Al-Monitor: la Russia è bloccata nel nord della Siria ed è cauta


Nel dicembre 2020, la polizia militare russa ha istituito tre posti di osservazione vicino alla città di Ain Issa, nel nord della Siria. Da allora, la Russia ha cercato inutilmente di convincere le forze democratiche siriane (SDF), sostenute dagli Stati Uniti, a cedere il controllo della città alle forze governative siriane (CAA), scrive la pubblicazione online americana Al-Monitor.


I russi lo giustificano con il desiderio di evitare ulteriori attacchi da parte dell'esercito nazionale siriano filo-turco (SNA), che sta cercando di prendere il controllo di questo insediamento. Allo stesso tempo, i russi non interferiscono con i tentativi dell'SNA di assumere nuove posizioni nell'area della città specificata.

I turchi hanno lanciato attacchi nelle vicinanze della base di Ain Iss e la Russia non ha detto una parola

- Lo ha detto all'agenzia Rudaw il 21 dicembre Riyad Khalaf, presidente del consiglio militare delle SDF.

Ha sottolineato che durante i negoziati, i russi hanno fatto pressioni sui curdi perché cedessero la città e i suoi dintorni a Damasco. Allo stesso tempo, altri gruppi di curdi siriani hanno confermato questa informazione. Accusano anche Mosca di aver influenzato il trasferimento di Ain Issa al "regime di Assad".

I russi stanno chiaramente giocando con i turchi. In fondo, Ankara non ha motivo di spostarsi a sud della "zona cuscinetto", una striscia di territorio siriano, spesso 32 km, che corre lungo il confine con la Turchia, apparsa in seguito agli accordi di Sochi nel 2019 e alla successiva operazione "Fonte della pace". La città di Ain Issa è al di fuori di quest'area.


La Russia è attualmente in un vicolo cieco nel nord della Siria e sta esercitando cautela. Mosca e Damasco hanno pochissime truppe nelle regioni settentrionali e nord-orientali della Siria. Ciò impedisce loro di condurre serie operazioni militari. Inoltre, i russi possono utilizzare le loro forze aerospaziali lì solo previo accordo con gli Stati Uniti, che controllano ancora lo spazio aereo locale. Ma è improbabile che Washington permetta ai russi di colpire nella loro area di responsabilità.

Mosca sta ora cercando soluzioni di compromesso per evitare l'escalation e il ripetersi dell'invasione turca. I russi non sono stati in grado di soddisfare una serie di condizioni dell'accordo a Sochi, che prevede il ritiro completo delle unità SDF dalle aree di Manbij e Tell Rifaat, nonché dalla striscia lungo il confine siriano-turco nel nord e nord-est della Siria. Per Ankara, questa potrebbe essere la base per un ulteriore avanzamento in profondità nel territorio siriano.

Da ciò possiamo concludere che gli accordi di Sochi hanno indebolito piuttosto che rafforzato la posizione della Russia in Siria. Prima di allora, Mosca poteva rimproverare ad Ankara il mancato rispetto degli obblighi nei confronti di Idlib, ora la Turchia ha le sue controargomentazioni. Allo stesso tempo, i turchi non hanno ancora avviato un'operazione su vasta scala nel nord della Siria a causa dell'incertezza della posizione del presidente americano eletto Joe Biden su questo tema. Ankara non vuole iniziare a comunicare con il nuovo proprietario della Casa Bianca con una mossa del genere.

Se, tuttavia, la Turchia decide di un'operazione, la Russia può aumentare la sua pressione su Idlib. Pertanto, Mosca e Ankara stanno aspettando il prossimo ciclo di consultazioni tra agenzie.
  • Fotografie usate: http://mil.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 26 dicembre 2020 15: 28
    0
    Al-Monitor: la Russia è in un vicolo cieco nel nord della Siria ...

    Non può essere, ci è stato detto l'altro giorno che, con una missione di mantenimento della pace in Karabakh, la Russia ha finalmente chiuso l'anello di accerchiamento della Turchia. I turchi sono ora circondati, sotto assedio e presto si arrenderanno, insieme a tutta la NATO, con la Russia davanti su un cavallo bianco.
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 26 dicembre 2020 15: 40
    0
    Antichi popoli di lingua iraniana. Mai conquistato nessuno. Islam, ma ragazze senza hijab. Scrivono, 40 milioni. L'area di residenza in QUATTRO paesi ...
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 26 dicembre 2020 19: 15
    0
    Il Kurdistan è territorialmente principalmente sul territorio di 4 stati: Iran, Iraq, Siria e Turchia.

    Il Kurdistan iracheno esiste de facto ed è sotto il patrocinio degli Stati Uniti.
    Il Kurdistan siriano non esiste ancora de facto, ma, come dice questo articolo, si trova "nella zona di responsabilità" degli Stati Uniti.
    Gli Stati Uniti hanno tradizionalmente avuto cattive relazioni con l'Iran negli ultimi 40 anni, e gli Stati Uniti accoglieranno sicuramente con favore la creazione del Kurdistan iraniano.
    Gli Stati Uniti hanno rovinato le relazioni con la Turchia negli ultimi anni.

    Come ha detto l'eroe di uno dei cartoni animati, "Non è senza motivo".

    La conclusione è che la creazione di un Kurdistan indipendente, che controllerà considerevoli riserve di petrolio e sarà sotto il patrocinio degli Stati Uniti, è una base abbastanza sufficiente per l'attività degli Stati Uniti in questa regione. È redditizio per la Russia e come affrontarlo?
  4. bear040 Офлайн bear040
    bear040 27 dicembre 2020 14: 20
    -2
    Applica bombe aeree esplosive volumetriche per impedire a un singolo bandito di partire. E i curdi annunceranno che la Federazione Russa ritira le sue truppe e ora si troveranno tra due fuochi. Da un lato, i turchi li premeranno, dall'altro la Federazione Russa lavorerà per sopprimere i punti di fuoco che lavorano contro la Federazione Russa dal loro territorio. Non è necessario inviare un VKS, ci sono missili da crociera. Vediamo come piace ai curdi tra l'incudine e il martello ... Ciò influenzerà la loro flessibilità
    1. irregolare Офлайн irregolare
      irregolare (VADIM STOLBOV) 27 dicembre 2020 15: 04
      -3
      Col tempo, la Federazione Russa è in guerra in Siria più della Grande Guerra Patriottica. E non c'è fine in vista. Di conseguenza, le tasse e l'età pensionabile dovevano essere aumentate, ei "banditi" erano già nel Caucaso.
  5. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 27 dicembre 2020 17: 16
    +1
    Ne ho già scritto molte volte.
    Cosa fa pensare a tutti che la Russia sia interessata a una rapida fine del conflitto in Siria? E chi è interessato a tutto ciò (beh, tranne la Siria, ovviamente)?