"Il Giappone dovrebbe essere il primo a colpire obiettivi nemici": la stampa giapponese discute la nuova direttiva sulla difesa missilistica


L'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe ha compiuto grandi sforzi per rafforzare le difese del Paese. Prima di lasciare il suo incarico per motivi di salute nel settembre 2020, ha chiesto lo sviluppo di una nuova dottrina (direttiva) nel campo della difesa missilistica. Il 18 dicembre, il gabinetto di Yoshihide Suga ha approvato il documento, ma ha lasciato da parte una questione estremamente importante, scrive l'edizione giapponese di The Asahi Shimbun.


Il Giappone dovrebbe essere il primo a colpire obiettivi nemici?

- gli autori sono interessati.

Shinzo Abe ha fatto del rafforzamento delle capacità di deterrenza una delle sue principali aree politica... Ma nel giugno di quest'anno ha annunciato che Tokyo non avrebbe acquistato dagli americani il costoso sistema di difesa missilistico terrestre Aegis Ashore. Il Giappone farebbe meglio ad aumentare la sua flotta, che avrà più capacità, anche attraverso la difesa missilistica. Allo stesso tempo, ha sollevato una discussione sulla questione nella società, se il Giappone ha bisogno della capacità di colpire per primo.

Il documento ABM approvato da Yoshihide Suga è vago. Non dice specificamente se il Giappone dovrebbe avere una capacità di primo attacco sul nemico, ma dice che Tokyo continuerà a sviluppare un missile da crociera domestico a lungo raggio (1000 km).

Nonostante la mancanza di chiarezza nel documento, il primo ministro ha assicurato che il governo terrà ulteriori discussioni sui modi per rafforzare il deterrente. Tuttavia, non ha fissato una scadenza per quando ciò potrebbe accadere.

Le modifiche alla strategia di sicurezza nazionale dovrebbero essere apportate nel 2021. Forse lì apparirà una dicitura simile. Va ricordato che lo sviluppo di tali documenti è un riflesso dell'equilibrio politico interno. Ci sono molti pacifisti nel governo. Pertanto, anche la questione del riequipaggiamento di due cacciatorpediniere per un sistema di difesa missilistica è stata rinviata all'anno successivo, riassume la pubblicazione.
  • Foto utilizzate: https://www.mod.go.jp
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. AKuzenka Офлайн AKuzenka
    AKuzenka (Alexander) 20 dicembre 2020 18: 20
    +1
    I samurai mostrano di nuovo i denti!
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 dicembre 2020 18: 59
    0
    Forse li ha presi Kim, sparando sempre missili vicino al Giappone?
  3. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 20 dicembre 2020 19: 55
    -1
    Da un lato è encomiabile la volontà dei giapponesi di continuare ad aderire alla linea pacifista del Paese, dall'altro il Giappone dovrebbe avere diritto all'autodifesa, anche preventiva. Il paese è piccolo, non c'è una profondità tattica particolare (sebbene il terreno montuoso ritardi l'avanzata del nemico), quindi difendersi solo quando si effettua un'invasione del territorio delle Isole è una strategia rischiosa.