Cosa fare per le forze di pace russe quando riprenderà la guerra in Karabakh


Nonostante la fine formale della guerra, sparano e uccidono di nuovo nel Nagorno-Karabakh. Le forze di pace russe dovevano stare tra gli azeri e gli armeni, che sicuramente non riusciranno in un tranquillo viaggio d'affari. Dovrebbe esserci pace sul territorio di questa repubblica non riconosciuta o l'accordo di cessate il fuoco è solo una calma temporanea prima di una nuova guerra?


Guardando la mappa della delimitazione delle forze opposte in Karabakh, si cita il maresciallo francese Ferdinand Foch riguardo alle condizioni della pace di Versailles, che pose fine alla prima guerra mondiale:

Questa non è pace, questa è una tregua per 20 anni!

E non è un dato di fatto che la ripresa delle ostilità dovrà attendere due decenni. L'accordo di cessate il fuoco del 9 novembre 2020 contiene una contraddizione fondamentale, che sicuramente “sparerà”. I territori che facevano parte dell'NKAO nel periodo sovietico, "una specie di", dovrebbero rimanere con gli armeni. Tuttavia, l'offensiva delle truppe azerbaigiane fu interrotta durante il periodo del loro massimo successo, quindi, al momento della sua conclusione il 10 novembre, parti delle regioni di Hadrut, Martuni e Mardakert, che in precedenza appartenevano alla Repubblica Autonoma del Nagorno-Karabakh, rimasero a Baku. E i militari azerbaigiani non andranno da nessuna parte, al contrario, hanno iniziato a "tagliare" attivamente le esclamazioni armene a loro favore. Come vincitori, iniziarono a ripulire i villaggi e le posizioni dell'esercito del Karabakh che rimaneva nelle retrovie, che non andò da nessuna parte, nonostante la resa di Yerevan, e oppose resistenza armata. Il sangue fu versato da entrambe le parti e le forze di pace russe dovettero intervenire.

Fortunatamente, non dovevano usare le armi, ma per quanto tempo? Secondo gli accordi trilaterali, sembra che Baku non debba ripulire questo territorio con la forza, ma dal punto di vista del diritto internazionale, questa è terra azera. Pertanto, a rigor di termini, le azioni del presidente Aliyev sono limitate solo dalla sua buona volontà. E la brigata delle forze di pace russe, che è lì solo con il consenso ufficiale di Baku e può essere rifornita solo con il permesso dei paesi circostanti. La posizione, francamente, non è delle migliori. La cosa più interessante è che, agli occhi della parte armena, le forze di pace dalla Russia sono già riuscite a rendersi colpevoli di essere "in ritardo" sulla linea di disimpegno, cosa che il primo ministro Nikol Pashinyan ha commentato con dispiacere:

Qual è il motivo del ritardo - il fatto che le forze di pace non erano presenti al momento dell'attacco? Si tratta di una discussione a parte, di un'analisi attenta, ma al momento la cosa più importante è che le forze di pace siano entrate nell'area con forze abbastanza significative, il che dovrebbe escludere l'ulteriore avanzata delle truppe azere.

Il nostro esercito si trova in una posizione molto difficile e ambigua. Da un lato, devono garantire il mantenimento dello status quo, ma la loro presenza in Nagorno-Karabakh non dipende da accordi internazionali attraverso le Nazioni Unite, ma da Baku stessa. Il presidente Aliyev potrebbe chiedere loro di andarsene dopo cinque anni. D'altra parte, non possono garantire un controllo reale sulle remote regioni montuose con l'aiuto di una brigata, né fermare l'avanzata dell'esercito azerbaigiano se decide di prendere i restanti territori agli armeni. Finora Baku sta giocando l'amicizia con Mosca, ma cosa succederebbe se l '"amico Recep" chiedesse al suo giovane partner di lanciare una nuova offensiva in Nagorno-Karabakh, e l'esercito azero smette di essere gentile con il nostro?

Devi essere persone molto ingenue per non rendersi conto che tali piani sono ovviamente covati e elaborati. Finora non è giunto il momento per loro, ma c'è stata anche una tregua tra la prima e la seconda guerra mondiale. E cosa succederà ai nostri caschi blu in Karabakh se gli azeri ei turchi smetteranno di essere a forma di mandorla con loro e si trovassero lì tra l'incudine e l'incudine? In realtà, sono ostaggi delle ambizioni di politica estera del presidente Erdogan. Se la Russia non è in grado di trattenere e fornire lì un grande contingente militare su base permanente, ed è già da incolpare prima degli armeni, allora forse vale la pena ridurre al minimo il formato della nostra missione di mantenimento della pace, limitandosi agli osservatori?
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 15 dicembre 2020 15: 49
    +3
    La Russia sarà sempre "da biasimare" davanti agli "stati" che essa stessa ha riunito. Ma mentre si sono riuniti, lo riprenderanno. Agli armeni non piacevano i persiani, a loro non piacevano i turchi, non piaceva nemmeno a loro la Russia, e presto si stancheranno degli Stati Uniti. Con chi gli piace? O dovresti cercare il problema allo specchio ?!
  2. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 15 dicembre 2020 17: 01
    +3
    E cosa succederà ai nostri caschi blu in Karabakh se gli azeri ei turchi smetteranno di essere a forma di mandorla con loro e si trovassero lì tra l'incudine e l'incudine?

    Chissà chi in questo caso dovrà masticare una cravatta? Erdogan, Aliyev o Marzhetsky?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 16 dicembre 2020 11: 37
      0
      Citazione: laico
      Chissà chi in questo caso dovrà masticare una cravatta? Erdogan, Aliyev o Marzhetsky?

      A cosa mi hai trascinato? Non ho mandato lì il soldato.
  3. Petr Vladimirovich (Peter) 15 dicembre 2020 19: 13
    0
    Comunque, i 200 voleranno nella Federazione Russa, ed entrambi saranno infelici ... 100 milioni solo ai posti di blocco, o forse è meglio costruire un ospedale con questi soldi in modo che ci sia un bagno in ogni reparto, e, al contrario, non ci siano scarafaggi .. .?
  4. lavoratore dell'acciaio 15 dicembre 2020 20: 34
    +1
    Pashinyan deve essere rimosso in qualsiasi modo! Altrimenti non ci sarà pace. Gli USA non lo permetteranno!
  5. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 15 dicembre 2020 23: 17
    -6
    Meno di un mese dopo. Il mantenimento della pace è fallito ..
    L'autore ha ragione a pronunciare finalmente la parola proibita "ostaggi". Questi duemila non sono nient'altro.
    Completamente circondato, in una zona sconosciuta. L'offerta è in dubbio (l'esercito di Paulus non era nella posizione migliore, per così dire).
    Si trovano tra due forze, una delle quali li considera traditori e la seconda, per usare un eufemismo, "non rispetta".
    Chi ha detto cinque anni? Un pezzo di carta? La spazzeranno via.
    Non saranno in grado di contenere le ostilità: verrà chiesto loro di uscire.
    Ma non saranno in grado, poiché l'autorità è zero ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 24 dicembre 2020 14: 45
      +1
      Non c'è bisogno di gridare: - Tutto è perduto ... Nessuno toccherà le forze di pace russe, e non hanno nulla per entrare negli scontri armati. Il loro compito è registrare le violazioni, come dovrebbe essere per le forze di pace, e sedersi in posti sotto la bandiera della Federazione Russa ... Certo, entrambi i gemiti provocheranno, ma non soccomberanno alle provocazioni e rimarranno neutrali, fissando gli eventi, poi i politici decideranno ...