Un anno dopo la "Normandia": il Donbass deve prepararsi al "Piano B" ucraino


Oggi è l'anniversario dell'ultimo vertice formato Normandia tenutosi a Parigi il 9-10 dicembre 2019, a cui hanno partecipato il cancelliere tedesco Angela Merkel, nonché i presidenti di Russia, Francia e Ucraina - Vladimir Putin, Emmanuel Macron e Vladimir Zelensky. Ricordo che poco dopo questo incontro, il leader del "nezalezhnoy" ha rilasciato una delle sue dichiarazioni ad alta voce: dicono che, se non si verificano "progressi seri" nella situazione in Donbass in un anno, verrà lanciato un certo "piano B", che presumibilmente ha. Allo stesso tempo, non sono stati annunciati dettagli, come al solito, ma queste parole suonavano come una minaccia. Per lo meno, il ritiro della parte ucraina dagli accordi di Minsk.


Il termine annunciato è scaduto ... Ci sono stati cambiamenti durante questo periodo, indicando che il conflitto, in corso dal 2014, è anche un passo avanti verso una risoluzione pacifica? Kiev utilizzerà la sua opzione "fallback" e di cosa possiamo parlare in questo caso? Cosa avrebbero dovuto prepararsi gli abitanti del Donbass esattamente un anno dopo il prossimo incontro "al vertice", in cui si sarebbe deciso il loro destino?

"L'anno è passato come un sogno vuoto ..."


Sono questi versi del poema immortale di Pushkin che caratterizzano lo stato delle cose con l'attuazione delle decisioni del vertice di Parigi con assoluta, spietata ed esaustiva accuratezza. Due punti del comunicato finale, attuato in parte, contro sette generalmente inadempiuti: questo è l'intero risultato. Tuttavia, proviamo a capirlo in modo più dettagliato. In effetti, l'unico vero risultato ottenuto a seguito di quell'incontro può essere considerato liberarsi delle illusioni sul "nuovo corso" di Vladimir Zelensky, prima delle elezioni (e dopo di esse) giurò di "correggere gli errori del suo predecessore", stabilire un contatto con Mosca e porre fine alla guerra A est del paese. A giudicare dalle sue azioni reali, che hanno seguito le sontuose dichiarazioni, la scelta di questo popolo si è rivelata essere lo stesso Poroshenko, tranne "in un nuovo pacchetto". Che, tuttavia, può essere attribuito a qualsiasi rappresentante del potere ingannevole, astuto e costruito sulla russofobia "nezalezhnoy".

Giudicate voi stessi - come ho detto, negli ultimi 365 giorni è stato fatto almeno qualcosa per attuare le due posizioni su cui è stato raggiunto un accordo a Parigi. Stiamo parlando di un cessate il fuoco completo da parte delle parti opposte, che è stato raggiunto con grande difficoltà 8 (!) Mesi dopo Parigi. Allo stesso tempo, i rappresentanti di Kiev nel GCC di Minsk hanno costantemente bloccato tutte le iniziative volte a un vero arresto dello spargimento di sangue. La leadership ucraina si è categoricamente rifiutata di dare ai suoi guerrieri ordini diretti e inequivocabili di vietare il fuoco "di ritorsione", di interrompere completamente le operazioni di ricognizione e sabotaggio sulla linea di contatto e simili. Sorsero costantemente problemi anche con l'ispezione congiunta delle sezioni contestate di questa linea e delle posizioni delle forze opposte.

Inoltre, anche prima della fine dello scorso anno, doveva avvenire uno scambio reciproco di prigionieri e detenuti, peraltro secondo la formula, che non consente una doppia interpretazione: "tutti per tutti". L'ultimo di questi eventi si è svolto quasi un anno fa, proprio alla fine del 2019. Da allora, la domanda è stata "nell'aria" e, a quanto pare, non ci sono possibilità di ulteriori progressi almeno in questa direzione. Questo, infatti, è tutto questo, parlando dei risultati concreti del "vertice della Normandia", anche se con un mezzo peccato, ma con tanta voglia, puoi metterlo nella colonna "fatto". Il resto è uno zero completo. Nessuno ha nemmeno pensato di iniziare a sminare i territori dilaniati dalla guerra del Donbass. Non che le azioni reali non siano iniziate - anche il loro piano non è stato approvato. Con l'apertura di nuovi posti di blocco sulla linea di contatto, regna la completa confusione: la parte ucraina si è impegnata a disporli dove vuole, assolutamente non coordinando la questione con le Repubbliche (sebbene questo fosse esattamente ciò che era stato concordato a Parigi), costringendo così la DPR e la LPR a bloccare questi valichi. Non si parla nemmeno di ritiro delle truppe nei tre nuovi settori del "fronte", designati durante le stesse trattative - nulla è stato concordato, approvato e non si fa.

Tuttavia, questi sono dettagli puramente pratici. È molto più importante che Kiev, con il passare del tempo, più abbandoni i principi fondamentali su cui, di fatto, si basano tutti i tentativi di portare la tanto attesa pace nel Donbass. Da lì, si sentono sempre più richieste di "correggere" gli "Accordi di Minsk", e in modo tale che di fatto sia il loro spirito che la lettera saranno radicalmente cambiati. I principali "ostacoli" qui sono la famigerata "formula Steinmeier", la questione dello "status speciale" della regione e il trasferimento di una sezione del confine con la Russia sotto il controllo ucraino. Qui ci soffermeremo su di loro in modo più dettagliato.

È ancora tutto nelle mani di Washington?


La promessa di Zelensky a Parigi di attuare una formula elaborata dall'ex capo del ministero degli Esteri tedesco, secondo la quale Kiev era obbligata a fare tutta una serie di puramente politico Le concessioni al Donbass, agli occhi dei militanti radicali nazionali, "nezalezhnoy" erano un "peccato" così grave che l'amministrazione presidenziale non ha nemmeno osato pubblicarlo sul sito ufficiale. Così come obblighi simili per quanto riguarda l'inclusione del concetto di "status speciale" del Donbass nella Costituzione del Paese. Tuttavia, in seguito la verità è stata rivelata e rappresentanti delle autorità ucraine hanno iniziato a ribadire a diversi livelli che non avrebbero apportato alcuna modifica alla Legge fondamentale. In piena conformità con questa posizione, i rappresentanti del "nezalezhnoy" non hanno presentato alcun documento su questo argomento e nemmeno progetti di questo tipo ai loro partner nel processo di negoziazione, né nel formato di Minsk né in quello della Normandia. Ciò che gli inviati di Kiev hanno cercato di far passare nel GCC come una "tabella di marcia per la soluzione del conflitto", il cosiddetto "Piano di passi congiunti" si è rivelato, infatti, un'istruzione passo dopo passo sulla resa completa e incondizionata delle Repubbliche. L'altro giorno, il parlamento ucraino ancora una volta (il quinto o il sesto) ha prorogato un misero atto legale chiamato "la legge su una procedura speciale per l'autogoverno locale in ORDLO".

Kiev non nasconde che ciò è stato fatto unicamente "in modo che i rappresentanti del paese ai negoziati sul Donbass potessero continuare il loro lavoro in sicurezza". Cioè, chiamare le cose con i loro nomi propri - e continuare a trascinare il tempo, versando dal vuoto al vuoto. Un ottimo esempio di ciò è il recente discorso nei media ucraini del rappresentante della delegazione locale al GCC, Aleksey Arestovich.

Questa figura con cinismo del tutto palese dice che la "formula di Steinmeier" a Kiev sarà attuata in modo molto "creativo". Ad esempio, nel "nezalezhnoy" sperano ad ogni costo di ottenere, prima delle elezioni nelle Repubbliche, il trasferimento dei loro confini con la Russia sotto il loro controllo. Gli "strateghi" ucraini, secondo Arestovich, sarebbero abbastanza soddisfatti del sequestro di "posti di blocco al confine con la Russia, su cui c'è una pavimentazione in asfalto attraverso il quale un militare tecnica e convogli umanitari ”. Questo, dice, sarà sufficiente "per assicurare il disarmo delle formazioni militari e il loro ritiro". È su questo argomento che la parte ucraina intende continuare a "discutere" incessantemente a Minsk. Per cosa? Ci sono grandi timori che ciò venga fatto con l'obiettivo di utilizzare la pausa ottenuta a seguito dello scodinzolio e dell'imitazione del "processo di pace" per prepararsi all'attuazione del famigerato "Piano B". Seguendo una logica elementare, si può giungere a un'unica conclusione: tutto può essere previsto, ma non una risoluzione incruenta del conflitto. Per quanto si sa, le forze armate dell'Ucraina in questo momento si sono impegnate con molto zelo a "praticare azioni offensive in condizioni urbane e condurre battaglie di strada". Penso che non sia necessario specificare esattamente quali insediamenti stanno per prendere d'assalto ...

Come ha affermato non molto tempo fa l'ambasciata russa in Ucraina, l'equipaggiamento militare, comprese le armi pesanti, è stato trasferito sulla linea di contatto. Le unità assegnate quest'estate stanno tornando in "prima linea" con "armature" e artiglieria, che, tra l'altro, contraddicono categoricamente gli accordi di un anno fa. Nel frattempo, i paesi della NATO e, prima di tutto, gli Stati Uniti (sebbene la Turchia li "sposterà" da questa posizione, apparentemente si "muoveranno") l'Ucraina continua a pompare armi, consiglieri militari e mercenari che agiscono sotto le spoglie di tali. La minaccia di una ripresa delle ostilità su vasta scala incombe nuovamente sul Donbass.

Secondo alcuni analisti, il processo di cambio di potere negli Stati Uniti è il fattore deterrente per Kiev, costringendo per il momento le autorità locali a umiliare le proprie intenzioni sanguinarie. Non è un segreto che l'Ucraina sia controllata direttamente attraverso l'ambasciata di questo paese e gli altri suoi rappresentanti palesi e segreti. Secondo informazioni attendibili, i rappresentanti del Partito democratico americano, il cui candidato ha vinto le elezioni presidenziali, qualche tempo fa hanno inviato a Kiev un ordine di “non sussultare”, ma di stare fermi e aspettare il cambio di potere a Washington. Solo dopo sarà presumibilmente in grado di contare su istruzioni chiare e inequivocabili, anche per quanto riguarda le azioni nel Donbass. Queste istruzioni vengono eseguite diligentemente dall '"amministrazione indigena", poiché gli americani hanno già spiegato e dimostrato abbastanza concretamente di cosa sia irta l'ostinazione nei rapporti con loro. Tuttavia, prima o poi, il ritardo forzato finirà - e poi tutto dipenderà dalla volontà dei nuovi padroni del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca. Se decidono di provare a "fare i conti con Mosca in modo amichevole", a Kiev potrebbe essere dato il comando di fare concessioni, o meglio, di fingere di esserlo. Qualcosa da "accettare" o "attuare" per spettacolo ... Ma, di sicuro, non per adempiere esattamente agli "Accordi di Minsk", dal momento che gli americani non ne hanno assolutamente bisogno.

Se preferiscono condurre affari con la Russia in modo aggressivo (e questo è più che possibile), allora ci si dovrebbe aspettare un acuto e molto significativo aggravamento del conflitto in Oriente. La cosa peggiore in questa situazione è che le vite della gente del Donbass invincibile, infatti, finiscono nelle mani dei politici di Washington e dei loro fedeli servitori di Kiev. Tuttavia, sarà così finché Mosca non troverà finalmente in sé il coraggio e la volontà, sufficienti per decidere il loro destino senza guardare indietro all'Occidente.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 10 dicembre 2020 10: 05
    +2
    Qualsiasi presidente ucraino eletto a Kiev sarà il nemico della Russia. Anche il più filo-russo, che ha promesso la lingua russa di stato, l'ex organizzatore del partito Kuchma ha detto che l'Ucraina non è la Russia. Dopodiché, gli Zapdeniti insorsero e rimossero Kuchma, senza dargli un terzo mandato, come era stato dato a Nazarbayev in Kazakistan. Questa opera è l'errore principale del politico di Kuchma. Sì, e Yanukovich ha ingannato i suoi elettori. Cosa possiamo dire degli altri? In Ucraina, chi dice qualcosa degli attuali "storici", vive per la maggior parte degli slavi: piccoli russi (la parte radice dell'etnia russa, come Malopolsha in Polonia), occidentali (veri ucraini, cresciuti dall'Austria-Ungheria e dimenticati del loro innato rusinismo) e Novorossiani - russi, che conquistarono queste terre dai turchi, così come un misto di Maloros, russi e occidentali. La Russia aveva bisogno di fare la seconda capitale dell'Ucraina a Kharkov nel 2014 se voleva proteggere i suoi confini da questa direzione. I bolscevichi hanno fatto proprio questo e hanno vinto. E ora, come si dice in Ucraina - "may te scho may" ...
  2. Ivan Semenov Офлайн Ivan Semenov
    Ivan Semenov (Ivan Semenov) 10 dicembre 2020 10: 28
    0
    Il piano ucraino "B" è ovvio. Aspetta segnali da Washington, decifra, interpreta e cerca di accontentare il padrone d'oltremare. E il proprietario non ha organizzato il Maidan per estinguere il conflitto, ma al contrario. Il conflitto nel Donbass, come il resto dell'Ucraina, è un tale rompicoglioni per la Russia. Che deve essere dimenato per essere disturbato. Questo è l'intero piano "B".
  3. lavoratore dell'acciaio 10 dicembre 2020 10: 54
    +1
    La minaccia di una ripresa delle ostilità su vasta scala incombe nuovamente sul Donbass.

    E cosa sta facendo la Russia in generale per evitare che la guerra "incombenti"? Domande e problemi verranno risolti quando verranno posti fianco a fianco. Quando la Russia ha posto la domanda senza mezzi termini? Dove sono quelle linee rosse? Il fatto che abbiano iniziato a rilasciare passaporti russi è positivo. Ma è anche necessario avviare le procedure per l'annessione del Donbass e avvertire che se l'Ucraina non adempirà ai suoi obblighi, questo territorio e la popolazione non saranno necessari. E i cittadini stessi possono decidere se aderire o meno alla Russia. È aperto per iniziare i preparativi per il prossimo referendum. Forse allora almeno si scambieranno prigionieri e inizieranno a fare qualcosa? Ma penso che Putin non ne abbia bisogno. Quindi dovrai spendere soldi per il restauro del Donbass. Pertanto, se l'Ucraina non inizia una guerra, questa burocrazia continuerà indefinitamente, come con la Transnistria. Alla gente non frega niente.
  4. Scuro Офлайн Scuro
    Scuro (Disegno Ovragoff) 10 dicembre 2020 11: 30
    -2
    La Russia è un paese vile e tollerante che non soccombe alle provocazioni ...
    1. lavoratore dell'acciaio 17 dicembre 2020 15: 44
      0
      Sulla Russia non è corretto, ma sul potere è il massimo!
  5. Eroi di Shipka Офлайн Eroi di Shipka
    Eroi di Shipka (Sergey) 10 dicembre 2020 19: 24
    -2
    È un peccato che tu non possa segnare in questo "Minsk, Norman" e in altri formati. E continua a fingere che qualcuno creda in qualcosa. Sebbene tutti capiscano perfettamente che nessuno, da nessuna parte e con nessuno, negozierà e si unirà.
  6. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 10 dicembre 2020 23: 42
    -3
    Perché non si fa nulla?
    Guarda, i plenipotenziari della Svizzera Carbone, con quanta forza hanno parlato dalla tribuna delle Nazioni Unite ..., hanno lanciato una standing ovation da tutti i presenti ... Dicono che presto saranno ammessi all'ONU, e poi al G-sette ... Ispirati da una vittoria diplomatica, hanno rifiutato completamente dallo scambio di prigionieri ...
    E il fatto che dall'estate non si sparino molto sono gli intrighi del Banderohunta, incitati dal Dipartimento di Stato.