Il trionfo militare dell'Azerbaigian e della Turchia non è di buon auspicio per la Russia


Il giorno prima, Baku ha ospitato una solenne celebrazione della vittoria congiunta dei militari azeri e turchi sull'Armenia e del ritorno al controllo sulle regioni chiave del Nagorno-Karabakh. Il presidente Aliyev divenne un vero trionfante che realizzò il sogno di un quarto di secolo del suo popolo di restituire i "territori temporaneamente occupati", e la guerra di 44 giorni fu chiamata la Grande Guerra Patriottica. Inoltre, sono state rilasciate numerose promettenti dichiarazioni previsionali. Allarmante.


Dobbiamo dare a Baku ciò che gli spetta. Per molti anni gli azeri hanno sistematicamente preparato la vendetta in Nagorno-Karabakh: hanno addestrato il loro esercito, acquistato le armi più moderne per i petrodollari, attirato esperti militari dalla Turchia, che hanno ricevuto una vera esperienza di combattimento nell'uso di UAV shock in Siria e Libia, per pianificare l'operazione. Sono stati i droni turchi con radici israeliane, che hanno permesso di garantire il dominio aereo e distruggere un numero enorme di armeni attrezzatura, oggi sono considerati l'arma della vittoria. Mentre il regime di Pashinyan riposava sugli allori dei padri di Yerevan, contando irragionevolmente di lanciare cappelli a un pericoloso nemico, Baku si preparò seriamente e vinse in meno di un mese e mezzo. Pertanto, il trionfo militare dei presidenti Aliyev ed Erdogan è completamente giustificato.

La Russia ha reagito a questo evento con un altro "attacco al pomodoro", che indica chiaramente una sottostima di quanto accaduto. E c'è qualcosa a cui pensare.

In primo luogo, le vertigini per il successo causeranno inevitabilmente un aumento dei sentimenti nazionalisti in Azerbaigian, che avrà sfumature sia anti-armene che, molto probabilmente, russofobiche. Mosca è un alleato militare di Yerevan nella CSTO, ma non è intervenuta nel conflitto, quindi ha subito la distruzione del suo elicottero da combattimento Mi-24. Sì, gli esperti possono giustificare la non interferenza con riferimento a trattati internazionali e così via, ma cerca di spiegarlo in modo convincente a qualche rivenditore di angurie. Diciamo solo che, a livello quotidiano, in una tale posizione del Cremlino, poche persone vedranno la manifestazione della forza, ma che altro serve per alimentare il nazionalismo? A proposito, nemmeno gli armeni apprezzarono la neutralità della Russia.

In secondo luogo, la comune Grande Vittoria ha saldato con il sangue la confraternita dei popoli azero e turco. Nel rapporto della parata militare, era proprio la parola "fratellanza" a suonare. Inevitabilmente, devi essere coerente e continuare la logica. Se la Turchia è oggettivamente un nemico storico della Russia, cosa che è diventata di nuovo evidente negli ultimi anni, allora si scopre che l'Azerbaigian è praticamente ufficialmente dall'altra parte di noi. Prima delle parole "non saremo mai fratelli" c'è solo un conflitto diretto tra Mosca e Baku. Le ragioni possono essere molte: non dimentichiamo che l'esercito russo è già in territorio azero. Non sai mai cosa può succedere lì, soprattutto se qualcuno cerca di organizzare una provocazione.

In terzo luogo, estremamente allarmante è l'affermazione del fatto che il diritto internazionale ha cessato di avere importanza. Il presidente dell'Azerbaigian lo ha dichiarato direttamente:

Abbiamo visto come il diritto internazionale non funziona. La forza è diventata il fattore principale. Il diritto internazionale, le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sono rimaste sulla carta. Una soluzione militare al conflitto stava diventando inevitabile.

Cioè, Baku è ora pronto a risolvere i loro problemi con la forza e ha acquisito un'esperienza di successo in questo. Non c'è dubbio che tutti i vicini della regione, e non solo loro, stanno osservando tutto questo molto da vicino.

Finalmente, il maggior pericolo derivante dalla sconfitta dell'Armenia risiede nel notevole rafforzamento della Turchia. Ankara ha saldamente legato a se stessa l'Azerbaigian, il candidato numero uno per l'integrazione nel formato del concetto Great Turan. I turchi hanno tagliato un corridoio di terra verso il Caspio con le sue risorse e hanno anche avuto accesso a Kazakistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Kirghizistan. In futuro, questi paesi di lingua turca saranno collegati da una rete infrastrutturale comune che attraverserà l'Azerbaigian e la Turchia verso l'Europa. Si stanno creando le basi per la formazione di una nuova associazione macroregionale, una zona di libero scambio, dove le regole saranno stabilite da Ankara. Il prossimo passo logico sarà l'emergere di una sorta di alleanza militare, un esercito unificato del Grande Turan, una sorta di NATO dell'Asia centrale. In questo caso, la Russia con la sua CSTO e l'EAEU attraversa la foresta.

Vale soprattutto la pena prestare attenzione alle parole del presidente Erdogan, rivolte a Yerevan:

L'Armenia dovrebbe prendere la decisione. Se il popolo armeno può imparare dalla guerra del Karabakh, inizierà una nuova era nella regione.

Ora può sembrare assurdo, ma è del tutto possibile uno scenario in cui l'Armenia sarà invitata a partecipare a questa unione economica sovranazionale aderendo al corridoio di transito internazionale. L'Armenia è gravemente offesa dalla Russia e potrebbe fare un passo del genere con le garanzie di sicurezza della Turchia. Ankara dimostra costantemente a tutti i suoi partner di non buttare giù le parole ed è pronta a combattere effettivamente per i suoi interessi e per gli alleati. E noi siamo i suoi "pomodori" ...
49 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 11 dicembre 2020 15: 12
    -1
    L'Armenia è offesa? Significa poco ricevuto. Sono stati avvertiti del Karabakh 30 anni fa. E i turkmeni ricorderanno con piacere le "gesta" dei Dashnak agli armeni.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 11 dicembre 2020 15: 27
      -2
      Citazione: Just Cat
      E i turkmeni ricorderanno con piacere le "gesta" dei Dashnak agli armeni.

      Ma per quanto riguarda i valori democratici?
      1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
        Solo un gatto (Bayun) 11 dicembre 2020 15: 43
        0
        Questo è sotto le coperte in modo che le persone intorno, specialmente i bambini, non vedano ... Altrimenti, si radunano, sai, sotto le bandiere arcobaleno della democrazia ... Siamo persone selvagge e conservatrici. Abbiamo in primo luogo valori tradizionali, non democratici. Rod, patria, famiglia ...
        1. Unione Sovietica Офлайн Unione Sovietica
          Unione Sovietica (Victor) 11 dicembre 2020 19: 19
          0
          Balsamo per l'anima
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 dicembre 2020 15: 48
    +2
    In effetti, se ricordiamo le dichiarazioni di Vlast e l'articolo, la Russia, al contrario, ha ricevuto molto bene.
    Questa è direttamente chiamata negli articoli una vittoria per Putin e il Cremlino.
  3. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 16: 29
    0
    La guerra dei 44 giorni è stata chiamata la Grande Guerra Patriottica.

    Senza una parola dal Grande. Solo patriottico

    Sia Baku che Ankara parlano di pace. Su progetti economici congiunti tra 6 paesi del Caucaso meridionale. Apparentemente il risultato della guerra è fortemente detestato da qualcuno. Nella vita reale, sono i militari russi che si trovano in Karabakh. Non turco o americano. È a Baku che le bandiere della Russia sventolano insieme a quelle della Turchia. È il presidente turco che riconosce il ruolo guida di Putin. È davvero così male per la Russia? L'alternativa erano le basi turche o americane nella regione. Ti piace davvero questa alternativa?
    E qui continuano a raccontare storie su come la Russia ha perso. Posso solo dire una cosa. I tuoi articoli hanno un chiaro orientamento anti-azero. E anche anti-russo. In ogni caso, sono completamente opposti alle dichiarazioni del presidente e ministro degli affari esteri della Russia.
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 11 dicembre 2020 18: 49
      -8
      Citazione: Bakht
      Su progetti economici congiunti tra 6 paesi del Caucaso meridionale.

      Per quanto ne so, la Transcaucasia o il Caucaso meridionale oggi consiste di tre stati che in precedenza erano repubbliche dell'URSS. Questi sono l'Azerbaigian, l'Armenia e la Georgia. Da dove vengono gli altri tre paesi?
      1. Bakht Online Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 19: 24
        +2
        Ne ho scritto molte volte. La pace nel Caucaso meridionale arriverà quando tre paesi (Azerbaigian, Armenia, Georgia) smetteranno di vedersi l'un l'altro come un nemico. E tre grandi (Russia, Turchia e Iran) controlleranno la situazione e saranno arbitri. E niente Francia, America o UE.
        Questo è ciò che hanno detto Erdogan e Aliyev. E sembra che Iran e Russia non siano contrari.
        E ripeterò la mia vecchia osservazione. Sarebbe bello tenere un'assemblea generale a Teheran. Ciò dimostrerà ancora una volta che gli Stati non hanno nulla da prendere qui.
        Il simbolismo non dovrebbe essere scontato
        1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
          Raccoglitore (Myron) 11 dicembre 2020 19: 54
          0
          Citazione: Bakht
          tre pezzi grossi (Russia, Turchia e Iran) controlleranno la situazione e saranno arbitri.

          In questa situazione, Russia, Turchia e Iran ricordano molto il cigno, il cancro e il luccio di Krylov. L'interazione riuscita di queste tre parti è altamente dubbia.
          1. Bakht Online Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 20: 08
            +1
            Aspetta e vedi. Mentre agiscono tutti nella stessa direzione. Tutti e tre non hanno bisogno della presenza dell'Occidente qui. Tutti e tre hanno bisogno di sviluppo economico. E tutti e tre hanno bisogno di tranquillità in questa regione. Pertanto, Lavrov parla costantemente di sbloccare le comunicazioni di trasporto.

            L'ascesso è stato aperto. Ora tutto ciò che serve è riposo e cure. E non tirare fuori storie dell'orrore inverosimili. Non andrai molto lontano con articoli come questo.
            1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
              Raccoglitore (Myron) 11 dicembre 2020 20: 22
              -8
              Comprendo la reazione negativa dei russi alla vittoria degli azeri in Karabakh. C'è un forte senso di risentimento: l'esercito azero, usando mezzi tecnici avanzati, ha completamente sconfitto gli armeni armati di armi russe, abbassando così il prestigio del complesso militare-industriale russo agli occhi della comunità mondiale. E la ragione principale dell'atteggiamento ostile di Mosca nei confronti dell'Azerbaigian, avendo conquistato i territori conquistati dagli armeni più di un quarto di secolo fa, ha creato un precedente, un esempio per Ucraina, Georgia e Moldova, che hanno problemi simili.
              1. Bakht Online Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 20: 34
                +4
                I problemi sono simili, ma non identici. E dovrebbero essere risolti allo stesso modo. Ad esempio, la principale differenza tra Karabakh e Donbass? Prima della guerra, Baku offrì al Karabakh lo status di autonomia. Kiev offre questo status al Donbass? Anche dopo la vittoria nella guerra, Baku garantisce al Karabakh lo status di autonomia culturale. Cioè, la sua lingua e cultura. Kiev offre questo al Donbass? In tutta onestà, se Kiev costituzionalmente offre al Donbass la lingua russa, la cultura russa e l'autogoverno economico, il conflitto può essere risolto?

                Se Kiev cerca di ripetere lo scenario del Karabakh, il Donbass non è il Karabakh. I russi vivono lì. Kiev riceverà immediatamente il risultato del Karabakh. Brigata russa di mantenimento della pace nel Donbass. Quindi non farei confronti.

                Per quanto riguarda il complesso militare-industriale. L'Azerbaigian ha acquistato armi per milioni di dollari dalla Turchia e da Israele. Ma in Russia ha comprato 5 miliardi. E ho comprato licenze in Russia. Produciamo molto con licenze russe
                1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
                  Raccoglitore (Myron) 11 dicembre 2020 21: 03
                  -7
                  È chiaro che ognuno dei conflitti elencati ha le sue specificità. Tu, come vedo, non sei proprio nel soggetto del Donbass e giudichi male le realtà lì. Ma questo è un argomento completamente diverso.
                  1. Bakht Online Bakht
                    Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 21: 06
                    +1
                    È possibile che io non sappia nulla del Donbass. Vedo le informazioni e talvolta comunico con persone del Donbass. Tuttavia, recentemente è meno comune.
                    Ma sono fermamente convinto che Kiev non sarà in grado di ripetere lo scenario del Karabakh.
                    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
                      Raccoglitore (Myron) 11 dicembre 2020 21: 25
                      -5
                      A mio parere, i problemi di Donbass, Crimea e Transnistria dovrebbero essere considerati nel loro insieme. Nel 2014. la leadership russa ha lanciato un progetto su larga scala "Novorossiya". nell'ambito del quale avrebbe dovuto impadronirsi del territorio dell'Ucraina da Kharkov, Donbass, più avanti lungo le regioni meridionali fino a Odessa e collegarle con la Transnistria. Il progetto nel suo insieme è fallito, è stato possibile annettere la Crimea, catturare parte delle regioni di Donetsk e Luhansk. Di conseguenza, è venuto fuori come con quella valigia senza manico: è difficile da trasportare, ma è un peccato buttarla via. La Crimea si sta prosciugando, il Donbass è piegato, la Russia è diventata un paese emarginato, grida entusiastiche: "La Crimea è nostra!" cedette il passo alla delusione.
                      1. Bakht Online Bakht
                        Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 21: 32
                        +5
                        Nel 2014. La leadership russa ha lanciato un progetto su larga scala "Novorossiya"

                        Devo dire subito che non sono d'accordo con questa affermazione. Inoltre. È stato nella primavera del 2014 che personalmente mi è diventato chiaro che non si poteva parlare di alcun progetto NovoRussia.
                        Il ritorno della Crimea è una mossa assolutamente logica che è stata immediatamente conosciuta. Anche Saakashvili ha dichiarato nel 2013 che se Maidan vincesse, la Crimea se ne andrà.
                        La Russia non è diventata un paese emarginato. Hai tratto conclusioni errate dalla prima affermazione errata. La Russia non ha mai pianificato di impadronirsi del Donbass e del progetto NovoRussia.
                      2. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
                        Raccoglitore (Myron) 11 dicembre 2020 21: 41
                        -4
                        Resteremo ciascuno con la propria opinione.
                  2. ODRAP Офлайн ODRAP
                    ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 12: 38
                    -4
                    Caro Bakht.
                    Per favore, non scrivere altro sulla situazione negli stati ad ovest della Georgia. ok?
                    Per non sembrare stupido. Per quanto riguarda la situazione in Donbass, tu, perdonami, stai portando una bufera di neve ...
                    Non paragonare al Karabakh. Lascia che te lo ricordi, solo un po ': la tua guerra patriottica è durata 44 giorni. La guerra in Ucraina va avanti da sei anni.
                    D'accordo?
                    1. Bakht Online Bakht
                      Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 12: 46
                      +2
                      Caro Alexey. Ho scritto e scriverò di qualsiasi paese che mi interessa. E ti chiederei di leggere attentamente ciò che è scritto. In particolare

                      Quindi non farei confronti.

                      Se pensi che io stia "portando una bufera di neve", questo non significa che possiedi la verità. È del tutto possibile che ti sbagli.
                      D'accordo?
                      A proposito, la guerra nel Donbass va avanti da 6 anni. Ma la guerra in Karabakh è durata non 44 giorni, ma 28 anni. Tenendo conto dei primi conflitti, tutti i 30 anni.
                    2. ODRAP Офлайн ODRAP
                      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 12: 58
                      -3
                      Bene, bene, scrivi. Ridacchiamo insieme.
                      La verità sulla situazione nel Donbass, la conosco ancora, per intero. Credimi.
                      Confrontando, completamente invano. Le analogie sono solo visibili, ma ...

                      Sulle relazioni interetniche. A proposito di "odio".
                      Un anno in quel modo, a 85m, c'erano due ragazzi nella mia compagnia (questa è in una scuola chiusa per ragazzi).
                      Yurik Karapetyan è di Yerevan, e non ricordo il secondo nome, ma sicuramente dell'Azerbaijan. Persiano, secondo il passaporto .. non ricordo chi, ma hanno detto con sicurezza che ci sarebbe stata la guerra.
                      Combattimento, 28 anni. Bene, come stai combattendo ...
                      Nel 2012 nessuno in Ucraina si aspettava la guerra. È vero, io, in un forum, ho parlato categoricamente contro la creazione di un ecovillaggio nella regione di Luhansk, sostenendo che ci sarebbe stato qualcosa lì.
                      L'odio ucraino dei russi? Ad Aydar, Azov, Donbass, "Volia" (questo è un baht di Lvov, volontari), non ci sono più russi.
                      E dei "Bandera", che erano prigionieri e che sono stati fucilati, ancora una tormenta, perdonami. Ripeti dopo gli escrementi di usignolo.
                      Vergognati ...
                      Puoi, ovviamente, esprimere ulteriormente la tua opinione, per favore. Ma, correggerò, non incolpare me. Io stesso non sto commentando la situazione nel Caucaso.
                    3. Bakht Online Bakht
                      Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 13: 07
                      +1
                      deve testimoniare che se i tedeschi, comprese le SS, identificati dal gruppo sanguigno tatuato sotto il braccio, venivano solitamente fatti prigionieri (il numero dei prigionieri era un indicatore dell'attività di combattimento di unità e formazioni), allora I vlasoviti, se non avevano il tempo di proteggerli come portatori di informazioni, erano spesso soggetti a "rappresaglie extragiudiziali"... Il destino anche di coloro che erano stati scambiati solo per militari della ROA si è rivelato tragico. Per non essere infondato, citerò fatti e prove di natura molto inaspettata.

                      Il 12-14 gennaio 1945, il 1 ° fronte ucraino, 1 ° e 2 ° bielorusso passò all'offensiva, in connessione con la quale a dozzine di agenti dell'intelligence fu dato il comando radio di lasciare la retroguardia tedesca per incontrare le nostre truppe. Allo stesso tempo, gli ufficiali dell'intelligence sono stati informati in segreto, così come i peensha-due in reggimenti, divisioni e corpi e ufficiali di controspionaggio nelle unità. In particolare, è stato proposto: “Agli scout in pensione dovrebbe essere fornito del buon cibo e, se necessario, delle cure mediche e dei vestiti. È severamente vietato portare via i propri effetti personali, documenti, armi e stazioni radio ”.

                      Gli scout hanno iniziato a partire il 16 gennaio, quello che è seguito è percepito come un sogno ridicolo e terribile. Così è descritto nella direttiva sulla crittografia, che è stata comunicata ai comandanti delle formazioni del 2 ° Fronte bielorusso dieci giorni dopo. 27 gennaio, firmato dal maresciallo K. Rokossovsky e dal capo di stato maggiore del Fronte, generale A. Bogolyubov:

                      "Con l'avanzata riuscita delle nostre truppe a ovest dalla parte posteriore del nemico, gli agenti dell'intelligence del dipartimento dell'intelligence del quartier generale del fronte escono e incontrano le nostre truppe, che per 5-6 mesi sono state in profondità dietro le linee nemiche in condizioni estremamente difficili, non risparmiando la vita, adempiendo ai compiti loro assegnati ... al fine di accettare umanamente e inviare queste persone ... 19.01.45 a Mlava verso i soldati del 717 ° reggimento della 137a divisione, il comandante del gruppo di intelligence, ingegnere-capitano Ch-s, è uscito e ha chiesto di inviarlo al dipartimento di intelligence del quartier generale del fronte, su richiesta del compagno Ch -non sei stato portato a termine, e lui stesso è stato brutalmente ucciso ... 18.01.45, nella zona di Tsekhanuv, un gruppo di agenti guidato dal comandante tenente G-nd è uscito per incontrare i soldati della 66a brigata meccanizzata. Il gruppo fu consegnato al comandante della 66a brigata meccanizzata, il tenente colonnello L-o, che non capiva l'essenza del caso, chiamò gli esploratori presentati "Vlasoviti" e ordinò che fossero fucilati. Solo un incidente ha salvato la vita agli scout ... ”.

                      Questo è tratto da un articolo del soldato e scrittore in prima linea V. Bogomolov. Non ho intenzione di ridacchiare sui tuoi passaggi. L'ignoranza non è un vizio. Ma devi studiare
                    4. ODRAP Офлайн ODRAP
                      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 13: 19
                      -3
                      Scusa, non ho letto il foglio.
                      Ero un po 'sconcertato dal libro "in August .." Lasciatemi spiegare. C'era una volta, durante l'infanzia, mio ​​nonno viveva in un appartamento vicino. Colonnello. Io, piccolo, non mi sono davvero diffuso, ma baht, a volte .... Sudoplatovets. Su un distintivo di paracadute
                    5. Bakht Online Bakht
                      Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 13: 22
                      +3
                      Bene, ho capito che non ti piace leggere. Concentrati sulle parole di qualcun altro.
                      Per l'amor di Dio, commenta. Sempre pronto ad ascoltare un'opinione RAGIONEVOLE Ma non ho ancora visto niente di simile.
                    6. ODRAP Офлайн ODRAP
                      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 13: 46
                      -2
                      L'ho letto, ovviamente. Un vicino in prima linea, un Sudoplatovite, un vero delinquente, ridacchiò.
                      Continua a leggere, memorie sovietiche su Bandera. Una fonte estremamente onesta e imparziale. lol
                      Esattamente come le tue conversazioni con persone del Donbass.
                      Puoi anche confrontare la guerra di 28 anni con la guerra in Ucraina.
                      Ebbene, lì, nel teatro delle operazioni, nel numero dei partecipanti, nelle perdite dei partiti, (un lato della perdita nei segreti in tempo di pace), ... A costo, infine ... Tu, ho capito, hai una relazione con i militari? Quindi conta quante munizioni Coal Switzerland ha speso in sei anni ...
                      In generale, continua, non oso interferire. strizzò l'occhio
                    7. ODRAP Офлайн ODRAP
                      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 13: 57
                      -1
                      All'inseguimento. Mi piace leggere. All'età di sei anni. Lot.
                2. Il commento è stato cancellato
                3. Bakht Online Bakht
                  Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 13: 42
                  +1
                  Non ho visto argomenti ragionevoli. A proposito, il passaggio di cui sopra non è affatto da "Agosto ..." Questo è un articolo della recensione di Bogomolov degli scritti di G.Vladimov su Vlasov e il suo esercito.
                4. ODRAP Офлайн ODRAP
                  ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 13: 55
                  -2
                  Mi fido delle recensioni anche meno delle memorie. Bene, di nuovo. Credi sinceramente negli scarabocchi sovietici. Con le persone viventi, ho dato un dente, non ho comunicato. Da quelle parti, non sono stato ... Ricorda vividamente "Non ho letto, ma condanno".
                  Di nuovo, non oso interferire. Vuoi sembrare divertente - bandiera in mano (c)
                  Finisci con questo.
                5. Bakht Online Bakht
                  Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 13: 59
                  0
                  Ancora non capisci la cosa principale. Non si tratta di guerra. Si tratta di risolvere i conflitti. Hanno tutti una natura diversa. Ma ognuno ha una soluzione.
                  Se solo sapessi quanti stupidi (per usare un eufemismo) colonnelli ho visto ... Le guerre non vengono iniziate e finite dai militari. Non hanno proprio niente a che fare con questo. Il loro lavoro è sparare.

                  Finisci con questo.
        2. Bakht Online Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 13: 11
          +3
          A proposito di odio. Una persona per trarre una conclusione? È oltraggioso.
          Ho vissuto a Baku tutta la mia vita. E gli amici erano armeni e gli amici sono rimasti. E per la maggior parte degli armeni di Baku, gli eventi del Karabakh sono stati una completa sorpresa. Non si parlava di guerra, soprattutto nel 1985.
          Il 1985 è ancora l'Unione Sovietica e Gorbaciov è appena salito al potere. Chi ha parlato allora della guerra e del crollo dell'URSS?
  • Vit007 Офлайн Vit007
    Vit007 (Socrate) 14 dicembre 2020 04: 32
    0
    Non ho notato la differenza più importante. Gli ucraini non odiano i russi tanto quanto gli armeni. Questo odio è nel tuo sangue. Quindi, se c'è odio, tutto il resto è già una sciocchezza ...
    1. Bakht Online Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 14 dicembre 2020 10: 02
      +3
      Un'altra osservazione controversa. Gli ucraini odiano i russi molto di più. Basta non confondere i russi in Ucraina e gli ucraini.
      Gli azeri non hanno odiato gli armeni fino al 1988. Soprattutto nel sangue. 300 armeni nella sola Baku non permetteranno una bugia. Sì, gli ultimi 000 anni sono cambiati molto, ma non c'è "odio nel sangue".
      Questa è una questione di sociologia. Gli armeni non sono traditori degli azeri. L'Ucraina è contro la Russia. Pertanto, l'odio degli ucraini verso la Russia è una condizione necessaria. Come dice il proverbio, "per diventare un ucraino devi uccidere un russo in te stesso". E se consideri gli ucraini (cioè gli ucraini) come fratelli, allora stai commettendo un errore fondamentale.

      Una necessaria postfazione. Durante la guerra, anche le SS catturate furono portate al quartier generale. I prigionieri di Bandera sono stati fucilati sul posto, nonostante gli ordini
      1. Bakht Online Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 14 dicembre 2020 10: 17
        +2
        Non abbiamo odio per il popolo armeno. Abbiamo solo problemi con la leadership dell'Armenia.

        Erdogan e Aliyev invitano l'Armenia a una nuova unione

        https://haqqin.az/news/196127
    2. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 12: 41
      -3
      Non c'è odio. Ce n'è un altro ...
      Permettetemi di ricordarvi che i battaglioni di Donbass, Aydar, Azov e molti altri hanno personale (volontari), precisamente dall'Ucraina orientale. E molti di loro sono russi (da non confondere con i russofoni).
  • Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 dicembre 2020 20: 15
    +1
    I presidenti di Azerbaigian e Turchia hanno sottolineato il ruolo speciale di Mosca nella risoluzione del conflitto in Karabakh. Così, secondo Erdogan, la posizione del leader russo Vladimir Putin ha contribuito a ridurre in modo significativo l'escalation della tensione nella regione..

    "Non posso non notare il ruolo di Putin. La sua posizione ha ampiamente contribuito a ridurre l'escalation della tensione in Nagorno-Karabakh e ad indirizzare i processi in una direzione positiva", ha detto il presidente.

    La notizia principale alla conferenza stampa è stata l'iniziativa del leader turco di creare una cosiddetta "piattaforma dei sei", che includerà rappresentanti di tutti i paesi del Caucaso meridionale. Secondo Erdogan, ciò consentirà di risolvere molte questioni senza la partecipazione di attori esterni, facendo affidamento sugli interessi dei paesi della regione.

    "Oggi, mio ​​fratello [Ilham Aliyev] ed io abbiamo discusso della possibilità di creare una piattaforma da sei paesi: Azerbaigian, Turchia, Russia, Iran, Georgia e, se lo si desidera, Yerevan, Armenia. Questa sarebbe una buona cooperazione per lo sviluppo della regione", ha detto.

    Anche Erdogan lo ha notato questa idea è stata sostenuta dal presidente russo Vladimir Putin... "Il signor Putin ha un atteggiamento positivo nei confronti di questa idea. In una conversazione telefonica, ha chiesto quale fosse la mia opinione su questo argomento. Ho risposto che dopo che Ilham Aliyev aveva un atteggiamento positivo nei confronti di questo, è importante che io abbia anche un atteggiamento positivo verso questo." - Ha aggiunto.

    Secondo il politologo Sergei Markov, tale unione è logica e contribuirà a rafforzare le relazioni tra i vicini nella regione.

    "Questa associazione ha prospettive molto positive. Questa iniziativa è dovuta al fatto che la Turchia vuole ottenere più posizioni nel Caucaso meridionale, così come nella geopolitica in generale. Ha guadagnato più posizioni in Siria, Libia, Mediterraneo orientale, così come nel Golfo Persico dopo creando un'alleanza con il Qatar. La formazione di un tale sei è assolutamente essenziale. Questi sono i tre paesi del Caucaso meridionale e le tre potenze che lo circondano. Questa è un'associazione regionale assolutamente logica", - Egli ha detto.

    Oltre alla componente politica, il gruppo dei sei ha anche un significato economico. I paesi dell'unione sono interessati a un mercato comune e all'apertura delle frontiere.

    https://ru.oxu.az/politics/448288
    1. bear040 Офлайн bear040
      bear040 11 dicembre 2020 22: 15
      +4
      Niente di buono ne verrà fuori, e se oggi è ancora possibile negoziare con Azerbaigian e Iran, l'Armenia ha bisogno di voltarsi, se non vuole restare sola tra i vicini con cui sono stati rovinati tutti i rapporti, allora non funzionerà per trovare una lingua comune con i turchi. I turchi si comportano da delinquenti, si arrampicano in un conflitto nel Donbass, dalla parte di Kiev, per cui la guerra tra Turchia e Federazione Russa diventa molto probabile e qui Baku deve voltare la testa se non vuoi che la tua terra diventi una linea del fronte. Nella guerra con la Federazione Russa, la Turchia taglierà definitivamente le orecchie. I droni non guideranno contro l'aviazione russa, saranno abbattuti, proprio come i droni di Saakashvili nel 2008, l'aeronautica turca è spazzatura, i turchi hanno solo 50 F-16 block 50+ aerei, tutto il resto è obsoleto da molto tempo e questi 50 velivoli si bruceranno dopo il primo lo stesso attacco missilistico della Federazione Russa. Le unità corazzate della Turchia, questo non è affatto grave, la loro base sono gli antidiluviani Leopard-1 e M-60, e il miglior Leopard-2 in Turchia, che i turchi hanno pochi, hanno mostrato la loro debolezza in Siria
      1. Bakht Online Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 12 dicembre 2020 13: 42
        -1
        la guerra tra la Turchia e la Federazione Russa diventa molto probabile

        È incredibile in questo momento. Quindi non ci saranno commenti
  • Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 12 dicembre 2020 00: 27
    -5
    La Russia non era una parte in conflitto e non poteva perdere. sì Fatto. Ma la situazione non è ancora così rosea come viene descritta; tuttavia, i signori ministri hanno perso la guerra.

    ... completamente opposto ...

    Certo, puoi sempre e ovunque scrivere le "approvazioni" più complete, e in generale è più facile mettere un qualche tipo di icona di tipo emoticon, e l'icona "non approvato" per ragioni politicamente corrette non dovrebbe essere installata affatto sul governo, ministri e altri funzionari. La vita diventerà più divertente.
    1. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 12: 42
      -3
      Significa e non potrebbe vincere?
      Quindi, mi sono affezionato ... risata
  • Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 11 dicembre 2020 18: 56
    +1
    I turchi hanno tagliato un corridoio di terra verso il Mar Caspio con le sue risorse
    Chissà attraverso quali paesi? Russia, Georgia, Armenia, Iran?,
    1. Caro esperto di divani. 12 dicembre 2020 00: 07
      +2
      I turchi hanno tagliato un corridoio di terra verso il Mar Caspio

      Hai avuto un due in geografia, giusto?)
      1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
        Petr Vladimirovich (Peter) 12 dicembre 2020 10: 05
        0
        Non hai indovinato. Sia a scuola che in due università c'erano cinque. C'è un passaggio di confine automobilistico dalla Repubblica Autonoma di Nakhichevan alla Turchia, il confine con esso è di 9 km. C'è un passaggio di confine con l'Iran, più avanti lungo l'autostrada attraverso il territorio iraniano, dall'Iran all'Azerbaigian. Dalla stazione degli autobus di Nakhchivan ci sono linee di autobus per Istanbul e Baku. Non ci sono comunicazioni ferroviarie con la Turchia dal Nakhichevan. In precedenza, esisteva un collegamento ferroviario Nakhichevan-Baku, 90 km lungo la costa armena degli Araks. Ora i binari e le traversine sono stati rimossi. L'accordo afferma che l'Armenia garantisce il libero passaggio di passeggeri e merci attraverso il suo territorio sotto il controllo delle guardie di frontiera russe ivi situate. Resta solo da ripristinare, e di fatto da ricostruire, questo sito. Ci saranno merci turche lì, la domanda è, dal momento che attualmente il fatturato commerciale tra Turchia e Azerbaigian avviene attraverso il territorio della Georgia lungo la linea Kars-Baku e le autostrade.
        1. Caro esperto di divani. 12 dicembre 2020 13: 46
          +2
          L'Armenia garantisce il libero passaggio di passeggeri e merci attraverso il proprio territorio

          Nessun altro, nessuno e niente garantisce. Tanto più per i turchi.

          Ci saranno carichi turchi, la domanda è

          questa è la tua risposta, alla tua:

          I turchi hanno tagliato un corridoio di terra verso il Mar Caspio

          Cosa era necessario per dimostrare.
          Altrimenti, pensavo davvero che non sapessi che tra l'enclave "Nakhichevan" e il principale Azerbaigian ci sono 30 km di Armenia.)
          1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
            Petr Vladimirovich (Peter) 13 dicembre 2020 05: 23
            +1
            Primo, non un'enclave, ma un'exclave. In secondo luogo, non 30, ma 90 km. una ferrovia a binario unico, da cui praticamente non è rimasto nulla, né binari, né traversine, né automazione, né semafori, né binari di raccordo. Non è difficile indovinare in quali condizioni gli argini, i cunicoli e le tettoie paramassi di protezione, i tombini, ecc., A cui nessuno si è avvicinato per più di 30 anni.
            Se il corridoio "Lachin" menzionato nell'accordo è una strada operativa, allora "Nakhichevan" è un'ex ferrovia a binario unico inesistente e, soprattutto, non necessaria.
            1. Caro esperto di divani. 13 dicembre 2020 09: 13
              +2
              Primo, non un'enclave, ma un'exclave.

              Non trovare difetti nella terminologia, altrimenti puoi andare lontano.)
              Nakhichevan, per gli azeri - un'exclave, e per altri paesi (e come oggetto del diritto internazionale) - un'enclave.

              In secondo luogo, non 30, ma 90 km. ferrovia a binario unico

              La distanza del territorio è misurata lungo la linea aerea e non lungo le strade tortuose.)

              ferrovia, dalla quale praticamente nulla è rimasto, nessuna rotaia, nessuna traversina, nessuna automazione, nessun semaforo, nessun raccordo. Non è difficile indovinare in quali condizioni gli argini, i cunicoli e le tettoie paramassi di protezione, i tombini, ecc., A cui nessuno si è avvicinato per più di 30 anni.
              Se il corridoio "Lachin" menzionato nell'accordo è una strada operativa, allora "Nakhichevan" è un'ex ferrovia a binario unico inesistente e, soprattutto, non necessaria.

              Questo è esattamente ciò che non si adatta davvero al tuo:

              I turchi hanno tagliato un corridoio di terra verso il Mar Caspio

              Come, infatti, abbiamo iniziato questa discussione.)
              1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
                Petr Vladimirovich (Peter) 13 dicembre 2020 09: 59
                0
                Questo è stato scritto dall'autore e ho citato e cerco di capire cosa intendesse. ))) La lunghezza del confine armeno-turco è di 90 km. e misurato via terra, in questo caso, il confine corre lungo il fiume Araks. Exclave e enclave sono concetti diversi. Abbiamo anche la nostra exclave, questa è la regione di Kaliningrad.
                Cordiali saluti, Peter)
                1. Caro esperto di divani. 13 dicembre 2020 10: 09
                  +2
                  Exclave e enclave sono concetti diversi.

                  Sì, diverso, ma ci sono sottigliezze:

                  Exclave (da Lat. Ex - esterno + clavis - chiave) - una parte del territorio, geograficamente isolata dalla parte principale del suo stato e circondata da territorio straniero. ... Per essere terminologicamente precisi, la regione di Kaliningrad è un'enclave per i russi e per altri paesi (e come oggetto del diritto internazionale) - un'enclave.

                  https://newslab.ru/article/145389

                  E su:

                  La lunghezza del confine armeno-turco è di 90 km.

                  Ebbene, la conversazione non riguarda la lunghezza del confine armeno-turco, ma il "corridoio di terra" dal confine di "Nakhichevan" al confine con l'Azerbaigian principale.
                  Questa è la distanza da confine a confine, e con questa la lunghezza del famigerato "corridoio", e infatti - il territorio dell'Armenia - circa 30 km.
                  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
                    Petr Vladimirovich (Peter) 13 dicembre 2020 13: 06
                    0
                    E secondo il corridoio hackerato, secondo lo stimato autore, che sostenete così fanaticamente, i Leopardi e Altai corrono lungo le valli e lungo le colline verso le repubbliche del Caspio e dell'Asia centrale con i giannizzeri sulle loro armature ...
                    Ti auguro successo nei tuoi affari, così come salute e felicità nella tua vita personale!
                    1. Caro esperto di divani. 13 dicembre 2020 14: 56
                      +2
                      secondo l'autore rispettato, che sostenete in modo così fanatico

                      Hai un buon senso dell'umorismo!)
                      Sono preoccupato per l'autore, altrimenti sarebbe orgoglioso di questo.)
                2. Il commento è stato cancellato
  • Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 12 dicembre 2020 05: 53
    +1
    Citazione: caro esperto di divani.
    I turchi hanno tagliato un corridoio di terra verso il Mar Caspio

    Hai avuto un due in geografia, giusto?)

    Marzhetsky ha già risposto a tutti:

    L'autore capisce molte cose, a quanto pare più delle tue. E sì, può scrivere bene su questi argomenti.
    1. Caro esperto di divani. 13 dicembre 2020 09: 59
      +1
      L'autore capisce molte cose, a quanto pare più delle tue. E sì, può scrivere bene su questi argomenti.

      Ebbene sì, e allo stesso tempo si è lodato, così modestamente.)
    2. Il commento è stato cancellato