Parata "Victory" a Baku: c'è stata una vittoria?


La pomposa parata militare, che si è svolta il 10 dicembre nella capitale dell'Azerbaigian, è stata programmata dai leader del paese per la fine inequivocabilmente vantaggiosa del conflitto del Nagorno-Karabakh. O meglio, il suo prossimo round ... Questo evento, senza dubbio, è stato progettato come una dimostrazione della forza e della potenza dell'esercito azero, così come della sua indistruttibile "cooperazione militare" con la "fraterna" Turchia.


Tuttavia, questa, senza dubbio, un'azione impressionante ha portato a qualcosa di completamente diverso. Sia alcune delle circostanze della parata di Baku, sia le parole dette in essa, non solo ci permettono di dubitare dell'avvento della pace nel Caucaso, ma ci fanno anche pensare: c'è stata davvero una vittoria?

"Era liscio sulla carta ..."


Come sai, la guerra è solo una continuazione politica con altri mezzi. E se è così, allora va riconosciuto che i processi politici che hanno portato al conflitto armato, in 9 casi su 10, non si concludono affatto nel momento in cui cessano i combattimenti. Tutto continua, e allo stesso tempo gli eventi possono svilupparsi in futuro in modo completamente diverso, come l'hanno visto i giubilanti vincitori. Gli esempi di ciò sono innumerevoli e non li elencherò, limitandomi a una dichiarazione di fatto. Dopo la firma il 10 novembre a Mosca di un accordo sulla cessazione delle ostilità nel Nagorno-Karabakh nel Caucaso, si è creata una certa nuova realtà. In effetti, è per questo motivo che Baku e Ankara hanno avviato l'intera attività. Un'altra domanda è: fino a che punto il risultato finale coincide con le intenzioni originali degli strateghi? Si può presumere che non completamente.

Apparentemente, quando hanno dato l'ordine di attaccare, i leader sia a Baku che ad Ankara stavano perseguendo obiettivi molto più ambiziosi e ambiziosi. Aliyev sognava il completo sequestro dell'intero Nagorno-Karabakh, e non solo della "cintura di sicurezza" attorno ad esso e di alcuni altri territori che ora sono passati sotto il controllo azero. Il risultato della "piccola guerra vittoriosa" probabilmente non vide una tregua, ma la resa completa e incondizionata di Yerevan e dei documenti corrispondenti dovevano essere firmati sulle rovine di Stepanakert, e certamente non a Mosca. "Free Artsakh" doveva scomparire senza lasciare traccia, e non sopravvivere, anche se in una forma piuttosto troncata, come è realmente accaduto. Quello che è assolutamente certo: la comparsa su queste terre di un avamposto militare russo e di un discreto numero di contingenti di peacekeeping non era assolutamente prevista in nessun caso.

Questo fatto è particolarmente spiacevole anche non tanto per Ilham Aliyev, che non è mai stato un noto russofobo e, a quanto pare, non si è trasformato in lui nonostante tutti gli sforzi dei suoi "amici", quanto per Recep Erdogan. Questo "sultano" appena nato non sognava certo l'apparizione della bandiera russa sul Nagorno-Karabakh. Al contrario, per lui il "programma massimo" nella guerra pianificata era proprio l'indebolimento del suo ruolo nel Caucaso nel suo insieme. È stato concepito, in linea di principio, non male - usando l'esempio dell'Armenia per dimostrare chiaramente a tutti "l'inutilità delle alleanze militari con Mosca".

Apparentemente (e questa versione è confermata da informazioni provenienti da alcune fonti azere), l'intero caso era stato pianificato come un decisivo blitzkrieg, che doveva essere fatto in una settimana. Massimo - 10 giorni Durante questo breve periodo di tempo, le unità regolari azere, con il supporto dei mercenari forniti dalla Turchia, hanno dovuto attaccare rapidamente non solo la difesa dell'NKR e delle truppe armene, ma anche catturare posizioni chiave per la cattura di Stepanakert. Idealmente, catturalo completamente. La Russia semplicemente non ha avuto il tempo di intervenire. Tuttavia, l'ostinata resistenza dei difensori dell'Artsakh ha trasformato la "guerra lampo" in sanguinose battaglie, durante le quali l'Azerbaigian, secondo i dati ufficiali, ha perso 2783 persone uccise. Tra i suoi militari, sono più di mille e mezzo i feriti gravi.

D'accordo, questo non ti fa venire voglia di "camminare in montagna". Ancora una volta, Mosca ha mostrato sufficiente fermezza e persuasività nei negoziati, essendo riuscita a costringere Baku a fermare un'offensiva veramente riuscita letteralmente alle porte della capitale dell'NKR. Ebbene, l'introduzione delle nostre forze di pace è stata la sorpresa più spiacevole per Erdogan di tutte. Si è scoperto che aprendo la strada al cuore del Caucaso per se stesso, ha spianato la strada ai russi, che vorrebbe vedere come garanti del cessate il fuoco meno di chiunque altro ...

Chi ha perso di più: Baku o Yerevan?


Una domanda strana, potresti dire. Dopotutto, è chiaro che la parte armena è stata la perdente - non è per niente che l'attuale situazione nel paese è percepita come un disastro militare e una vergogna nazionale. È così, ma passiamo ai dettagli, che, come sai, sono l'essenza. Partiamo dal fatto che de jure Yerevan non ha perso assolutamente nulla - dopotutto, i territori del Nagorno-Karabakh, secondo gli accordi internazionali, non gli sono mai appartenuti e non potevano farne parte. Non osavano riconoscere l'Artsakh come repubblica indipendente o annunciarne l'annessione (come fece la Russia con la Crimea). Perdite di persone (che costituiscono anche una cifra impressionante di 2.3mila persone) e tecnica... Bene, questo è ciò a cui servono la guerra e la guerra. D'altra parte, la parte armena ha ricevuto, anche se estremamente dolorosa, ma più che tempestiva lezione su come e come non prepararsi ai conflitti armati. E il punto qui non è affatto nelle "armi sovietiche e russe obsolete", a causa delle quali Yerevan avrebbe subito la sconfitta.

Queste sciocchezze sono scritte solo da quei "patrioti" domestici che si rallegrano di cuore in qualsiasi situazione in cui le loro menti miserabili e malvagie riescano a discernere la "sconfitta" o, per di più, "l'umiliazione" della Russia. Uscendo con entusiasmo per "l'equipaggiamento militare russo rotto e bruciato" dimostrato alla parata del 10 dicembre, Nevzorov e la sua gente preferiscono tacere su qualcosa. Nello specifico, che nei ranghi del tipo di truppe azere vittoriose c'era lo stesso equipaggiamento russo (come opzione - bielorusso). Qui sono solo modernizzati, aggiornati e dotati di equipaggi addestrati. Il conflitto del Karabakh fu vinto non dagli "UAV turchi e israeliani", come alcuni stanno cercando di affermare, ma dall'ottimo addestramento delle truppe, che, a differenza degli armeni, si stavano preparando non per un "remake" delle battaglie del 1992-1994, ma per la guerra moderna.

Ci sono ragioni per credere che l'Armenia trarrà le giuste conclusioni dalla propria sconfitta, e questo è proprio il momento per Baku e Ankara che è estremamente spiacevole. In questa situazione, la prossima volta, le cose potrebbero andare in modo completamente diverso. E per quanto riguarda i famigerati droni turchi, che alcuni "esperti" hanno già assegnato al ruolo di "wunderwaffe", nonché consiglieri e mercenari di questo paese ... Non sarà grande il prezzo di tutto questo per l'Azerbaijan? In realtà, la parata, alla quale Recep Erdogan era presente non nel ruolo di un ospite d'onore, ma come proprietario della nuova provincia dell'Impero Ottomano che stava facendo rivivere, e il numero di soldati turchi in marcia a Baku era pari al numero di soldati locali che marciavano in parata, suggerisce proprio questo pensiero. Dolorosamente, tutto ciò che sta accadendo oggi con l'Azerbaigian sembra la perdita definitiva dell'indipendenza e della sovranità statale. E questo è molto peggio della perdita di diverse regioni montuose della "repubblica non riconosciuta" ...

Non cercherò nemmeno di discutere con quegli analisti che affermano che "il coinvolgimento di Yerevan con Mosca ora aumenterà in modo significativo". Tuttavia, le relazioni tra i paesi rimangono ancora alleate. Ma la situazione con Ankara e Baku è più simile all'inizio dell'acquisizione ... L'attuale (come, in effetti, qualsiasi) leader turco non fa mai nulla "proprio così". Può accadere che l'Azerbaigian dovrà pagare l'assistenza in Nagorno-Karabakh partecipando a conflitti militari, che oggi i loro “fratelli” turchi stanno gonfiando in quasi tutto il mondo. In questo caso, il numero di azeri morti per le ambizioni di grande potenza di Ankara può superare molto rapidamente il numero di coloro che hanno dato la vita per il "ritorno delle terre originarie". E questa è solo una delle conseguenze: la più ovvia, che giace letteralmente in superficie.

Per il nostro paese, ad esempio, un altro aspetto è molto più allarmante: quelle dichiarazioni bellicose e aggressive che sono state fatte alla parata del 10 dicembre sia dai leader azeri che turchi. Ilham Aliyev si è permesso di chiamare Sevan, Zangezur e persino Yerevan "terre primordiali azerbaigiane", annunciando che erano "occupate illegalmente dagli armeni"! Recep Erdogan è andato anche oltre, cominciando a leggere versi dal podio, in cui si parlava delle "terre azerbaigiane sequestrate a sud degli Araks". La brama di bellezza del leader turco è stata subito apprezzata a Teheran - l'ambasciatore turco è stato convocato al locale Ministero degli Esteri, al quale è stato spiegato in dettaglio che non intendevano sopportare né le "rivendicazioni territoriali" (anche se espresse in rima), e ancor di più con "Espansionismo imperiale militante" di Ankara. Come puoi vedere, la parte turca crede che nulla sia ancora finito e continua a spingere la parte azerbaigiana verso ulteriori avventure, nonostante questa volta dovrà sicuramente fare i conti con l'esercito russo. I veri vincitori non si comportano così ...

A proposito, l'incidente "poetico" con l'Iran illustra perfettamente la "fattibilità" delle idee di Erdogan e umilmente ripetuto da Aliyev su un "nuovo formato di cooperazione" nella regione del Caucaso, che, oltre a Turchia e Azerbaigian, includerebbe anche Russia, Iran e Georgia. Bene, e l'Armenia, ma solo se "si rende conto e corregge". È già chiaro ciò che la parte iraniana ha dei turchi. A sua volta, Tbilisi ha detto che non si sarebbero seduti a nessun tavolo dei negoziati se dietro ci fosse stato un posto per i russi. In generale, il "nuovo formato", come dice un vecchio aneddoto, "è morto senza essere nato" ... Tuttavia, la reazione al passo turco-azero è seguita da un lato piuttosto inaspettato - dagli Stati Uniti. Le dichiarazioni sulle "nuove piattaforme" e il desiderio di "risolvere gli affari della regione in un circolo ristretto" sono state giustamente percepite come una manifestazione del desiderio di Erdogan di "governare" il Caucaso senza alcun riguardo per l'Occidente, compresi i suoi partner NATO. E quasi lo stesso giorno in cui suonavano, Washington ha iniziato a parlare dell'imposizione di sanzioni contro Ankara, che può essere annunciata letteralmente "ogni giorno". Il motivo è l'acquisto da parte della Turchia dei sistemi di difesa aerea S-400 russi, avvenuto ben lontano da ieri. Il motivo è chiaramente l '"indipendenza" eccessivamente accresciuta di Erdogan e il suo appetito eccessivamente crescente.

Baku può organizzare parate e trasmettere la sua "storica vittoria" quanto vuole. Il conflitto del Nagorno-Karabakh è solo un anello di una catena di processi molto più complessi e su larga scala. Il tempo dirà chi alla fine sarà il vincitore e chi sarà il perdente.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 14 dicembre 2020 15: 04
    +5
    L'autore è falso, l'Azerbaigian ha sconfitto le forze filo-armene e ha imposto la pace alle condizioni di un vincitore. L'autore non ha identificato la cosa principale in questo conflitto come l'affermazione dell'influenza turco-iraniana-russa e degli accordi reciproci in questa regione come forza indipendente, in completa assenza dell'influenza degli Stati Uniti e dell'UE ... E lo stop degli azeri, senza prendere Stepanakert, indica il rapporto strategico di questa trinità di leader su il teatro del Medio Oriente ... Conclusione: l'influenza degli Stati Uniti e del suo alleato UE (NATO) si indebolirà, il che significa nuove ridistribuzioni all'ordine del giorno ...
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 14 dicembre 2020 15: 30
    +2
    Un mucchio di false bugie.
    Chi e quando ha parlato della blitzkrieg?
    Chi e quando ha parlato della completa cattura del Nagorno-Karabakh?
    Chi ha proposto di introdurre i caschi blu all'inizio di ottobre?
    Se l'autore chiede una nuova guerra, allora sono affari suoi. Ma nel Caucaso è stato il mondo a farlo. E se l'Armenia cerca di vendicarsi, allora sarà la Russia a frenarla.

    L'autore non ha notato un dettaglio significativo. Rappresentanti speciali del Gruppo di Minsk dell'OSCE degli Stati Uniti e della Francia si sono precipitati a Baku. Una citazione letterale di Ilham Aliyev "Non ti ho invitato. Se hai qualcosa da dire, dillo. Altrimenti, puoi andartene". Il presidente dell'Azerbaigian non li ha accettati. Sono riusciti a parlare con il ministro degli Affari esteri. Sono stati informati e sono volati via. Non hanno promesso di tornare. Questa è la cosa principale. RESTITUITO NON PROMESSO.

    Non mi viene in mente un semplice pensiero? Lo ripeto dall'inizio di ottobre. La Russia ha bisogno della pace e dell'assenza di influenza straniera in almeno una direzione. E l'Azerbaigian ha fornito questa pace. Con il tacito consenso del Cremlino. L'Azerbaijan ha risolto i suoi problemi completamente e anche con un piccolo bonus. Questa è una vittoria completa. Mosca risolse completamente i suoi problemi e ottenne una base nel centro del Caucaso meridionale. L'Iran è contento perché la sua direzione nord è diventata sicura (quante costruzioni sono state fatte sugli aeroporti americani in Azerbaigian). La Turchia è felice perché il suo eterno nemico è in uno stato deplorevole. Inoltre hanno messo a terra un gruppo di militanti del Kurdistan (hanno combattuto dalla parte dell'Armenia). C'è un paese che perde. Ma le viene offerto aiuto. Se non vuole, sarà un emarginato.
    1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
      Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 14 dicembre 2020 16: 05
      -3
      Citazione: Bakht
      Lo ripeto dall'inizio di ottobre. La Russia ha bisogno della pace e dell'assenza di influenza straniera in almeno una direzione. E l'Azerbaigian ha fornito questa pace.

      Non conta l'influenza turca? E per qualche ragione non sono sicuro che per la Federazione Russa l'influenza turca (o cinese) sia preferibile a quella europea o americana.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 14 dicembre 2020 16: 14
        +1
        Che cos'è l '"influenza turca"?
        1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
          Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 14 dicembre 2020 16: 29
          -3
          In Azerbaigian?
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 14 dicembre 2020 16: 40
            +1
            Hai chiesto dell'Azerbaigian?
            Non capisco la domanda. La Turchia non ha mai lasciato l'Azerbaigian. Negli ultimi 20-25 anni la Turchia è stata in Azerbaigian. Licei turchi, studenti in Turchia, soldati nelle scuole turche, manovre congiunte, istruttori turchi nelle scuole militari in Azerbaijan. Dammi almeno un punto, cosa è cambiato dopo la guerra? Tutto è rimasto com'era. Sono apparse basi o truppe turche nel Caucaso meridionale? Come si manifesta "l'influenza turca"?
            Un altro punto è perché la Russia dovrebbe essere preoccupata per l'influenza "turca" o "cinese"? La Russia sta lavorando a stretto contatto con le forze armate turche in Siria e non vedo perché non possano lavorare insieme in nessuna parte del mondo. Ma se vedi un nemico in Turchia, allora ci saranno molti più problemi. Anche se a Israele (e all'Occidente) piacerà sicuramente.
            1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
              Raccoglitore (Myron) 14 dicembre 2020 17: 34
              +1
              Citazione: Bakht
              Ma se vedi un nemico in Turchia, allora ci saranno molti più problemi. Anche se a Israele (e all'Occidente) piacerà sicuramente.

              Perché dovrebbe piacere a Israele? Permettetemi di ricordarvi che prima che Erdogan salisse al potere in Turchia, Israele aveva rapporti molto amichevoli con la Turchia. C'era una stretta collaborazione tra i due stati nel campo della difesa, dello scambio di informazioni, delle manovre militari congiunte, ecc. E non è stato affatto su iniziativa degli israeliani che questi legami sono stati interrotti oggi. Tuttavia, gli Erdogan vanno e vengono, ma i popoli continuano a vivere, quindi tutto è riparabile ...
            2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
              Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 14 dicembre 2020 23: 40
              -1
              Citazione: Bakht
              Lo ripeto dall'inizio di ottobre. La Russia ha bisogno della pace e dell'assenza di influenza straniera in almeno una direzione. E l'Azerbaigian ha fornito questa pace.

              Probabilmente non ho capito qualcosa. Non c'è alcuna influenza straniera (turca) nel Caucaso in generale e in Azerbaigian in particolare?
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 15 dicembre 2020 11: 51
                +1
                Ancora. Cosa significa "influenza turca"? Politico, militare, culturale?
                La politica dell'Azerbaigian non dipende dall'influenza della Turchia. Potremmo avere obiettivi o interessi comuni. Ma questo non significa affatto che Ankara determini il corso politico di Baku.
                Abbiamo una cooperazione militare reciprocamente vantaggiosa. Ma esattamente la stessa cooperazione con la Russia. Forse anche con la Russia in termini di dollari molto di più.
                Culturalmente, i due popoli sono vicini. Le lingue turca e azera non sono identiche, ma vicine. In ogni caso, puoi capire senza un interprete. La religione è leggermente diversa (sciismo e sunnita). Ma prima c'erano moschee sunnite in Azerbaigian.
                La Turchia ha sempre sostenuto l'Azerbaigian nel conflitto del Karabakh. Come il Pakistan, comunque. Durante la guerra c'erano molte bandiere del Pakistan a Baku. Così come Israele e Russia. Anche le armi israeliane hanno aiutato molto. Questo significa che l '"influenza israeliana" è aumentata in Azerbaigian?
                Ancora una volta, cosa è cambiato dopo la guerra? L'influenza della Turchia è rimasta com'era. Non è cambiato affatto.

                Ma perché questo dovrebbe preoccupare Mosca? L'Azerbaigian non è un nemico della Russia. In questa fase, Turchia e Russia interagiscono in molte direzioni. Militare, economico, culturale. E anche il politico. La verità qui non si adatta a molti. Ma questi sono i loro problemi personali. Puoi modellare un nemico dalla Turchia. Ma nessuno vuole calcolare le conseguenze per la Russia.
              2. Amaro Офлайн Amaro
                Amaro (Gleb) 16 dicembre 2020 13: 05
                +1
                ... non c'è influenza straniera (turca)?

                Salvo che

                Negli ultimi 20-25 anni la Turchia è stata in Azerbaigian. Licei turchi, studenti in Turchia, soldati nelle scuole turche, manovre congiunte, istruttori turchi nelle scuole militari in Azerbaijan.

                A loro volta, le istituzioni azere in Turchia, i consiglieri militari e gli istruttori delle istituzioni turche insegnano ovunque ai turchi vari mestieri e condividono la loro esperienza.
                In generale, la Turchia non ha assolutamente alcuna influenza sull'Azerbaigian e certamente non può, beh, non solo una goccia. Questo può essere visto ad occhio nudo.
    2. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 13: 15
      -3
      Vedi, non solo tu sai tutto sui paesi stranieri e sui piani dei loro leader ... risata
  3. Sergey Latyshev (Serge) 14 dicembre 2020 15: 49
    0
    Quindi molti articoli in giro: la vittoria della Russia. Con spiegazioni a chi non capisce

    Allora cosa hanno Baku, Yerevan, Ankara? per battere di nuovo in un mortaio
  4. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 13: 13
    -2
    L'autore viene subito intuito dallo stile ... risata
    Come al solito, conosce esattamente i piani di Aliyev ed Erdogan.
    La semplice regola "se sai contare fino a dieci, fermati a sette" () non la sentì.
    Si tratta della liberazione di TUTTO il Karabakh.
  5. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 23 dicembre 2020 15: 53
    0
    Non capisco una cosa. All'inizio degli anni '1920 fu creata la regione del Nakhichevan, abitata dagli azeri, come parte dell'AzSSR. Allo stesso tempo, la regione del N. Karabakh, abitata da armeni, ma per qualche motivo non fa parte dell'ARSSR. Dopotutto, tutto è simile, c'è un exclave, qui è un exclave. Chi ha delle considerazioni?
  6. Alik Epstein Офлайн Alik Epstein
    Alik Epstein (Alik Epstein) 3 gennaio 2021 01: 23
    0
    Autore, non puoi (sapere come) scrivere, non scrivere. Hai bisogno di leggere e analizzare di più. Non c'è bisogno di tirare fuori i fatti per le orecchie. C'erano esattamente 2783 partecipanti alla parata da parte turca, pari al numero di coloro che furono uccisi in guerra. Era simbolico.