NYT: i russi hanno neutralizzato miliardi di investimenti nella sicurezza degli Stati Uniti


L'amministrazione statunitense ha speso decine di miliardi di dollari per la sicurezza informatica del Paese. A Fort Mile, nel Maryland, è stato costruito un enorme centro di comando per il Cyber ​​Command statunitense, scrive il quotidiano americano The New York Times.


In tutto il paese furono dispiegati i sensori di sicurezza di Einstein, il cui solo nome, con un pizzico di genio, avrebbe dovuto impedire agli aggressori di scavare nella rete americana. Tuttavia, tutto ciò non ha aiutato a identificare un attacco informatico di spionaggio su larga scala contro agenzie governative e imprese private. È durata dalla primavera del 2020 ed è stata rivelata dal settore privato solo alla fine dell'autunno. Questo attacco informatico è uno dei più grandi fallimenti dell'intelligence statunitense.

Einstein non si è accorto di nulla, gli hacker russi sono riusciti a bypassare il sistema. Di conseguenza, hanno semplicemente neutralizzato miliardi di dollari negli investimenti in sicurezza degli Stati Uniti.

La NSA e l'IDB degli Stati Uniti stavano guardando altrove. Erano più preoccupati di difendere le elezioni presidenziali. Secondo la strategia di "difesa preventiva", i "beacon" collocati nelle reti di potenziali avversari avrebbero dovuto avvertire dell'imminente minaccia di hacking e fornire contromisure.

Secondo la fonte, gli investigatori non hanno trovato alcun hacking di sistemi classificati, solo quelli non classificati, collegati a Internet, sono stati colpiti. Il 16 dicembre, il senatore Richard J. Durbin, un democratico dell'Illinois, ha definito l'attacco informatico russo "una dichiarazione di guerra de facto". Ma si sbaglia, dal momento che tutti i paesi si spiano a vicenda e gli Stati Uniti non fanno eccezione.

I russi negano il loro coinvolgimento. L'ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha dichiarato lo stesso giorno che Washington continua i suoi tentativi infondati di accusare Mosca.

Funzionari dell'amministrazione Trump hanno ammesso che l'hack ha compromesso diversi ministeri e dipartimenti americani in Russia. Gli investigatori stanno ancora cercando di determinare la misura in cui sono stati colpiti i militari, la comunità dell'intelligence e i laboratori nucleari.

Si sospetta che dietro questo hack su larga scala ci sia l'SVR della Federazione Russa, specializzata nel furto di segreti. Gli specialisti SVR hanno fatto grandi sforzi per nascondere le loro tracce. Secondo la fonte, hanno effettuato attacchi da indirizzi Internet americani. Gli hacker hanno identificato le vulnerabilità e sono stati in grado di entrare nei sistemi governativi attraverso i sistemi periferici. L'SVR si sta avvicinando alla CIA e alla NSA, ha concluso il giornale.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
    goncharov.62 (Andrew) 17 dicembre 2020 18: 39
    +2
    E cosa? No, e nessun processo. Non tutto il gatto è un piatto di burro. Il cappello del ladro è in fiamme. Non c'è forza, non è necessaria alcuna mente, nessuna mente, considera uno storpio...
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 18 dicembre 2020 02: 26
    0
    Le ragazze interessanti stanno ballando

    ... attacchi da indirizzi Internet americani,

    ma gli americani danno subito la colpa alla Russia??! wassat
    Beh, etero, fantastici "narratori", se non peggio! ingannare
  3. bzbo Офлайн bzbo
    bzbo (Dottore nero) 19 dicembre 2020 03: 06
    0
    Puramente come per scherzo, quando i bambini, superando in astuzia il lupo e tenendo la testa contro la porta, gli fecero ciò che volevano) Quando gridò: - "Cosa state facendo lupi", gli fu risposto - "State zitti, voi -zel"