Nel 1964 iniziò la costruzione di una base navale di prima classe della marina dell'URSS nel porto della città somala di Berbera, sulle rive del Golfo di Aden. Ha ricevuto e servito non solo navi, ma tutti i tipi di velivoli navali. La pista costruita da specialisti sovietici aveva una lunghezza di 4140 m, a quel tempo la più lunga in Africa. E non è un caso che questa base navale sia stata chiamata il "Guardiano delle porte del Mar Rosso". Controllava un'arteria di trasporto marittimo strategicamente importante dall'Europa all'Asia attraverso il Canale di Suez e non permetteva a nessuno di "fare il cattivo" nell'Oceano Indiano occidentale.

Ovviamente l'Unione Sovietica ha pagato con generosi aiuti al popolo somalo. Dicono che il debito di questo paese nei confronti dell'URSS abbia prodotto un importo colossale, che in termini di oro è di 44 tonnellate. Ma la guerra etiope-somala scoppiata nel 1977 ha distrutto l'idillio. Mosca ha deciso di sostenere Addis Abeba nel conflitto. Mogadiscio ha reagito immediatamente, chiedendo che la base navale fosse rimossa da Berbera entro tre giorni. Dato che ai somali venivano date armi sopra il tetto e quasi l'intero corpo degli ufficiali di questo paese era addestrato in URSS o da consiglieri sovietici, era inutile essere coinvolti nel conflitto ed era pericoloso. Tutto quello che potevano e facevano fu portato ad Aden e sull'isola etiope di Nokra nel Mar Rosso. Un porto ben attrezzato, un aeroporto unico, un centro di comunicazioni, una stazione di localizzazione, un deposito per missili tattici e carburante, alloggi per 1500 persone sono stati persi. Ma la situazione era così lontana che l'URSS dovette persino utilizzare un contingente militare per salvare i suoi cittadini. Il 20 novembre 1977, nella capitale della Somalia, Mogadiscio, fu sbarcato uno sbarco di marines dalle navi dell'8 ° squadrone operativo della flotta del Pacifico per evacuare l'ambasciata sovietica e i cittadini sovietici che lavoravano in questo paese.

Gli americani, che hanno sostituito gli "amici sovietici", erano entusiasti del campo d'aviazione in berbero. Là hanno allestito una pista di atterraggio di riserva per le loro navette spaziali. Ma, alla fine, i pratici yankees si sono stancati della continua estorsione di funzionari corrotti locali, e il programma Space Shuttle è terminato e hanno lasciato Berbera. Successivamente, questo porto si è trasformato in una delle roccaforti dei pirati somali. Ora si sono un po 'calmati, ma nessuno garantirà che prima o poi i filibustieri dell'Africa orientale non riprenderanno il mestiere redditizio.

Nokra (Etiopia)


L'isola di Nokra nell'arcipelago di Dakhlak, dove il PMTO si è trasferito da Berbera, si trova nella parte sud-occidentale del Mar Rosso. In epoca romana l'isola era uno dei principali centri per la pesca delle perle. Nei tempi moderni, c'era una prigione per detenuti italiani.

Il molo galleggiante PD-66 con una forza di sollevamento di 8500 tonnellate è stato portato nella baia di Gubeyt-Mus Nefit dell'isola di Nokra, non senza avventura. , barche per immersioni e altre imbarcazioni di supporto. Un battaglione di ingegneria mobile separato della flotta del Mar Nero ha eretto ormeggi e un'officina di riparazione navale, impianti di stoccaggio di carburante e acqua, magazzini, attrezzato un eliporto, costruito edifici residenziali per il personale militare e le loro famiglie, nonché infrastrutture sociali. Furono istituiti sistemi di approvvigionamento idrico e elettrico. Rimontato per secoli.

Certo, in termini di capacità, Nokra era inferiore a Berbera, ma occupava anche un'importante posizione strategica. Il PMTO nel Mar Rosso era inizialmente concentrato sulla riparazione di sottomarini sovietici operanti nell'Oceano Indiano. Ma presto iniziò a servire anche le navi di superficie. Soprattutto spesso le navi da sbarco di grandi e medie dimensioni sono entrate nella base, che sono state consegnate in Etiopia tecnica e armi usate dalle forze governative contro gli eritrei che hanno combattuto per l'indipendenza da Addis Abeba.

Nella primavera del 1988, gli eritrei sconfissero l'esercito etiope ad Afabet, sconfiggendo tre divisioni e diverse unità separate delle forze governative. La maggior parte della costa etiope passò sotto il controllo dei ribelli. Hanno lanciato attacchi sempre più contro PMTO Nokra. All'inizio operavano su barche a motore e aprivano il fuoco con armi leggere contro navi e navi sovietiche. Naturalmente, una simile "flotta" non potrebbe causare molti danni. Ma dopo un po 'di tempo, gli eritrei ricevettero motoscafi di costruzione svedese con armi di artiglieria leggera. La situazione ha cominciato a peggiorare. La petroliera Olekma è finita sotto il fuoco nello stretto di Massaua-Nord. Il suo operatore radiofonico Mikhail Novikov è stato ucciso. È scoppiato un incendio, ma la petroliera era in zavorra e l'accensione non ha comportato conseguenze catastrofiche. La nave è riuscita a staccarsi dagli inseguitori.

AK-312 - il temporale dei ribelli eritrei


Per proteggere la base e la navigazione, il comando della Marina dell'URSS iniziò a inviare navi da guerra nel Mar Rosso. Avevano abbastanza lavoro. Così, la nave d'artiglieria AK-312 del progetto 205P ChMF sotto il comando del tenente comandante Nikolai Bely dalla fine del 1989 al maggio 1990 fece 47 pattuglie e fornì 33 convogli.

Le barche del progetto 205P "Tarantul" sono state create da TsKB-5 (ora TsMKB "Almaz") sulla base di barche missilistiche del progetto 205 "Mosquito". Con una cilindrata di 245 tonnellate e una lunghezza di quasi 40 metri, hanno sviluppato una velocità massima di 35 nodi, fornita da tre motori diesel. Il loro armamento consisteva in due unità di artiglieria AK-30 da 230 mm accoppiate, due unità di rilascio di bombe BSU-6 con dodici cariche di profondità BB-1 e quattro tubi lanciasiluri per sparare siluri SET-400 da 40 mm per distruggere i sottomarini. Queste barche erano destinate principalmente alle guardie di frontiera marittimo, che le classificarono come navi pattuglia di confine di 3 ° grado. Non è un caso che abbiano ricevuto il codice Stenka nella NATO. Per le unità marine del servizio di frontiera del KGB dell'URSS e per i clienti stranieri, furono costruite 137 "tarantole" di varie modifiche. Diverse pattuglie di frontiera sono ancora in servizio, anche nelle flotte straniere. Alcune delle barche del progetto 205P furono utilizzate dalla Marina dell'URSS per proteggere le basi e furono classificate come artiglieria.

Tra questi c'era l'AK-312 del 165 ° battaglione antisommergibile della 141a brigata di navi che proteggeva l'area acquatica della base navale di Kerch-Feodosiya. Dodici volte nel Mar Rosso, le barche eritree gli hanno sparato contro. E il 27 maggio 1990, ha avuto due volte la possibilità di partecipare alla battaglia. Quel giorno, AK-312 ha trasportato un gruppo di coscritti, soggetti a smobilitazione, sulla nave ospedale "Yenisei" in rotta verso Sebastopoli. Il punto di incontro era a 180 km dal PMTO Nokra.

Durante il passaggio alla Yenisei, l'AK-312 incontrò quattro torpediniere di classe Jaguar trasferite dalla RFG agli eritrei, che superavano numericamente la barca sovietica non solo numericamente, ma anche in potenza di fuoco. Con una lunghezza di 42,6 m, avevano un dislocamento totale di 210 tonnellate e sviluppavano una velocità di 40 nodi. Ogni Jaguar trasportava due cannoni automatici Bofors da 40 mm con 3168 colpi per canna, quattro tubi lanciasiluri da 533 mm e 14 cariche di profondità. A quanto pare, gli eritrei volevano circondare la barca sovietica, prenderla prigioniera o affondarla. Ma niente è venuto da questa impresa.

L'equipaggio dell'AK-312 si opponeva all'alta abilità navale, che gli eritrei, ovviamente, non possedevano, e all'ingegnosità navale, numericamente e qualitativamente, contro il nemico avversario. Abilmente manovrando, il tenente comandante Bely guidò la sua nave attraverso la cortina delle barche nemiche. E quando hanno cominciato a recuperare terreno, approfittando del vantaggio in velocità, l'arma originale è stata usata contro i giaguari. Bely ordinò di sganciare cariche di profondità sulla rotta degli inseguitori. Uno degli eritrei che stava raggiungendo le barche "è corso" proprio sulla bolla del BB-1 esploso e si è ribaltato. Scoraggiati dalla morte dei loro compagni, gli equipaggi delle tre barche rimaste smisero di inseguire.

Ma quando l'AK-312 è tornato alla base, gli eritrei lo hanno accolto con il chiaro intento di vendetta. Ne seguì una lotta. Un'altra Jaguar è ​​stata affondata da un fuoco ben mirato e un'altra è stata danneggiata (secondo alcune fonti è affondata anche lei). La nostra barca non ha ricevuto un solo colpo in due battaglie.

Exploit dello "Scout"


Anche altre navi e imbarcazioni sovietiche agirono con iniziativa e coraggio. Nel maggio dello stesso anno, il dragamine del mare del Progetto 266M Aquamarine sotto il comando del Capitano 3 ° Rango Viktor Nosenko, che stava scortando la petroliera Internationale nel Mar Rosso, fu attaccato da quattro barche eritree che spararono contro navi sovietiche da 106 mm pistole senza rinculo e mitragliatrici. Il nostro dragamine ha tagliato fuori gli attaccanti dalla petroliera ed è entrato nella battaglia, che è durata solo otto minuti. Durante questo periodo, i cannonieri dello Scout hanno sparato al nemico quattro e mezzo delle sei tonnellate di munizioni disponibili sulla nave. Il fuoco è stato condotto anche da marinai armati di fucili d'assalto Kalashnikov. L'ingegnere idroacustico di 2a classe, Igor Shvets, che ha sparato con una mitragliatrice pesante "Utes", è rimasto ferito. E il calcolo del caposquadra del 1 ° articolo, Alexander Indescript, lasciò cadere una delle barche degli attaccanti, dopo di che si ritirò. In totale, nel gennaio-agosto 1990, il "Razvedchik" ha effettuato 29 convogli nel Mar Rosso e ha condotto in sicurezza 52 navi.

Altri incidenti del 1990


Il 19 ottobre 1990, la piccola nave antisommergibile Progetto 118M Komsomolets Moldavii (MPK-1124) era accompagnata da un convoglio di due grandi navi da sbarco, la petroliera Sheksna e il dragamine del mare di Paravan. Alle 14.30 il convoglio è finito sotto il fuoco di due batterie costiere degli eritrei da Capo Karali e l'isola Asarka Severnaya. Sei proiettili da 118 mm e tre razzi non guidati del Grad MLRS furono lanciati contro l'MPK-122. Il comandante della "Komsomolets Moldavia" il tenente comandante Dmitry Brastovsky ha ordinato di aprire il fuoco dal cannone automatico da 76 mm AK-176M di poppa. Dopo aver speso fino a un centinaio di proiettili, l'IPC ha soppresso entrambe le batterie e fatto esplodere un deposito di munizioni. Ora questa nave si chiama "Suzdalets" e continua a servire come parte della flotta russa del Mar Nero.

Nel dicembre 1990, il dragamine del mare di Paravan respinse un attacco alla petroliera Sheksna. Allo stesso tempo, MTSH "Dieselist" ha affondato due delle sei imbarcazioni eritree che l'hanno attaccata.

Perdita di base


All'inizio di febbraio 1991, gli eritrei hanno preso d'assalto la città e il porto di Massaua. Di conseguenza, l'Etiopia ha perso l'accesso al mare. La leadership sovietica ha deciso di chiudere la base. Il 6 febbraio alle 17:14, la bandiera dello stato dell'URSS è stata abbassata dall'asta della PMTO. La sera, con l'inizio del tramonto, le navi e le navi della Marina sovietica si allontanarono dai moli e si dispersero nei luoghi di ancoraggio sicuro nella rada interna. Tutte le attrezzature e il complesso immobiliare della base divennero proprietà della parte etiope. E poi le navi sovietiche partirono per Aden.

L'ultima a lasciare l'arcipelago di Dakhlak è stata la torpediniera aliscafo T-72 del progetto 206M Storm sotto il comando del tenente comandante Andrey Prokopchik. Ha coperto il convoglio fino ad Aden. Anche il destino di questa piccola nave nella campagna etiope della Marina sovietica è piuttosto interessante. Proprio come la barca AK-312, è un "parente" delle barche missilistiche Mosquito Project 205, solo più distanti. Progettate dai progettisti dell'Almaz Central Marine Design Bureau, le torpediniere di tipo Shtorm avevano un dislocamento totale di 250 tonnellate e una lunghezza di 39,5 m. Spostandosi sulle ali, sviluppavano una velocità di 44 nodi. L'armamento era molto potente: una doppia pistola automatica da 57 mm AK-725 e una doppia mitragliatrice da 25 mm 2M-3M, oltre a quattro tubi lanciasiluri da 533 mm. Il T-72 può servire da esempio dell'elevata affidabilità dell'equipaggiamento navale sovietico. Questa barca ha effettuato la transizione da sola a Nokra dalla base navale di Swinoujscie in Polonia, cioè dal Baltico. La barca è stata spesso utilizzata nel Mar Rosso come una sorta di "ambulanza". Se era necessario allontanare gli eritrei, il T-72 veniva inviato lì.

Sanguinosa resa dei conti ad Aden (Yemen)


Nella Repubblica Democratica Popolare dello Yemen (PDRY), con la sua capitale ad Aden, formalmente, non esistevano basi sovietiche o PMTO. Ma de facto hanno agito, e abbastanza attivamente. Nel 1969 fu concluso un accordo con l'URSS sull'uso degli impianti portuali dello Yemen meridionale per la ricreazione e il rifornimento delle navi sovietiche operanti nell'Oceano Indiano. E di anno in anno è aumentato il numero di chiamate di navi da guerra e navi ausiliarie della Marina dell'URSS. Solo dal novembre 1976 al dicembre 1979, 123 navi sovietiche hanno visitato Aden. Dal gennaio 1980, gli aerei antisommergibili Il-38 dell'aviazione navale della Marina hanno iniziato a essere stabilmente basati ad Aden. Dopo la costruzione di un aeroporto militare ad Al-Anad, hanno cambiato la loro "registrazione" e vi sono rimasti fino al 1991, cioè fino al crollo dell'URSS. La flotta sovietica utilizzò anche le comode baie dell'arcipelago yemenita di Socotra per l'ancoraggio all '"ingresso" del Golfo di Aden dall'Oceano Indiano.

I leader dell'NDRY, che proclamavano la costruzione del socialismo nel sud della penisola arabica, erano ideologicamente molto vicini a Mosca. Pertanto, hanno ricevuto una generosa assistenza, principalmente nel campo della costruzione delle forze armate e della Marina, in particolare. Le forze navali dello Yemen del Sud sono state fornite con 8 missili, 4 torpediniere e 10 motovedette, un grande mezzo da sbarco e tre navi da sbarco medie, 5 barche da sbarco, 5 dragamine e navi ausiliarie. Così, la marina NDRY si trasformò in una forza molto seria nel Mar Arabico, per non parlare del Golfo di Aden.

Tutto sembrava andare bene. Tuttavia, un tumore nascosto si annidava nella direzione della stessa NDRY. I leader del Partito socialista yemenita erano sempre più in disaccordo tra loro su come costruire un "futuro luminoso". Le frizioni sono sorte ripetutamente con la fraterna Repubblica araba yemenita (YAR) e la capitale Sana'a. Il 13 gennaio 1986, le contraddizioni nella leadership del paese e del partito raggiunsero il culmine. Iniziò una guerra civile aperta, in cui furono coinvolti carri armati, aerei e marina. Questa sanguinosa resa dei conti di ex compagni d'armi è costata la vita, secondo varie stime, da 13mila a 17mila cittadini della repubblica, altre 65mila persone sono fuggite allo YAR.

Anche i rappresentanti sovietici tra i consiglieri militari e gli specialisti civili furono trascinati nel vortice del conflitto. Loro, grazie a Dio, non si sono schierati, ma sono stati costretti a prendersi cura della propria sicurezza e delle proprie famiglie. Si è arrivati ​​al punto che il guardiamarina e due operai dello stabilimento dell'Estremo Oriente Zvezda, arrivati ​​nello Yemen meridionale per riparare i cannoni di artiglieria, quando erano sotto tiro incrociato, sono stati costretti a srotolare un cannone anticarro da 100 mm dall'officina e hanno iniziato a sparare contro i veicoli corazzati circostanti con fuoco diretto. Hanno messo fuori combattimento sei carri armati e quattro veicoli corazzati.

Il consigliere del comandante della Marina dello Yemen meridionale, il capitano di 1 ° grado Alexei Mironov e molti dei suoi subordinati, che lavoravano presso il quartier generale della flotta, furono presi in ostaggio. Ma sono riusciti a scappare. Insieme ai membri delle loro famiglie, sono andati in mare su una barca pilota e una barca a motore. Sono stati considerati morti per diversi giorni. Tuttavia, tutto è finito bene. Sono stati raccolti da un peschereccio sovietico.

Le navi dell'8 ° squadrone operativo della flotta del Pacifico furono evacuate dalle battaglie di Aden: il dragamine Zapal, la base galleggiante dei sottomarini Volga e la grande nave da sbarco BDK-101. Hanno fatto fuori diverse migliaia di persone. Anche la petroliera Vladimir Kolechitskiy, che è stata caricata al massimo del carburante, è stata coinvolta nell'evacuazione. E tutt'intorno i proiettili sono esplosi.

La nave ha completato anche un'altra missione insolita. Il capitano della petroliera Gennady Kireev ha ricevuto una telefonata radiofonica dal ministro della Difesa dell'URSS, il maresciallo Andrei Grechko. Ordinò la ricerca di alti consiglieri militari sovietici che erano fuggiti dallo Yemen meridionale e li riportò immediatamente ad Aden. Due generali e cinquantasette ufficiali hanno sequestrato navi passeggeri nel porto e hanno lasciato la zona del conflitto senza le loro famiglie. Ma presto rimasero senza carburante e iniziarono ad andare alla deriva per ordine delle onde centocinquanta miglia al largo. Il capitano Kireev portò i fuggitivi al porto, distribuì una razione secca di tre giorni e li caricò sulle barche. In una parola, ha adempiuto all'ordine del ministro.

Le forze che avevano preso il sopravvento nella guerra civile rimasero in sintonia con l'Unione Sovietica. Nel 1990, lo Yemen meridionale e settentrionale sono diventati un unico stato. Questo cambiamento non ha influenzato in alcun modo i nostri militari, poiché Mosca aveva legami amichevoli con Sana'a. Ma gli eventi del 1991 in Russia hanno impedito un'ulteriore cooperazione militare con lo Yemen. E la "base" di Aden ha dovuto essere abbandonata.

L'ultima roccaforte - Seychelles


Lo stesso è accaduto con le Seychelles, dove, dal 1984, la Marina sovietica ha utilizzato il porto di Victoria per il rifornimento e il rifornimento di navi, e il campo d'aviazione locale per l'atterraggio di aerei della marina. Ma dopo il 1991, questo meccanismo perfettamente regolato ha cessato di funzionare.

L'ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh, ucciso all'inizio di dicembre 2017, ha offerto a Mosca di ripristinare gli accordi tra l'NDRY e l'URSS e ha anche parlato della sua disponibilità a fornire alla Russia "tutte le infrastrutture necessarie" per basi navali, porti e aeroporti. Ma tornare in un paese inghiottito da una guerra civile che dura in modo permanente dal 1962 sarebbe sconsiderato.

Ora la Marina russa sta tornando nella regione, spero, da molto tempo.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.