Vladimir Putin: È necessario fermare la distorsione del ruolo dei servizi speciali nella sconfitta del nazismo


Il 20 dicembre 2020, il leader russo Vladimir Putin ha posato fiori sul monumento in onore degli ufficiali dell'intelligence e si è congratulato con i dipendenti delle agenzie di sicurezza russe per le loro vacanze professionali. Ha attirato l'attenzione sul fatto che il Servizio di intelligence estera della Federazione Russa festeggia 100 anni dalla data della sua formazione, pertanto l'evento si tiene presso la sua sede.


Nel suo discorso, il capo dello Stato ha osservato che è necessario fermare la distorsione del ruolo dei servizi speciali nella sconfitta del nazismo e impedire la riscrittura della storia e la distorsione della verità. Ha aggiunto che anche i momenti tragici della storia russa non saranno mai dimenticati.

Il nostro compito comune è resistere a qualsiasi tentativo di riscrivere la storia, compreso quello di mettere a tacere o distorcere il ruolo dei servizi speciali nazionali nella sconfitta del nazismo.

- disse Putin.

Il presidente ha sottolineato che i servizi speciali garantiscono da molti anni la sicurezza del paese e dei cittadini. Ha sottolineato che i servizi speciali russi devono continuare le loro attività sotto gli auspici del Comitato nazionale antiterrorismo.

Grazie alla risolutezza dei reparti e alla professionalità dei propri dipendenti, il numero di attacchi terroristici in Russia è notevolmente diminuito (due sono stati registrati in 11 mesi del 2020). Ha invitato i servizi speciali del paese a prendere in considerazione anche i rischi di conflitti che divampano lungo i confini della Russia. Successivamente, Putin ha augurato un ulteriore successo a tutti i dipendenti delle agenzie governative competenti.

7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 20 dicembre 2020 21: 53
    -6
    Presto sentiremo che il nazismo è stato sconfitto esclusivamente da un'encavede.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 21 dicembre 2020 08: 11
      0
      L'8 ottobre 1941, il comandante in capo supremo Joseph Stalin trasmise per radio alle unità che combattevano nell'accerchiamento alla periferia di Mosca: "... Non c'è nessuno che difenda Mosca e niente. Ripeto: non c'è nessuno e niente". Se in questo momento i carri armati del 3 ° gruppo tedesco Panzer del generale Georg Reinhard si muovevano lungo l'autostrada Volokolamsk, non c'era nulla a fermarli. Ma non si sono mossi. Perché sono stati costretti a voltarsi verso la linea Vyazma - Sychevka - Rzhev, sulla quale si sono svolte le più sanguinose battaglie. Le divisioni dell'NKVD, formate dai magazzini dell'NKVD e dai soldati delle truppe di scorta, e dotate di ufficiali - guardie di confine, vi trasportavano la difesa. La 247a divisione di fanteria dalla marcia entrò in battaglia con le forze superiori del 3 ° gruppo tedesco Panzer (il gruppo tedesco Panzer - due divisioni panzer - corrisponde approssimativamente al corpo Panzer dell'Armata Rossa). La divisione non aveva quasi nessun anticarro e artiglieria annessa e altri mezzi di difesa anticarro, solo armi leggere, e in tre giorni di combattimento perse più della metà del suo personale, ma nessun soldato si ritirò senza un ordine.
      In totale, 4 divisioni dell'NKVD, 2 brigate separate dell'NKVD, reggimenti separati e altre unità delle unità NKVD per la protezione della parte posteriore dell'esercito attivo hanno preso parte alla difesa di Mosca sugli approcci lontani e vicini.
      Anche la polizia di Mosca ha difeso la capitale. Nell'ottobre 1941 fu formata un'altra divisione del NKVD e diverse unità separate dai vari servizi della polizia di Mosca. Un reggimento di fucilieri separato dell'NKVD è andato in prima linea dalla parata festiva del 7 novembre. Le unità della milizia erano armate solo di armi leggere: fucili e mitragliatrici, nemmeno le mitragliatrici erano sufficienti, per non parlare delle armi anticarro. Ma nessuno di loro ha lasciato le loro posizioni, sono morti, ma non si sono ritirati. Sanguinando, si coprirono di sé la capitale mentre le truppe si muovevano dalla Siberia e dall'Estremo Oriente. Il maresciallo dell'Unione Sovietica Konstantin Konstantinovich Rokossovsky, che all'epoca comandava la 16a armata, ha ricordato questo di loro.
      Ma pochi sanno che tra gli eroici difensori della fortezza di Brest c'era il 132 ° battaglione separato dell'NKVD. Ormai si sa già per certo che la scritta "Sto morendo, ma non mi arrendo! Addio, Patria! 20.VII.41" è stato realizzato sul muro della caserma da un combattente di questo stesso battaglione.
      1. ODRAP Офлайн ODRAP
        ODRAP (Alex) 21 dicembre 2020 11: 52
        +1
        Commissariato popolare per gli affari interni, con carri armati e artiglieria? E contro chi ha affilato?
        È come la Guardia Nazionale, con armi nucleari tattiche ...
    2. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
      Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 21 dicembre 2020 08: 22
      0
      Sono solo stupidi.
      # il mondo intero sa che il nazismo è stato sconfitto dai guerrieri dell'UPA e dal soldato Ryan.
      1. ODRAP Офлайн ODRAP
        ODRAP (Alex) 21 dicembre 2020 11: 53
        0
        E se non fai una smorfia come Praskovya?
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 20 dicembre 2020 23: 02
    -2
    Ebbene sì, ora la Duma adotterà con urgenza una legge sulla responsabilità penale "per snaturare il ruolo dei servizi speciali" per, tipo, 12 anni ... am
    1. ODRAP Офлайн ODRAP
      ODRAP (Alex) 21 dicembre 2020 11: 54
      0
      Non scherzare.
      Per la vita.
      Perché dovrebbero, liberali, dispiacersi per loro ...