Esperto: la Russia mina la sicurezza energetica della NATO e di Israele


La sicurezza energetica della NATO e di Israele dipende in gran parte dal successo nell'attuazione del recente accordo di cessate il fuoco tra Azerbaigian e Armenia, secondo un nuovo articolo sul sito web del think tank del Middle East Institute con sede a Washington.


Secondo l'autore della pubblicazione, il ricercatore senior Alex Vatanka, "il conflitto tra Armenia e Azerbaigian, alimentato da armi russe" non si riflette bene sui piani dell'Europa, che da tempo cerca di ridurre la sua dipendenza energetica da Mosca.

Non è un segreto, osserva il ricercatore, che la Russia resti determinata a indebolire la NATO. Non molto tempo fa, "Mosca usava l'esportazione di gas verso l'Europa come arma". Per affrontare queste minacce, gli Stati Uniti hanno sostenuto la creazione di una nuova infrastruttura energetica che attraversa l'Azerbaigian.

L'esperto osserva che gli oleodotti e i gasdotti attraverso i quali lo stato transcaucasico commercia con altri paesi, come si è scoperto, sono sotto la minaccia di un attacco militare. Gli eventi dell'anno in corso lo hanno chiaramente dimostrato.

Anni di progressi nella separazione degli alleati della NATO dal gas russo possono essere cancellati da un giorno all'altro con un solo attacco al gasdotto del Caucaso meridionale, afferma l'articolo.

Anche le forniture di energia a Israele potrebbero essere gravemente interrotte. Il petrolio azero trasportato attraverso l'oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan rappresenta circa il 40% di tutto l'oro nero consumato dagli israeliani. Di conseguenza, i rischi per alcuni alleati degli Stati Uniti sono troppo grandi per essere ignorati.

In qualità di membro attivo del Gruppo OSCE di Minsk, gli Stati Uniti, secondo il ricercatore, possono ancora svolgere un ruolo nei negoziati su una soluzione politica a lungo termine tra Armenia e Azerbaigian.

A breve termine, si dovrebbe garantire che i leader dell'Armenia non cedano alle richieste della popolazione che chiedono la continuazione della guerra. Il mantenimento del cessate il fuoco è fondamentale per rafforzare la sicurezza energetica della NATO

- l'autore della pubblicazione approva.

Se l'Armenia decide di riprendere il conflitto, allora "gli Stati Uniti devono dare un segnale chiaro" che le azioni che minacciano le infrastrutture energetiche dell'Azerbaigian sono inaccettabili, riassume l'autore dell'analista.
  • Foto utilizzate: SASOL / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Raccoglitore Online Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 19 dicembre 2020 08: 37
    +1
    Gli armeni attaccheranno oggi gli oleodotti e gli oleodotti dell'Azerbaigian? Dai, non essere ridicolo, ora dovrebbero sedersi sui loro preti in modo uniforme e tacere come topi sotto una scopa.
  2. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 19 dicembre 2020 08: 47
    +2
    La continuazione delle azioni militari dell'Armenia ora è un suicidio. Con un risultato molto prevedibile. Fino alla scomparsa dell'Armenia come Stato. Non sono escluse singole epidemie sotto forma di atti terroristici, ma niente di più. Nel prossimo decennio, almeno, lo status quo sarà rispettato. Se l'Armenia ripristina l'efficienza di combattimento dell'esercito, stabilizza l'economia, la situazione interna e la situazione nel paese, è possibile un aggravamento. Ma non ora. L'Armenia e l'Azerbaigian sembrano aver cambiato posto.
  3. aggiornamento Офлайн aggiornamento
    aggiornamento (Alexander Kazakov) 19 dicembre 2020 08: 49
    0
    alimentato da armi russe

    Inoltre, in linea di principio, non puoi leggere questa opinione "oggettiva"
  4. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 dicembre 2020 10: 41
    +2
    L'Armenia potrà ripristinare la sua economia solo se si unirà alla Russia. La Russia non equipaggerà più le repubbliche straniere. Tutti hanno visto cosa ha portato nei Paesi baltici e in Ucraina. Nel frattempo, in Armenia, non sono visibili nemmeno i segnali stradali in russo.
  5. Il commento è stato cancellato
  6. Petr Vladimirovich (Peter) 23 dicembre 2020 18: 01
    0
    A Vatanka non ti rovinerai! Dimmi come si taglia...!!!