"Gli Stati Uniti non staranno più zitti e tollereranno": Biden è già pronto per la Russia


Sebbene Joseph Biden non abbia ancora superato la procedura di inaugurazione e, quindi, non sia entrato nei diritti del presidente degli Stati Uniti, è già stato consigliato da tutte le parti su come costruire relazioni future con la Russia. Inoltre, numerosi esperti competono nelle previsioni sulle prospettive di sviluppo di queste stesse relazioni. A giudicare dalle probabilità espresse, non ci si può aspettare nulla di particolarmente positivo ...


Tuttavia, tutto questo, forse, non rappresenterebbe un problema, se non per le azioni specifiche dei funzionari statunitensi, che indicano direttamente che né al nuovo proprietario della Casa Bianca né alla sua amministrazione sarà semplicemente permesso di fare almeno un passo verso la riconciliazione con Mosca.

Cambiano i presidenti, restano le sanzioni


Una delle questioni principali nell'agenda estremamente tesa tra Stati Uniti e Russia rimangono le numerose restrizioni, che Donald Trump, che ha dichiarato strenuamente il suo desiderio di "andare d'accordo con la Russia", è riuscito a introdurre più di molti dei suoi predecessori durante la sua presidenza. Oggi, i rappresentanti della squadra, che dovrebbe essere nominata da Biden in posizioni chiave a Washington, dichiarano apertamente la loro intenzione di "analizzare attentamente e rivedere in modo completo" l'intero mucchio di sanzioni contro i vari paesi che hanno ereditato dai loro predecessori. C'è una possibilità? Non affrettiamoci ad essere ottimisti. In primo luogo, molti di coloro che devono prendere decisioni già nella nuova amministrazione statunitense parlano dell'uso delle leve delle sanzioni come principale strumento di politica estera di Washington, come di un'idea “creativa” e produttiva. Cioè, chiaramente non intendono rinunciare a questo "club" in quanto tale. La questione è, al massimo, nelle modalità della sua applicazione e nelle finalità specifiche per le quali verranno pronunciati gli scioperi.

È probabile che i democratici, in accordo con le loro opinioni globaliste, prestino maggiore attenzione per garantire che le restrizioni nei confronti di determinati paesi, società o individui siano applicate unilateralmente non solo dagli Stati Uniti, ma anche dai loro alleati. La pressione di Washington sulla stessa Unione Europea in molte questioni, comprese quelle relative alle sanzioni anti-russe, potrebbe non indebolirsi, ma, al contrario, intensificarsi. In secondo luogo, persone specifiche da cui dipenderà il processo decisionale, come il principale contendente per la carica di Segretario di Stato americano Anthony Blinken e il presunto consigliere per la sicurezza nazionale di Biden Jake Sullivan, sono inequivocabilmente sostenitori della pressione delle sanzioni sulla Russia.

Secondo gli esperti, il primo stato rispetto al quale Biden e il suo team proveranno con quasi il cento per cento di precisione ad allentare le restrizioni estremamente dure imposte da Trump sarà l'Iran. E questo potrebbe non essere affatto positivo per il nostro paese. Sì, il ritorno del mondo all '"accordo nucleare con Teheran", di cui Mosca è stata anche garante, aumenterà senza dubbio la sicurezza sul pianeta. Tuttavia, la revoca dell'embargo petrolifero attualmente in vigore contro la Repubblica islamica "schizzerà" immediatamente fino a due milioni di barili di "oro nero" al giorno nei mercati energetici, già stabilizzati con grande difficoltà. Con un alto grado di probabilità, Biden cercherà anche di allentare le tensioni con Pechino e, idealmente, di porre fine alle lunghe "guerre commerciali" con essa, che chiaramente non sono a favore dell'americano. l'economia... Per quanto riguarda la Russia, bisogna, prima di tutto, ricordare le parole del neoeletto presidente secondo cui è lei "la più grande minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti e delle sue alleanze". Quindi non vale la pena contare sugli aspetti positivi. Ma per quanto riguarda gli aspetti negativi ...

Il Washington Post ha recentemente pubblicato un editoriale, esprimendo la posizione di circoli abbastanza specifici di politici americani, i cui autori gridano a una "guerra segreta e asimmetrica" ​​che sarebbe "condotta contro gli Stati Uniti per ordine di Putin". Il grado di russofobia è il più alto. Come "esempi" ci sono accuse assolutamente assurde come "attacchi acustici" alle ambasciate statunitensi, una terribile qualità di falso sul "premiare i talebani per aver ucciso soldati americani" e persino una storia così muschiosa come "interferenza degli hacker nei computer del Partito Democratico" durante le elezioni del 2016. dell'anno. In definitiva, il nuovo presidente è chiamato a "smascherare" tutti gli "intrighi insidiosi dei servizi speciali russi" ea dare loro una "risposta adeguata" a cui "Trump non ha osato". La cosa principale, secondo gli autori di WP, è “mostrare a Putin fin dall'inizio” che “gli Stati Uniti non tacciono e tollereranno più”.

La rigidità sarà massima?


Tali iniziative di stampa potrebbero essere attribuite all'esacerbazione stagionale di specifici stati mentali complicati dalla russofobia cronica, se solo coloro che hanno ancora pieno potere a Washington e, molto probabilmente, non perderanno completamente la loro influenza dopo L'inaugurazione di Biden. Così, l'altro giorno il capo dell'intelligence nazionale americana, John Ratcliffe, ha pubblicamente accusato il nostro paese di alcune "provocazioni spaziali" e "tensioni crescenti" già in orbita terrestre. Secondo un alto funzionario, la ragione di tali dichiarazioni dure è che la Russia ha lanciato un satellite che "stava conducendo manovre molto attive" vicino a un oggetto spaziale simile di proprietà degli Stati Uniti. Questa è una minaccia innegabile! Quello che viene chiamato "al mucchio" Ratcliffe ha anche trascinato un po 'di "informazioni" sul lancio da parte del nostro paese di "satelliti, probabilmente aventi le caratteristiche delle armi", e simili "storie dell'orrore" dalla zona di "highley like".

Il discorso all'Istituto Nazionale di Stato politica L'inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti Marshall Billingsley, che ancora una volta ha attaccato la Russia con una serie di gravi affermazioni. Questa figura ha definito la dottrina nucleare interna "estremamente provocatoria", finalizzata alla "rapida escalation" e al primo utilizzo di armi atomiche. Ha anche detto che "Mosca sta violando sistematicamente tutti i trattati sul controllo degli armamenti". Secondo lui, la Russia "sta creando e modernizzando un arsenale di migliaia di testate nucleari che non sono prese in considerazione da nessun trattato". Questa "colomba della pace" ha concluso il suo discorso con un appello ad accelerare lo sviluppo e la produzione di missili da crociera a corto e medio raggio in grado di trasportare testate nucleari per l'esercito americano e il corpo dei marine.

Un altro momento molto caratteristico può essere considerato un'informazione a cui pochi prestavano attenzione e alcuni non hanno colto affatto la vera essenza di ciò che stava accadendo. Più di recente, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha sorpreso la Central Intelligence Agency con un messaggio inaspettato. I militari, a partire dal 5 gennaio del prossimo anno, non intendono più continuare a fornire ai "cavalieri del mantello e del pugnale" l'ex "supporto di potere" durante le loro "operazioni antiterrorismo". Affronta te stesso, come sai ... La CIA ha definito una tale decisione del Pentagono "improvvisa e senza precedenti", oltre a "porre fine alla fruttuosa cooperazione tra i due dipartimenti, durata più di due decenni".

Tuttavia, in nessun caso questo fatto deve essere considerato come una prova delle intenzioni degli americani di limitare la propria attività per "impiantare la democrazia" con mezzi estremamente dubbi. Al contrario, secondo informazioni provenienti da fonti informate, il punto è che le forze liberate e i mezzi dell'esercito Usa intendono "reindirizzare verso le missioni legate allo scontro tra Russia e Cina". Il punto è che i militari non "copriranno" più le missioni di spionaggio e liquidazione dei tseerushniki da qualche parte in Somalia o in Afghanistan, reindirizzando i loro sforzi a qualcosa di simile, ma già ai nostri confini, o addirittura in territorio russo. Quanto alla CIA, intendono già "aumentare i finanziamenti e aumentare il personale su questo argomento". Gli Stati Uniti sono più che seri nel mettere da parte l'imitazione della "lotta al terrorismo mondiale" per affrontare il nostro paese.

Per inciso, questo è esattamente ciò che indica una recente pubblicazione su uno dei più autorevoli supporti di stampa in Cina, la Renmin Ribao. Questo quotidiano, che, come sapete, pubblica solo articoli chiaramente coerenti con l'opinione e la posizione ufficiale di Pechino, ha pubblicato un'analisi del concetto strategico della NATO fino al 2030, realizzata dai suoi compagni cinesi. Le conclusioni sono deludenti: secondo gli esperti del Celeste Impero, l'Occidente e, soprattutto, gli Stati Uniti intendono utilizzare solo "le misure più severe" nei confronti della Russia. La prova delle intenzioni aggressive del blocco del Nord Atlantico, in particolare, è vista lì dalla sua "avanzata" ad est delle sue stesse basi militari, dai gruppi dell'esercito d'attacco e, soprattutto, "dallo spiegamento di armi nucleari in paesi ostili a Mosca". I cinesi considerano una tale politica apertamente provocatoria e mirata non al "contenimento" della Russia dichiarato dall'Alleanza, ma a spingerla verso la guerra. In particolare, il direttore del Center for European Studies dell'Università di Fudan, Ding Chun, il cui parere è dato nella pubblicazione, è incline a credere che se gli eventi continueranno a svilupparsi nella stessa direzione, tutto potrebbe finire in una "nuova guerra continentale in Europa con conseguenze del tutto imprevedibili". ...

La cosa più spiacevole in questo momento è che per la nuova leadership degli Stati Uniti, e soprattutto per il suo futuro presidente, certi circoli stanno già formando un "programma" estremamente anti-russo. Lo testimoniano il forte aumento del flusso di varie accuse contro il nostro Paese e il "lavoro shock" per ravvivare l'immagine della "minaccia del Cremlino", intrapresa nelle alte sfere non solo dell'élite politica, ma anche dei circoli militari e dell'intelligence degli Stati Uniti. Joseph Biden non è mai stato e non poteva essere un amico del nostro paese. Tuttavia, la domanda ora è se coloro che lo cercano riusciranno a trasformarlo in un nemico della Russia, forse anche più implacabile e coerente di Donald Trump. Finora, tutto sta andando esattamente a questo.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dan Офлайн Dan
    Dan (Daniele) 11 dicembre 2020 11: 38
    +4
    La cosa più spiacevole in questo momento è che per la nuova leadership degli Stati Uniti, e prima di tutto per il loro futuro presidente, certi circoli stanno già formando una "agenda" estremamente anti-russa.

    Questi "certi" circoli danno forma all'agenda di tutti i presidenti. Da qui la conclusione: i presidenti degli Stati Uniti non sono figure politiche indipendenti, ma una specie di "guanti" diversi tirati sulla stessa mano logora. Qualunque sia il cognome che compare nella colonna "Presidente degli Stati Uniti", l'essenza del comportamento politico del Paese nelle relazioni internazionali e nelle principali direzioni della politica interna rimarrà invariata.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Il commento è stato cancellato
  4. bear040 Офлайн bear040
    bear040 11 dicembre 2020 21: 56
    +5
    Gli yankees negozieranno con l'Iran e soprattutto con la Cina perché hanno abbastanza buon senso per introdurre misure contro-americane, ma dove sono queste misure da Mosca ?! Non ce ne sono! E finché non ci sono, nessuno negozierà con il Pil, chi non restituisce sarà sempre preso a calci sempre di più.
  5. E non sopportare! Vai negli Stati Uniti, più audace!
  6. Py. Sy. Lenin ha una foto alla vigilia della sua morte in cui guarda il mondo allo stesso modo con gli occhi spalancati - beh, l'immagine sputata di nonno Biden! Stai andando sulla strada giusta, papà!
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 20 dicembre 2020 15: 14
    +2
    né il nuovo proprietario della Casa Bianca né la sua amministrazione potranno semplicemente fare un passo verso la riconciliazione con Mosca

    Il fattore determinante della politica estera dell'URSS era l'ideologia: il Comintern, il socialintern, l'internazionalismo, il campo socialista, ecc.
    Dopo il colpo di stato e la restaurazione del capitalismo, gli interessi economici sono venuti alla ribalta e si sono scontrati con gli interessi della classe dirigente dei principali stati capitalisti, e soprattutto degli Stati Uniti.
    Da qui lo scontro armato, le sanzioni economiche, i disaccordi diplomatici, la guerra di propaganda: tutto è come ai tempi dell'URSS, ma per ragioni diverse.

    coloro che devono prendere decisioni già nella nuova amministrazione americana parlano dell'uso delle leve delle sanzioni come principale strumento di politica estera di Washington, come idea "creativa" e produttiva

    Ci sono tre opzioni: economica, politica, militare.
    L'opzione militare minaccia di perdite economiche inaccettabili, soprattutto in relazione ad avversari militarmente comparabili come Federazione Russa, Cina, Iran, Corea del Nord, e quindi scompare.
    Il blocco politico, come ha dimostrato la pratica, è inefficace.
    La leva economica rimane e mostrano buoni risultati.
    Pertanto, l'amministrazione di Joe assonnato e qualsiasi altro non può abbandonare l'arma più efficace, può riconsiderare la politica di globalizzazione e il ruolo degli Stati Uniti in essa, le opzioni e l'uso di leve militari, politiche ed economiche.

    L'Unione europea in molte questioni, comprese quelle relative alle sanzioni anti-russe, potrebbe non indebolirsi, ma, al contrario, rafforzare

    L'indebolimento può essere solo di natura tattica temporanea, perché il potenziale economico dell'UE non è inferiore a quello degli Stati Uniti e ha bisogno di mercati di vendita e materie prime, un adeguato supporto delle forze - la creazione di un esercito europeo e di un complesso militare-industriale europeo, che inevitabilmente influenzerà gli interessi economici degli Stati Uniti.
    La cooperazione strategica con gli Stati Uniti è incrollabile a causa degli interessi comuni delle classi dominanti, dell'economia e della politica, che non esclude la lotta e la concorrenza "intraspecifiche".

    Il 45 ° presidente ha identificato i due principali nemici degli Stati Uniti: la Repubblica popolare cinese e la Federazione russa. Se in relazione alla RPC i disaccordi hanno un carattere di principio a lungo termine a causa del diverso sistema sociale, allora i tentativi di rompere, soggiogare e "deframmentare" la Federazione Russa hanno una possibilità di successo perché il potere della Federazione Russa è nel suo leader, V.V. Putin, che non fa affidamento su nessun partito , e quindi non è responsabile nei confronti di nessuno.

    Presto o tardi, sarà sostituito da un nuovo "Gorbaciov" o "Eltsin", motivo per cui il significato di eventuali future elezioni presidenziali è così grande, alla vigilia delle quali l'attività di "colleghi", "partner", "amici" occidentali e la quinta colonna nella persona di "democratici" interni finanziato da sponsor interni ed esterni e raggiunge il suo apice.