Guerra senza permesso: i cambiamenti nella NATO rappresentano una minaccia diretta per la Federazione Russa


Non molto tempo fa, il rapporto "NATO-2030", preparato per ordine del Segretario generale di questo blocco politico-militare, è diventato pubblico. Per noi questo documento è interessante, prima di tutto, perché è, molto probabilmente, che diventerà la base della strategia aggiornata dell'Alleanza del Nord Atlantico, che andrà a sostituire quella attuale, adottata in tempi lontani e molto diversi dagli attuali 2010.


Senza dubbio, i suggerimenti e le raccomandazioni formulate in questo lavoro veramente fondamentale non saranno necessariamente attuate. Tuttavia, vale certamente la pena analizzarli e, su questa base, cercare di prevedere le possibili linee di comportamento del nostro potenziale avversario.

Russia "dissolvenza", che "incubi" tutti


Il punto di partenza per la creazione di una revisione analitica molto voluminosa (quasi 70 pagine), contenente in aggiunta quasi un centinaio di raccomandazioni, è stato il vertice dei leader NATO del 2019 tenutosi a Londra. Fu allora che si udirono le famose parole del presidente francese Emmanuel Macron sulla "morte cerebrale" dell'Alleanza, ei compagni d'armi, profondamente offesi dalla diagnosi fatta da Parigi, diedero a Jens Stoltenberg un ordine: se lei è Segretario generale, per favore, prepara un concetto intelligente e scientificamente fondato di riforma del blocco. In modo che tutti non chiamino nomi ... Il principale membro della NATO ha preso sul serio la questione e ha attratto coloro che considerava le migliori menti del nostro tempo.

La mano nella creazione del rapporto, in particolare, è stata data dall'ex capo del ministero dell'Interno tedesco Thomas de Mezieres, Aaron Mitchell - Sottosegretario aggiunto per gli affari europei ed eurasiatici (anche se anche un ex). Hanno contribuito, come affermato, anche scienziati, militari, politica, "Principali rappresentanti delle imprese". Umanitari, tecnocrati, burocrati di 30 paesi dell'Alleanza del Nord Atlantico - hanno lavorato tutti al rapporto per 8 mesi. Ora questo lavoro epocale è finalmente completato e sottoposto al giudizio sia dello stesso Stoltenberg che di altri leader dell'Alleanza. Il dibattito su questo tema si preannuncia di breve durata: inizialmente un nuovo vertice ai massimi livelli, nel corso del quale l'adozione di un nuovo concetto strategico della NATO, era previsto per l'estate-autunno del prossimo anno. Tuttavia, alla luce dell'elezione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che segnalava con tutte le sue forze il desiderio di "rilanciare l'unità transatlantica", i leader dei paesi dell'Alleanza hanno deciso di colpire il ferro a caldo e di incontrarsi in primavera. E poi dire: se credete agli autori del rapporto, la situazione è urgente.

Qual è, secondo loro, la principale minaccia alla pace e alla stabilità nel mondo oggi? Il vecchio spauracchio del "terrorismo internazionale" che si è completamente risolto è stato dimenticato e gettato nel cestino perché del tutto inutile. Oggi, la NATO si trova ad affrontare una "minaccia militare e ideologica" rappresentata da "Stati autoritari i cui programmi di politica estera revisionista li costringono a tentare aggressivamente di espandere la propria influenza e potere". Di chi stanno parlando questi ragazzi intelligenti? Sì, su di noi, ovviamente. E, naturalmente, sulla Cina. Allo stesso tempo, gli analisti dell'Alleanza del Nord Atlantico vedono la Russia come un paese che "sta chiaramente appassendo economicamente e demograficamente", ma allo stesso tempo "mostra costantemente un desiderio di aggressione territoriale". I primi tentativi di costruire una sorta di "relazione strategica di parità" con Mosca, secondo gli autori del rapporto, sono stati una perdita di tempo. Puoi costruire con questi russi ?!

Inoltre, come al solito, il documento contiene un elenco di rivendicazioni specifiche contro il nostro paese: immagina, ha l'audacia di "costruire potenza militare nelle regioni del Mar Nero e del Mar Baltico" (va bene che questo sia effettivamente il nostro territorio?), E anche " conduce operazioni militari vicino ai confini dell'Alleanza "- qui come esempio ... si citano gli esercizi" Kavkaz-2020 ". Nessun commento. Inoltre, i russi "stanno dimostrando di essere pronti a usare armi chimiche sul territorio della NATO" - questo è, se qualcuno non ha indovinato, su Salisbury e gli Skripal. E anche "eseguire l'aggressione in forme non tradizionali". No, no, per niente quello che pensavi! Ciò significa "attacchi di hacker, interferenze nelle elezioni, sostegno all'estremismo e al separatismo in Europa". In una parola, una serie delle accuse russofobe più assurde e inverosimili. In questo contesto, la menzione di "attacchi all'Ucraina e alla Georgia" sembra una totale mancanza di creatività.

Mondo? Solo ai termini della NATO


È interessante notare che in questo rapporto la Cina viene citata in un contesto leggermente diverso, sebbene sia citata un po 'meno frequentemente della Russia (90 volte contro 100). Il Celeste Impero appare all'Alleanza Nord Atlantica non come un militare (nonostante "l'espansione della presenza militare nel mondo e lo sviluppo di armi con copertura globale" indicata nel testo), ma come un rivale economico e ideologico. Il motivo è semplice: l'Occidente oggi semplicemente non può esistere senza la Cina come partner commerciale e il più importante centro produttivo e tecnologico mondiale. Lo stesso Jens Stoltenberg è costretto ad ammettere che Pechino "non è nemica della NATO".

Tuttavia, chiarisce subito: il desiderio di questo Paese di leadership in alcune aree e i suoi sforzi per "trasformarsi in un mondo leader tecnologico superpotenza "sono, ovviamente, una" sfida al vantaggio tecnologico e alla sicurezza "dell'Alleanza del Nord Atlantico e dell'intero" Occidente collettivo ". Ora, se la Cina, come una volta, "conoscesse il suo posto" e si accontentasse del ruolo di "officina mondiale", fornendo ai "paesi civili" manodopera a basso costo e condizioni discrete per fare affari, forse anche "essere amici". E se abbandonasse l '"ideologia comunista totalitaria" - e persino accettasse tra i nativi "corretti", oscurati dalla radiosità dei "valori democratici". Ma poiché Pechino si rifiuta ostinatamente di "prendere la strada giusta", dovrebbe essere "contenuta" e "contraria alla sua politica espansionistica". Per inciso, anche nei confronti della Russia vengono espresse speranze di "convivenza pacifica". Tuttavia, dal punto di vista della NATO, è possibile solo se Mosca "cambia radicalmente il suo comportamento". Il rifiuto di sostenere le Repubbliche del Donbass e il trasferimento della Crimea all'Ucraina sono citati come indicatori concreti di tali cambiamenti.

Cioè, in sostanza - una resa completa e incondizionata nemmeno alla NATO stessa, ma a uno dei suoi burattini più vili. E non c'è dubbio che se queste condizioni umilianti saranno soddisfatte, niente finirà lì. Il giorno successivo i nordatlantisti ordineranno alle forze di pace russe di lasciare Transnistria, Nagorno-Karabakh, Abkhazia e Ossezia meridionale. E sui confini ucraini e georgiani in questo momento saranno già in piedi, riscaldando i motori, le colonne dei carri armati, progettati per "ripristinare l'integrità territoriale". A proposito, per quanto riguarda Tbilisi e Kiev, le prospettive per loro sono molto luminose nel documento che stiamo discutendo. Le porte della NATO si stanno aprendo sempre di più per loro - infatti, la questione dell'adesione all'Alleanza di Ucraina e Georgia non è più nemmeno in discussione. L'argomento della "discussione al più alto livello", come credono, può essere solo un periodo di tempo e una procedura specifici per l'ammissione di questi nuovi membri "inestimabili". Ciò deve essere fatto, come sottolineano gli autori del rapporto, nonostante "la forte pressione che il Cremlino esercita sulla parte ucraina e georgiana, bloccando deliberatamente il loro cammino verso l'Alleanza".

In linea di principio, questo passaggio da solo è sufficiente per immergersi completamente nelle intenzioni di coloro che oggi stanno ponendo la pietra angolare della strategia della NATO per il prossimo decennio, almeno. Non si parla nemmeno di tentativi di dialogo, di raggiungimento di un consenso o di un compromesso reciprocamente accettabile per Russia e Alleanza. Intendono “contenere adeguatamente il nostro Paese con l'uso dell'intero arsenale di armi sia convenzionali che nucleari,“ per resistere alla sua aggressione in ogni modo possibile ”, potenziando la potenza d'attacco dell'Alleanza ai nostri confini occidentali. Si propone che le sanzioni "non solo vengano estese, ma rafforzate in conformità con il comportamento di Mosca", cioè all'infinito ...

Purtroppo, non si tratta solo di sanzioni. Per chi ancora dubita delle vere intenzioni della dirigenza militare dell'Alleanza, faccio un solo esempio specifico e molto eloquente: come è diventato noto di recente dal messaggio ufficiale delle Ferrovie lituane, si sta costruendo l'autostrada Rail Baltica attualmente in costruzione, prima di tutto, per garantire il trasferimento delle attrezzature militari NATO a est. Permettetemi di ricordarvi che una "linea" ferroviaria di 950 chilometri collegherà l'Estonia, la Lettonia e la Lituania attraverso la Polonia con l'Europa occidentale. Quindi - i siti destinati al carico e allo scarico di attrezzature militari pesanti, ognuno dei quali potrà accogliere almeno 3 treni con 300 unità di equipaggiamento ciascuno, saranno situati nei distretti di Kazlu Ruda, terminal di Kaunas a Palemonas, Jonava e Panevezhes. Tra di loro, è prevista la posa di un'intera rete di autostrade - per fornire alle truppe una manovrabilità ancora maggiore. Oggi, i combattenti dell'Alleanza sono costretti a scaricare i treni al confine con la Polonia, al terminal di Sestokai. La creazione di un'infrastruttura completamente nuova renderà sicuramente il loro compito molto più semplice. Penso che non valga la pena spiegare: quale?

Un'altra innovazione molto preoccupante proposta nella relazione è l'idea di creare due meccanismi completamente nuovi all'interno dell'Alleanza. In primo luogo, stiamo parlando di un determinato organismo che consentirà di prendere decisioni importanti senza molto ritardo, letteralmente entro 24 ore. Perché tutto ciò è necessario? Non è un segreto per nessuno che molte contraddizioni e conflitti si siano accumulati all'interno del blocco, il che si traduce nel blocco da parte di alcuni dei suoi membri delle iniziative di altri. La stessa Turchia ha praticamente "rovinato il sangue" dei suoi stessi alleati, difendendo i suoi interessi e ponendo il veto sui piani per "proteggere la Polonia e gli Stati baltici dall'aggressione russa", o qualcos'altro. Adesso si prevede di innalzare al massimo la “soglia” di tale opposizione, trasferendo poteri per risolvere le questioni più gravi e urgenti nelle mani degli “alti funzionari” della NATO e dei suoi paesi membri. Ma questa non è la cosa più spiacevole ...

La possibilità di "creare coalizioni temporanee all'interno dell'Alleanza" è oggetto di seria discussione, in modo che "i paesi alleati possano svolgere operazioni urgenti senza attendere l'approvazione universale". Ma questo è già estremamente pericoloso per noi! Mi spiego con un altro esempio specifico: diciamo che uno dei paesi baltici ha assistito a una "aggressione ibrida" da parte della Russia. Richiede "azioni di ritorsione" immediate, inoltre, di natura militare. La Polonia sostiene con entusiasmo l'idea. Gli Stati Uniti non sono affatto contrari ... Tuttavia, Germania e Francia sono categoricamente contrarie a un'avventura del genere, non volendo assolutamente una nuova guerra europea. Nelle condizioni attuali, i piromani baltici dovranno gridare abbastanza per calmarsi. Ma cosa succederebbe se la NATO intraprendesse comunque la strada della costruzione di "coalizioni interne" con poteri espansi? In questo scenario, provocare un conflitto armato ai nostri confini occidentali sarà più facile che mai.

Come ho già detto, non è affatto un fatto che le idee presentate nella relazione saranno pienamente attuate. La NATO deve ancora fare una scelta definitiva. Spero che non venga fatto a favore della guerra.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 dicembre 2020 10: 15
    +2
    una sfida al vantaggio tecnologico e alla sicurezza "dell'Alleanza Nord Atlantica e dell'intero" Occidente collettivo "

    In ritardo, mancava la Cina. Porta già il suolo lunare e gli americani si sono messi in fila per riceverlo. Quindi, tecnologicamente, l'Occidente è già rimasto indietro e fuma sulla piattaforma, guardando le tracce del treno del progresso cinese in uscita.
  2. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 17 dicembre 2020 10: 40
    +1
    Certo che la Germania è contraria ... non la Polonia pagherà la presenza degli americani sul suo territorio.
  3. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 17 dicembre 2020 11: 59
    +5
    I principali paesi europei come Germania, Francia, Italia e Austria non sono affatto entusiasti di tutte queste folli iniziative della NATO, proposte principalmente dagli americani, ovviamente, perché sono gli Stati Uniti che svolgono il ruolo di primo piano nella NATO, ma i piccoli bastardi completamente dipendenti, non avendo posizioni e opinioni proprie, sono molto interessati a gonfiare ancora di più la tensione tra NATO e Russia, perché in questo caso, a causa della loro posizione geografica, stanno cercando di trarre da questo almeno qualche vantaggio finanziario e almeno in qualche modo aumentare il loro significato tendente a zero in realtà !!!
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 17 dicembre 2020 12: 57
    +3
    "Creare coalizioni temporanee all'interno dell'Alleanza"

    Questo sembra essere lo scopo principale della relazione.
  5. Ten041 Офлайн Ten041
    Ten041 19 dicembre 2020 05: 29
    +2
    Se vogliono combattere, allora combatteremo, ma difficilmente li accontenterà. Ora non è il 1941 e gli Yankees non se la caveranno con la Pearl Harbar bruciata.
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 25 dicembre 2020 14: 13
    +2
    Espandere la portata della NATO oltre il tropico settentrionale, ad es. infatti per il mondo intero, non è questa una manifestazione del desiderio di aggressione nell'esecuzione delle funzioni di gendarme insieme agli Stati Uniti nel mondo?
    I tentativi di costruire partenariati con la NATO, non con la Cina (!!!), provenivano da Mosca e riguardavano la creazione di un sistema di difesa missilistica singolo o settoriale.
    La politica è un derivato dell'economia e la rottura delle relazioni economiche con la Repubblica popolare cinese è inaccettabile per la NATO-UE. Pertanto, la RPC non può essere definita un nemico, il che non ostacola gli sforzi per screditare il ruolo guida del Partito Comunista e cambiare il sistema sociale della RPC, e questo è fondamentalmente e per molto tempo.
    Il pericolo di piccoli conflitti di confine che si trasformano in una Grande Guerra nel possibile uso di armi nucleari tattiche - artiglieria e altre armi nucleari a basso rendimento, perché la mobilitazione totale, industriale, potenziale militare della NATO è molte volte (!) Superiore al non -capacità nucleari della Federazione Russa nel respingere l'aggressione non nucleare della NATO, e se la Federazione Russa lo applicherà - sarà sicuramente riconosciuto come il colpevole indipendentemente da qualsiasi argomento.