La Russia ha un buon inizio nel cambiamento energetico mondiale


russo economia sta affrontando una sfida formidabile. In pochi decenni, i maggiori consumatori del nostro petrolio e gas ridurranno radicalmente le loro importazioni, e anche l'esportazione di prodotti nazionali, che ha un'elevata "impronta di carbonio" nella loro produzione, sarà minacciata. Come evitare l'inizio di una vera catastrofe nazionale?


Il problema è assolutamente reale. Un anno fa, Bruxelles ha annunciato il Green Deal dell'UE, secondo il quale l'economia europea dovrebbe diventare climaticamente neutra entro il 2050. Già entro il 2040 previsione degli operatori di mercato, il consumo di petrolio e gas nell'UE sarà dimezzato e il loro costo diminuirà di conseguenza. Nel 2022 le autorità dell'UE intendono introdurre la cosiddetta "carbon tax", che interesserà il 74% di tutte le nostre esportazioni verso l'Unione europea. Nel determinare il prelievo fiscale sui beni importati, verrà presa in considerazione la quantità di emissioni di carbonio nella loro produzione. Per i fornitori russi, ciò significa un inevitabile aumento dei dazi e una diminuzione della competitività.

Gli Stati Uniti e la Cina stanno ora seguendo lo stesso percorso. Soprattutto in Cina. Pechino segue da vicino le innovazioni europee e tiene il passo con i tempi nella lotta per il mercato dell'UE. Nel determinare gli standard interni per la riduzione dell'impronta di carbonio, i cinesi sono guidati dalle normative UE, ad esempio i meccanismi che hanno già introdotto per limitare le emissioni sono simili a quelli europei (EU ETS). L'introduzione della sua "carbon tax" in Cina è solo questione di tempo, quindi sarebbe troppo ottimista contare su un "perno a est".

Pechino ha annunciato il proprio programma per creare una "Cina bella, verde e prospera" per analogia con il "Green Deal" dell'UE, che dovrebbe essere attuato entro il 2049. E già nel suo quadro, molto è stato fatto. La legge sulle energie rinnovabili è stata adottata nel 2001 ed è stata aggiornata due volte. La RPC raggiunge diversi obiettivi contemporaneamente: riduce il volume delle emissioni nocive, riduce la dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili dall'estero e sviluppa la produzione di tecnologia e attrezzature necessarie per generare energia alternativa. Negli ultimi 20 anni, Pechino è stata tra i leader in termini di volume di messa in servizio di capacità di energia rinnovabile, rappresentando quasi la metà dell'aumento. Rappresenta già il 18% del consumo energetico totale dell'officina principale del mondo. Per comprendere la scala, il volume di energia alternativa nel Regno di Mezzo supera la capacità totale di tutte le centrali elettriche russe. Questo è molto, ei cinesi non si fermeranno.

L'elenco dei risultati dei concorrenti può essere elencato per un tempo molto lungo. Ma la domanda principale è: cosa dovrebbe fare la Russia in un mondo in rapida evoluzione? Oggi, sarebbe un peccato allungare a metà un gasdotto da qualche parte a Ovest o ad Est: questo è l'apice della nostra pianificazione geopolitica. Tuttavia, molto presto, questi schemi abituali per ottenere dollari di petrolio e gas smetteranno semplicemente di funzionare. Non è rimasto molto tempo, ma è ancora lì e deve essere speso correttamente.

Per quanto riguarda l'esportazione di materie prime di idrocarburi, dobbiamo capire in modo molto adeguato che i nostri gasdotti in direzione europea non potranno più funzionare con calma. È necessario sviluppare attivamente le capacità di liquefazione del gas naturale e dei terminali GNL per inviarlo a quei mercati in cui il carburante è più richiesto al momento. Invece di gettare decine di miliardi sui prossimi gasdotti per l'esportazione, è meglio fare sforzi per gassificare il proprio stato.

Il nostro Paese ha bisogno di industrializzazione, e questo richiede una profonda riforma del settore energetico nazionale affinché i prodotti prodotti in Russia siano competitivi sui mercati europei e asiatici quando verranno introdotte le “carbon tax”. Alla fine del 2020, la quota di energia "verde" nel nostro Paese è di circa l'1%. Il restante 12,3% è rappresentato da centrali idroelettriche, il 20,2% - da centrali nucleari, 66,8% - dalla produzione di carbone e gas. È ovvio che qualsiasi prodotto russo con una simile "impronta di carbonio" sarà trattato senza pietà in un futuro molto prossimo. Abbiamo un enorme paese in cui puoi costruire infiniti parchi eolici se lo desideri, e nelle regioni meridionali c'è un posto per le centrali solari. Sulle lunghe coste marittime è possibile produrre "idrogeno verde" per idrolisi, che verrà successivamente utilizzato come combustibile nella produzione industriale e per altre esigenze. Lì, non lontano dalla costa, possono essere costruiti parchi eolici offshore.

Infine, non dobbiamo dimenticare che abbiamo l'energia nucleare avanzata, considerata la più sicura al mondo. Anche se non si riferisce formalmente al "verde", ma non produce emissioni di anidride carbonica, il costo dell'elettricità prodotta è il più basso. Ad esempio, in Francia, l'energia nucleare rappresenta il 70,6% della produzione totale. Se costruiamo nuove centrali nucleari non all'estero, ma in patria, possiamo aumentare in modo significativo la nostra competitività. L'energia atomica può essere utilizzata, tra le altre cose, per la produzione del cosiddetto idrogeno "giallo". In altre parole, c'è del potenziale, l'importante è iniziare a svilupparlo.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 11 dicembre 2020 16: 08
    -1
    Si dice che l'acciaio prodotto nei forni a induzione sia di scarsa qualità ...
  2. Sergey Latyshev (Serge) 11 dicembre 2020 16: 39
    0
    Il nostro Paese ha bisogno di industrializzazione, ..

    - Già da 20 anni, eppure non molto tempo fa, Gretta veniva praticamente derisa come meglio potevano ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 11 dicembre 2020 16: 54
      +2
      Un'interessante politica dell'UE - reprimeranno la Russia e altri a piacimento, ma per quanto riguarda l'intera Africa, parte dell'Asia, l'America Latina - costituiscono più di due terzi della popolazione e inquineranno sempre di più ... alcuni paesi vicini annegheranno nel mare delle emissioni del terzo mondo, il che significa l'ipocrisia delle loro esigenze ambientali ...
      1. Sergey Latyshev (Serge) 11 dicembre 2020 17: 10
        +1
        Molto interessante.....
        E, soprattutto, si pizzicheranno. Ancora più bello di tutto quanto sopra ...

        Questa è un'evidente cospirazione mondiale ipocrita Grett))))
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 13 dicembre 2020 08: 31
    -4
    Infine, non dobbiamo dimenticare che abbiamo l'energia nucleare avanzata, considerata la più sicura al mondo.

    Grande umorismo!