Il Giappone preparerà il potenziale per il "primo colpo" contro il nemico


Sebbene il primo ministro giapponese Yoshihide Suga eviterà la questione di un primo attacco al nemico, il suo governo è pronto a considerare una tale possibilità, scrive The Asahi Shimbun.


A giugno, Shinzo Abe, l'allora primo ministro, disse che era necessaria una nuova strategia di sicurezza nazionale, e allo stesso tempo si sarebbe dovuto discutere se il Giappone dovesse avere un primo attacco alle basi missilistiche nemiche.

Ma il documento che l'amministrazione Sugi presenterà la prossima settimana, afferma il giornale, richiederà solo ulteriori discussioni sul rafforzamento delle capacità di deterrenza.

Sebbene le azioni del governo possano sembrare una deviazione da una posizione più aggressiva, ha anche approvato lo sviluppo di un missile da crociera che avrà una portata maggiore rispetto a quelli già nell'arsenale dell'IDF.

Il ministero della Difesa prevede di includere una richiesta di 2021 miliardi di yen (33,5 milioni di dollari) nel bilancio fiscale 321 per questi scopi nei prossimi cinque anni.

Sebbene il missile da crociera sia presumibilmente progettato per proteggere isole remote, come il sistema JASSM-ER simile pianificato per i caccia F-15, sarà in grado di colpire le basi missilistiche nemiche.

Pertanto, osserva Asahi Shimbun, sebbene il nuovo governo giapponese non possa dichiarare chiaramente la sua intenzione di creare una forza di primo colpo, intende muoversi in questa direzione.

Il documento, che sarà approvato dal gabinetto di Sugi la prossima settimana, includerà un linguaggio sul fatto che il Giappone debba avere una capacità di primo attacco e quale alternativa verrà utilizzata per sostituire il sistema di difesa missilistico Aegis Ashore rifiutato, hanno detto fonti.

Tuttavia, invece di un appello diretto, molto probabilmente verrà utilizzato un linguaggio vago sulla necessità di contenere la minaccia dei missili balistici e delle armi nucleari della Corea del Nord. La richiesta di ulteriori discussioni su come rafforzare il contenimento è una chiara concessione al partner minore della coalizione parlamentare, il partito Komeito, noto da tempo per le sue tendenze pacifiste.

L'amministrazione Sugi sta affrontando un difficile dilemma poiché il Partito Liberal Democratico al governo ha redatto ad agosto un documento che chiede la possibilità di colpire un nemico sul suo territorio prima di lanciare missili balistici.

Tutti questi cambiamenti stanno avvenendo, in parte, perché anche gli Stati Uniti hanno recentemente chiesto agli alleati di assumersi maggiori responsabilità in materia di difesa.

Un alto funzionario del governo ha detto alla pubblicazione che il prossimo documento dovrebbe essere redatto in modo da non dare l'impressione che il governo di Yoshihide Sugi stia abbandonando i piani per avere un potenziale di primo attacco.
  • Foto utilizzate: Forza di autodifesa marittima giapponese
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 13 dicembre 2020 10: 14
    +4
    Innanzitutto bisogna consegnare i missili ipersonici Zircon per proteggere i Kuriles dagli improvvisi passi avventati del Giappone, è chiaro che se saranno i primi a decidere di scatenare un conflitto, riceveranno immediatamente una risposta potente e adeguata, ma come si suol dire: Dio protegge i salvati !!!
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 13 dicembre 2020 10: 38
    +3
    La rinascita del militarismo giapponese aggressivo è evidente! negativo.
  3. lahudra Офлайн lahudra
    lahudra (Nikolay Kondrashkin) 13 dicembre 2020 20: 18
    -1
    I giapponesi sanno come sferrare i primi colpi.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 15 dicembre 2020 10: 30
    +2
    Il Giappone era una grande potenza mondiale nella fase iniziale dello sviluppo capitalista e si sforzava di espandere il suo territorio conquistando e colonizzando terre straniere - non è stato tagliato.
    Nella fase dell'imperialismo, le priorità sono rimaste, ma i metodi e le modalità di schiavitù di altri popoli e stati sono cambiati.
    L'economia giapponese è la terza al mondo e richiede una sicurezza adeguata, e la posizione dell'isola rende vitale questa esigenza.
    Da qui la nuova strategia di sicurezza nazionale, che implica non solo il miglioramento quantitativo e qualitativo delle forze armate, ma anche una revisione fondamentale della strategia militare, compreso lo status di assenza dal nucleare con il pretesto di “contenere” RPC, Corea del Nord e Federazione Russa.
    Il dominio mondiale degli USA si basa sul controllo di organizzazioni economiche - UE, finanziarie - FMI, militari - NATO, politiche, legali e altre organizzazioni internazionali.
    Il Giappone, il più importante satrapo statunitense nella regione del Pacifico, che sta diventando un'arena di confronto con la Cina, e quindi il rafforzamento della potenza militare giapponese non contraddice gli interessi degli Stati Uniti.