Media: Mosca è infastidita dalle dichiarazioni di Erdogan sulla continuazione della guerra con l'Armenia


Il 10 dicembre 2020 si è tenuta a Baku una parata militare dedicata alla vittoria dell'Azerbaijan nel Nagorno-Karabakh. Alla cerimonia ha partecipato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Si è congratulato con l'esercito turco e azero per la vittoria sugli armeni, che ha chiamato gli occupanti, scrive l'edizione greca Pentapostagma.


Il ritorno dei territori occupati non significa che la battaglia sia finita. Adesso continueremo su molti altri fronti come politicoe l'esercito. Il Karabakh appartiene all'Azerbaijan, si è riunito alla sua patria dopo 30 anni di separazione

- ha detto Erdogan.


Un mese fa, l'Armenia ha ammesso la sconfitta accettando i termini dell'accordo tripartito. Tuttavia, per Ankara, il risultato è tutt'altro che scontato. Pertanto, Mosca è irritata dalle dichiarazioni di Erdogan sulla continuazione della guerra con Yerevan. La reazione della Russia è seguita dalla rappresentante del ministero degli Esteri Maria Zakharova, che ha commentato le sue parole.

Ha affermato che la guerra ha tolto la vita a un gran numero di persone e che ci sono voluti uno sforzo enorme per raggiungere un accordo. Pertanto, nessuna dichiarazione politica dovrebbe negare il risultato raggiunto.

Tutti gli sforzi si sono concentrati sul riportare la situazione nella regione su un corso pacifico, porre fine alle ostilità e portare entrambe le parti al tavolo dei negoziati al fine di avviare complesse procedure per il ritorno dei rifugiati, ricostruire le infrastrutture e creare le condizioni per la normalizzazione della vita. Questo lavoro è estremamente difficile e partiamo dal riconoscimento che le dichiarazioni politiche dovrebbero facilitare questi processi.

- ha osservato Zakharova.


I russi temono che i turchi cambieranno rotta a causa della vittoria di Joe Biden negli Stati Uniti e possibilmente porteranno americani nella regione. Dopo questo, la crisi nel Caucaso può assumere su larga scala, estendendosi ai mari Nero, Egeo e Mediterraneo, riassume la pubblicazione dalla Grecia.
  • Foto utilizzate: https://president.az/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 13: 04
    -2
    Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che nel Caucaso meridionale è possibile creare "piattaforma sei" per lo sviluppo della cooperazione tra Stati.

    Secondo lui, la questione è stata sollevata durante il suo incontro con il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev.

    "Oggi io e mio fratello abbiamo discusso della possibilità di creare una piattaforma da sei paesi - Azerbaigian, Turchia, Russia, Iran, Georgia e, se lo si desidera, Yerevan, Armenia. Questa sarebbe una buona cooperazione per lo sviluppo della regione ", ha detto Erdogan in una conferenza stampa a Baku.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 13: 06
    -2
    Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che la Turchia è pronta ad "aprire le porte" per l'Armenia.

    Secondo il leader turco, Ankara "non ha problemi con il popolo armeno".

    "Siamo sostenitori della pace nella regione, pronti ad aprire le porte per l'Armenia. Non abbiamo problemi con il popolo armeno", ha detto Erdogan in una conferenza stampa a Baku.