Gazprom dovrà trovare una risposta ai piani per il gas della Polonia nell'Europa orientale


La Polonia continua a spremere Gazprom fuori dall'Europa ogni volta che è possibile. Questo paese si è costantemente opposto alla fornitura di gas russo attraverso il gasdotto Nord Stream 2, che dovrebbe trasformare la Germania nel più grande hub regionale. Il fatto è che la stessa Varsavia ha ambizioni simili e potrebbe benissimo superare Berlino. Cosa dà motivo di crederlo?


Oggi è la Russia il principale fornitore di gas naturale alla Polonia. Il consumo annuo di "carburante blu" in questo paese dell'Europa orientale è al livello di 15 miliardi di metri cubi. In base a un contratto firmato nel 1996, Gazprom fornirà fino a 10 miliardi di metri cubi all'anno, di cui 8,7 miliardi, su base take-or-pay. Il resto del consumo totale è coperto dalle importazioni e dalla produzione interna. Ma Varsavia intende cambiare radicalmente tutto questo.

È redditizio per la Polonia acquistare gas russo, ma molto politica... Il Rubicone è stato il cosiddetto discorso di Monaco di Vladimir Putin, dove il presidente ha criticato aspramente il concetto di un mondo unipolare sotto i dettami dell '"egemone" nella persona degli Stati Uniti. Tra le altre cose, è stata espressa la tesi sul rifiuto della Russia di riconoscere il diktat dell'UE nel settore energetico:

La Russia non è contraria a concordare i principi delle relazioni con l'UE nel campo delle risorse energetiche. I principi della Carta dell'energia sono generalmente accettabili, ma l'essenza stessa della Carta non è adatta alla Russia.

In Occidente, Vladimir Vladimirovich è stato ascoltato e ha tratto le proprie conclusioni. In particolare, Varsavia ha deciso di sbarazzarsi della sua dipendenza da Gazprom per la fornitura di "carburante blu" ritornando al progetto Baltic Pipe. Attraverso questo gasdotto la Polonia riceverà dalla Norvegia attraverso la Danimarca fino a 10 miliardi di metri cubi all'anno, ovvero potrà sostituire i volumi ricevuti dalla Russia. Il contratto con il monopolista nazionale scade nel 2022 e le autorità polacche non intendono rinnovarlo. Sono invece già stati fatti i preparativi per la costruzione di un gasdotto alternativo dalla Scandinavia, che inizierà la prossima estate e terminerà approssimativamente entro ottobre 2022. Poiché nessuno interferirà con Varsavia, molto probabilmente, il Baltic Pipe potrà iniziare a funzionare tra due anni all'inizio della stagione di riscaldamento, espellendo finalmente Gazprom dal mercato polacco.

Ma questi non sono tutti problemi. Come sapete, Varsavia ha puntato seriamente sul GNL costruendo un terminale di ricezione a Swinoujscie. Per i prossimi due decenni, la Polonia ha stipulato contratti con diversi fornitori di GNL dagli Stati Uniti e dal Regno Unito, ei suoi piani non si limitano al proprio consumo. La capacità del terminale esistente verrà ampliata a 7,5 miliardi di metri cubi all'anno, inoltre è prevista la costruzione di un secondo terminale GNL galleggiante a Danzica. La sua capacità può variare da 4,5 miliardi di metri cubi a 9-12 miliardi di metri cubi all'anno attraverso l'espansione modulare.

Si prevede che nei prossimi dieci anni il consumo di "carburante blu" in Polonia salirà a 29 miliardi di metri cubi, ma ci sarà ancora un eccesso di gas, che Varsavia intende rivendere ai suoi vicini, trasformando il suo Paese in un hub regionale. Pertanto, la costruzione del gasdotto GIPL (Interconnessione gas Polonia-Lituania) tra Lituania e Polonia viene completata a un ritmo accelerato. Si prevede che diventi parte dell'infrastruttura progettata per diversificare le forniture nell'Europa orientale. Teoricamente, può trasportare gas lituano dal terminale GNL galleggiante di Klaipeda in volumi fino a 1,9 miliardi di metri cubi all'anno. Come sapete, Vilnius è molto orgogliosa della sua "indipendenza energetica dalla Russia". però economico l'efficienza di questo progetto è così bassa che lo scenario delle forniture di gas "polacco" alla Lituania è più probabile.

E non solo lì, Varsavia si aspetta abbastanza ragionevolmente di entrare nei mercati della vicina Lettonia, Estonia e Finlandia. Poiché la Polonia, come alleata, gode del trattamento più favorito dagli Stati Uniti, non c'è motivo di credere che non sarà in grado di realizzare i suoi piani. Come Gazprom risponderà a tutto questo è una grande domanda.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 25 dicembre 2020 13: 03
    +8
    Non è necessario rispondere. Il contratto scade nel 2022. Quindi non è necessario rinnovarlo. Gas norvegese (ce n'è) più LNG. Il prezzo del gas aumenterà nell'hub olandese. E poiché molti consumatori chiedono una liberazione dal paniere petrolifero e l'arbitrato di Stoccolma è d'accordo, le prospettive per Gazprom non sono molto negative. Scarse prospettive per l'economia dell'UE, ma questo non dovrebbe preoccupare GazProm.
    Il prezzo per l'hub TTF in Olanda è ora di circa $ 150-160 per mille metri cubi.
  2. SASS Офлайн SASS
    SASS (Sasso) 25 dicembre 2020 21: 37
    +1
    Scarabocchio vuoto e incompetente a pagamento ... e basta ... l'autore non è nell'argomento.))
    1. Il commento è stato cancellato
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 26 dicembre 2020 08: 54
      0
      Oooh !!! Quindi confuta "con competenza" e ragionevolmente, se "nell'argomento" occhiolino
      1. oderih Офлайн oderih
        oderih (Alex) 26 dicembre 2020 13: 24
        +1
        La domanda è nel tubo. Il fratello "amato" ti lascerà costruire una pipa? Questo è ridicolo nella realtà odierna. E in termini di GNL, guarda alla crescita dei nostri volumi. Lui e Novatek schiacceranno l'egemone. È stato a lungo dimostrato che Gazprom è molto più stabile dei produttori di scisto
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 26 dicembre 2020 00: 08
    +3
    Non c'è alcuna conferma ufficiale che la joint venture e la joint venture 2 abbiano dato il permesso di attraversare le loro rotte.
    Il business del gas in Norvegia è piuttosto triste. Il risultato finale è che il Baltic Pipe (quando e se sarà costruito) pomperà gas russo in Norvegia.
  4. bratchanin3 Офлайн bratchanin3
    bratchanin3 (Gennady) 27 dicembre 2020 14: 17
    +2
    Sì, ascolta l'autore, quindi al momento della "guardia" grida! Il nostro GNL sarà comunque più economico del GNL americano, e la luce non è convergente come un cuneo in Polonia, soprattutto perché i polacchi non sono più amici e non possono essere scambiati con loro.
  5. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 1 gennaio 2021 17: 29
    +1
    La Polonia è solo un intermediario, qualunque cosa si possa dire. Che vende norvegese o americano ma, rivenditore. Non supererà MAI la Russia con il gas intermedio. A lungo termine, questo è un manichino. In Norvegia le riserve di gas si stanno esaurendo, quella americana costa il 25% in più di quella russa a causa dei trasporti. Neanche la rivoluzione dello scisto si giustifica. Anche negli Stati Uniti, le organizzazioni pubbliche lanciano l'allarme che l'estrazione mineraria è dannosa per la natura. Mi sembra che il principale fornitore di gas del sud-est asiatico siano gli Stati Uniti. Il mercato del gas è sempre stato più costoso che in Europa. Ma, negli ultimi dieci anni, la Russia ha "scalato" con il suo gas verso il sud-est asiatico. Agli Stati Uniti non piace davvero. Così hanno deciso di rispondere in Europa. Dove la Russia vendeva principalmente gas.
  6. Sergey Demin_2 Офлайн Sergey Demin_2
    Sergey Demin_2 (Sergey Demin) 2 gennaio 2021 08: 48
    0
    L'autore di questa opera è a conoscenza del costo di lng? In Lituania è stato costruito ora un terminal per la ricezione del GPL, non sanno dove correre perché nessuno ha bisogno di gas perché è STRADA, ora i polacchi stanno calpestando lo stesso rastrello.