"Un colpo a Dimona basterà." Come l'Iran vendicherà Israele per il suo scienziato


L'assassinio del famoso fisico nucleare iraniano, attribuito ai servizi speciali israeliani, ha messo Teheran e Tel Aviv sull'orlo di un conflitto armato diretto. La Repubblica islamica si ripromette di vendicarsi, e dall'esperienza di "risposta" per la morte del generale Soleimani è chiaro che i persiani non lanciano parole al vento. Ma quale sarà la loro risposta questa volta?


Il fatto che il Mossad sia sospettato della morte di Mohsen Fakhrizadeh ha alcuni motivi. Israele ha molta paura dello sviluppo del programma nucleare iraniano, che potrebbe portare all'emergere dell'arsenale nucleare di Teheran. Date le dimensioni modeste dello stato ebraico, un attacco riuscito con armi di distruzione di massa ne metterebbe effettivamente fine all'esistenza. Soprattutto se l'attacco cade sul centro di ricerca Dimona, considerato il luogo della creazione delle armi nucleari israeliane, la cui presenza Tel Aviv non conferma, ma non smentisce. L'anno scorso, l'Ayatollah Mohammad Ali Movahedi Kermani ha lanciato il seguente avvertimento agli Stati Uniti e a Israele:

Se l'Iran decide di affrontarti, basterà un attacco missilistico sul reattore di Dimona.

Dieci anni fa, un altro eminente fisico iraniano, Majid Shahriari, fu ucciso, che si ritiene sia anche opera dei servizi di intelligence israeliani che cercano di rallentare lo sviluppo del programma nucleare della Repubblica islamica. Per la sua autodifesa, lo Stato ebraico, che ha già ricevuto il proprio arsenale nucleare, chiaramente non rifugge da alcun metodo. Questa volta Teheran minaccia di rispondere di conseguenza. Ricordiamo che per l'omicidio di Soleimani, gli americani hanno ricevuto un massiccio attacco missilistico alla loro base militare. La stampa occidentale riferisce che Israele ha messo in allerta tutti i suoi sistemi antimissile.

Ma dove possono volare i missili iraniani questa volta? È chiaro che non colpiranno davvero Dimona, ma Teheran chiama un altro obiettivo: la città israeliana di Haifa. Tuttavia, ciò solleva seri dubbi.

In primo luogoPer un attacco missilistico riuscito contro questo grande centro commerciale, il Libano, vicino di Israele, dove le posizioni del gruppo filo-iraniano Hezbollah sono forti, dovrebbe essere usato come trampolino di lancio. Tuttavia, il Libano oggi sta vivendo la più grave economico problemi causati dalla recente tragedia nel porto di Beirut. Questo paese ha un disperato bisogno di soldi per la ricostruzione e ora non tocca alla guerra con Israele. Al contrario, Tel Aviv ha provveduto ad incontrarla nei negoziati sulla piattaforma mediterranea, che forniscono nuove opportunità per la produzione di gas, che consentiranno al Libano di migliorare i propri affari finanziari.

In secondo luogo, è necessario prendere in considerazione possibile politico cambiamenti negli USA. Con un alto grado di probabilità, i democratici, all'origine dell'accordo nucleare iraniano, potrebbero ufficialmente tornare al potere alla Casa Bianca tra una settimana. Se lanci un attacco missilistico ora, il presidente uscente Trump potrebbe dare il via libera agli Stati Uniti per iniziare a combattere con l'Iran. Se questo viene fatto dopo la sua partenza, il presidente Biden non avrà alcuna possibilità di tornare a un accordo nucleare con la Repubblica islamica, cosa che chiaramente non le dispiace fare. Diciamo solo che gli astuti israeliani hanno scelto con precisione l'ora del loro prossimo attacco al programma nucleare iraniano e difficilmente risponderanno dell'omicidio di Mohsen Fakhrizadeh con grande sangue.

L'opzione tit-for-tat sembra molto più realistica. In particolare, i servizi speciali iraniani potrebbero tentare di eliminare coloro che hanno partecipato personalmente all'omicidio del fisico e alla sua preparazione, o qualche scienziato nucleare israeliano. È vero, a Tel Aviv si dice che tutte queste minacce sono state prese in considerazione e ridotta a zero la possibilità della loro attuazione. Il tempo dirà se è vero o no.
37 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 9 dicembre 2020 15: 43
    +1
    E il porto di Beirut è già stato restaurato dai libanesi per essere impegnati nell'estrazione di qualcosa lì nel Mediterraneo? Il blogger libanese-odessa Anhar in qualche modo non prova amore per Israele e lo incolpa di tutti i guai.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2020 15: 49
      -3
      Blogging? Dovremmo ora essere guidati dalla sua opinione nella politica internazionale?
      Se c'è una guerra, non sarà fino a quando il porto non sarà ripristinato. Se non c'è guerra, allora, vedi, getteranno dei soldi.
      1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
        Solo un gatto (Bayun) 9 dicembre 2020 15: 52
        +2
        Vorrei chiarire, quale agenzia o istituzione ti dirigi per poter contare sulla TUA opinione di esperto?
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2020 15: 53
          -2
          Non devi chinarti, non insisto. risata Pensa di più con la tua testa, è utile.
          1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
            Solo un gatto (Bayun) 9 dicembre 2020 15: 55
            +2
            ok, almeno come calciatore, non le è stato consigliato di usare ... e grazie per questo.
            1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
              Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2020 15: 57
              -4
              Niente affatto hi
              Al giorno d'oggi ci sono molti esperti-bawlers e scribacchini. La cosa più importante è in che misura le loro stime e previsioni corrispondono poi alla verità.
              1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
                Solo un gatto (Bayun) 9 dicembre 2020 16: 00
                +2
                E a proposito ... Questo Anhar afferma che i libanesi non sono molto intelligenti ... la fotocamera e il telefono devono essere inviati per la riparazione ... in Russia. Quindi non sono sicuro che qualcuno chiederà la loro opinione.
    2. greenchelman Online greenchelman
      greenchelman (Grigory Tarasenko) 10 dicembre 2020 14: 18
      0
      Ti sei ricordato di Ankhar Vladimirovna Kochneva?
      1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
        Solo un gatto (Bayun) 10 dicembre 2020 20: 50
        -1
        Esatto ... Su Zen è abbonato.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 dicembre 2020 15: 55
    +2
    È possibile parlare di tutto, come per un generale ucciso.
    Risucchieranno una terribile vendetta, un centinaio di soldati sconfitti e chiacchiereranno ...

    Sarebbe bello se il nuovo Boeing / petroliera / treno / autobus non venisse distrutto ...
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 9 dicembre 2020 18: 17
    +1
    Oggi l'Iran ha un minimo di opportunità per attaccare Israele. Un attacco a Dimona con armi convenzionali non porterà alla distruzione di Israele, ma porterà a un attacco di rappresaglia contro gli impianti nucleari in Iran. Compresa la centrale nucleare di Bushehr. Finora, l'accuratezza e il volume degli esplosivi che Israele può consegnare all'Iran è di un ordine di grandezza superiore alla capacità di ritorsione. E questo esclude le armi nucleari. Ma questo è per ora.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 9 dicembre 2020 18: 29
      -2
      L'Iran, non il Libano, è uno stato di 80 milioni di persone con un grande passato e ora, goccia a goccia, l'odio per Israele si sta accumulando e dovrebbe estendersi, che è ciò che Israele teme di questa inevitabilità. Evitando il colpo, Israele preparerà un porridge peggiore, attirando i sauditi e altri contro l'Iran, dove il lotto va in tutto il Medio Oriente, e la Turchia e gli altri egiziani non saranno lasciati da parte ... Guardiamo questo Armageddon che si avvicina ...
      1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
        Raccoglitore (Myron) 9 dicembre 2020 21: 01
        -3
        Calmati, mio ​​caro, Israele non ha minimamente paura dei persiani, se gli israeliani al tempo del potere dell'URSS non avevano paura di Mosca, allora un po 'di Teheran per l'Israele di oggi è solo un accartocciato villaggio di montagna in un povero paese arretrato. E sono pronto a scommettere su qualsiasi importo: l'Iran non colpirà né Dimona né Haifa (in uno dei sobborghi addormentati di cui ho il piacere di vivere). Ci sono due ragioni principali: 1. I persiani non hanno reali opportunità di prendere di mira gli israeliani, la superiorità tecnologica di Israele è schiacciante, 2. È spaventoso per gli ayatollah, una cosa è maledire gli odiati sionisti, invocando sulle loro teste l'ira di Allah, e un'altra è opporsi a loro con le armi in mano.
        Tuttavia, la macchina della propaganda funziona - un paio di giorni fa un falso su un dipendente del Mossad che sarebbe stato liquidato a Tel Aviv è stato segnalato nel segmento russo. Nonostante la completa assurdità di questo messaggio, molti russi che non sono molto alfabetizzati credono a tali rapporti. Non sarò sorpreso se tra un giorno o due i russi verranno informati che i missili iraniani hanno ridotto in polvere Dimona e ci crederanno di nuovo. risata
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 10 dicembre 2020 08: 24
          -1
          Citazione: Bindyuzhnik
          Calmati, mio ​​caro, Israele non ha minimamente paura dei persiani, se gli israeliani durante i tempi del potere dell'URSS non avevano paura di Mosca, allora un po 'di Teheran per l'odierno Israele è solo un villaggio di montagna arido in un paese arretrato e povero

          Non avevi paura? Oh bene...
          1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
            Marzhetsky (Sergey) 10 dicembre 2020 08: 46
            -1
            Qualsiasi sciacallo può calciare senza paura un leone morto ...
          2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
            Raccoglitore (Myron) 10 dicembre 2020 15: 17
            0
            Perché chiedere: dai un'occhiata alla realtà di quel tempo e alla politica di Israele negli anni '60 e '80. il secolo scorso, tu stesso capirai.
        2. Lucifero67S Офлайн Lucifero67S
          Lucifero67S (Viktor Schmidt) 11 dicembre 2020 17: 38
          0
          nu horosho chto ti takoy umniy-razumniy evrey!
      2. Savva Tabakin Офлайн Savva Tabakin
        Savva Tabakin (Savva Tabakin) 12 dicembre 2020 11: 50
        0
        L'Iran non è il Libano, è un paese da 80 milioni di euro con un grande passato.

        Secondo me, accanto a Israele, uno stato da 100 milioni con un passato ancora più grande e SHO ..... Dici questo?
  4. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 9 dicembre 2020 18: 31
    +1
    Citazione: Vladimir Tuzakov
    L'Iran, non il Libano, è uno stato di 80 milioni di persone con un grande passato e ora, goccia a goccia, l'odio per Israele si sta accumulando e dovrebbe estendersi, che è ciò che Israele teme di questa inevitabilità. Evitando il colpo, Israele preparerà un porridge peggiore, attirando i sauditi e altri contro l'Iran, dove il lotto va in tutto il Medio Oriente, e la Turchia e gli altri egiziani non saranno lasciati da parte ... Guardiamo questo Armageddon che si avvicina ...

    Una semplice domanda: qual è la ragione dell'odio dei persiani verso Israele? Cosa ha fatto Israele contro i persiani?
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 9 dicembre 2020 20: 04
      0
      Una ragione superficiale per la partecipazione cumulativa di Israele ad atti contro l'Iran, la guerra Iran-Iraq, interventi e blocchi americani, sanzioni e altri atti anti-iraniani sotto l'influenza di rappresentanti israeliani. Ovviamente, la sparatoria agli scienziati iraniani è un'assurdità assoluta, suscita solo odio per Israele, il problema è risolto da azioni più approfondite - negoziati, compromessi e altre azioni ...
      Ma la forza principale è la terza, che sta aumentando il pericolo per lo stato di Israele, sembra che le principali in questo, il rabbinato ebraico e altre forze anti-sioniste ebraiche, che vogliono il precedente reinsediamento degli ebrei in tutto il mondo e le azioni all'interno degli stati di residenza, quindi il giudaismo e il rabbinato riguadagneranno la supremazia indiscussa sugli ebrei. Una spiegazione del genere sembra assurda, ma le azioni religiose non sono calcolate per decenni, per secoli ed eternità, a cui vuole tornare e governare, come prima gli ebrei sparsi per il mondo ... Ma oggi, con un Israele più laico, il rabbino non è in cammino, e per l'autoconservazione e l'influenza di tali strutture non c'è pietà per nulla ...
    2. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 9 dicembre 2020 21: 48
      +4
      La domanda è davvero interessante. A volte ascolto ITON, quindi in qualche modo ho sentito che anche l'ospite e l'ospite (non ricordo chi, ma non Kedmi) facevano questa domanda. E sono giunti alla conclusione che non ci sono ragioni reali per l'inimicizia. E le persone influenti in entrambi i paesi lo capiscono.
      Ho guardato la dinamica delle relazioni, è abbastanza mutevole. L'Iran sta lavorando a un programma ICBM. Giustamente, avendo un vicino come KSA + basi USA lì, non c'è bisogno di rilassarsi. Israele valuta da sé le possibilità dello Shahab e, con paura, fa periodicamente dichiarazioni e gesti aspri. L'Iran sta reagendo. Lo stesso è con il programma nucleare. L'Iran non è un paese piccolo, il desiderio di avere un proprio programma nucleare è pienamente giustificato, almeno energetico. Ancora una volta, Israele (le persone tendono a giudicare le motivazioni delle azioni degli altri in base alla propria depravazione) lo prende sul personale, poiché crea armi nucleari esclusivamente contro se stessi. Ancora una volta, movimenti bruschi e reazioni dall'Iran.
      Ma tutto questo è nella modalità corrente. Con un certo riscaldamento nella seconda metà degli anni '1990. E il vero deterioramento si è verificato dal 2002, su suggerimento di Bush. Dopo l'11.09.2001. si è deciso di sospendere l'attacco all'Iran. Sebbene sia abbastanza ovvio che si trattava di una messa in scena, che mascherava l'occupazione finale degli Stati Uniti da parte della Finintern e un tentativo di rimandare l'ultima crisi del capitalismo, che, dopotutto, è iniziata nel 2008. e si sta sviluppando ora.
      Nel 2002-3. L'Iran ha assistito nella lotta contro al-Qaeda, nel 2003. ha avanzato una serie di proposte positive, ma è stato incluso da Bush nell'Asse del Male, un memorandum dell'Iran del 2003. è stato rifiutato. Le persone in Iran che erano responsabili del tentativo di riconciliarsi con l'Occidente sono state licenziate. E Ahmadinejad è salito al potere, con il suo orientamento completamente anti-occidentale. Di conseguenza, Israele è visto come un paese in gran parte dipendente dagli Stati Uniti (e di fatto, dalla Finintern) e controllato da loro. Anche l'uccisione abituale di fisici iraniani non migliora le relazioni.

      http://www.iimes.ru/?p=33269

      Si ha l'impressione che la Finintern contrapponga i due paesi. Che per Israele, a quanto pare, è un padre nativo. Ma le persone e i paesi che credono alla Finintern (rappresentata dagli Stati Uniti) finiscono male. Sarà difficile far fronte all'Iran, ma il piccolo Israele potrebbe rientrare nella distribuzione. E la sua decantata economia non aiuterà.
      Il tempo è ora brutale, le economie crolleranno come foglie a settembre. Potenti forze armate e risorse guideranno. Ho già citato la citazione della Merkel un anno e mezzo fa:

      Alla domanda su come le sfide globali di Cina, Russia e Stati Uniti stanno influenzando l'Europa, ha affermato che stanno costringendo l'UE a trovare un terreno comune. Questo è spesso difficile, ha riconosciuto, citando le politiche Ucraina-Africa come esempi di successo.
      La nostra forza politica non corrisponde ancora alle nostre capacità economiche, ha affermato. - Loro (Cina, Russia e Stati Uniti) ci costringono ripetutamente a trovare posizioni comuni. Questo è spesso difficile data la differenza nei nostri interessi. Ma ci riusciamo: prendiamo, ad esempio, la nostra politica riguardo al conflitto in Ucraina.

      Capisce che la semplice economia non è sufficiente.
      Questo non è affatto gongolare. Questa è solo la logica dello sviluppo degli eventi.
    3. Caro esperto di divani. 10 dicembre 2020 01: 25
      +3
      Una semplice domanda: qual è la ragione dell'odio dei persiani verso Israele? Cosa ha fatto Israele contro i persiani?

      Solo politica.)

      Per me personalmente, è ovvio che l'inimicizia iraniano-israeliana viene ora incitata dagli ebrei. Ed ecco perché:
      Per cominciare, per quanto riguarda il desiderio degli iraniani di distruggere Israele - per i musulmani, la città di Gerusalemme ha uno speciale significato sacro. Secondo tradizioni profondamente radicate, il profeta Muhammad fu miracolosamente trasferito dalla Mecca a Gerusalemme, e da lì al cielo, dove ebbe una conversazione con il Creatore.
      Sulla base di ciò, è semplicemente, anche ipoteticamente, difficile immaginare una Repubblica islamica che infligga un devastante attacco missilistico a Gerusalemme.

      Sì, un tempo nelle relazioni iraniano-israeliane, l'aggressiva retorica antisemita di Mahmoud Ahmadinejad ha giocato un ruolo importante.
      Oggi nessuno dubita che questa attività avesse allora finalità puramente politiche interne. Ma, come si suol dire: il sedimento è rimasto.
      Resta il fatto: i due mandati presidenziali di Ahmadinejad hanno inflitto danni colossali agli interessi e all'immagine della Repubblica islamica.

      Ma oggi, sono le élite ebraiche ad essere altrettanto disposte a usare la retorica anti-iraniana per i propri obiettivi politici interni come Ahmadinejad ha usato l'anti-Israele nei suoi. D'accordo, è difficile trovare almeno un politico israeliano che non speculerebbe sul tema della minaccia iraniana e non demonizzerebbe l'Iran.

      Che qualcosa di simile.
      1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
        Raccoglitore (Myron) 10 dicembre 2020 05: 59
        -3
        Tutto è capovolto. Ahmadinejad è una pedina, perseguita la politica degli ayatollah, come ogni altro alto funzionario iraniano. Le minacce di distruggere Israele dopo che questo signore ha lasciato la presidenza non si sono fermate affatto, risuonano ancora dalle labbra dei leader iraniani. L'Iran sta cercando di perseguire una politica di espansione nella regione, Israele si oppone ai tentativi iraniani, i paesi arabi che prima erano oppositori di Israele, oggi, sotto la pressione della minaccia iraniana, stanno diventando i suoi alleati situazionali. E non piace a tutti.
        Questo è tutto ...
        1. Caro esperto di divani. 10 dicembre 2020 09: 17
          +4
          Le minacce di distruggere Israele dopo che questo signore ha lasciato la presidenza non si sono fermate affatto, risuonano ancora dalle labbra dei leader iraniani.

          Per una persona che non comprende del tutto l'essenza di ciò che sta accadendo, risponderei: questo non è del tutto vero.

          A te, che stai stupidamente fluttuando sull'onda del mainstream, dirò semplicemente: questo non è affatto vero!

          Ad esempio: Ahmadinejad ha negato con forza l'Olocausto. La nuova leadership iraniana ha iniziato a rivedere l '"eredità" di Ahmadinejad e l'attuale presidente, Hassan Rouhani, ha riconosciuto il fatto dell'Olocausto e ha dichiarato che si trattava di un crimine contro l'umanità.
          Il caso parla da solo: quando il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif su Twitter si è congratulato con i cittadini di Israele per il capodanno ebraico, la figlia di un influente politico americano Nancy Pelosi gli ha scritto che sarebbe stato più bello se Teheran non negasse l'Olocausto. Zarif ha risposto:

          “L'Iran non ha mai negato l'Olocausto e la persona che si ritiene lo neghi se ne è già andata. Felice anno nuovo".

          Comprendi il significato di ciò che è stato detto e forse allora vedrai dei cambiamenti.
          1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
            Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 dicembre 2020 14: 45
            0
            Nota: Ahmadinejad è di discendenza ebraica, con tutte le possibili vicissitudini e influenze ...
            1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
              Raccoglitore (Myron) 10 dicembre 2020 15: 10
              -2
              L'origine ebraica di Ahmadinejad è la stessa favola dell'ebraicità di B. Eltsin o V. Putin.
              1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
                Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 dicembre 2020 15: 54
                +1
                È indecente mentire, ma quando questo è costante nella comunicazione, tu stesso non te ne accorgi. Chiederei la verità, Internet permette ...
          2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
            Raccoglitore (Myron) 10 dicembre 2020 15: 14
            -2
            Non ci sono cambiamenti: Ahmadinejad e Hasan Ruohani sono come due interrogatori, il primo è cattivo, il secondo è buono, ma stanno facendo la stessa cosa.
            1. Caro esperto di divani. 10 dicembre 2020 21: 07
              +3
              Nessun cambiamento

              Ti ho fatto un esempio preciso e non mi hai dato nulla di oggettivo, a parte le tue emozioni.
    4. Danila46 Офлайн Danila46
      Danila46 (Daniel) 10 dicembre 2020 23: 46
      -1
      c'è solo una ragione: l'oscurantismo religioso.
      Durante il periodo dello Scià, Israele e Iran hanno avuto, se non l'amore, una relazione molto calda. L'oleodotto iraniano costruito congiuntamente a Eilat-Ashkelon, che è ancora in funzione (ora solo Eilat-Ashkelon, ovviamente), un cantiere navale in Iran, il progetto congiunto di un caccia militare, che lo stesso Israele ha poi completato come progetto Lavi, il fatturato ha superato l'importo in quel momento in cento dollari. La religione non interferiva con le persone e c'era la pace ...
  5. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 9 dicembre 2020 21: 01
    0
    Citazione: Vladimir Tuzakov
    Una ragione superficiale, nel complesso della partecipazione di Israele ad atti contro l'Iran, la guerra Iran-Iraq, interventi e blocchi americani, sanzioni e altri atti anti-iraniani sotto l'influenza di rappresentanti israeliani. Ovviamente, la sparatoria agli scienziati iraniani è un'assurdità assoluta, suscita solo odio per Israele, il problema è risolto da azioni più fondamentali: negoziati, compromessi e altre azioni ...
    Ma la forza principale è la terza, che sta aumentando il pericolo per lo stato di Israele, sembra che le principali in questo, il rabbinato ebraico e altre forze anti-sioniste ebraiche, che vogliono il precedente reinsediamento degli ebrei in tutto il mondo e le azioni all'interno degli stati di residenza, quindi il giudaismo e il rabbinato riguadagneranno la loro assoluta supremazia sugli ebrei. Una spiegazione del genere sembra assurda, ma le azioni religiose non sono calcolate per decenni, per secoli ed eternità, a cui vuole tornare e governare, come prima gli ebrei sparsi in tutto il mondo ... E oggi, con un Israele più laico, il rabbino non è in cammino, e per l'autoconservazione e l'influenza di tali strutture non c'è pietà per nulla ...

    1. Israele ha iniziato ad agire contro l'Iran solo dopo aver dichiarato Israele nemico. Prima di allora, Israele non ha intrapreso alcuna azione ostile contro l'Iran e gli interessi dei paesi si sono sovrapposti solo in modo positivo.
    2. Il Rabbinato non determina la politica estera, la politica estera gli interessa poco. Israele non diventa laico, forse al contrario ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 9 dicembre 2020 21: 21
      0
      Esprimo la mia opinione, come la percepiscono - ciascuno a modo suo ...
  6. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 9 dicembre 2020 23: 48
    -1
    È diventato famoso dopo la sua morte.
  7. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 10 dicembre 2020 13: 36
    0
    L'Iran ha un forte desiderio di colpire Israele, ma nessuna opportunità. Israele ha delle opportunità, ma ancora nessun desiderio. Quindi beviamo per assicurarci che i desideri dell'Iran non coincidano mai con le sue capacità! Adesso vediamo alla radice, secondo A.S. Shishkov. Iran: territorio - 1 milione 600 mila Kmq. Israele: territorio -22mila chilometri quadrati, popolazione 9.1 milioni (22% arabi). E ora della fionda dorata iraniana di Porthos e del modesto fascino ebraico. Il bilancio dell'Iran per 21 anni è di 36 miliardi di dollari, la briciola di Israele è di poco più di 150 miliardi di dollari. Pertanto, la spesa militare dei persiani è gigantesca per i loro standard - 12 miliardi, mentre quella di Israele è più modesta - 20.5 miliardi. E ancora altri 81 milioni di bocche sciite devono essere nutriti e curati. Pertanto, solo alla fine della conversazione, ho detto: capitano, non sarai mai un maggiore ... Ha pianto allora ...
    Questo sono io sull'Iran. Da qui il ritardo rispetto a Israele in tutte le posizioni. Quanto? Per sempre. Quindi l'autore della pubblicazione ha ragione in una cosa: i persiani non colpiranno Israele. Va al diavolo. Solo le ragioni dell'impotenza iraniana sono fondamentalmente diverse da quelle indicate da S. Marzhetsky.
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 10 dicembre 2020 15: 08
      -1
      Sono completamente d'accordo. Lei, secondo me, ha delineato la situazione in modo molto accurato, penso che i nostri avversari russi non abbiano nulla da discutere. Bravo!!! buono
      1. Il commento è stato cancellato
  8. Michael1950 Офлайн Michael1950
    Michael1950 (Michael) 10 dicembre 2020 15: 50
    0
    Citazione: Vladimir Tuzakov
    Una ragione superficiale, nel complesso della partecipazione di Israele ad atti contro l'Iran, la guerra Iran-Iraq, interventi e blocchi americani, sanzioni e altri atti anti-iraniani sotto l'influenza di rappresentanti israeliani. Ovviamente, la sparatoria agli scienziati iraniani è un'assurdità assoluta, suscita solo odio per Israele, il problema è risolto da azioni più fondamentali: negoziati, compromessi e altre azioni ...
    Ma la forza principale è la terza, che sta aumentando il pericolo per lo stato di Israele, sembra che le principali in questo, il rabbinato ebraico e altre forze anti-sioniste ebraiche, che vogliono il precedente reinsediamento degli ebrei in tutto il mondo e le azioni all'interno degli stati di residenza, quindi il giudaismo e il rabbinato riguadagneranno la loro assoluta supremazia sugli ebrei. Una spiegazione del genere sembra assurda, ma le azioni religiose non sono calcolate per decenni, per secoli ed eternità, a cui vuole tornare e governare, come prima gli ebrei sparsi in tutto il mondo ... E oggi, con un Israele più laico, il rabbino non è in cammino, e per l'autoconservazione e l'influenza di tali strutture non c'è pietà per nulla ...

    "Neanche io ho sentito queste stupide sciocchezze da molto tempo. Questo è qualcosa al di là! Superbrad ... letteralmente in ogni riga ...
  9. Il commento è stato cancellato
  10. Savva Tabakin Офлайн Savva Tabakin
    Savva Tabakin (Savva Tabakin) 12 dicembre 2020 11: 57
    0
    Citazione: Bindyuzhnik
    L'origine ebraica di Ahmadinejad è la stessa favola dell'ebraicità di B. Eltsin o V. Putin.

    E cosa non è una favola in questo mondo? Tutti discendevano da Adamo ed Eva! Ebrei, ebrei, solo ebrei in giro .......