Perché gli Stati Uniti sono così nervosi per le "portaerei terrestri" cinesi

Politico (o meglio, geopolitico) il conflitto sul Mar Cinese Meridionale ha un carattere a lungo termine. Il che, tuttavia, non è sorprendente, perché questo confronto potrebbe determinare la futura superpotenza globale. La Cina non è ancora abbastanza forte per sfidare apertamente gli Stati Uniti. Ma questo è per ora.




Sud grande mare

Un po 'di geografia. Il Mar Cinese Meridionale è un mare semi-chiuso del Pacifico vicino al sud-est asiatico. Si trova tra la penisola dell'Indocina, le isole di Kalimantan, Palawan, Luzon e Taiwan. Il mare bagna i territori di Cina, Vietnam, Thailandia, Filippine, Malesia: paesi abbastanza potenti e, soprattutto, dinamicamente in via di sviluppo. Le navi che viaggiano dai porti cinesi, giapponesi e russi allo Stretto di Singapore e di ritorno verso il Mar Cinese Meridionale aderiscono alla cosiddetta Rotta del Mare Principale. Questo è il modo più breve e condizionatamente sicuro.

In effetti, ora il Mar Cinese Meridionale è una nuova "Grande Via della Seta". I processi globali l'hanno trasformata nel più trafficato crocevia marittimo del pianeta. Si ritiene che circa il 25% di tutto il commercio mondiale ora passi attraverso questo segmento dell'Oceano Mondiale. Secondo alcune stime, rappresenta il 60% del commercio cinese e l'80% delle importazioni cinesi di idrocarburi. In poche parole, il paese che controlla questo mare ne acquisirà automaticamente il controllo economie altri paesi asiatici. Solo perché la maggior parte del commercio a livello regionale può essere interrotta. Con risultati completamente imprevedibili per tutto il mondo.

C'è un'altra sfumatura importante, che spesso sottolineano anche gli esperti. Nel 2016, la crescita del PIL in Vietnam è stata del 6,2%, nelle Filippine del 6,9%. Molti affermano apertamente che il Sud-est asiatico è il futuro centro economico del mondo (infatti, lo è già in parte). La rapida crescita dell'economia garantirà l'ascesa di tutte le sfere: culturale, politica, ideologica. Quindi quelli che dicono che in futuro l'Occidente potrebbe diventare la periferia della civiltà umana hanno ragione di per sé, e il sud-est asiatico diventerà il primo violino. Pertanto, non ha senso spiegare in dettaglio perché la Cina, da un lato, e gli Stati Uniti ei suoi alleati, dall'altro, stiano cercando di stabilire il pieno controllo nella regione. Le loro aspirazioni sono chiare, logiche e giustificate.

Ali e navi

A parte la triade nucleare, il potere degli Stati Uniti si basa principalmente sull'Air Force e sulla Marina. Nessun'altra flotta al mondo può essere paragonata alla flotta americana. Ci sono dieci portaerei di classe Nimitz sole nei ranghi, e poi il primo e leader Gerald R. Ford è entrato in servizio di recente. Presto, il suo gruppo aereo sarà rifornito con gli F-35C montati sul ponte di quinta generazione F-53C ora ufficialmente alati: "invisibili" e in grado di trasportare fino a otto bombe guidate GBU-XNUMX / B nei compartimenti interni.

Inoltre, non ha senso parlare di sottomarini, di cui a loro piace parlare così tanto nello spazio post-sovietico. I sottomarini americani beneficiano sia qualitativamente che quantitativamente. Tre dozzine previste per la costruzione di "Virginias" della quarta generazione "lasceranno andare chiunque in fondo", e ci sono anche i leggendari "Seawulfs" e, naturalmente, "Los Angeles", di cui anche adesso un'enorme flottiglia (gli americani hanno costruito 62 di queste barche, ma molte già cancellato).

La marina americana è l'incarnazione del trionfo del militarismo e del desiderio di dominare ovunque e sempre. Si tratta di centinaia di miliardi di dollari in acqua, sott'acqua e nel cielo. Nessuno vuole affrontare dal vivo una simile armata e, soprattutto, la Cina no. Il Celeste Impero vede perfettamente le debolezze delle sue forze navali, ed è per questo che ha fatto del loro rafforzamento uno dei compiti più importanti dello stato.

Gli autori occidentali amano molto speculare sull'ascesa militare della Cina, ma il più delle volte sembra storie dell'orrore per bambini. Ora i cinesi hanno solo una portaerei pronta per il combattimento: questa è la Liaoning da lungo tempo, convertita dal Varyag sovietico del Progetto 1143. Tra gli specialisti militari, questo tipo di navi è noto a causa di carenze come un numero relativamente piccolo di aerei, mancanza di una catapulta di lancio, ecc. eccetera. A proposito, la base del gruppo aereo Liaoning è il J-15, che è già diventato obsoleto. Queste sono copie cinesi dei Su-33 sovietici di quarta generazione. Tali aerei sono "troppo grandi" per Liaoning: perché i cinesi non hanno scelto, per esempio, il nuovo MiG-29K russo - possiamo solo indovinare.

Nel 2020, il Celestial Empire intende commissionare la portaerei Shandong. Questa è già una nave di pura costruzione cinese, ma creata con un occhio all'esperienza dell'URSS e che rappresenta, di fatto, lo sviluppo del Progetto 1143. Ovvero, le capacità delle portaerei americane, che possono trasportare fino a 90 velivoli, sono molto, molto lontane.

Un vero passo avanti qui sarà la costruzione di una nuova portaerei "Tipo 002", che è stata stabilita relativamente di recente. Insomma, sarà una supercarrier simile alla Gerald Ford. Invece di un trampolino di lancio, ci sarà una catapulta sul ponte di volo, alcune fonti dicono addirittura che sia elettromagnetica, come sulle nuove navi statunitensi. Ciò amplierà in modo significativo le capacità di combattimento del gruppo dell'aviazione. La cilindrata "Tipo 002" può essere di circa 80mila tonnellate. Questo è meno del Nimitz, ma più dell'ammiraglio Kuznetsov. La nave può presumibilmente essere costruita entro il 2021, ma in generale questa data particolare solleva dubbi. La Cina non ha esperienza nella creazione di navi di questo livello, e non è noto se il Celeste Impero ce la farà.

"Portaerei" cinesi

Le isole artificiali diventeranno un argomento militare davvero potente anche prima che la Cina abbia supercarrier. Negli ultimi anni sono diventati oggetto di gravi divisioni politiche, principalmente tra Pechino e gli Stati Uniti. Sono in costruzione nell'area delle Isole Spratly e dell'Arcipelago di Paracel.

Le nuove immagini di alta qualità mostrano chiaramente le piste, gli hangar, i radar e le apparecchiature necessarie per controllare la costellazione spaziale satellitare. Ci sono navi da guerra e navi da trasporto agli ormeggi.



Si tratta infatti di gigantesche "portaerei" terrestri, perfettamente protette da sistemi missilistici antiaerei. Queste sono vere fortezze navali sulla via degli alleati degli Stati Uniti. E di recente, la Cina ha inviato per la prima volta aerei militari lì. I veicoli da combattimento, tra cui il bombardiere strategico Xian H-6, sono atterrati in uno degli aeroporti dell'isola. Quest'ultimo è una copia autorizzata del Tu-16 sovietico, ma è in grado di trasportare missili moderni e, ovviamente, ha un ampio raggio di combattimento. A questo proposito, non si può non ricordare l'apparizione del caccia J-20 di quinta generazione in Cina. Sicuramente, il Celeste Impero ad un certo punto cercherà di usare questa carta vincente nella lotta geopolitica.



Cosa ne pensano gli Stati Uniti di questo non è difficile da indovinare. Esperti occidentali sono già riusciti (e più di una volta) a esprimere preoccupazione per la militarizzazione del Mar Cinese Meridionale. Secondo gli esperti, l'attuale dinamica potrebbe portare al fatto che le Filippine perderanno fino al 40% del territorio offshore, dove ci sono grandi riserve di petrolio e le compagnie di pesca stanno operando attivamente. Recentemente, a proposito, anche la Malesia ha espresso la sua posizione, affermando che non intendeva rinunciare ai suoi diritti su piccole isole situate nell'arcipelago di Spratly. Allo stesso tempo, non si applicherà a nuovi territori.

La previsione non è un'attività gratificante. Va detto, tuttavia, che le possibilità di una grande guerra a tutti gli effetti tra Cina e Stati Uniti sono trascurabili. A causa di a) il più alto grado di integrazione economica delle due potenze più potenti del mondo; b) entrambi hanno armi nucleari. Ovviamente nessuno vuole una guerra nucleare: qui non possono esserci vincitori. Ciò significa che i cinesi e gli americani dovranno negoziare e fare concessioni su questioni per loro non troppo significative.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://vpk.name/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 27 June 2018 21: 38
    +2
    Tutto sembra corretto, ma solo una precisazione: i cosiddetti gruppi di portaerei sono oggi armi esclusivamente per conflitti locali o intimidazioni di un nemico come la Libia, uso operativo - Siria, Iraq, ecc. Questa non è più una minaccia né per la Russia né per la Cina. Le portaerei sono come una volta belle e imponenti corazzate, belle, ma già passate. Quindi non ha senso descrivere chi ha quali, se una tale portaerei, diciamo nel Nord Atlantico, oggi può distruggere un sottomarino o una buona motovedetta con missili senza lasciare il Mar Baltico o solo un missile da terra o un aereo. I cinesi a quanto pare sono solo una questione di prestigio da costruire da soli, gli Stati Uniti non capiscono affatto, a quanto pare semplicemente non sanno come rallentare nel tempo o semplicemente fanno oscillare la pasta, come nella variante con difesa missilistica ...
    Gli Stati Uniti hanno più sottomarini, ma il fatto che siano qualitativamente migliori di quelli russi è molto controverso.
    E i cinesi sono fantastici!
  2. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
    gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 28 June 2018 10: 42
    +1
    Per le potenze continentali, che sono sia Russia che Cina, la flotta americana non rappresenta una minaccia particolare.
    Ma per la flotta stessa, "tagliare le ali" è facile come sgusciare le pere. Nessuna flotta durerà a lungo senza basi di rifornimento. Ma sono a terra. Possono essere facilmente distrutti con un colpo. Sia la Russia che la Cina hanno tali opportunità.
    Il centro del mondo è l'Eurasia. E non hai bisogno di una flotta per dominare qui.
    Lentamente ma inesorabilmente, gli Stati Uniti stanno perdendo il loro dominio nel mondo. E la loro flotta non interromperà in alcun modo questo processo.
  3. Bossa Офлайн Bossa
    Bossa (Peter) 3 luglio 2018 08: 48
    0
    Cari amministratori, per favore configurate il vostro sito. In Internet Explorer, c'è una sovrapposizione di immagini: