Il Cremlino "zeri" Zelenskyj. Quali segnali ha inviato Putin all'Ucraina in una conferenza stampa


L'attuale tradizionale conferenza stampa del Presidente della Russia è trascorsa senza grandi eccitazioni, sensazioni e scandali. Alcuni lo consideravano addirittura "noioso". Tuttavia, per chi sa trarre conclusioni sulla base della quantità minima di informazioni, e soprattutto dal contesto generale, è perfettamente in grado di fornire cibo per la mente. In particolare, per quanto riguarda l'argomento, le domande sulle quali sono state ascoltate per molti anni in ogni evento del genere - le relazioni tra il nostro paese e l'Ucraina.


Poco è stato detto, ma abbastanza per gli intelligenti, come si suol dire.

Abbiamo vissuto e visto ...


Prima di tutto, vale la pena notare che nel rispondere a una domanda sulle prospettive di dialogo tra Mosca e Kiev, nonché sulla risoluzione della situazione nel Donbass, Vladimir Vladimirovich ha accuratamente evitato di chiamare il presidente "nezalezhnaya" con il suo nome e cognome. Solo a me sembra che nel caso del nostro leader, questo, per usare un eufemismo, non sia il segno migliore? Tuttavia, questi sono particolari. Putin ha detto in modo abbastanza concreto di non avere più fiducia in nessuno dei rappresentanti del governo ucraino, che, nelle sue parole, “si fondano sulla fiducia della maggioranza degli elettori”, che ricevono “usando gli slogan di unire il Paese”. Il problema è che in realtà succede qualcosa di completamente opposto. Il nostro presidente vede il motivo di questa "mancanza di coraggio", che fa sì che i vincitori delle elezioni ucraine "guardino indietro ai nazionalisti". La questione della risoluzione della crisi nell'est dell'Ucraina, secondo Vladimir Vladimirovich, "dipende dal suo potere".

Tuttavia, ecco una sfumatura interessante: non completamente, ma solo "in molti modi". Con questa riserva, Putin sottolinea ancora una volta politico la mancanza di indipendenza di Kiev, o chiarisce che le autorità locali non potranno comunque decidere da sole il destino degli abitanti del Donbass. Inoltre, il presidente si è espresso più direttamente su questo punto, affermando che i politici ucraini che stanno chiaramente seguendo la via dell'abbandono degli accordi di Minsk "non potranno riconsiderare nulla unilateralmente". Il nostro presidente riassume l'esito dell'incontro di Parigi nel "formato Normandia" in modo chiaro e concreto "da quanto concordato, nulla è stato fatto e non è stato rilasciato". Soprattutto - "in termini di soluzione politica". Di conseguenza, questo "legge tra le righe" più che chiaramente, né nuovi incontri né nuove conversazioni sono del tutto inappropriati.

È giunto il momento di ricordare esattamente come Vladimir Putin ha parlato di Zelenskyj poco più di un anno fa - dopo essere stato eletto presidente della "nezalezhnaya". Per la prima volta, ha parlato più o meno in dettaglio su questo argomento durante il Forum economico internazionale di San Pietroburgo, che si è svolto a meno di un mese da questo evento "epocale". Va notato che anche allora Vladimir Vladimirovich, a quanto pare, non ha avuto particolari illusioni sul suo nuovo "collega". Lo ha caratterizzato, prima di tutto, come un "attore di talento", suggerendo in modo abbastanza trasparente che l'ex comico avrebbe bisogno di "qualità, esperienza e conoscenza completamente diverse" per guidare il paese rispetto a quelle che ha. Allo stesso tempo, ha aggiunto che l'indicatore principale sarà se "il nuovo capo di stato ha abbastanza coraggio per prendere decisioni e assumersi la responsabilità delle loro conseguenze". Quindi Putin ha spiegato che non aveva fretta di congratularsi con Zelenskyj per la sua elezione a causa delle sue "dichiarazioni contraddittorie, in cui la Russia è ancora definita un nemico e aggressore".

Tuttavia, il leader russo ha espresso la speranza che il nuovo presidente ucraino "determini ciò che vuole ottenere". Allo stesso tempo, Putin ha detto di "non rifiutare i contatti" con lui, aggiungendo a questo il sacramentale: "aspetta e vedi". Vissuto. Abbiamo visto ... In un futuro molto prossimo, la retorica del leader russo riguardo a Zelenskyj è diventata notevolmente più dura: ha consigliato a Zelenskyj "di capire che non è in una commedia, ma in una tragedia", e finalmente ha iniziato a mantenere le sue stesse promesse elettorali riguardanti l'instaurazione della pace nel Donbass. ... Poi c'è stato il vertice di Parigi, il primo e l'ultimo incontro dei due presidenti. Quello che, in questa conferenza stampa, Putin, infatti, ha definito del tutto inefficace.

Dalle parole ai fatti


Non importa quanto breve sia stato il discorso di Vladimir Vladimirovich sulla questione "Ucraina-Donbass", se ne possono trarre conclusioni concrete. Il Cremlino è finalmente diventato deluso dalla parte ucraina, dalla sua negoziabilità e, soprattutto, dalla capacità di cambiare effettivamente qualcosa nelle questioni chiave che determinano l'agenda nelle relazioni tra i due paesi. Per quasi un anno dopo l'incontro di Parigi nel "formato Normandia", Kiev è riuscita a imitare le attività violente per attuare le sue decisioni. Tuttavia, quando è diventato chiaro che nessuno avrebbe preso in giro la parte ucraina al valore nominale, una dopo l'altra, dichiarazioni estremamente ostili e persino un po 'minacciose hanno cominciato a suonare dalla "no-profit". Era il "piano di Kravchuk", completamente contrario a "Minsk" e, quindi, del tutto inaccettabile né per DPR e LPR, né per la Russia. Quell'affermazione della stessa figura che ha cominciato a chiedere che il nostro Paese venga “disconnesso da SWIFT”. Una vera sensazione sono state le rivelazioni del portavoce della delegazione ucraina nel TKG di Minsk, Oleksiy Arestovich, che ha apertamente ammesso che "le politiche di Poroshenko e Zelensky verso il Donbass coincidono quasi completamente". L'amministrazione presidenziale ucraina intende, nonostante tutto quanto concordato sia a Minsk che a Parigi, esigere un trasferimento incondizionato del confine e l'ingresso di un "contingente di peacekeeping Onu" nel Donbas. Essenzialmente, le truppe della NATO.

Inoltre, ora Kiev, molto probabilmente, sarà molto attiva nel cercare di entrare nel "formato Normandia" anche per Stati Uniti e Gran Bretagna. Cioè, la trasformazione di questa piattaforma negoziale già, francamente, poco efficace in un incontro dei russofobi più incalliti. Con molta fiducia, possiamo presumere che il nostro Paese non prenderà parte a questo tipo di "ritrovi" in nessuna circostanza, il che ridurrà a zero il loro significato e valore.

L '"azzeramento" di Zelensky e della sua "squadra" agli occhi di Mosca è causato non solo dai punti sopra, ma anche da una serie di altri, che indicano non meno chiaramente ed inequivocabilmente la riluttanza dell'Ucraina a percorrere la strada di una soluzione pacifica del conflitto nel Donbas e almeno una relativa normalizzazione delle relazioni con la Russia. ... Parlano da soli le manovre provocatorie con la partecipazione di militari stranieri che non si sono fermati tutto l'anno scorso sul territorio del "no profit", i colloqui sempre più concreti sulla costruzione di basi militari nel Paese per paesi NATO (la stessa Gran Bretagna) e simili. A questo si aggiungono le incessanti iniziative russofobe di politici e funzionari governativi a vari livelli e le "delizie" legislative di Kiev, volte a perseguitare non solo i cittadini russi, ma anche la sua stessa popolazione di lingua russa.

A titolo di esempio si può citare il disegno di legge presentato dal Consiglio dei Ministri al parlamento locale sull '"internamento" dei russi che si trovano in territorio ucraino, o il divieto totale dell'uso della lingua russa in ogni sfera pubblica, dalla medicina al settore dei servizi, che entrerà in vigore il 16 gennaio del prossimo anno. Anche la malsana attività del "non profit" a livello internazionale non si placa - lasciatemi ricordare che, ad esempio, il 30 aprile di quest'anno, la Verkhovna Rada locale ha adottato la famigerata risoluzione n. 3068, in cui invitava la "comunità internazionale" a riconoscere la Russia come un "paese aggressore", per condannarla, e, cosa più importante, in nessun caso le sanzioni precedentemente imposte dovrebbero essere revocate. A proposito, ogni singolo parlamentare del partito Servant of the People di Zelenskyj che ha votato per questo capolavoro della russofobia è stato successivamente incluso nell'elenco ampliato di persone contro le quali il nostro paese ha imposto sanzioni personali. Debole, ovviamente, ma almeno qualcosa.

In verità, ciò che è più intrigante nelle recenti parole di Putin è il passaggio secondo cui la Russia intende "continuare ad aiutare il Donbass", e "non solo in campo umanitario, ma anche attraverso la cooperazione diretta". Inoltre, secondo il presidente, "il sostegno continuerà a crescere". Sapete, la tesi della "cooperazione diretta" può essere interpretata in modo molto, molto ampio. Naturalmente, solo Vladimir Vladimirovich stesso sa cosa si intende esattamente con queste parole. Possiamo solo immaginare. Ulteriori passi per concedere a tutti la cittadinanza russa nel DPR e LPR? Cooperazione ufficiale dello Stato russo con le autorità locali, da cui il riconoscimento delle stesse Repubbliche è a due passi? Qualcosa suggerisce che in questo caso la questione non sarà limitata a un paio di nuovi convogli umanitari. E qui Kiev ha davvero qualcosa di cui preoccuparsi.

Con il suo discorso in una conferenza stampa, Vladimir Putin ha chiarito che Mosca non intende più correlare le sue azioni né con l'Ucraina stessa né con la "comunità mondiale" che incombe alle sue spalle, dando sempre più carte bianche al "non profit" per trascinare il processo di pace. insediamento. Coloro che ostinatamente continuano i tentativi inadeguati di trasferire alla Russia la colpa della guerra civile in corso nel paese dal 2014 alla Russia dovrebbero prestare attenzione alla risposta presidenziale alla domanda di un rappresentante dell'Aeronautica: “Sì, siamo bianchi e birichino! Rispetto a te ... ”A proposito, anche il fatto che Putin praticamente non abbia comunicato con i rappresentanti dei media stranieri lo testimonia molto. La Russia, a quanto pare, è davvero pronta a sbarazzarsi dell'abitudine umiliante e forse più dannosa di tutta la sua storia: vivere con un occhio all'Occidente. Qualunque cosa pensino e dicano di noi, è, in linea di massima, affare loro. Il paese non si chiude in se stesso, restituisce semplicemente l'autostima.

Per inciso, il rappresentante dell'Ucraina, Roman Tsymbalyuk, che era presente all'evento, ha capito tutto molto correttamente. Nella sua intervista esplicita, pubblicata subito dopo la conferenza stampa presidenziale in uno dei media ucraini, ha detto: "Putin ha chiarito che tutte le iniziative di Zelenskyj sulla" disoccupazione "non hanno nulla a che fare con la vita ... Russi pronto a negoziare con noi solo sulle concessioni e sulla resa ... ”Ebbene, finalmente arrivò anche a quello. Meglio tardi che mai.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 18 dicembre 2020 10: 12
    -14%
    Se il leader di un paese ripete le stesse frasi per cinque anni, e tutto quello che viene detto sui nuovi eventi non ha nulla a che fare con la realtà, i cittadini del suo paese dovrebbero probabilmente pensare al futuro. Se non il paese, almeno il nostro. Poiché la perdita della capacità di notare la realtà spesso porta a una fine fatale.
    Nel complesso, assolutamente tutto ciò che Putin ha detto oggi si inserisce perfettamente in tre sole tesi generali. Al mondo non piace la Russia. Tutti i problemi della Russia e dei russi sono temporanei e saranno presto risolti. Non ci sono alternative all'attuale governo e non può esserlo.
    1. Vall eremkin Офлайн Vall eremkin
      Vall eremkin (Valle Eremkin) 18 dicembre 2020 13: 46
      +5
      Leggi distrattamente e capovolgi tutto.
    2. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 18 dicembre 2020 16: 22
      -5
      Vede la realtà.
      Questo è solo un parallelo ...
    3. Taisiya Офлайн Taisiya
      Taisiya (Taisiya) 19 dicembre 2020 18: 23
      +6
      Igor Berg,

      ..... la Russia non è amata nel mondo.

      Grazie Dio. Anche se a loro non piace ulteriormente. Di certo non abbiamo bisogno del loro amore ed è addirittura micidiale.
      Eravamo già amati negli anni '90: hanno quasi perso il nostro paese. Amano l'Ucraina. Come ti fa sentire? Ti piace essere amato?
      Cos'è l'amore in politica? Perché sono questi sentimenti? Qualsiasi politica è una continuazione dell'economia. E nell'economia ci sono solo interessi, metodi per utilizzare questi interessi e mezzi per realizzare questi interessi. Tutti. Ci sono solo due criteri: redditizio / non redditizio. Lascia che mantengano l'amore.
  2. lavoratore dell'acciaio 18 dicembre 2020 10: 47
    -15%
    L'Ucraina non fa nulla e noi non faremo nulla. Le persone non muoiono di fame e questo ci va bene. Questo è il significato di quanto si è detto sul Donbass. In Russia viviamo secondo il principio: "Se solo non fosse peggio". E poi il Donbass è un altro problema. La cosa principale di Nabiulin negli Stati Uniti "babosy" invia costantemente, $ mlr. ogni anno in Russia sempre di più atleti senza stemma e bandiera accettano di esibirsi. In generale, Putin è felice della vita, ma in quale altro modo, dopotutto, bianco e soffice!
    1. Vall eremkin Офлайн Vall eremkin
      Vall eremkin (Valle Eremkin) 18 dicembre 2020 13: 51
      +4
      Chi sta morendo di fame? Ottieni informazioni dai fumetti? Aiutano il più possibile o entrano in guerra contro l'Ucraina.
    2. polev66 Офлайн polev66
      polev66 (Alexander) 18 dicembre 2020 18: 46
      +3
      si. lasciato per il bene della lista dei desideri del commentatore sul sito web giallo dei soldati russi da mandare a morire. mentre qualcuno seduto in cucina a grattarsi la pancia di birra li scarabocchia intervallati da slogan di fazzoletti e sic.
  3. sindacalista Офлайн sindacalista
    sindacalista (Dimon) 18 dicembre 2020 11: 33
    -12%
    Cool Header - Zero Zero risata
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 18 dicembre 2020 11: 37
    -4
    Un altro ukrosliv. "Zero" ogni giorno e la vita va avanti da sola.
  5. Vadim Ananyin Офлайн Vadim Ananyin
    Vadim Ananyin (Vadim Ananyin) 18 dicembre 2020 13: 09
    +5
    Il PIL guarda davvero l'intera situazione. Non ha alcun interesse per il pragmatismo. Cosa farà Kiev in seguito a una simile situazione interna nel paese? Più ci si addentra nella foresta, più fitti sono i nazisti e il reddito dell'euro-borghesia. E Zelenskyj lo trascinerà a ovest, ma lo uccideranno anche lì, la sua stessa gente.
  6. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 18 dicembre 2020 15: 27
    -11%
    Se togliamo la demagogia che si ripete di mese in mese, il resto del Cremlino incoraggia le autorità di Kiev a costruire uno stato nazista - sia con il commercio e gli investimenti, sia con l'indulgenza emessa dagli accordi di Minsk per l'omicidio dei cittadini del Donbass. L'autostima non gli permette di ammettere che i "partner" hanno tradito Putin come un bambino per accordi.
  7. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 dicembre 2020 16: 14
    +2
    Quando un simile atteggiamento del presidente russo è caduto su Yushchenko, il primo "cigno nero" ha sorvolato l'Ucraina. L'economia ha tremato ma non è caduta. Ora un atteggiamento simile (anche peggiore) nei confronti di Zelenskyj. - Questa è la seconda chiamata?
  8. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 18 dicembre 2020 16: 26
    -7
    Non un giorno senza l'Ucraina.
    Quanto è durata la secchezza?
    L'autore ha notato solo una domanda.
    O il più importante, o il resto è così tanto che non vale la pena parlarne.
    A proposito, il controllo sul confine è spiegato in M2. Ma a volte abbiamo qualcuno ...
    Nel frattempo, nel 2021, il finanziamento di Coal Switzerland è stato ridotto di un terzo.
    Probabilmente hanno iniziato a guadagnare bene.
  9. bear040 Офлайн bear040
    bear040 18 dicembre 2020 20: 48
    +8
    È giunto il momento che la Russia viva senza guardare indietro ai paesi stranieri, ma per questo i Chubai devono essere impiccati per il genocidio della popolazione russa da loro commesso alla prima stronza, e non nominati consiglieri presidenziali !!! Putin mi ha completamente deluso. Dimmi chi è il tuo amico e ti dirò chi sei!
    1. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 19 dicembre 2020 12: 25
      -3
      Semplicemente, devi iniziare a trattare con il tuo paese e non andare dai tuoi vicini.
      Plyusanul.
      1. bear040 Офлайн bear040
        bear040 23 dicembre 2020 19: 52
        +5
        Quindi nessuno viene da te, a Lviv. Ora stai combattendo con i polacchi per lui fino alla seconda venuta di Cristo. Ma dalle terre che hai rubato alla Russia, prima o poi, devi ancora uscire dal Donbass in primo luogo.
  10. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 19 dicembre 2020 07: 20
    +4
    La guerra deve essere finanziata, alimentata, calzata, vestita, armata, aumentando così il proprio capitale e la propria influenza.
    Adempiendo agli accordi di Minsk, i nazisti riceveranno l'opposizione e i media dell'opposizione, che possono diventare quella massa critica che può diventare il centro di unificazione dell'intera Ucraina di lingua russa, ma la classe dirigente dell'Ucraina ne ha bisogno?
    Collaborare con il DPR-LPR non significa riconoscere il loro status di Stato e non considerare le loro ripetute richieste ufficiali di inclusione nella Federazione Russa. Sulla base di ciò, si può presumere che il DPR-LPR sia una merce di scambio in cambio dello status neutrale dell'Ucraina e del mancato dispiegamento di basi militari straniere sul suo territorio.

    ogni singolo deputato del partito Servo del Popolo di Zelenskyj che ha votato per questo capolavoro di russofobia è stato successivamente incluso nell'elenco ampliato delle persone contro le quali il nostro paese ha imposto sanzioni personali

    Così sarebbe per quanto riguarda gli eurodeputati, i membri del Congresso degli Stati Uniti, gli apparati delle Nazioni Unite e tutti gli altri.
  11. bzbo Офлайн bzbo
    bzbo (Dottore nero) 19 dicembre 2020 11: 37
    +2
    Con la democrazia LGBT, devi parlare come con le persone LGBT. Data la loro natura spudorata. In generale, se qualcuno non insegnava, le antiche democrazie greche presumevano la partecipazione a riunioni di cittadini liberi che partecipavano alle ostilità per proteggere le loro città-stato. Eventuali spiriti maligni LGBT, schiavi, lavoratori stranieri, contadini dipendenti, immigrati, donne, ecc., Non erano tali
  12. Il commento è stato cancellato
  13. Kuznetsov Офлайн Kuznetsov
    Kuznetsov (Kuznetsov Alexander) 20 dicembre 2020 21: 42
    +3
    Ebbene, il territorio del primo. La SSR ucraina non è un paese, nemmeno la Somalia. Questo è un banco di prova per condurre esperimenti biologici e di altro tipo dei proprietari sulla popolazione del terreno di prova e per preparare carne umana per la guerra con la Russia.
    Come ha detto uno dei classici di uno dei proprietari di questo sito di prova: "Non c'è storia più triste al mondo" di questa storia.