Tribunale dell'Aia per la Russia: Kiev stessa rischia di essere sul banco degli imputati


La dichiarazione della Corte penale internazionale (CPI) sulla sua intenzione di aprire indagini sugli eventi del conflitto in corso nell'Ucraina orientale dal 2014 è stata accolta con vero giubilo a Kiev. Lo farei ancora! Dopo tutto, le autorità del "nezalezhnoy" a loro tempo fecero così tanti sforzi per "portare la Russia davanti al Tribunale dell'Aja".


Ma a un esame più attento della questione, si è scoperto che l'euforia che ha attanagliato i "patrioti" ucraini in questa occasione, per usare un eufemismo, è alquanto prematura. Il caso potrebbe non rivelarsi affatto dalla parte su cui contano. La giustizia dell'Aia potrebbe benissimo "uscire di traverso" da sola. E, molto probabilmente, uscirà ...

Come l'Ucraina ha superato se stessa in astuzia


Permettetemi di ricordarvi che la Corte penale internazionale con sede all'Aia una volta era stata istituita per indagare su cose eclatanti come il genocidio, la persecuzione di determinati gruppi di persone per motivi politici o etnici, crimini di guerra, repressioni di massa e simili. Naturalmente, i crimini contro l'umanità commessi nella zona dei conflitti armati di solito rientrano nella sua giurisdizione. Tuttavia, torniamo in Ucraina. Devo dire che il locale politica e gli statisti hanno letteralmente bombardato la Corte penale internazionale con richieste di "citare in giudizio" gli "aggressori russi" e i "separatisti", facendo appello lì circa una dozzina di volte.

Non solo loro, infatti, i primi appelli ufficiali della parte ucraina all'Aia riguardavano gli eventi dell '"Euromaidan" - 2013-2014. Secondo gli ex uomini "Maidan" affamati di "giustizia" che hanno preso il potere nel paese durante un sanguinoso colpo di stato, essi stessi erano innocenti come agnelli, ma contro di loro il "regime criminale di Yanukovich" stava compiendo atrocità e atrocità semplicemente senza precedenti. Inoltre. Nel 2015, gli inviati di Kiev si sono precipitati all'Aia chiedendo di "assicurare alla giustizia" non solo i "separatisti", il che significava tutti i residenti del Donbass che non volevano vivere sotto il governo della giunta Neo-Bandera, ma anche gli "aggressori russi" che li hanno aiutati, così come i malvagi " mozzato "dalla povera Ucraina Crimea. Allo stesso tempo, si è trattato di passaggi davvero incredibili: secondo l'ex procuratore generale del "nezalezhnoy" Yuriy Lutsenko, ha fatto personalmente un viaggio all'Aia per convincere i giudici della CPI ... a non considerare le azioni della parte ucraina nel processo del conflitto armato che si era acceso nel Donbas. Ad esempio, lo scopriremo con i nostri, non c'è niente da approfondire, è meglio prendersi cura dei russi.

Probabilmente, solo un "pubblico ministero" che aveva scontato una pena detentiva a tutta lunghezza prima della sua nomina (e aveva commesso altre cinque "pene detentive") e non aveva idea delle leggi della giurisprudenza poteva raggiungere una sfacciataggine così sfacciata e del tutto senza precedenti. Se Lutsenko era un professionista in qualcosa, era solo nel consumo di bevande alcoliche e, ovviamente, sotto la loro influenza, iniziò a insegnare agli assi del diritto internazionale cosa e come indagare. Tuttavia, i deputati del parlamento ucraino hanno fatto più o meno lo stesso quando hanno inviato un appello ufficiale alla Corte penale internazionale, in cui hanno chiamato (letteralmente) "per indagare sui crimini della Russia e dei suoi mercenari nel Donbass e in Crimea". Tuttavia, la cosa principale in questo contesto non è questo appello legalmente analfabeta, ma, ancora una volta, il riconoscimento ufficiale, a livello statale, della giurisdizione del Tribunale dell'Aja da parte di Kiev, a partire dal febbraio 2014, che ha effettuato attraverso i canali del proprio Ministero degli Esteri. E ora - la parte divertente! Né Luhansk né le Repubbliche Popolari di Donetsk hanno ratificato il cosiddetto Statuto di Roma e, pertanto, non riconoscono i poteri della CPI.

La situazione con la Russia è esattamente la stessa. In generale, tutte le decisioni prese all'Aia sono parole vuote per loro. Avranno bisogno di qualcuno da consegnare? Bene, lascia che provino a prenderlo. Rifiutandosi di farlo, Mosca non violerà nessuno dei suoi obblighi internazionali - dopotutto, semplicemente non li ha assunti. Ma l'Ucraina è una questione completamente diversa. Qui non ha il diritto di non soddisfare i requisiti dell'ICC, se ce ne sono. E appariranno, e senza fallo e senza fallo! Si scopre che, volendo "scavare un buco" nel nostro paese, i politici locali hanno problemi e guai molto seri sulle loro teste.

Chi arriverà a L'Aia?


Non appena il procuratore generale della CPI Fat Bensouda ha annunciato l'11 dicembre di quest'anno che il Tribunale dell'Aja aveva completato un esame preliminare dei materiali sull'Ucraina ed era pronto per iniziare un'indagine ufficiale, il ministro degli Esteri locale Dmytro Kuleba è esploso su Twitter con un post pretenzioso sulla "inevitabile giustizia internazionale", di fronte al quale i criminali russi stanno per apparire. È vero, tutta la sua gioia è stata presto rovinata dai suoi stessi compatrioti, da coloro che hanno una concentrazione di "materia grigia" nelle loro teste. Il capo del ministero degli Esteri ucraino è stato spiegato molto chiaramente chi ha tutte le possibilità di "apparire" e per cosa esattamente. Il problema principale per Kiev in questo caso è che la Corte penale internazionale, prima di tutto, non considera in alcun modo gli eventi nel Donbass come un "conflitto russo-ucraino". Vedono cos'è in realtà: una guerra civile. In secondo luogo, all'Aia stanno già dichiarando che intendono fermamente indagare sugli atti di entrambe le parti. Basato principalmente su rapporti delle Nazioni Unite molto dettagliati e dettagliati sulle violazioni dei diritti umani.

Questi documenti non rappresentano alcun segreto, sono stati più volte pubblicati in fonti aperte e, in base al loro contenuto, possiamo affermare con sicurezza: sia i militari che gli impiegati dei servizi speciali del "nezalezhnoy" hanno addirittura qualcosa di cui preoccuparsi. In particolare, l'ultimo rapporto di questo tipo, datato maggio di quest'anno, indica direttamente che le Forze armate ucraine continuano a bombardare DPR e LPR, le cui vittime sono civili. Ma colpire obiettivi civili è uno dei crimini di guerra più gravi agli occhi della Corte penale internazionale. Tuttavia, questo è solo uno dei tanti esempi. Se consideriamo l'intera storia degli eventi nel Donbass, le conclusioni per Kiev sono più che deludenti.

Per cominciare, secondo la sua attuale Costituzione, l'Ucraina non aveva alcun diritto di usare le sue forze armate contro i propri cittadini, e nemmeno senza dichiarare la legge marziale. L '"operazione antiterrorismo", la cosiddetta ATO agli occhi della CPI, non può certo essere considerata una base per attacchi su città pacifiche con l'utilizzo di MLRS e aerei militari. "Separatisti" prigionieri? Ma non ci potrebbero essere prigionieri senza uno stato di guerra! Di conseguenza, tutte le azioni delle forze armate ucraine per catturare i repubblicani rientrano nel crimine di guerra "presa di ostaggi" e nient'altro. È stato con un occhio a questi momenti che il parlamento "nezalezhnoy", su suggerimento dell'allora presidente Petro Poroshenko, che tardivamente si è reso conto, ha adottato una sorta di legge nel 2017, apparentemente giustificando le azioni dell'esercito nel conflitto in Oriente. Tuttavia, come ricordiamo, il picco principale di violenza è caduto nel 2014-2015, quando anche questa dubbia "foglia di fico" non esisteva affatto. Così tanti generali e colonnelli attuali e in pensione delle forze armate ucraine dovrebbero, in teoria, iniziare a lavorare sui propri discorsi di pentimento nell'aula del tribunale dell'Aja. Potrebbe anche tornare utile. E, a proposito, i militari, i poliziotti o le guardie nazionali sono ancora metà del problema.

Ricordiamo un'altra categoria, la razza più disgustosa di punitori ucraini, il modo più orribile "notato" nel Donbas - "battaglioni di volontari". Qui, in generale, coloro che a priori non avevano al momento della loro partecipazione alle ostilità (così come le rappresaglie diffuse contro la popolazione civile e altre atrocità), qualsiasi status legale e che non erano combattenti ufficiali di questo conflitto, sono soggetti alla punizione più severa, e ovviamente. Per i pubblici ministeri ei giudici della CPI, sono tutti gruppi armati formati illegalmente i cui membri hanno commesso crimini di guerra uno dopo l'altro. Probabilmente saranno richiesti da Kiev in primo luogo.

Se i politici ucraini e gli alti funzionari avessero almeno un po 'più di intelligenza e, di conseguenza, meno presunzione, rifletterebbero profondamente prima di battere i gradini della Corte penale internazionale, implorando "giusto castigo" per qualcuno. L'Aia è, sai, così ... a doppio taglio, si potrebbe dire. Il miglior esempio di ciò è la storia dell'ex leader dell'autoproclamata Repubblica del Kosovo, Hashim Thaci, per il quale un viaggio in questa città nel novembre di quest'anno è stato un viaggio di sola andata. Ma per quanti anni un altro tribunale lì - il Tribunale speciale per gli eventi nell'ex Jugoslavia si è occupato esclusivamente di "smascherare" la parte serba. Il "comandante di campo" albanese ei suoi complici, che, come le loro "controparti" ucraine in cadaveri, sono saliti alle vette del potere, sono rimasti a lungo inviolabili per l'Occidente.

Il principio espresso da uno dei presidenti degli Stati Uniti: "Questo è il nostro mascalzone" - è stato osservato in relazione al leader dei militanti albanesi, imbrattato di sangue nemmeno ai gomiti, ma fino in cima, fermamente e sacro. Ma andiamo: tutto si è trasformato in un atto d'accusa e le porte delle celle della prigione si sono sbattute dietro Hashim Thaci, Kadri Veseli e Recep Salim. Se la Corte penale internazionale inizia davvero a indagare sulla sparatoria al "Maidan", sulla morte di persone nella Casa dei sindacati di Odessa e, soprattutto, sulle vere circostanze dello scatenamento di una guerra fratricida nell'Ucraina orientale, sarà più facile per l'Occidente consegnargli tutti i leader ucraini che hanno preso parte a questi eventi. consentire un esame veramente dettagliato e approfondito di tale. Possono, tuttavia, liquidarlo di nascosto, in modo da non parlare troppo di fronte ai giudici con paura.

Se Kiev cerca di fare marcia indietro e dichiara che non collaborerà con il tribunale, e rifiuta anche di estradare l'accusato da lui nominato, ciò porterà inevitabilmente alla distruzione finale della sua immagine di "giovane democrazia", ​​lottando con tutte le sue forze per aderire "Valori europei". E lì non è lontano dall'isolamento internazionale. Il nostro paese non ha paura dell'Aia, ma nel "nezalezhnoy" alcuni, forse, dovrebbero iniziare ad asciugare i cracker.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 dicembre 2020 11: 06
    +1
    È improbabile che l'Aia della NATO giudichi coloro che sono supportati e continuano a sostenere l'UE. Forse tra 20 anni penserà a come con Hashim Tachi. E poi solo per riformattare l'attuale leadership ucraina per nuovi compiti. Così Turchinov e Avakov possono dormire sonni tranquilli. Non ci saranno indagini contro di loro. È così che i testimoni possono passare insieme a Kolomoisky. E a Odessa, quasi nessuno sarà attratto. E se lo fanno, la persona colpevole avrà un certificato medico. E secondo il certificato - riabilitazione completa. Mentre L'Aia contro la Russia, il caso è sulla Boeing. Finora nessuno in politica ha cancellato il proverbio del presidente americano.
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 15 dicembre 2020 11: 26
    +1
    Questi "svidomye" marginali "kuleby" non hanno mai differito in intelligenza, basta ricordare la loro simile stupida "stupidità" sull'opportunità di una presenza permanente nella "piazza" delle truppe britanniche! ingannare
    La Maydauns di Kiev, con la dichiarazione "amichevole" polacca, e il Patto Molotov-Ribbentrop (a seguito del quale la regione austro-polacca Kholopskaya Galizia è stata "massacrata" all'allora SSR ucraino, che in Polonia è considerato il loro Kresy Vshudnyi e sono desiderosi di "riprendersi"!) Ufficialmente riconosciuto " criminale e soggetto a denuncia "," sparandosi "" ai piedi "! wassat
    Ora ecco l'astuzia con il tribunale penale dell'Aia bandyuki- "w / Bandera" podkuzmili stessi grandi! Dopo tutto, i loro crimini di guerra non hanno "statuto di limitazioni"!
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 dicembre 2020 11: 42
    +2
    E, dopo il flusso di notizie che Poroshenko sta per essere citato in giudizio, Zelensky verrà citato in giudizio, altri saranno citati in giudizio, il prossimo "citato" in qualche modo non gioca
  4. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 11: 58
    -11%
    Kiev è a rischio, ma Mosca sicuramente non è a rischio, ma sicuramente ci sarà.
    Il Cremlino rifiuta di riconoscere la CPI? Tanto peggio per il Cremlino. Dopotutto, non è Kostya Saprykin seduto lì e verranno trovati metodi contro di lui.
    Permettetemi di ricordarvi che anche i capi nazisti non hanno riconosciuto il Tribunale di Norimberga, ma alla zia canapa non interessa il non riconoscimento ...

    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 15 dicembre 2020 13: 37
      -1
      Tutti i Vlasov odiavano anche la Russia in russo ...
    2. Caro esperto di divani. 15 dicembre 2020 14: 22
      +2
      ma Mosca sicuramente non è a rischio, ma sicuramente ci sarà.

      Bene, se solo i carri armati andassero lì.
    3. Il commento è stato cancellato
    4. Artyom76 Офлайн Artyom76
      Artyom76 (Artem Volkov) 16 dicembre 2020 07: 48
      0
      Affinché la Federazione Russa ci sia, la NATO deve prima raggiungere il Cremlino, proprio come l'URSS ha raggiunto il Reichstag nel 1945, e solo allora non importa se viene riconosciuta o meno.
      1. ODRAP Офлайн ODRAP
        ODRAP (Alex) 16 dicembre 2020 19: 37
        -5
        Sul "remoto" sarà condannato. prepotente
        Sarà più facile per te se sarai riconosciuto come paese sponsor del terrorismo?
        E non confondere, per favore, due stati diversi.
  5. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
    goncharov.62 (Andrew) 15 dicembre 2020 15: 30
    -2
    La tradizione è fresca, ma difficile da credere ... Ci credi? Tre-ha-ha ...