La vendetta di Boeing avrà successo? Come il 737 MAX cerca di tornare in cielo


Quindi, è successo: da oggi, la prima compagnia aerea al mondo riprende le operazioni del Boeing 737 MAX. "Svezzato" dal cielo per ben 20 mesi, il modello di aeromobili, in tutto il mondo associato, prima di tutto, ai due più grandi incidenti aerei degli ultimi tempi e quasi abbandonando la propria azienda manifatturiera, decollerà di nuovo da terra.


Apparentemente, il massiccio ritorno del 737 MAX alle compagnie aeree non è lontano. Se, ovviamente, hanno un posto dove tornare ...

Prima di tutto!


I più coraggiosi del mondo erano gli aviatori brasiliani. La locale National Civil Aviation Agency (ANAC) ha preso la decisione più velocemente di chiunque altro dopo che la Federal Aviation Administration degli Stati Uniti (FAA) il 18 novembre di quest'anno ha dichiarato che il 737 MAX poteva essere autorizzato a volare, e il suo primo si è tenuto negli Stati Uniti. , un volo dimostrativo. Il "pioniere" nel ritorno di queste navi con una reputazione abbastanza "offuscata" sarà la più grande compagnia aerea brasiliana GOL, che ha sette di tali aerei nella sua flotta. Secondo i rappresentanti del vettore, il lavoro colossale ha preceduto i nuovi decolli del modello problematico: in particolare, 140 piloti sono stati sottoposti a riqualificazione in conformità con i requisiti significativamente modificati della FAA e dell'ANAC, che devono sedere al timone.

Ricordiamo che l'approvazione da parte del regolatore americano dei programmi per la riqualificazione dei piloti di tutte le compagnie senza eccezioni, che avranno il coraggio di riportare il 737 MAX sulle loro linee, è diventata una delle condizioni essenziali per il permesso dei suoi voli, insieme a un completo aggiornamento software di tutti questi velivoli. La FAA si riserva inoltre il diritto di monitorare strettamente la manutenzione di tutte le navi che sono rimaste inattive per più di un anno e mezzo a causa del divieto del loro funzionamento a terra. Anche in questo caso, per ogni aeromobile di questo modello, prodotto dopo la decisione di sospendere i voli (e ce ne sono circa 400), la Federal Aviation Administration degli Stati Uniti intende emettere certificati separati, sia di aeronavigabilità che di esportazione.

Tutto questo, ovviamente, è irto di una discreta quantità di burocrazia, costi e nervi per la direzione e i dipendenti della società aeronautica. Tuttavia, ciò che sta accadendo ora è chiaramente una svolta rispetto alla situazione recente, che ha minacciato in modo molto specifico Boeing Co. fallimento. Al rifiuto generale dei consumatori da 737 MAX, che costò all'azienda la rottura di molti degli accordi già conclusi e l'annullamento degli accordi pianificati, si aggiunse la necessità di pagare enormi compensi. Inoltre, non si trattava solo delle famiglie delle vittime di incidenti aerei dei voli di Lion Air nel novembre 2018 e di Ethiopian Airlines nel marzo 2019, secondo i dati disponibili, costata a Boeing $ 100 milioni, ma anche di più che pesanti reclami contro la società, da cui dovevano pagare perdite subite dai vettori a causa del fermo forzato di aeromobili "vietati". Non a caso, non appena la FAA "ha cambiato la sua rabbia in misericordia", seppur con molte significative riserve, negli Stati Uniti è stata lanciata una campagna per "riabilitare" l'auto caduta in disgrazia. In prima linea in questo c'è il più grande vettore aereo del paese, American Airlines.

Il 1 ° dicembre, il suo amministratore delegato, Doug Parker, ha preso il volo a bordo del 737 MAX, giurando successivamente al pubblico che non aveva paura di portare sua moglie su questo volo e che lo ha trascorso in compagnia dei suoi colleghi "in completa tranquillità". In effetti, dal decollo all'atterraggio, tutto era abbastanza sicuro e letteralmente il giorno successivo si è svolto un evento più rappresentativo: un Boeing 737 MAX è partito da Dallas (Texas) per Tulsa (Oklahoma), a bordo non erano solo dipendenti della compagnia aerea stessa e della compagnia -carrier, ma anche rappresentanti dei media piuttosto numerosi. I loro rapporti "dal cielo" avrebbero dovuto finalmente dissipare la paura degli americani del transatlantico. Il passo successivo è il passo successivo: il primo volo commerciale di American Airlines sul 737 MAX avrà luogo il 29 dicembre di quest'anno sulla rotta Miami-New York.

La "grande ridistribuzione" non avverrà?


La cosa più interessante è che la pandemia di coronavirus che ha travolto il mondo nella situazione attuale, da un lato, ha esacerbato i problemi di Boeing Co., ma dall'altro ha giocato inaspettatamente nelle sue mani. Se non fosse stato per la sfortunata COVID-19, tutto sarebbe potuto andare molto peggio per lei. La rapida diffusione della malattia e, in pratica, la completa cessazione del traffico aereo nel mondo "hanno messo in pausa" le attività di ogni singolo costruttore di aerei alati nel mondo, e non solo il colosso dell'aviazione americano "multato". Sì, nell'ottobre di quest'anno, Boeing non ha ricevuto un solo ordine, ma nessuno li ha ricevuti, compreso il principale concorrente della preoccupazione, l'Airbus europeo. Se non fosse per la pandemia, le compagnie di navigazione dovrebbero semplicemente riorientarsi su altri modelli di linea, cercando un sostituto per l'ignoto 737 MAX bloccato a terra. La società spera di essere riusciti a "stare fuori" il momento più pericoloso in termini di tali cambiamenti e di aspettarsi una possibilità di "vendetta" - e con l'aiuto dello stesso 737 MAX!

Ora nei media mondiali con forza e principale si parla del record (per gli standard dell'attuale periodo più difficile per gli aviatori) ordine ricevuto dalla Boeing dalla compagnia low cost irlandese Ryanair. I suoi rappresentanti hanno annunciato la loro intenzione di aumentare di 737 unità gli ordini precedenti per i Boeing 75 MAX. Pertanto, il numero totale di aerei di linea che gli irlandesi intendono acquisire salirà a 210. Non sorprende che subito dopo tali notizie, le quotazioni di borsa per le azioni della Boeing Co. è salito di quasi il 6%. Tuttavia, questo non è il primo ordine ricevuto dalla società dopo la decisione della FAA che è diventata fatale per essa. I polacchi furono i primi ad avere successo. Enter Air, il più grande vettore charter del paese, ha espresso il desiderio di acquistare due 737 MAX oltre alla sua già considerevole flotta di aerei da Boeing. Questo accordo è stato il primo da novembre 2019, quando Boeing ha ricevuto tre dozzine di ordini MAX durante il Dubai International Air Show.

Senza dubbio, questi cambiamenti positivi per la società sono direttamente correlati alla dichiarazione risonante del capo dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) Patrick Kai sulla possibile ripresa dei voli 737 MAX nel Vecchio Mondo già nel gennaio 2021. Tuttavia, le sue parole, estremamente caute ed evasive, difficilmente possono servire da motivo di eccessivo ottimismo da parte di Boeing. Letteralmente, Kai ha affermato che la decisione di restituire il transatlantico problematico alle linee europee "può probabilmente essere presa". Tuttavia, solo dopo che l'EASA ha effettuato il proprio esame di questo velivolo, "indipendente e obiettivo". È, ovviamente, indipendente dall'opinione della FAA, che domina tutti in questa materia, che ha già dato una svolta almeno una volta nel prendere decisioni in merito alla sicurezza operativa del 737 MAX. Questa storia, espressa durante le udienze al Congresso degli Stati Uniti, sarà ora ricordata dal regolatore americano per molto tempo. E perché gli europei dovrebbero affrettarsi al ritorno della Boeing, che non è troppo redditizia per loro? Devono supportare il proprio produttore Airbus, che è ciò che intendono fare prima. Quindi le disavventure del 737 MAX nell'Unione Europea potrebbero durare molto più a lungo che a casa.

Tuttavia, non hanno espresso molto entusiasmo anche in Canada, dove hanno ricordato agli Stati Uniti le differenze significative nei protocolli di sicurezza aerea dei due paesi. Fu su questa base che i canadesi si rifiutarono categoricamente di revocare il divieto fino a quando i loro stessi regolatori non giunsero alla ferma convinzione che non ci fossero e non potessero esserci problemi con il transatlantico. In ogni caso, è proprio questa la posizione espressa a livello di vertice del locale Ministero dei Trasporti.

La situazione è ancora più difficile con la Cina, che per lungo tempo è stato uno dei mercati più grandi e in più rapida crescita per Boeing Co. Pechino ignora completamente la decisione dell'Amministrazione federale dell'aviazione degli Stati Uniti sul 737 MAX, così come tutto il clamore che ne è derivato. Il silenzio del Celeste Impero per la multinazionale americana sembra piuttosto inquietante. In primo luogo, sullo sfondo della "guerra commerciale" in corso tra i paesi, è improbabile che i compagni cinesi, che un tempo furono i primi al mondo a imporre un divieto totale e severo al funzionamento del 737 MAX, siano tra coloro che andranno alla sua cancellazione. Ma la cosa più importante non è nemmeno quella. Per quanto si sa, è già iniziata la fase finale dei test di certificazione del transatlantico cinese di medio raggio C919, concorrente diretto e più che reale dello stesso velivolo che Boeing sta cercando di riportare in cielo. Considerando che la società sviluppatrice di questo velivolo, Comac, una volta ha annunciato l'intenzione di produrre fino a 150 velivoli all'anno, se verranno implementati, semplicemente non ci sarà spazio per gli americani nel mercato cinese. E questo almeno.

Purtroppo, è impossibile dire lo stesso per l'industria aeronautica nazionale. Sì, la Russia ha la sua degna alternativa al 737 MAX: l'aereo di linea MS-21. Ma, con nostro grande rammarico, a differenza dei nostri compagni cinesi, siamo così "legati" nella sua creazione a componenti e componenti importati che non si parla ancora di una vera concorrenza con gli americani. Inoltre, gli Stati Uniti ne sono ben consapevoli, ed è per questo motivo che il nuovo pacchetto di sanzioni recentemente imposto da Washington prende di mira l'industria aeronautica russa. Ad oggi, non esiste una posizione chiara espressa ufficialmente da Rosaviatsia sulla decisione della FAA in merito alla ripresa dei voli 737 MAX. Tuttavia, secondo alcuni dati dietro le quinte, tale possibilità è, in linea di principio, considerata nelle strutture normative nazionali. D'altra parte, per i vettori aerei nazionali, che al momento dell'introduzione del divieto avevano solo due di tali auto nella loro flotta, la questione sembra non essere fondamentale. Tuttavia, se parliamo delle prospettive, in un modo o nell'altro, la Russia dovrà o realisticamente, e non a parole, risolvere il problema della sostituzione delle importazioni e sviluppare la propria industria aeronautica, oppure aprire sempre più il cielo alle auto di fabbricazione straniera. Questo include il Boeing 737 MAX, che continua a essere in dubbio.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
    Pete Mitchell (Pete Mitchell) 9 dicembre 2020 15: 46
    +1
    La Boeing, ovviamente, ha incasinato i MAX, ma è superfluo scaricare tutta la colpa sul produttore: ci sono domande per le aziende, per la formazione, per la certificazione ... sopra il tetto.
    L'MC dovrebbe essere ricordato e in linea più veloce - se il B737 / A320 si muove nel suo mercato: sarà una buona fortuna
  2. Sergey Latyshev (Serge) 9 dicembre 2020 15: 59
    +3
    Bene. Di conseguenza.
    Ogni sorta di possibili previsioni mediatiche sul crollo della Boeing, sull'occupazione delle sue nicchie da parte dei Superjets, ecc. non sono confermati.
    1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
      Pete Mitchell (Pete Mitchell) 9 dicembre 2020 17: 05
      0
      Citazione: Sergey Latyshev
      previsioni dei media sul crollo della Boeing, sull'occupazione delle sue nicchie da parte dei Superjets, ecc. non sono confermati.

      Tali dichiarazioni di smishnik causano solo rabbia - propaganda a buon mercato nelle peggiori tradizioni: creare, produrre e mantenere un prodotto competitivo, e ad un ritmo di 70 auto all'anno possono sul tuo territorio e spingere i concorrenti in quindici anni ...
  3. bear040 Офлайн bear040
    bear040 11 dicembre 2020 22: 29
    +4
    La posizione della Federazione Russa qui dovrebbe essere inequivocabile. Dopo tutte le sanzioni imposte dagli yankees contro la Federazione Russa, la Federazione Russa non dovrebbe più acquistare aerei americani, la loro operazione nella Federazione Russa dovrebbe essere bandita.