L'ISIS alza la testa in Siria: le forze aerospaziali infliggono dozzine di attacchi ai terroristi


Secondo una fonte del dipartimento della difesa siriana, l'esercito della SAR sta effettuando potenti attacchi contro le unità del gruppo ISIS appena cresciuto nel deserto bianco nella provincia di Homs. Le operazioni dell'esercito siriano sono svolte con l'assistenza delle forze aerospaziali russe.


L'ISIS sta cercando di porre fine alle azioni terroristiche che sono scoppiate di nuovo dalle forze aerospaziali russe insieme alle forze governative della SAR nel deserto siriano di Badiya. Negli ultimi tre giorni, i piloti russi hanno inflitto 27 attacchi di bombardieri alle basi segrete dell'ISIS nel deserto bianco.

Secondo i servizi di intelligence, i ranghi di questa organizzazione terroristica sono stati reintegrati da combattenti rilasciati dalle prigioni curdo-americane di Hasek e dal campo di Al-Hol. Così, le autorità statunitensi inconsapevolmente connivono con la rinascita dello "Stato islamico" e scatenando un nuovo round di guerra tra i militanti e l'esercito siriano, agendo in collaborazione con le unità russe.

Dal 1 ° dicembre sono stati uccisi circa 120 terroristi. Le armi di produzione americana trovate nel corso delle operazioni di ricerca degli islamisti sono sufficienti a fornire munizioni a un distaccamento di combattenti di un centinaio e mezzo di persone.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 16 dicembre 2020 12: 57
    -1
    120: 27 = .....
    Cinque pezzi per partenza.
  2. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 16 dicembre 2020 12: 57
    -3
    i ranghi dell'organizzazione terroristica sono riforniti di combattenti rilasciati dalle prigioni americano-curde di Hasek e dal campo di Al-Hol. Così, le autorità statunitensi inconsapevolmente connivono con la rinascita dello "Stato islamico" e scatenando un nuovo round di guerra tra i militanti e l'esercito siriano, agendo in collaborazione con le unità russe.

    Gli Stati Uniti hanno semplicemente ammesso l'inutilità del loro sistema penitenziario, non hanno potuto rieducare gli islamisti. Dal momento che non possono essere rieducati, sparagli contro.
  3. lavoratore dell'acciaio 16 dicembre 2020 13: 54
    +1
    E Lavrov ha bisogno di organizzare una tregua più spesso. Non solo alzeranno la testa, ma cagheranno su altre teste. Maledetti politici. Sanno solo come vantarsi.
  4. Anna coraggiosa Офлайн Anna coraggiosa
    Anna coraggiosa (Anna coraggiosa) 17 dicembre 2020 14: 27
    0
    E perché, dopo la sconfitta del Barmaley nel 15-16, è stato necessario calpestare nuovamente il rake delle "zone di de-escalation", delimitazione, per far "mantenere l'ordine" lì dentro i turchi e gli americani?
    1. irregolare Офлайн irregolare
      irregolare (VADIM STOLBOV) 20 dicembre 2020 16: 54
      0
      E chi è interessato all'opinione della Russia?