La Russia ha compiuto un grande passo verso il rilancio dell'aviazione civile


Il giorno prima si è svolto un evento molto importante per l'industria aeronautica civile nazionale. Il promettente aereo di linea MC-21 ha completato con successo il suo primo volo con una centrale elettrica di fabbricazione russa.


Il capo della società statale Rostec, Sergei Chemezov, ha commentato il volo di un'ora e mezza del promettente transatlantico di medio raggio come segue:

Questo volo è il risultato dell'unificazione di due programmi più importanti dell'industria aeronautica civile in Russia: l'aereo MS-21 e il motore PD-14. Grazie agli sforzi di scienziati, progettisti, ingegneri, lavoratori, viene creato un aereo di linea di nuova generazione, che riporta il nostro paese al vertice dell'aviazione mondiale.

Questo è davvero un grande passo verso la rinascita dell'industria aeronautica civile in Russia. Dopo la fine della produzione e delle operazioni del Tu-154, il nostro cielo appartiene quasi completamente al Boeing americano e all'Airbus europeo. In precedenza, si era puntato sulla cooperazione internazionale, ma sull'esempio del transatlantico Superjet a corto raggio si è scoperto che era fondamentalmente sbagliato. L'aereo si è rivelato quasi interamente assemblato con componenti importati, in particolare il 20% da quelli americani. Ciò ha portato il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti a vietare la vendita di aerei russi all'Iran. Un'altra questione critica è stata la dipendenza dai motori sviluppati insieme ai francesi. Per qualche ragione, è nei dettagli della produzione europea che i difetti vengono costantemente rilevati, causati da errori di calcolo costruttivi, motivo per cui i Superjet stanno più a terra in attesa di pezzi di ricambio per la riparazione che in volo.

Anche la dipendenza da partner stranieri ha influito negativamente sul progetto del transatlantico di medio raggio MC-21. Tuttavia, le sue prospettive sembrano molto migliori. Il velivolo fin dall'inizio è stato progettato per due motori diversi contemporaneamente: l'americano Pratt & Whitney PW1000G e il russo PD-14. Con una centrale elettrica degli Stati Uniti, il transatlantico è stato testato nel 2017, l'intrigo era se quello domestico sarebbe stato pronto. Buona notizie è che JSC "UEC-Aviadvigatel" ha affrontato il suo compito. I test di certificazione sono stati completati nel 2018. Attualmente, il motore aeronautico russo è in fase di certificazione secondo gli standard europei.

Il PD-14 ha un futuro, si prevede che conquisterà almeno il 10% del mercato interno dei motori turbofan nella classe di spinta 7-18 tonnellate. La sua versione più potente PD-18R può essere installata anche sui velivoli Tu-214, Il-96-300 e Il-96-400T. Il grande vantaggio di questa centrale elettrica è che è stata originariamente progettata con l'obiettivo principale di materiali russi e della tecnologia... La percentuale di componenti estranei al suo interno era relativamente piccola, quindi le sanzioni creavano qualche inconveniente, ma non potevano avere un impatto critico sulla sua produzione. Ciò significa che l'MC-21 ha il suo "cuore", non dipendiamo da nessuno in questa questione di principio.


Il secondo problema che ha ostacolato il transatlantico di medio raggio è stato l'uso diffuso di materiali compositi importati nelle ali e nella chiglia. Le sanzioni americane hanno vietato la fornitura di compositi dal Giappone e dagli Stati Uniti, il che ha spostato a destra la data di lancio del progetto. Abbiamo dovuto cercare con urgenza produttori nazionali che potessero sostituirli con l'importazione. Al momento sono in corso i test per le "ali nere" realizzate con materiali compositi di fabbricazione russa. Il loro completamento e la certificazione sono previsti entro la fine del 2021. I primi voli commerciali potrebbero iniziare già nel 2022.

Tuttavia, c'è un altro problema con la dipendenza dalla tecnologia importata per l'elettronica. Vi ricordiamo che i produttori esteri hanno chiarito che non sarebbero in grado di adempiere ai loro obblighi contrattuali per le forniture al nostro Paese, di cui ci occupiamo nel dettaglio detto prima. Queste restrizioni si applicheranno sia all'MS-21 che al Superjet. Al momento, Rostec dispone di un ampio stock di componenti che la società è stata in grado di acquistare per un utilizzo futuro, ma all'infinito non saranno sufficienti. La sostituzione delle importazioni è necessaria non solo per i compositi, ma anche per le apparecchiature elettroniche degli aeromobili. A complicare questo difficile compito, sono state introdotte nuove sanzioni americane contro l'industria aeronautica cinese e russa, che colpiranno, in particolare, imprese come Elekon Plant e Aviazapchast.

Ovviamente, la Russia deve concentrarsi sulla ricostruzione della sua base di componenti elettronici. Quindi l'MC-21 volerà come dovrebbe e il Superjet avrà la sua seconda vita. Speriamo che anche questo compito venga risolto in modo tempestivo.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 16 dicembre 2020 14: 18
    -3
    La Russia ha compiuto un grande passo verso il rilancio dell'aviazione civile

    Di questo passo in 15 anni!
    1. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
      antibi0tikk (Sergey) 16 dicembre 2020 14: 58
      0
      Perché solo 15 anni? Bene, questa non è una corsa di cento metri, dove sono corso al traguardo e mi sono rilassato. Diciamo solo che questo è un altro passo nello sviluppo. Dopo MS-21 e PD-14, ci saranno sia MS-25 che PD-37, o qualsiasi altra cosa inventata dai nostri progettisti. L'importante è non restare fermi, e ancor più non arretrare, come gli ucraini con Antonov.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 16 dicembre 2020 17: 07
    +2
    Sempre più passaggi. Sembra già camminare. buono

  3. Enoch Офлайн Enoch
    Enoch (Enoch) 16 dicembre 2020 22: 27
    -3
    Il PD-14 è dolorosamente basso rispetto alla Terra, tutta la polvere e l'acqua dalla pista verranno attirate.