Dopo la vittoria di Baku nel Nagorno-Karabakh, la Russia può contare sul petrolio azero


La vittoria nel conflitto del Nagorno-Karabakh ha ampliato i confini dell'Azerbaigian e la presenza delle truppe di pace russe nella NKR ha effettivamente perpetuato questi guadagni. La firma dell'accordo di cessate il fuoco ha coinciso con il ritiro delle società americane ExxonMobil e Chevron dal mercato petrolifero e del gas azero, che apre nuove opportunità per le aziende russe delle materie prime. OilPrice.com scrive delle nuove prospettive dei petrolieri russi nel Caucaso meridionale.


Innanzitutto, la società russa Lukoil conta sul petrolio azero, che insieme alla società statale azera SOCAR avvierà un progetto energetico per lo sviluppo dei giacimenti petroliferi. Ultimo ma non meno importante, questa società garantirà le sue possibilità di entrare nel mercato delle materie prime dell'Azerbaigian grazie al suo capo Vagit Alekperov, un'etnia azera che una volta ha studiato all'Azerbaijan State Oil University.

Il campo di Nakhchivan è di particolare interesse per Lukoil. La preoccupazione ha anche espresso interesse a partecipare al progetto Umid-Babek, le cui riserve sono stimate in 500 miliardi di metri cubi di gas, oltre a circa 1 miliardo di barili di condensato.

I prossimi mesi potrebbero portare notizie sull'ulteriore penetrazione della Russia nell'industria petrolifera azera

- Gli esperti americani credono.

Pertanto, il rifiuto di Mosca di qualsiasi parte nello scontro militare in Nagorno-Karabakh, così come la garanzia di nuovi confini azerbaigiani, amplia il raggio d'azione dei giganti petroliferi russi, in primo luogo Lukoil, che ha da tempo i suoi interessi commerciali nella regione del Caspio .
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 9 dicembre 2020 18: 42
    +1
    Tutto è già stato detto, "può andare in tilt", ma il petrolio è già stato pompato in Turchia.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 9 dicembre 2020 19: 12
      0
      Tutto è già stato detto, "può andare in tilt", ma il petrolio è già stato pompato in Turchia.

      Non lo sai? I pomodori saranno ora venduti alla Turchia, ora non hanno tempo per il petrolio.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 9 dicembre 2020 19: 43
    +1
    Non sono sicuro quanto gli esperti americani. In ogni caso, ciò che è in superficie non riflette sempre processi profondi.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 dicembre 2020 21: 29
    0
    Giusto! Il denaro non puzza.

    È vero, cosa c'entra la Russia? Possibilità, cioè, di fare soldi con un oligarca azero.
    Ed è improbabile che il petrolio ci venga consegnato ...
  4. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 9 dicembre 2020 23: 42
    -2
    È tempo di pensare non al mercato, ma all'eterno, non importa come viene introdotto l'embargo ...
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 10 dicembre 2020 09: 37
    0
    L'Azerbaigian deve offrire la propria ferrovia per l'utilizzo della Russia-Iran. Allora saranno ricchi!
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 10 dicembre 2020 11: 04
      +3
      L'Azerbaigian ha bisogno...

      Se non specifichi di cosa hanno bisogno, puoi evitare epiteti su chi e dove andare. risata
      L'Azerbaigian, con l'aiuto turco, ovviamente, usando abilmente il "litigio" tra politici armeni e russi, ha ripristinato la sua influenza nelle regioni "perdute". Anche i turchi non hanno perso. I russi, anche se un po' in ritardo, sono comunque riusciti all'ultimo momento a mettere piede nella porta che si chiude con la loro missione di pace. Cinque anni non sono un lungo termine, ma poi? In generale, l'Azerbaigian ha vinto la battaglia con il suo alleato, e divieti concreti all'importazione di prodotti "tattici" e vaghe promesse dell'altra parte, su qualcosa su cui contare, parlano di questo. ricorso