Nuove accuse contro la Russia di attacchi informatici potrebbero finire in guerra con gli Stati Uniti


Un altro malvagio tentativo al "sancta sanctorum" - le reti informatiche del governo degli Stati Uniti, la cui colpa è stata tradizionalmente attribuita agli "onnipresenti hacker russi", molto probabilmente, dovrebbe essere considerato non solo come un'altra iniziativa di alcune forze contro il nostro paese, ma come una mossa iniziale in un una combinazione seria.


Allo stesso tempo, sono inizialmente visibili diversi obiettivi contemporaneamente, che vengono perseguiti nel processo di smantellamento a tutto tondo dello scandalo con il prossimo "attacco informatico" alla sicurezza nazionale americana.

Top secret, benvenuto!


Per una migliore comprensione dell'essenza della questione, vale la pena ricordare brevemente la cronaca degli ultimi eventi ad essa associati. Quindi: il 13 dicembre di quest'anno, il Tesoro americano ha lanciato l'allarme. Sono stati i suoi rappresentanti ad annunciare il presunto "hacking" delle proprie reti di computer, effettuato a scopo di spionaggio. Il giorno successivo l'informazione è stata confermata da altre fonti ufficiali a Washington. Alla fine, entro il 18 dicembre, si è scoperto che gli aggressori sconosciuti si sono divertiti a scavare nei file top-secret delle principali agenzie governative degli Stati Uniti per almeno cinque giorni. Ed è ben lungi dal fatto che siano già tornati a casa, avendo compiuto la loro "azione sporca" ... In ogni caso, secondo le informazioni "diffuse" dal Dipartimento di Stato, le comunicazioni interne del Dipartimento per la Sicurezza Interna, i dati del Ministero delle Finanze e della Nazionale Telecomunicazioni e amministrazione dell'informazione (NTIA).

Lo stesso Dipartimento di Stato non è sfuggito a questa triste parte: sotto un colpo di hacker, le difese del Dipartimento per la sicurezza interna, i Dipartimenti per l'agricoltura, il commercio e l'energia sono crollate. Tuttavia, questo non è del tutto: "visitatori" eccessivamente curiosi hanno anche avuto accesso ai server con corrispondenza interna e documentazione dei servizi segreti statunitensi e del Pentagono. La "scappatoia" attraverso cui proteggere, apparentemente, secondo l'ultima parola dei più "avanzati" tecnologia, traboccante di segreti di tutti i livelli di reti di computer di istituzioni più che serie, i "cavalieri del mantello e del topo" sono stati in grado di penetrare, si è rivelato ridicolmente semplice. Era il software, ampiamente utilizzato negli Stati Uniti a livello aziendale, dalla società di sviluppo Solar Winds. In particolare - il suo sistema di gestione della rete Orion, in cui gli hacker astuti sono riusciti a "cucire" una "porta di servizio" prima del tempo.

In questo modo, hanno avuto pieno accesso alla corrispondenza ufficiale e (molto probabilmente) ai file di lavoro di quasi 20mila utenti aziendali dagli "uffici" del governo americano di cui sopra. La cosa più spiacevole è che fino ad oggi nessuno può dire con certezza quanti file gli hacker sono riusciti a "raschiare" e, soprattutto, quanto è durata la loro presenza invisibile nelle reti segrete. Ma con ciò che alcuni alti funzionari statunitensi hanno fatto di tutto, sia rapidamente che semplicemente, è stato con la nomina del "colpevole". Il segretario di Stato Mike Pompeo, intervenuto sulla questione il 18 dicembre, senza alcuna prova, ha già definito "il coinvolgimento della Russia negli attacchi" come "l'opzione più probabile". È vero, l'intera "massa" è stata immediatamente rovinata dal suo attuale proprietario, che ostinatamente non ha voluto lasciare la Casa Bianca. Donald Trump ha parlato come al solito su Twitter.

In primo luogo, ha esortato a non trasformare quanto accaduto in una catastrofe nazionale, poiché "la portata dell'attacco non era così significativa". In secondo luogo, il presidente ancora in carica ha rifiutato categoricamente di incolpare Mosca per tutte le colpe, esprimendo fiducia che le tracce dei ladri portassero molto probabilmente alla Cina. Inoltre, Trump ha bloccato l'adozione per conto della sua amministrazione di una corrispondente dichiarazione ufficiale di orientamento puramente anti-russo. Il leader della nazione americana sta "vedendo" un po 'in ritardo - cosa mostrerebbe la stessa aderenza ai principi quando le richieste sull'introduzione di nuove sanzioni contro il nostro paese sono state ammucchiate sul tavolo nello Studio Ovale ?! E qui non si può dire il sacramentale "meglio dopo che mai" - "il treno partì", l'occasione per la normalizzazione delle relazioni USA-Russia è stata persa, a quanto pare, irreparabilmente.

E Trump "spinge" e Biden "dirige"


Si ha l'impressione che il grandioso scandalo "hacker" non sia scoppiato per caso a Washington durante l'attuale svolta del Paese. Poi, quando, per paura di molti funzionari governativi e funzionari di alto rango politici Donald Trump potrebbe ancora tentare di "andare all-in" - per esempio, imporre la legge marziale in stati "vacillanti" o ritirare "macchine per il voto" altamente sospette per studio. Oppure è possibile fare entrambe le cose, e così riconquistare la vittoria alle elezioni, lasciando forti dubbi sulla propria obiettività. E qui i famigerati "hacker russi" saltano fuori dalla tabacchiera come un diavolo! Trump, o perché non ha nulla da perdere, o per puro disgusto, inizia a negare la presenza di una "traccia del Cremlino" in questo caso. Biden prende naturalmente la posizione opposta - dopotutto, questi due oppositori non saranno d'accordo tra loro, anche se uno di loro proclama che il Sole sorge a est ...

Ed ecco un ottimo motivo per lei per dichiarare nuovamente il presidente uscente un "agente di Putin" e per spingere alla "giusta opinione" chi ancora dubita che i risultati delle votazioni siano stati falsificati. Inoltre, come di solito accade nel mondo della grande politica, anche i compagni di partito hanno già iniziato a "dissociarsi risolutamente" da Trump. Ad esempio, il senatore repubblicano Mitt Romney, in rappresentanza dello Utah, ha espresso la più oltraggiosa indignazione per la "cecità" che il presidente mostra, non volendo riconoscere la Russia come "rivale geopolitica degli Stati Uniti, un problema e un attore estremamente dannoso su scala globale". Non è per questo che tutto il clamore è stato interrotto per Trump, che per la prima volta ha definito i tentativi di trovare la "mano di Mosca" in tutti i guai e problemi americani, nient'altro che "canti rituali", le ultime opportunità per resistere a chi con una garanzia vuole farlo uscire dalla Casa Bianca?

Tuttavia, c'è un altro aspetto del problema. E lei, forse, sarà molto più pericolosa. Joe Biden, nonostante tutta la sua ostentata antipatia e "asprezza" nei confronti del nostro Paese, ha una solida reputazione di politico, per nulla incline all'estremo inasprimento dei rapporti con certi oppositori. Inoltre, portare il conflitto a una fase densa di scontri armati. In particolare, ciò si è ripetutamente manifestato in quelle "istruzioni" che da lui giungevano a Kiev a Petro Poroshenko, desideroso di "combattere con i moscoviti" nel suo tradizionale stato di severa astinenza. È proprio questa posizione di Biden che non sembra adattarsi a Washington ad alcuni dei rappresentanti delle forze che realmente controllano la Casa Bianca, il Dipartimento di Stato, la CIA e il Pentagono. Il presidente eletto, che deve ancora prendere le redini del governo, sta già attivamente e deliberatamente "liquidando" il nostro paese, esponendolo come una minaccia mortale. In ogni caso, nella sua squadra, la versione della "traccia russa" nell'attuale attacco informatico è presa per valore nominale.

Di conseguenza, c'è già c'è un discorso di "sviluppare una risposta dura", tuttavia, tale che "non porterà a un'escalation nucleare". Se qualcuno se ne è dimenticato, allora vi chiedo di tener conto che i militari hanno cercato di "infilarsi" nel nuovo concetto della dottrina degli Stati Uniti sull'uso delle armi nucleari, che è stato adottato proprio sotto Trump, come una delle ragioni di possibili "attacchi di ritorsione", inclusi "sostanziali attacchi non nucleari". attacco strategico ”. Cioè, attacchi informatici, i cui danni saranno considerati "molto significativi" a Washington. Lo spazio per l'immaginazione, come possiamo vedere, è enorme. Soprattutto se si considera che in questi casi, quasi tutto è determinato dal sistema "high-like-like": sia l'ammontare dei danni inflitti alla sicurezza nazionale sia il coinvolgimento in un attacco hacker di determinate strutture e stati.

Finora, lo stesso Biden, in una recente intervista su questo argomento, ha affermato che intende "portare gli autori a una rigorosa responsabilità" e ha chiarito che molto probabilmente si tratterà di alcune "sanzioni finanziarie". Tuttavia, nella sua amministrazione, che ora si sta formando, hanno detto che stanno pensando a "misure di ritorsione di deterrenza informatica". E ora questo è molto più serio. Inoltre, in realtà, gli Stati Uniti, uno dopo l'altro, stanno compiendo passi estremamente rischiosi, che indicano chiaramente la loro intenzione di "giocare per l'aggravamento". Ad esempio, un nuovo rapporto del Comando del Corpo dei Marines, della Marina e della Guardia Costiera degli Stati Uniti, recentemente diventato pubblico, parla direttamente di un netto "cambio di rotta" della Marina degli Stati Uniti. In questo documento, Russia e Cina sono chiamate non solo paesi ostili, ma "rivali decisivi". E poiché "l'aggressività delle loro azioni maligne è in costante aumento", il comando navale degli Stati Uniti sta ora orientando tutte le forze e i mezzi a lui affidati per "reprimere severamente ogni atto di espansionismo, aggressione e violazione del diritto internazionale" da parte di Mosca e Pechino. D'ora in poi, vengono istruiti a "prendere un rischio tattico attentamente calcolato" per essere "più aggressivi" nelle loro azioni e operazioni quotidiane.

Penso che non sia necessario spiegare cosa sia irto di una situazione in cui i comandanti di portaerei o sottomarini che trasportano missili nucleari saranno impegnati a "sopprimere" le azioni della parte russa o cinese che non gli piacevano. Tuttavia, anche qualche cacciatorpediniere nello stesso Mar Nero può fare queste cose ...

E ora moltiplichiamo tutto questo per l'ennesima assurda accusa contro il nostro paese in questo momento - e otterremo un risultato piuttosto spiacevole. Indipendentemente dalle decisioni specifiche che verranno prese negli Stati Uniti su questo caso particolare (e questo, molto probabilmente, sarà solo dopo l'inaugurazione di Biden), l'attuale incidente con l '"attacco hacker" ha "spostato" significativamente le relazioni dei nostri paesi verso un loro ulteriore deterioramento. ... Il nuovo presidente sta letteralmente trovando una scusa per iniziare il suo mandato al potere lanciando un nuovo round della guerra fredda con la Russia. Ed è buono, anche se solo "freddo" ...
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Cyber ​​Command della flotta statunitense
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 21 dicembre 2020 16: 03
    +5
    E che razza di paese egemonico di merda sei, nel sancta sanctorum di cui qualsiasi hacker può camminare liberamente, e anche dalla povera e miserabile Russia ... O vuoi qualcosa di "più caldo" e non vedi l'ora di scatenare un simile processo, guerra con la Russia, ad esempio, per mano degli ucraini? Quindi, dopo tutto, i nostri primi razzi con YaB voleranno nella tua direzione e nessun bunker sotterraneo ti salverà. E molto probabilmente tutto questo è il tuo gioco per il pubblico mondiale, dopo che tu, una grande e superpotente nazione, hai affrontato in modo così fluido le tue elezioni presidenziali e mostrato la classe alta della tua "democrazia" al mondo intero, che ha già iniziato a capire che "il re è nudo "e che i tuoi politici sono solo dei punk del cortile di Washington.
    1. irregolare Офлайн irregolare
      irregolare (VADIM STOLBOV) 21 dicembre 2020 16: 27
      -3
      Non preoccuparti! All'Occidente dell'attuale regime russo, che gli ha ceduto la Russia per un prezzo basso, non piace! E presumibilmente si verificano "scontri" reciproci sono dimostrati esclusivamente per uso domestico e hanno lo scopo di rafforzare la posizione del gruppo criminale organizzato del Cremlino. Quali disaccordi può avere la metropoli con l'amministrazione della colonia?
      1. aggiornamento Офлайн aggiornamento
        aggiornamento (Alexander Kazakov) 22 dicembre 2020 11: 15
        +2
        Bella copertina per te.
        Stiamo aspettando un nuovo "scarto": D
  2. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 29 dicembre 2020 13: 33
    +1
    L'autore ha scritto tanto sulla guerra ... Tutto questo non ha senso! Gli americani sono tosti, ma non così congelati da mettere in dubbio l'esistenza dell'America. Qualsiasi guerra con la Russia si trasformerà gradualmente in una guerra nucleare, distruzione reciproca. Non ci sarà una guerra locale, come sognano alcuni politici americani ed europei. Tutto sarà veloce e duro. Senza alcun "moccio".